.
Annunci online

IlMondoDiGalamay
--Opinioni in bella vista sui temi scottanti di sempre--
2 ottobre 2014
Facebook ha cancellato queste tre mie foto contro l'omofobia, senza alcun motivo valido.
         

   







permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 2/10/2014 alle 10:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
CULTURA
23 febbraio 2013
Breve nota su orientamento sessuale e identità di genere.

ORIENTAMENTO SESSUALE


 

Il presente testo è volto a dimostrare la varietà dell’orientamento sessuale negli individui della specie umana.  È un lavoro di massima e per ciò stesso tutti i temi trattati vanno approfonditi in apposita sede, da chi desidera saperne di più, cosa che non è possibile fare sul Vespro per ragioni di spazio. 

 

Quella della sessualità umana è una questione complessa. Per Alfred Kinsey l’orientamento sessuale può essere collocato su un continuum che va dalla eterosessualità  esclusiva alla  omosessualità esclusiva (vedi schema).  Con “esclusiva” si intende che l’attrazione erotico-sentimentale è rivolta a persone di un certo sesso: il proprio, per le persone omosessuali; l’opposto, per le persone eterosessuali. Tra eterosessualità esclusiva ed omosessualità esclusiva si pongono varie gradazioni di bisessualità, diverse da individuo a individuo.

 

               

                             eterosessualità,bisessualità          omosessualità                          



 

 


Kinsey ha proposto la seguente scala tassonomica:

valutazione

descrizione

0

esclusivamente eterosessuali

1

prevalentemente eterosessuali, ma in alcune circostanze con tendenze omosessuali

2

prevalentemente eterosessuali, ma con una forte componente omosessuale

3

le tendenze eterosessuali e omosessuali si equivalgono (bisessualità)

4

prevalentemente omosessuali, ma con una forte componente eterosessuale

5

prevalentemente omosessuali, ma in alcune circostanze con tendenze eterosessuali

6

esclusivamente omosessuali

 

 

Intanto precisiamo che non va confuso l’orientamento sessuale con il comportamento sessuale; ad esempio, uomini che nelle carceri fanno sesso fra loro, non per questo sono sicuramente definibili omosessuali, data la situazione di assenza indotta di una femmina, dovuta alla reclusione; se quegli stessi uomini, una volta usciti dal carcere, avranno relazioni con uomini, allora molto probabilmente sono omosessuali; se invece avranno relazioni con donne e ricorderanno l’esperienza di sesso con altri uomini come una parentesi, allora molto probabilmente si tratta di uomini eterosessuali. In tuto questo l’unica cosa certa è che ad essere sicuro dell’orientamento sessuale di un individuo può essere solo l’individuo stesso.

L’orientamento sessuale si presenta in numerose varianti, ma per semplicità ne riconosciamo tre: eterosessualità, bisessualità, omosessualità.  Ci sono coloro che sono attratti  da individui di sesso opposto al proprio (eterosessuali), quelli che sono attratti da individui dello stesso sesso (omosessuali). Ci sono quelli che sono attratti sia da persone di sesso opposto sia da persone dello stesso sesso (bisessuali; a questi vanno correlati i cosidetti “pansessuali”, cioè coloro che sostengono di innamorarsi di una persona a prescindere dal suo sesso o dalla sua identità di genere).  

Esiste anche la asessualità, che però non è ancora chiaro se sia considerabile un orientamento sessuale, la mancanza di un orientamento sessuale, o un mero disturbo della libido. Essa consiste nel totale disinteresse per il sesso, pur essendo presente l’interesse per l’instaurazione di una relazione. Generalmente gli asessuali desiderano una relazione sentimentale con persone del sesso opposto (asessuali eterosessuali), solo una piccola parte desiderano averla con una persona del loro stesso sesso. Per essi peraltro, il rapporto sessuale (sotto qualsiasi forma) è molto spiacevole.

Il concetto di orientamento sessuale implica che il comportamento sessuale di un individuo sia una necessaria conseguenza della direzione della sua sessualità, se questa viene vissuta spontaneamente, senza limitazioni indotte dall'ambiente famigliare e sociale. Secondo tale impostazione le relazioni omosessuali, eterosessuali o bisessuali sono naturali. Di conseguenza il mancato riconoscimento della parità di diritti delle coppie omosessuali costituisce una discriminazione basata sull’orientamento sessuale [e su considerazioni pregiudiziali contro l'omosessualità stessa.


Poi ci sono coloro che nascono con un corpo di un sesso che non corrisponde alla loro identità di genere; si sentono a disagio nel proprio corpo, per via della disforia di genere. Le persone con questa condizione sono definite transessuali (anche prima dell’operazione di rimozione degli organi genitali). Le persone transessuali transizionanti dal sesso maschile a quello femminile sono definite “MtoF”  (Male to Female) ed è importante rivolgersi con loro considerandole già donne (“la transessuale”), anche se sono nate donne; viceversa, le persone transessuali transizionanti dal sesso femminile  a quello maschile (un caso molto più raro del primo), sono definite FtoM (Female to Male) e vanno interpellate considerandole già uomini (“il transessuale”).  


E’ fondamentale comprendere la differenza tra omosessualità e transessualità: nel primo caso, si hanno persone che non hanno problemi nel riconoscersi appartenenti al sesso con cui sono nate, ma sentono attrazione per persone di quello stesso sesso; nel secondo caso, abbiamo invece una disforia di genere, che nulla ha a che vedere con l’orientamento sessuale; quindi, per esempio, una donna che si sente uomo ed è attratto da uomini, non è eterosessuale, ma omosessuale! Infatti lui/lei  si sente un uomo nel corpo di una donna, non una donna!

___

 

Risulta essere importante chiarire alcuni concetti che riguardano la sessualità umana, vediamoli.

Identità sessuale.

Identità di genere + orientamento sessuale + ruolo di genere = identità sessuale.

Ormai però si tende a considerare "identità sessuale" come sinonimo di "identità di genere".

Molti omofobi (tra cui tanti prelati) quando parlano male dell'omosessualità, la descrivono come "disturbo dell'identità sessuale", ma non nel significato più corretto, ma come sinonimo di "idendità di genere"; in pratica credono che l'omosessualità e la transessualità siano la stessa cosa; e credono che le transessuali (gli uomini che si sentono donne e vogliono operarsi per somigliare il più possibile a ciò che sentono di essere) siano omosessuali che "diventano donne per fare meglio sesso con gli uomini".

Istinto sessuale.
Le persone nascono "corredate" di pulsione sessuale. Grazie alla stessa è possibile garantire la prosecuzione della specie umana. La medesima cosa succede negli animali. Per gli umani sarebbe più corretto parlare solo di pulsione sessuale, per gli animali di istinto sessuale. La continuazione della specie è garantita anche dal fatto che dall'attività sessuale ne deriva piacere.  Gli individui ricercano il piacere e rifuggono da tutto ciò che causa dolore/sofferenza. La pratica sessuale innesca reazioni psicofisiologiche che determinano la produzione di endorfine responsabili della sensazione di benessere e della riduzione dell'eventuale malessere/tensione.  In poche parole … il sesso fa bene.

 

Sesso biologico.
Un individuo che nasce con un apparato riproduttore femminile (vagina, utero, ovaie) sarà classificato come femmina, al contrario se nasce con un apparato riproduttore maschile (pene, testicoli, prostata) verrà identificato come maschio.

 

Identità di genere.
Il concetto di identità di genere fa riferimento a come si percepisce l'individuo (sesso mentale). Posso percepirmi o come maschio o come femmina. Può succedere che un maschio non si senta maschio e che una femmina non si senta femmina. Questa condizione è propria delle persone transessuali ma non solo di queste: possono esserne interessate anche persone con disturbo dell'identità di genere nonché persone affette da patologie organiche.

Ruolo di genere.
Per ruolo di genere si intende il comportamento che la società si aspetta da un maschio (ruolo maschile) e quello atteso da una femmina (ruolo femminile). Uomo è chi compie quanto previsto dal ruolo maschile; donna è chi segue quanto dettato dal "copione" riservato alle femmine. Il ruolo di genere, quindi, attiene più alla cultura che alla fisiologia, sebbene sia vero che alcune attività siano più congeniali, generalmente, per persone di un sesso piuttosto che dell’altro. In Occidente, comunque, le differenze nei ruoli di genere si stanno attenuando, grazie all’emancipazione femminile e alla rivoluzione sessuale.

Uso del preservativo.
Molto importante risulta essere proteggersi nel caso di rapporti sessuali con partner occasionali. Il ricorso all'impiego del preservativo è necessario per prevenire le malattie sessualmente trasmissibili (MTS); fra queste ricordiamo l'AIDS, Epatite B e C, e tante altre. A parere dello scrivente, il divieto d'uso del preservativo imposto da esponenti del mondo religioso è un atto non solo illogico, ma anche criminale.

 

Eterosessualità.
Le persone eterosessuali sono quelle attratte da persone di sesso opposto e con esse desiderano accoppiarsi e creare una relazione.

Omosessualità.  
Gli individui con orientamento omosessuale sono quelle attratte da persone del proprio stesso sesso e con esse desiderano accoppiarsi e creare una relazione; mutatis mutandis, nulla cambia nella qualità di una relazione omosessuale rispetto a una relazione eterosessuale; l’amore è uguale per tutti; tuttavia, la difficoltà di vivere apertamente una relazione omosessuale e persino di rivelare a parenti e amici la propria omosessualità, induce, ancora oggi, molte persone omosessuali a vivere la propria sessualità in modo clandestino (accoppiandosi di nascosto con altri uomini, nel caso dei gay, o con altre donne, nel caso delle lesbiche); ma può anche accadere di peggio: un uomo, pur sapendo di essere omosessuale, potrebbe decidere di non vivere la sua sessualità e di praticare quella che gli è stato insegnato essere l’unica giusta, corretta e “naturale”; quindi si sposa con una donna, magari ignara dell’omosessualità del suo compagno (lo stesso può accadere per molte donne lesbiche).

 

Bisessualità.
Le persone bisessuali sono coloro che si sentono attratti da persone di entrambi i sessi.  Le persone bisessuali non presentano tutte lo stesso grado di attrazione erotico-sentimentale per le altre persone, ma ci sono quelle che si sentono attratte più dalle persone del sesso opposto, quelle che sono attratte più da persone dello stesso sesso, e quelle che sono perfettamente bisessuali.

 

Transessualismo (o transessualità).  
I transessuali sono persone che non vivono bene con il loro corpo. Hanno un corpo maschile ma si sentono donne oppure ne hanno uno femminile ma si sentono maschi. Si sentono prigionieri in corpi non desiderati. Alcuni di queste persone si fanno operare per cambiare il proprio sesso. L'iter per approdare all'intervento chirurgico è lungo ed è finalizzato all'accertamento della condizione psicologica della persona. Se la persona procede con l'intervento dopo lo stesso verranno istruite le pratiche per modificare i dati anagrafici, sempre che ne sia fatta richiesta.   

I transessuali possono essere sia eterosessuali che omosessuali. Un individuo nato con un corpo maschile, ma che si sente del sesso opposto, può farsi operare e sottoporre a trattamento ormonale, per ottenere un corpo femminile; lo stesso individuo può essere attratto da persone di sesso opposto (transessuale omosessuale), può essere attratto da persone dello stesso sesso (transessuale eterosessuale) così come potrebbe essere attratto da individui sia di diverso che dello stesso sesso (transessuale bisessuale). Ciò può sembrare contro il senso comune, ma per determinare l'orientamento sessuale di una persona transessuale, occorre tenere conto della sua identità di genere. Se un uomo si sente donna ed è attratto da donne, NON è eterosessuale, ma omosessuale, visto che si sente donna attratta da donne, anche se nata in un corpo maschile.

 

Ermafroditismo.
Esistono casi in cui il neonato presenta alla nascita contemporaneamente sia organi riproduttori maschili che femminili; questi individui sono classificati come ermafroditi. In caso di ermafroditismo l'aspetto esteriore dei genitali è ambiguo, non si capisce bene se si tratta di una femmina oppure di un maschio. Questa condizione è dovuta ad un errore durante la fase dello sviluppo del feto, qualcosa non è funzionato correttamente nel processo di differenziazione delle cellule. Generalmente i medici fanno delle valutazioni e decidono di agire chirurgicamente e farmacologicamente per conferire al neonato un sesso definito: o maschio o femmina.

_____

Parafilia sessuale: ogni forma di attrazione sessuale che non si riferisce al sesso della persona da cui il soggetto si sente attratto, ma ad altre sue caratteristiche o anche a sue azioni e condizioni personali.

 A seguire descriviamo solo alcune parafilie sessuali:

 


Pedofilia
. Le persone affette da pedofilia sono attratte da persone di età prepuberale e con essi soddisfano le loro pulsioni sessuali. Si tratta di una condizione da fronteggiare, aiutando queste persone a resistere al soddisfacimento dei loro istinti, perché i bambini non essendo maturi dal punto di vista sessuale subiscono danni sia fisici che psichici che magari si porteranno dietro per tutta la vita.

È importante sottolineare che non tutti i pedofili abusano di bambini  o di bambine mentre esistono persone che non sono pedofile ma che abusano di bambini.  Pedofilo (o pedofila) è solo colui (o colei) che prova attrazione sessuale per persone che non hanno ancora raggiunto la pubertà; spesso questa attrazione è esclusiva (non la provano per le persone già puberi).

E’ strategico insegnare ai bambini a riconoscere, ad allontanarsi e a riferire ai genitori di situazioni rischiose. La pedofilia può essere di Tipo Esclusivo (il pedofilo è attratto solo da  bambini o da bambine, o da entrambi) oppure di Tipo Non Esclusivo (attrazione anche per soggetti adulti, o per adolescenti), di Tipo Differenziato (preferenza per bambini o bambine ; pedofilia omosessuale e pedofilia eterosessuale) o di Tipo Indifferenziato (bisessuale).

La pedofilia non è confondibile con l’omosessualità, così come non lo è con l’eterosessualità, ma è una parafilia presente in una piccola percentuale della popolazione, sia tra gli omosessuali, sia tra gli eterosessuali, sia tra i bisessuali.

 

Necrofilia. I necrofili sono coloro che compiono (o desiderano compiere) atti sessuali con i cadaveri. Succede talora che questi siano assassini seriali che convincono le vittime designate a seguirli per poi essere abusate sessualmente dopo essere state uccise. Può anche capitare che il necrofilo abusi sessualmente delle vittima anche prima di ucciderla.
La necrofilia è diffusa sia tra le persone eterosessuali, sia tra quelle bisessuali, sia tra quelle omosessuali.

Zoofilia. I soggetti  interessati dalla zoofilia compiono (o desiderano compiere) atti sessuali con gli animali. Succede , talvolta, quando si vive in posti remoti dove gli individui, spesso adolescenti, non hanno la possibilità di esaudire l'istinto sessuale.

Sadomasochismo:  consiste nell’eccitazione sessuale prodotta dal piacere di far soffrire gli altri, specialmente durante il rapporto sessuale. Questa parafilia si presenta spesso disgiunta (una persona masochista è anche sadica, ma contro se stessa; un sadico rivolge il sadomasochismo contro altri), ma comunque si attua, quasi sempre, tra persone consenzienti.



permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 23/2/2013 alle 17:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sentimenti
7 dicembre 2012
Sugli omosessuali che diventano genitori tramite relazioni eterosessuali.
  • Purtroppo è morto improvvisamente durante la notte del 2 dicembre (a quanto mi pare di capire) Alessandro Ozimo, uno dei fondatori dell'associazione dei genitori omosessuali ( Vedasi in proposito, questa pagina di Facebokk: Rete Genitori Rainbow Rgr ) , aventi figli da relazioni eterosessuali sostenute prima di accettare la propria omosessualità.
    Mi piace ·  ·  · 
    •  
    •  
      Sciltian Gastaldi "aventi figli da relazioni eterosessuali sostenute prima di accettare la propria omosessualità" è un'offesa bifobica nei confronti delle persone bisessuali. Ma come te ne esci?
    •  
      Alessio Giandomenico Mameli ascolta! IO SONO il primo a sostenere che i bisessuali esistano e che, anzi, sono la maggioranza (almeno il 50% dell'umanità) e che la bisessualità si esplica in tanti gradi (da prevalentemente eterosessuale a prevalentemente omosessuale), tuttavia Alessandro Ozimo ha sempre specificato di non essere affatto bisessuale, ma di essere un omosessuale che ha accettato solo dopo una relazione eterosessuale e solo dopo 8 anni dalla nascita di sua figlia, la propria omosessualità.

      Nel video lui però parla anche di mutamento dell'orientamento sessuale; una baggianata. L'orientamento sessuale non può mutare. 

      Potrebbe anche darsi, quindi, che lui fosse bisessuale ma lui non si è mai riconosciuto in quanto tale; ha ammesso la sua omosessualità, non la sua bisessualità. 

      Di omosessuali che si sono sposati (ovviamente con donne) e hanno procreato ce ne sono sempre stati; di omosessuali dalla doppia vita, con la moglie, ma anche con l'amante maschio, ce ne sono sempre stati! l'associazione "Genitori Rainbow" si riferisce prevalentemente a persone omosessuali che hanno avuto relazioni eterosessuali, ma avere relazioni eterosessuali non implica affatto essere bisessuali o eterosessuali! magari le si fa solo perché si crede di doverle fare o che sia conveniente o desiderabile (fosse solo per procreare, cosa che io eviterò sistematicamente). 

      http://www.genitorirainbow.it/
      www.genitorirainbow.it
      Omosessuali, transessuali e transgender genitori, l'associazione RGR Rete Genito
      ri Rainbow ha lo scopo di dare servizi di aiuto sostegno e supporto alle mamme lesbiche, ai papà gay e ai genitori trans, per i loro figli e parenti e anche per gli ex partner. Informazioni e supporto legale per separazi...
    •  
      Alessio Giandomenico Mameli http://www.teladoiofirenze.it/gay-lesbian/scoprirsi-omosessuali-pur-essendo-sposati-e-con-figli-ce-rete-genitori-rainbow/
      www.teladoiofirenze.it
      Intervista al fiorentino Fabrizio Paoletti, tra i fondatori di Rete Genitori Rai
      nbow, associazione che fornisce supporto ai genitori omosessuali e transessuali con figli avuti da precedenti relazioni etero. Com’è nata e di cosa si occupa Rete Genitori Rainbow? L’associazione nasce dall’iniziativa di...
    •  
      Fabrizio Paoletti confermo quanto sostenuto da Alessio.. le persone bisessuali esistono e ne conosciamo alcune e la nostra associazione comprende anche loro siamo infatti genitori LGBT con la B, con figli da relazioni eterosessuali. nel mio caso e in quello di Ale come ho avuto modo di confrontarmi con lui, c'è una forte rimozione della propria omosessualità dovuta a tanti fattori ambientali, educativi, religiosi, con una forte adesione e ricerca di un desiderio di famiglia e di figli.. cosa che ci porta ad aderire a un modello di vita che sembra l'unico possibile per la nostra realizzazione, quello di avere una vita etero.. io ero consapevole dell'attrazione per i ragazzi già da piccolo, Ale ci racconta invece di averla scoperta più tardi, dopo la nascita della figlia, ma i fatti non cambiano,, quanto la scopri non puoi più conciliare quella vita con quello che senti e quando ti innamori davvero di una persona non puoi fare a meno di uscire allo scoperto e separarti per vivere pienamente la nuova relazione con il nuovo compagno / compagna per le donne. La nostra associazione ha proprio lo scopo di sostenere il percorso dei genitori che decidono di chiudere la loro relazione e vivere la loro nuova vita, con autenticità e trasparenza di relazione con i loro figli e con gli ex partner .. fare comingout è uno dei momenti essenziali del nostro percorso.. ma non è cosa facile, tante sono le paure, le difficoltà, le fobie che ci teniamo addosso e di cui potenzialmente expartner e figli possono soffrire.. questa la nostra battaglia personale che diventa denuncia pubblica e rivendicazione del diritto di poter continuare a vivere con i nostri figli la nostra vita anche come persone omosessuali o transessuali o anche bisessuali che sia..
    •  
      Fabrizio Paoletti ci sono anche ambienti sociali dove "è impossibile" dichiararsi pena la perdita di "tutto", nel meridione, in certe categorie professionali, nella nostra piccola italietta, tanti genitori rainbow vivono nascosti e non pensano possibile viversi liberamente.. i matrimoni finiscono per diventare cattedrali vuote, i figli spesso fanno le spese di situazioni di disagio e infelicità e non realizzazione dei loro genitori, anche il genitore eterosessuale soffre della mancanza di amore.. c'è da chiedersi perchè questo "sistema" ingiusto ipocrita e umiliante della persona umana.. sono convinto che sia uno dei comportamenti che più annulla ed umilia la dignità delle persone lgbt e che certamente è una delle radici profonde di sentimenti e comportamenti omofobici.. e ne sono testimone vivente purtroppo
    •  
      Alessio Giandomenico Mameli I tuoi commenti, Fabrizio Paoletti, sono importanti e vorrei copiarli e conservarli.... potrebbero anche comparire su questo blog : http://www.ilmondodigalamay.it , se posso. 
    •  
      Fabrizio Paoletti allora c'è solo da precisare una cosa.. nel primo commento "quando la scopri " deve diventare "quando la scopri o ne hai piena consapevolezza" dato che io ho detto che già a 5 anni avevo sensazioni che mi facevano ammirare i ragazzi... e poi la cosa mi si è rafforzata via via alle medie.. ma a 17 anni mi sono fidanzato con la mia prima ed unica donna che sarà poi mia moglie.. dato che non sarebbe stato possibile per me fare altrimenti.. seconda precisazione a te l'associazione si chiama "Rete Genitori Rainbow" non "Genitori Rainbow" ci teniamo molto alla parola Rete, è un volersi tenere insieme e stare uniti perchè l'unione fa la nostra forza 
    •  
      Alessio Giandomenico Mameli a sì!! magari fosse così breve il link! 

      ecco quello giusto: http://www.ilmondodigalamay.ilcannocchiale.it 

      L'ho un po' trascurato e l'ultimo post data a ieri... ma poi il penultimo è di giugno! XD
    •  
      Alessio Giandomenico Mameli poi tra l'altro, ora mi chiedono una noioisissima autenticazione, sebbene il blog sia con il login sempre attivo.... e l'autenticazione avviene solo dopo tanti tentativi. 

      Non avrei mai dovuto fare un blog in quella piattaforma.
    •  
      Fabrizio Paoletti i miei blogs sono fermi praticamente al 2008.. anno della mia entrata su facebook.. che peccato vero!  
Sciltian Gastaldi Ok, Alessio, ho capito. Ma lì per lì quella frase mi ha fatto proprio girare i cabbasisi.



permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 7/12/2012 alle 14:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
SOCIETA'
12 ottobre 2011
ARCTOBERFEST: FESTA DI AUTOFINANZIAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE GLBT ARC DI CAGLIARI!
C'è posto solo per un massimo di 180 persone, per evitare l'ammassamento avvenuto altre volte. Il locale Old Coffee è infatti sufficiente per massimo 200 persone, stando stretti, sebbene a volte ce ne siano state anche 250, ma che in buona parte si riversavano fuori, nel viottolo.

Ma non demoralizzatevi! a dicembre ci sarà la megafesta "Prenatal" in un locale ben più spazioso e quindi ci rifaremo! nel frattempo, affretatevi per le prevendite per questo festino semi-esclusivo all'Old Coffee, in via Lamarmora 91, a Cagliari!
 
Grazie! :)

  • Alessio Giandomenico Mameli


    Ora sabato 22 ottobre · 20.30 - 23.30

    --------------------------
    ------------------------------------------------------

    Luogo Old Coffee, via Lamarmora 91
    ...
    --------------------------
    ------------------------------------------------------

    Creato da Francesca Q-na Corona, Nicola Diana, Rob Mulargia, Marco Cocco, Viola Cossu, Meka Gone Tea
    --------------------------
    ----------------------------------------------------
    --

    Maggiori informazioni Cari Antonellini e care Antonelline: ARIECCOCE.

    Le stagioni passano ma i Sally S.P.E.C.T.R.E. restano.

    E hanno confezionato per voi un evento che guarda, manco ve lo stiamo a dire.
    ...
    Il luogo lo conoscete già, per intenderci: è il locale dove abbiamo fatto CarnevalArc. Per questo motivo siamo costretti a fissare il numero dei partecipanti a 150, nostro malgrado, onde evitare ressa, caldo e disguidi vari ed eventuali.

    Stavolta si parte con l'aperitivo! Dalle 20:30 alle 22:30 con il dj set di Spruce Bringsteen, gli stuzzichini preparati dalle sapienti mani di Antonella Credici e i nostri drink, senza dimenticare che per l'occasione ci saranno birre di ogni genere e specie!

    Dalle 22:30 si aprono le DANZEN! I Meka Gone Tea si piazzeranno alla consolle e non ce ne sarà più per nessuno fino alle ore 2:00.

    Ingresso RIGOROSAMENTE ED ESCLUSIVAMENTE IN PREVENDITA: come sempre la formula 10€x3 DRINK, e ce passa 'a paura! E come sempre potete contattare i gestori dell'evento privatamente, o trovarci in sede (via Puccini 51, angolo via Cimarosa) ogni mercoledì dalle 20:30 in poi.

    Presto il menu dell'aperitivo, la lista dei drink e delle borre..ops birre. Si iu sun.

    Sally xxx
     
  •  
    Alessio Giandomenico Mameli

    AVVISO A TUTTI I GAY E LE LESBICHE DI QUARTU E AI LORO AMICI.

    Se volete la prevendita, potrei fornirvela io la settimana prossima, ma è necessario che mi inviate un messaggio privato di modo che sappia esattamente quante prevendite mi debba far dare. Grazie. :)

  • Alessio Giandomenico Mameli

    Se volete le prevendite potete anche venire in via Puccini 51, a Cagliari, dato che oggi c'è la riunione dell'ARC!

    http://www.associazionearc.eu/2011/10/riunione-mercoledi-12-ottobre-2011/

    Il 12 ottobre, come ogni mercoledì, l’ARC, l’associazione GLBT di Cagliari, si riunirà in via Puccini 51 (angolo via Cimarosa, Cagliari) a partire dalle ore 20:30!

    Si continuerà a lavorare sui progetti per l’autunno e sull’organizzazione di tutte le iniziative in programma per gli ultimi mesi del 2011.

    I gruppi di lavoro si concentreranno, dunque, sulla chiusura del programma della nona edizione della rassegna cinematografica Uno sguardo normale e sulla presentazione del libro “Quando eravamo froci” di Andrea Pini, in programma per settimana dal 7 al 12 novembre 2011, presso il cineteatro Nanni Loy dell’ERSU (via Trentino – CA), sulla sostituzione della terza edizione del concorso fotografico “diversamente AMabili” con lo spettacolo SNUFF – Pornografia allo stato impuro, che la compagnia Ferai Teatro presenta in anteprima per ARC, e la nuova festa di autofinanziamento, in arrivo alla fine di ottobre!

    Insomma: non mancate! Appuntamento alle 20.30 in via Puccini 51!
    www.associazionearc.eu
    Il 12 ottobre, come ogni mercoledì, l’ARC, l'associazione GLBT di Cagliari, si r...iunirà in via Puccini 51 (angolo via Cimarosa, Cagliari) a partire dalle ore 20:30! Si continuerà a lavorare sui progetti per l’autunno e sull’organizzazione di tutte le iniziative in programma per gli ultimi mesi del 20...
     

  • Alessio Giandomenico Mameli epperò oggi è già mercoledì... se non ricevo messaggi entro un paio d'ore non so quante prevendite mi servono. A limite potrei prenderne 20 e vedere se riesco a piazzarle entro mercoledì prossimo.



permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 12/10/2011 alle 15:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
25 settembre 2011
Commenti all'europride 2011 da parte di uno stronzo omofobo di merda come tanti altri.



In questa foto, il carro delle associazioni GLBT sarde all'Europride di Roma dell'11 giugno 2011. 

     









--- Francesco Erri Esposito

queste immagini gay fanno vergognare un po piu rispetto fare una manifestazione non vuole dire vestire da carnevale

____
...
Mia risposta.

Francesco Erri Esposito: dovresti prima di tutto imparare l'italiano.

Inoltre se non capisci che il Gay Pride è prima di tutto una festa e poi una protesta, non è affare che mi riguarda.

Di ben altro ci sarebbe da vergognarsi: di rubare (vedi il nostro parlamento), di andare a letto con le minorenni o di fare festini (vedi l'indegno Sivlio Berlusconi), di fare leggi per imporre dottrine morali e religiose (vedi i confessionalisti che infestano il nostro parlamento) e sopratutto, di scrivere che ti piacciono le donne, anche se sei OMOSESSUALE, come fai tu (che però hai addirittura 221 amici in comune con me, amici che sono quasi tutti gay)!!!! e di tanto altro c'è da verognarsi, ma non di andare a protestare e celebrare la lotta per la liberazione delle persone omosessuali e transessuali.

http://www.facebook.com/notes/dalla-normalit%C3%A0-si-pu%C3%B2-guarire/le-origini-del-gay-pride-stonewall-i-froci-hanno-perduto-quel-loro-sguardo-ferit/118806528198180

Voi gay repressi siete solo feccia. Gente come te merita tutta l'omofobia di cui è avvelenato questo paese e di essere discriminato pesantemente.
LE ORIGINI DEL GAY PRIDE STONEWALL, 28 GIUGNO 1969 UNA NOTTE CHE HA CAMBIATO IL MONDO IL POPOLO GLBT PRENDE COSCIENZA DEI SUOI DIRITTI...
 
 















 



permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 25/9/2011 alle 18:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sessualità
19 maggio 2011
Ennesima squallidissima discussione con un gay omofobo. Leggetela e capirete perchè non cambierà mai nulla in Italia.

Ennesima squallidissima discussione con un gay omofobo. Leggetela e capirete perchè non cambierà mai nulla in Italia.





Alessio Martis
vorrei tanto andare quest'anno!:( 

 

Damn Boy Ver non servono a nulla queste manifestazioni.. 

 

Alessio Martis è un inizio.se nn inìziamo mai,mai concluderemo.i politici(piu gay di noi)nn ci aiutano?e allora,sta a noi aiutarci! 

 

Alessio Giandomenico Mameli

Servono a porre il problema. Non serve vivere nascosti come fai tu.

Naturalmente, fintanto che nel nostro Stato ci sarà una classe politica tanto infima come la nostra, hai ragione; non cambierà niente. Tuttavia, queste manifestazioni possono sensibilizzare l'opinione pubblica, sempre che non si guardi soltanto a quelle tre o quattro drag queen che prendo parte al corteo, che su circa 2000 manifestanti, sono davvero la goccia nel mare. 

 

Arthur Eisendhal comincia a sostenermi alessio martis.... 

 

Arthur Eisendhal ale potrei mettere le foto sulla mia pagina? 

 

Alessio Martis per quale motivo?sei un politiko? 

 

Arthur Eisendhal ho attivato un movimento di estrema sinistra sul web e qui su fb 

 

Arthur Eisendhal sono a favore dei gay e punto a raccogliere consensi per fare comizi, sono rivoluzionario 

 

Alessio Giandomenico Mameli in che senso mettere le foto?? pubblicare il link? 

 

Alessio Giandomenico Mameli forse è meglio che non siano strumentalizzate per questioni politiche. 

 

Alessio Martis dovrei saperne di più prima di appoggiare qualsiasi partito. ma mi fa piacere ke sei a favore dei gay! 

 

Arthur Eisendhal alessio purtroppo è una questione politica e deve essere usata per trovare quel sostegno di cui, di questi tempi, i gay hanno bisogno e non ce l'hanno 

 

Alessio Giandomenico Mameli Le foto possono essere condivise in blocco (condividete l'album), ma sto cominciando a temere di sbagliare a caricarle su GB :( ; possono essere usate per il bene, ma anche per il male. 

 

Arthur Eisendhal si quello può succedere 

 

Alessio Giandomenico Mameli su FB :P 

 

Alessio Martis giusto e a noi non serve che siano usate per il male.di quello ci siamo rotti! 

 

Arthur Eisendhal infatti per correttezza chiedo ale 

 

Alessio Giandomenico Mameli si, ma, in che senso "di estrema sinistra"??

Io non sono comunista. Il comunismo non si è mostrato migliore del nazifascismo! 

 

Arthur Eisendhal non confondere comunismo occidentale con quello orintale, perché il secondo è come il fascismo occidentale, non cadere nel tranello il centro destra ha sempre vinto giocando su questo, vedendo comunisti cattivi dove non ce n'erano 

 

Alessio Giandomenico Mameli Ok, io però mi riferivo allo stalinismo al leninismo. 

 

Arthur Eisendhal quello non mi rappresenta ovviamente, io sono a favore del popolo sempre 

 

Alessio Martis questo è vero.ne so poko,ma fin lì ci arrivo.comunismo nn era meglio del fascismo.poi fin quando ognuno non fa del male a nessuno,non è razzista,è tollerante e rispettoso chiunque,per me ognuno può essere del partito che gli sta più simpatico!Alessio Martis ‎"è tollerante e rispettoso verso chiunque" pardon!:) 

 

Damn Boy Ver l omofobia ci sarà sempre, ecco perchè dicevo che non servono a niente queste manifestazioni... non vivo nascosto, semplicemnte non interessa a nessuno con chi vado a letto! così come un eterosessuale non sta a dire che è etero io non sto a dire che sono omosessuale!! da queste foto poi non mi sembra di vedere una manifestaziione, ma soltant person che stanno facendo shows! 

 

Alessio Giandomenico Mameli Ecco, hai visto solo le drag queen... secondo te una manifestazione come la sia? in silenzio??? 

 

Damn Boy Ver be le drag queen credo siano le peggiori, e sincerament con i gay non hanno nulla a che fare! un gay nasce gay un trans no! 

 

Alessio Giandomenico Mameli In ogni caso, a questa manifestazione non ci vanno solo gli omosessuali, ma anche chi sta dalla loro parte. Se poi per te, omsoessualità vuol dire solo fartelo ficcare in culo, ho grande compassione di te. Se per te significa che non ti interessa vivere la tua sessualità alla luce del sole, buon per te. 

 

Alessio Martis ma damn boy perchè nn si può manifestare divertendosi e facendo shows?una cosa nn per forza esclude l altra.o sbaglio?e poi dicendo ke ci sarà sempre ,nn risolviamo niente di niente.ankio sn tanto deluso dall omofobia e ci soffro ma manifestare nn kosterebbe un cazzo e se ci si diverte ancora meglio:)))e manifestando magari iniziamo a fare qualcosa per aiutarci tutti, e chissà se in futuro la situazione si capovolgerà!penso anke ke ai tempi delle guerre mondiali,la situazione era molto diversa da oggi.oggi si,c è omofobia,ma credo siamo piu fortunati.vieni a s.antioco dove abito.qui ce n è di più!   

 

Alessio Giandomenico Mameli

Le drag queen con le persone transessuali non c'entrano niente!

Si può discutere sul fatto che siano necessarie nella manifestazione, tuttavia non si possono dire simili baggianate. La drag queen è un fenomeno di costume, e ci sono persino drag queen eterosessuali (ma nell'80% dei casi sono omosessuali).

La transessuale, invece, si sente davvero del sesso opposto.

Si nasce omosessuali come si nasce eterosessuali. O probabilmente si nasce bisessuali e poi ci si caratezza in un senso più eterosessuale o più omosessuale.

La transessualità con il travestitismo non c'entra niente. Il travestito, pur amando vestirsi come una persona del sesso opposto, non si sente del sesso opposto.

 

http://www.google.it/search?q=transessualit%C3%A0+omosessualit%C3%A0+travestitismo&ie=utf-8&oe=utf-8&aq=t&rls=org.mozilla%3Ait%3Aofficial&client=firefox-a

 

Proprio per cercare di ovviare a questi ripetuti disguidi, ho scritto questo articolo:

 

http://ilmondodigalamay.ilcannocchiale.it/2011/05/14/considerazioni_contro_lomofobi.html

 

Spero che troverai il tempo per leggerla! e molto lunga, ma anche istruttiva! :) 

 

Damn Boy Ver io vivo tranquillamente, non mi interessa se ci sono parecchie persone omofobe, quelli sono problemi loro e che se li risolvano da soli....non mi pare qui in italia ci siano leggi anti-gay. dico soltanto che queste manifestazioni non servono, anche perchè poi ci sono le drag quenn ( che non centran nulla con i gay) che fanno i soliti loro spettacolini...per colpa di queste manifestazion siamo visti ancora peggio. 

 

Alessio Martis le drag sn gay nella maggior parte dei kasi.le drag queen nn sn trans,ma travestiti.e le drag sn grandi.dicono kosi serie e importanti regalandoti un sorriso.poi,ognuno fa il kazzo ke vuole.chi vuole stare nascosto che lo faccia pure,chi vuole urlare al mondo che è gay,che lo faccia pure.ma attenzione ai nascosti a prendere in giro i dichiarati.perkè lì divento una iena.siete gay quanto gli altri. 

 

Damn Boy Ver dubito che uno che si travesta da donna, non si senta un minimo, parte del mondo femminile! amenochè non lo fa un attore (scopo professionale) o altri casi eccezionali 

 

Elisa Neri ma io ho la sensazione che per te sia una semplice questione di sesso...e parlo da essere super partes.... 

 

Damn Boy Ver io non prendo in giro chi si dichiara o dice al mondo che è gay, dico soltanto che queste manifestazioni servono a ben poco :) non rigirate la frittata! 

 

Alessio Giandomenico Mameli Tra l'altro un transessuale può essere omosessuale, bisessuale o eterosessuale!!!

 

Se io mi sento donna e sono attratto da donne, anche se sono maschio fisicamente, sono omosessuale psicologicamente (proprio perchè mi sento del sesso che mi attrae!).

 

Generalmente, però, accade che la persona transessuale si senta attratta dal sesso opposto a quello cui si sente di appartenere.

 

Se io mi sento donna e sono attratto da uomini, non sono omosessuale, ma eterosessuale, anche se fisicamente sono maschio.

 

Ciò che conta nel definire quale sia l'orientamento sessuale, non è il sesso anatomico, ma il sesso psicologico, o identità di genere.

 

Nel senso comune, purtroppo, eterosessualità e transessualità sono confusi; tante persone credono che un gay si senta donna e una lesbica si senta uomo.

 

Manca il termine per definire la condizione di chi si sente del proprio sesso anatomico. Per analogia con Transessuale, si potrebbe coniare il termine Cissessuale. :P

 

Trans = oltre Transessuale = colui che va oltre il proprio sesso anatomico; colui che sente di appartenere al sesso opposto e quindi supera, purtroppo solo con estenuanti intereventi medici e chirurgici, il proprio sesso anatomico

 

"Cissessuale"= colui che non si sente del sesso opposto, ma perfettamente integrato nel proprio sesso anatomico (Cis = entro il limite).

 

Alessio Martis damn boy,ascolta un attimo zio alessietto(io).perkè continui a dire che le drag nn c'entrano niente cn i gay?le drag sn gay nella maggior parte dei casi.!!!!!!!!e nn penso proprio che i gay siano visti male per i loro spettacoli.ma per niente.se i gay sn visti male è per la mente idiota delle persone(etero e gay che si fingono etero ricevendo l oscar per l interpretazione)=) .punto.nn c entrano nulla le drag. 

 

Damn Boy Ver alessio mameli è inutile che posti tutti i significati. rimango dell idea che se uno si traveste da donna è perch si sente parte di quel mondo, amenochè non lo fa a scopo lavorativo, il che cambia... 

 

Damn Boy Ver alessio martis, un gay che si veste da donna, finirà per diventare trans... quello che voglio dire è che in queste manifestazione emerge la figura del gay vestito da donna, del gay non Maschio! ecco... 

 

Alessio Giandomenico Mameli In realtà le drag queen si fanno pagare quando fanno spettacolo. Per la manifestazione però vengono gratis.

 

Quest'anno, comunque, alcune di loro potrebbero decidere di venire vestite normalmente e di travestirsi solo per lo spettacolo finale.

 

Ti consiglio, comunque, di venire anche tu. :) 

 

Damn Boy Ver non ci faccio nulla a manifestare con persone che non mi rappresentano. 

 

Alessio Giandomenico Mameli In queste manifestazioni emerge proprio niente. :P

 

Nella manifestazione contro l'omofobia viene una montagna di persone di ogni tipo; queste persone rappresentano solo sè stesse. A rappresentare te stesso, basti tu.

 

Purtroppo le persone transessuali non ci sono; ma pensa che, da dati statistici dell'Istat, si evince che in tutta Italia siano solo 3000 ! :P 

 

Damn Boy Ver be i trans che ci fanno a una manifestazione gay? 

 

Alessio Martis damn boy,uno nn rigiro la frittata (anke perkè sn a dieta) =)). è un avvertimento a tt i gay nascosti.punto. nn penso km dici tu.ma ognuno per me la pensa km vuole,"rispettando gli altri".nn penso che necessariamente un gay vestito da donna,in futuro,diventerà trans con un intervento chirurgico.nn è sempre cosi,ma può pure kapitare forse.io mi vesto a volte da donna a carnevale ma penso rimarrò maschio fuori.e poi perkè ti infastidisce la figura dell uomo femminile?nn lo kapisco.se emerge quella figura,a me fa piacere.ke me ne frega.poi ci sn anke i gay piu maschili. 

 

Alessio Giandomenico Mameli La manifestazione è anche contro la transfobia, ma comunque, al lato pratico, transessuali non ne ho mai visto alla manifestazione (posto che le drag queen sono solo, nella maggioranza dei casi, omosessuali travestiti; e nel caso della manifestazione di cagliari, tutte le drag queen, che poi sono sooo 4 in tutto, sono omosessuali e non sono transessuali: non si sentono donne, pur essendo, chi cpiù chi meno, abbastanza effeminati, anche quando non sono travestiti di donne).

 

http://www.google.it/search?q=giornata+mondiale+contro+l%27omofobia+e+la+transfobia&ie=utf-8&oe=utf-8&aq=t&rls=org.mozilla%3Ait%3Aofficial&client=firefox-a

 

Ti ricordo, inoltre, che la prima rivolta GLBT è stata svolta il 28 giugno 1969 a New York; ad iniziarla non furono i gay come te o come me, ma i travestiti: le drag queen che tu tanto osteggi e disprezzi, perchè temi di essere identificato con loro.

 

http://www.google.it/search?q=rivolta+di+stonewall%2C+drag+queen&ie=utf-8&oe=utf-8&aq=t&rls=org.mozilla%3Ait%3Aofficial&client=firefox-a

 

Non farli venire sarebbe una forma di discriminazione interna. In ogni caso, alla manifestazione viene chi vuole, vestito come vuole (anche dark, punk, fetish, ecc ecc...). 

 

Damn Boy Ver vestirsi a carnevale da donna può essere per gioco... lo fanno molti etero..... io parto dall idea che un maschio dev essere maschio e viceversa per una donna.... i gay spesso sono mal visti perch la maggior parte delle volte gli omosessual sono rappresentati da gay femminili 

 

Alessio Giandomenico Mameli 

 

http://www.google.it/search?q=giornata+mondiale+contro+l%27omofobia+e+la+transfobia&ie=utf-8&oe=utf-8&aq=t&rls=org.mozilla%3Ait%3Aofficial&client=firefox-a

 

http://www.arezzonotizie.it/attualita/altre-notizie/61088-17-maggio-giornata-internazionale-contro-lomofobia-e-la-transfobia

 

17 maggio Giornata internazionale contro l'omofobia e la transfobia

  •  

     

    Venerdì 13 Maggio 2011 18:17 ufficio stampa Arci Gay

    E-mail Stampa PDF

    La Giornata internazionale contro l'omofobia e la transfobia (o IDAHO, International Day Against Homophobia and Transfobia), nata come Giornata internazionale contro l'omofobia, è una ricorrenza promossa dall' Unione Europea che si celebra dal 2007 il 17 maggio di ogni anno. L'obiettivo della giornata è quello di promuovere e coordinare eventi internazionali di sensibilizzazione e prevenzione per contrastare il fenomeno dell' omofobia e della transfobia.

     

    ARCIGAY AREZZO E IL 17 MAGGIO

     

    Il lavoro di Arcigay Arezzo in questo primo anno di attività, è stato caratterizzato da impegno e collaborazione fra enti locali e l'associazione. In modo particolare ringraziamo Provincia di Arezzo, Comune di Arezzo, Commissione Pari Opportunità della Provincia di Arezzo e Centro di Iniziativa Gay di Milano che hanno appoggiato le nostre iniziative.

     

    Il 17 maggio Arcigay Arezzo sarà presente in città con numerose iniziative, tutte dislocate nei pressi della nostra sede in Corso Italia 205, per riaffermare ancora una volta il diritto al rispetto, con una importante campagna di affissioni di manifesti e con la possibilità di compilare presso il nostro gazebo un questionario realizzato in collaborazione con la Cattedra di Psicologia dello Sviluppo dell'Università di Siena.

     

    ____

     

    http://it.wikipedia.org/wiki/Giornata_internazionale_contro_l%27omofobia_e_la_transfobia

     

  •  

  • Alessio Giandomenico Mameli Boh, io ora vado a letto... se vieni o non vieni, non mi fa nè caldo, nè freddo. In ogni caso, le tue sono solo scuse, per non esporti in pubblico. 

  •  

  • Damn Boy Ver questo non ti permetto di dirlo. semplicemnte non ci faccio niente in mezzo a drag, o maschi che non sono maschi! è solo una buffonata quella manifestazione.

  •  

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli E tu, venendo, dimostrerai che ci sono anche "gay maschili", che, tra l'altro, sono il 99.99% dei partecipanti! I gay femminili, come tu chiami le drag queen, non sono manco lo 0.02%

     

    L'anno scorso c'erano 3 drag queen su oltre 2000 persone.

     

  •  

    Alessio Martis

    damn boy,sei piu testardo di me.mamma mia!!!perkè dici che nn ci fai niente cn persone che nn ti rappresentano?se sei gay questo basta.nn dobbiamo discutere.questa manifestazione è per dare una mano ai gay.è importante per me.e se sei gay,da una mano anke a te.poi ,km dice alessio mameli,ti rappresenti da solo.nn kapisco da ciò ke scrivi se ce l hai contro i gay o no.boh!!!e poi mi ricollego a una cosa ke hai detto prima.in italia nn ci sn leggi anti-gay.mi viene da dire,ci mankerebbe anke!!!!!!!!ma secondo te!nn ci sn leggi anti gay ma nn basta.nn c è neanke una legge contro l omofobia

     

  •  

    Damn Boy Ver i gay femminili non sono drag queen, non l ho mai amesso...un conto sono le drag un conto i gay femminili ( considerati da me come "checche" senza offesa)

     

  •  

    Damn Boy Ver alessio martis, io sto benissimo cosi, non ho bisogno di aiuto! e sono dell idea che non ha senso una legge contro l omofobia! facendo cosi, fai capire che quindi siamo davvero diversi! siamo tutti uguali, quindi leggi uguali per tutti.

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli e che c'entra??? hai detto "in mezzo a drag, o maschi che non sono maschi"

     

    in pratica stai dicendo che i gay effeminati non sono maschi???

     

    e comunque esistono anche effeminati eterosessuali!

     

  •  

    Damn Boy Ver si i gay effeminati non sono maschi ;) non confondere effeminato da efebico ovviamente.

  • Alessio Giandomenico Mameli Leggi uguali per tutti? allora non ci dovrebbe essere neppure la legge Mancino contro i crimini di odio verso neri, ebrei ed altre minoranze.

     

    L'omofobia deve essere perseguita dalla legge, proprio perchè siamo diversi dagli eterosessuali e quindi dobbiamo essere tutelati dagli abusi della maggioranza. Questo è ciò che fa uno stato laico: difende i diritti di tutti, compresi quelli delle minoranze.

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli i gay effeminati sono maschi effeminati.

     

    Non so dove hai lasciato la logica.

     

  •  

    Damn Boy Ver no per me un effeminato non è un maschio! lo è in teoria non in pratica!

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli Temo di stare parlando con u fake... o un troll...

     

    tra l'altro, le tue foto sono strane. Si riconosce dalla faccia che sei gay. E che sei effeminato. Ma non per questo ti considero una donna.

     

  •  

    Damn Boy Ver no infatti quella legge non serve a niente....il crimine va a prescindere punito, sia che lo si faccia a un ebreo che a un italiano, quindi non ha senso sta legge... la violenza va cmq punita

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli tra l'altro, efebico non vuol dire effeminato.

     

  •  

    Damn Boy Ver ahahah ecco che offendi,, classico gay. le foto sono tutte mie, se vuoi puoi vedermi in cam. 2) non sono effeminato, ho soltanto lineament delicati, che è tutt altra cosa... 3) ben detto efebico non è effeminato

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli si, ma effeminato non è femminile.

     

  •  

    Damn Boy Ver la discussione si chiude qui, visto che sai soltanto offendere.. rispetta le opinioni degli altri, sei anche piu grande, ma hai dimostrat piu immaturità di me! ciao

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli ahahaha

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli Con gli intolleranti non mostro mai tolleranza. Sei omofobo e manco te ne rendi conto. Sei di destra e odi te stesso.

     

  •  

    Damn Boy Ver omofobo? ahahahhahahhh io omofobo?

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli Sai quanto me ne sbatte... l'unica cosa buona di te, per quanto ne so, sono gli addominali. Certo che sei omofobo, visto che discrimini tra i gay in base al loro grado di effeminatezza. Visto che temi di essere associato alle "checche". Non sia mai!! o.O

     

  •  

    Damn Boy Ver effeminato è uno che ha atteggiamenti da femmina!, quindi non è maschio!

  •  

    Damn Boy Ver io non discrimino, dico soltanto che non mi piace manifestare assieme a person che non mi rappresentano!

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli

    ma tu sei fuori. Maschio, almeno dal punto di vista anatomico, è uno che ha il cazzo!!! poi psicologicamente non è detto che uno che è effeminato si senta donna!! quasi mai è così! le persone transessuali sono una piccola minoranza!
  •  

  •  

    Damn Boy Ver con maschio non intendo solo uno che ha il cazzo... che discorso superficiale mamma mia.

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli ma se non ci sei mai andato!!! e comunque mica si può dire agli omosessuali effeminati di non venire! sono omosessuali anche loro!!!  sei tu che sei superficiale!!! alla manifestazione vengono anche le donne, le lesbiche!!! che gfai allora? non vieni perchè è pieno di donne??? che non ti rappresentano??

     

  •  

    Damn Boy Ver non vado perchè non serve a nulla! sto benissimo cosi, non sono discriminato e vivo benissimo nella società...non trovo nessun problema..

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli ciò che deve contare è che si tratta di una manifestazione contro le discriminazioni per l'orientamento sessuale. Le persone effeminate sono doppiamente discriminate, in quanto effeminate e in quanto omosessuali. Il fatto che però gli omosessuali non siano necessariamente effeminati non verrà mai alla luce se tu deciderai, come tanti altri, di non manifestare.

     

  •  

    Damn Boy Ver non sopporto invece le persone esibizioniste che voglion mostrare la loro sessualita al mondo intero. manco gli etero lo fanno!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli Non sei discriminato? e allora, come mai non compari col tuo nome e cognome su Fb?? di che cosa hai paura??

     

  •  

    Damn Boy Ver perch non interessa a nessuno cosa faccio a letto!

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli Gli eterosessuali non ne hanno bisogno. Capita mai a un eterosessuale di essere ucciso perchè eterosessuale???

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli ma cosa c'entra???

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli vuoi dirmi che hai un altro profilo dove ti descrivi da eterosessuale???

    e poi non saresti omofobo? lo sei con te stesso, se nascondi ciò che sei.

 

 

  •  

    Damn Boy Ver dal momento che uno uccide una persona, colui che uccide va in carcere.. sia che abbia ucciso un gay o un etero! non si tratta di sesso, ma di persone... le leggi vanno fatte in base all uomo come persona non in base ai sessi..ma come ragioni?

     

  •  

    Damn Boy Ver non mi sono mai descritto come eterosessuale! semplicemente non racconto cosa faccio a letto

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli si, ma è capitato spesso che una persona omosessuale sia stata uccisa in quanto omosessuale. Non è mai capitato che sia stata uccisa una persona in quanto eterosessuale.

     

  •  

    Damn Boy Ver non in base agli orientamenti sessuali*

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli semplicemente, non hai un profilo col tuo nome e cognome.

     

  •  

    Damn Boy Ver e quindi? colui che ha ucciso va in carcere. fine!

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli ma che ne sai tu??? ma ti informi??? hai mai sentito parlare, che so, di Matthew Sheppard?

     

  •  

    Damn Boy Ver dico soltanto che la legge non si fa in base agli orientament sessuali.. FINE

    8 ore fa · Mi piace

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli no, non può bastarmi. Ci deve essere una forte aggravante e non basta quella dei "futili motivi".

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli beh, mi sono stufato di parlare con te... tanto, non capisci niente.

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli Buona notte.

     

  •  

    Damn Boy Ver se uno uccide è perch ha problemi e lo metti in carcere fine.. uno che uccide un etero si merita la stessa pena di uno che uccide un gay!! non è che siccome uno uccide un gay allora si merita una pena maggiore..

     

  •  

    Damn Boy Ver ciao

  • Alessio Giandomenico Mameli Sì, se il movente per l'uccisione è stato l'orientamento sessuale della vittima.

     

  •  

    Damn Boy Ver ecco per me non ha senso sta cosa.

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli in realtà, si potrebbe anche dire che basta l'aggravante dei futili motivi, tra cui si può annoverare anche l'uccisione che la vittima ha subito solo per il fatto di essere gay.

     

    Un esempio per tutti:

     

    http://www.google.it/search?q=Matthew+Sheppard&ie=utf-8&oe=utf-8&aq=t&rls=org.mozilla%3Ait%3Aofficial&client=firefox-a

     

  •  

    Damn Boy Ver e quindi? se quella violenza l avesse subita un etero, la pena sarebbe dovuta essere la stessa..

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli Si, ma la violenza verso gli eterosessuali, in quanto eterosessuali, non è mai esistita. Quindi non esiste l'aggravante dei futili motivi derivati dall'odio per il loro orientamento sessuale.

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli Nessuno picchia un etero o gli dice dello "sporco eterosessuale". Mentre a me potrebbero darmi del "lurido frocio"; non avrei diritto a un po' di giustizia?

     

  •  

    Damn Boy Ver infatti non ha senso esista quell aggravante! il colpevole va cmq in carcere!!!

     

  •  

    Damn Boy Ver puo essere fatta una legge sull insulto o diffamazione, ma in generale, non solo per i gay!!!

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli

    Se un etero è fatto oggetto di violenza è solo per altri motivi che non c'entrano niente col suo orientamento sessuale; magari per derubarlo, o per un regolamento di conti. Magari ci sono comunque motivi futili, ma non c'è, a memoria d'uomo, un caso di omicidio di un eterosessuale, da parte di qualcuno che lo odiava in quanto eterosessuale.

     

    Di casi di omosessuali uccisi solo perchè omosessuali ce ne sono migliaia e spesso non sono neppure stati puniti a dovere.

     

  •  

    Alessio Martis

    damn boy a me sembri omofobo pur essendo gay.ti nascondi.e per me puoi fare il kavolo ke ti pare.ma nn offendere le drag,i gay femminili e i gay in generale.nn lo accetto.l ho detto da subito che chi si vuole nascondere,faccia il kavolo ke gli pare.ma nn offenda i gay.nn si permetta.ankora nn hai kapito ke i gay sn mal visti ,nn per kolpa dei gay femminili o delle drag ,cm dici tu,ma per kolpa della stronzaggine degli altri ke nn accettano chi è diverso da loro?o per quelli che si nascondono e poi offendono i gay?quelli nascosti nn sn meno gay degli altri.e ben vengano i dikiarati e i femminili piu coraggiosi di te perkè lo ammettono.

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli Si chiama: Omofobia interiorizzata.

     

    http://www.google.it/search?q=omofobia+interiorizzata&ie=utf-8&oe=utf-8&aq=t&rls=org.mozilla%3Ait%3Aofficial&client=firefox-a

     

  •  

    Damn Boy Ver una persona dal momento che uccide va punita! il motivo non conta...se ha ucciso perch gay non conta...conta il fatto che ha ucciso e va punito!

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli In ogni caso, magari riprendiamo il discorso un altro giorno... ora vado a letto. Sogni d'oro a tutti.

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli Certo che conta il movente... pensa che sul movente si basano le pene! :)

     

    E se il movente è cretino, la pena aumenta. :D

     

  •  

    Damn Boy Ver io non sono omofobo... ma mi fa schifo vedere maschi, comportarsi come femmine! è piu una questione di sesso..e sono dell idea che le leggi non vadan fatte in base agli orientamenti sessuali!

    8 ore fa · Mi piace

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli vanno fatto per proteggere le minoranze, quindi, anche gli omosessuali dagli abusi che subiscono da chi non li accetta come tali.

  • Damn Boy Ver si ma quelle persone vengono cmq punite lo stesso!! quindi non vedo discriminazione da parte della legge

     

  •  

    Damn Boy Ver una discriminazione puo essere il fatto che nel lavoro non venga preso un gay, allora si, qui fai una legge... ma nel caso della violenza no! notte

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli

    Le aggressioni verso persone omosessuali, fatte solo perchè omosessuali, o magari perchè effeminate, non dovrebbero proprio accadere, in un paese civile. Le leggi, da sole, chiaramente non bastano. Serve uno stato che educhi la cittadinanza al rispetto di tutti i cittadini. Serve che nelle scuole si faccia un'educazione sessuale completa, che non nasconda l'esistenza dell'omosessualità e della bisessualità e che non le descriva, sbagliando, come una devianza dall'eterosessualità, ma solo per quello che sono: orientamenti sessuali, per i quali nessuno deve essere discriminato.

     

    Anche essere picchiato, solo in quanto gay, proprio perchè gay, proprio perchè magari, ti sei baciato col tuo ragazzo mentre camminavi per strada, è una discriminazione, che quindi, va punita severamente.

     

  •  

    Alessio Martis

    se ti da fastidio per me sei omofobo.che male ti fanno?ti tolgono il pane dal piatto???nn penso.nn puoi rispettare tutti?tu fai quello che vuoi della tua vita ma lascia stare per favore la vita,le idee degli altri.che ne sai di loro?km tu ti nascondi e nessuno te lo vieta,rispetta gli altri.cm la legge?è giusto ke ci sia una legge kontro l omofobia che difenda i diritti e i bisogni dei gay .solo tu devi avere il rispetto per i tuoi diritti?

    8 ore fa · Non mi piace più · 1 persona

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli Lasciamolo perdere. Ne ho le palle piene.

    8 ore fa · Mi piace

  •  

    Damn Boy Ver alessio martis : a me personalment non piace vedere un maschio fare come una femmina. questione di gusti.

     

  •  

    Alessio Martis damn nn dire ad un altro di rispettare le opinioni di tutti se tu nn rispetti le opinioni di tutti.!e poi mi da fastidio ke usi espressioni forti come"mi fa schifo chi si komporta km femmine"sei il primo ke nn rispetta gli altri.anke a me fanno skifo gli omofobi.scusa!

     

  •  

    Damn Boy Ver io rispetto le opinioni degli altri!! ognuno la pensa come vuole.. non mi piace chi offende o diffama come ha fatto alessio mameli (potrei pure segnalarlo). i miei sono soltanto gusti, afferman che mi fann schifo non sto discriminando.. si tratta soltanto di gusti. non sono omofobo, visto che sono gay, ma lotterei piu sul fatto che anche i gay sono maschili, e non sempre checche come si crede!

     

  •  

    Alessio Martis nn è questione di gusti se dici che ti danno fastidio.per il mio parere ,è questione di intolleranza.mika ti ci devi fidanzare! quella, per me, sarebbe questione di gusti.

     

  •  

    Damn Boy Ver mi da fastidio in generale vedere un maschio comportarsi come una femmina, ma di certo non sto a discriminare, a picchiarlo o cose simili.. sono civile, ma semplicmente non mi piace quel tipo di persona

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli

    Guarda, me ne strafrego. Io non posso rispettare le opinioni di chi non rispetta altri omosessuali solo perchè sono effeminati. Ho cancellato quel suo ultimo commento; darmi dell'immaturo solo perchè gli dico che, secondo me, sbaglia, è una presa per il culo. Me ne lavo le mani. Che affoghi nella sua ignoranza e nei suoi pregiudizi.

     

    A risposta gli indico l'articolo che Scalfarotto a scritto contro Beppe Severgnini.

     

    http://www.ivanscalfarotto.it/2011/02/10/beppe-non-vuole-che-mi-sposi/

     

    Ho risposto a Beppe Severgnini, che si era pronunciato contro i matrimoni e le adozioni gay, dal blog de iMille.

     

    La presa di posizione di Beppe Severgnini su matrimoni e adozioni gay sul forum Italians del Corriere della Sera è la dimostrazione lampante che le persone eccezionalmente brillanti non dicono costantemente cose eccezionalmente brillanti. La tesi di Severgnini è sostanzialmente: le cose sono sempre andate così, è giusto che continuino; non sono omofobo, sono solo uno ragionevolmente conservatore.

     

    Se Severgnini avesse scritto sul Corriere soltanto trentacinque anni fa si sarebbe probabilmente pronunciato con il medesimo garbo contro il nuovo diritto di famiglia. Per millenni, infatti, il marito è stato il capofamiglia; il matrimonio era indissolubile; le donne non esercitavano la potestà sui figli che partorivano e commettevano (loro sì, i mariti no) un reato in caso di adulterio; lo stupro (reato contro la morale, non contro la persona) poteva essere sanato col matrimonio e le donne arrivavano alle nozze portandosi dietro la dote, sedute – come famose le civette del dottore – su un comò carico di tovaglie, lenzuola e asciugamani.

     

    Sarebbe stata una posizione legittima, maschilista ma legittima. Così come legittimo (ma evidentemente razzista e infatti oggi chiunque, fortunatamente, se ne vergognerebbe) sarebbe stato dirsi contrari al matrimonio tra persone di diversa razza o etnia.

    Così oggi la posizione di Severgnini sui gay è legittima – e anche probabilmente maggioritaria nel paese – eppure assolutamente omofoba.

     

    E’ omofoba perché oggi le famiglie fatte da due uomini e da due donne, che trentacinque anni fa esistevano appena, esistono e aumentano di numero. Così come esistono genitori omosessuali e figli di coppie gay e lesbiche. Dire “sono contrario” non ha nessun senso, perché ci sono centomila bambini alla cui esistenza non si può essere contrari o favorevoli, ma di cui bisogna soltanto prendere atto per poterli tutelare come ogni altro minore merita. In uno stato democratico, il diritto all’esistenza e alla dignità di queste persone, di queste famiglie e di questi bambini non può dipendere dalla sensibilità o dall’opinione di Severgnini o di altri. Limitare un diritto può essere legittimo solo in presenza di argomenti logico-giuridici molto forti e con una solida base oggettiva.

     

    L’opinione di un signore, o anche di una vasta moltitudine di signori, si scontra davanti al diritto di ognuno. Su questo sono convinto che anche Severgnini, persona eccezionalmente brillante, finirà col convenire.

     

  •  

    Damn Boy Ver scrivi quello che vuoi, tanto non leggo... sai solo insultare.. che tristezza

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli Standotene a casa, toglierai un "gay maschile" alla mischia! che guadagno!

     

    Detto questo, me me vado a dormire.

     

    Devi leggerlo, invece. Perchè Scalfarotto rispondendo a Severgnini, risponde annche a te, anche se non ti conosce.

     

  •  

    Alessio Martis tu diffami e offendi i gay ,da ciò ke ho letto.anke tu potresti essere segnalato.rikorda.nn è una questione di gusti dire ke fanno skifo.è omofobia,razzismo.anke a me fanno skifo gli omofobi.tu sei cm vuoi essere ma rispetta gli altri per favore.nn ti hanno fatto niente i gay effemminati.e nn conosci il mondo gay.i gay sn sia maschili che effemminati.è una cosa normale.ankio sn effemminato e cosi mi offendi

     

  •  

    Damn Boy Ver io non ho offeso nessuno, ho soltan espresso un gusto personale...segnala pure, non ho offeso nessuno a differenza vostra! sono civile ed educato, non come voi.. affermare che mi fann schifo i gli effeminati, non sto offendendo ma soltant esprimend un gusto personale...non ho detto che gli effeminat vanno uccisi!!! da parte vostra ho ricevuto soltanto offese e insulti.

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli

    Stai offendendo tutti gli effeminati che, malauguratamente, potrebbero leggere questi commenti.

     

    Per quanto ne sai, io stesso potrei essere effeminato e quindi tu potresti offendermi. In ogni caso, dire che ti fanno schifo gli effeminati è come dire che ti fanno schifo i neri, ma forse tu sei uno di coloro che credono che chi è effeminato lo faccia apposta di essere così; invce, uno, effeminato ci nasce, e non ne ha colpa.

     

  •  

    Damn Boy Ver io non ho offeso nessuno, ho soltant espresso un gusto personale...se esprimere gusti personali significa offendere, allora siete davvero strani!

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli tra dire "non mi piacciono gli effeminati" o "non mi metterei con un effeminato, perchè preferisco maschi più virili" e dire "mi fanno schifo gli effeminati", secondo te non c'è nessuna differenza?

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli si può offendere anche esprimendo gusti personali, secondo le parole che usi.

     

  •  

    Alessio Martis scusami un momento.frena.ti sfido a dimostrare che ti ho offeso una sola volta in questa conversazione.nn ti ho mai offeso.quindi che cosa vai a dire.e nn sn strano.quello sei tu!

  • Alessio Martis infatti.dire.mi fanno skifo,offende.a me fa rimanere male.!quindi.è inutile ke dici nn pikkio o altro.fai bene ma ci mankerebbe altro.nn sarai effemminato ma rispetta gli effemminati e nn dire "mi fanno skifo".usa il modo per dire le cose.dimostri di essere razzista.l importante è ke nn lo sei tu.poi gli altri penseranno da soli alla loro vita.e io nn ti segnalo.

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli

    Lui si offende solo per il fatto di avergli dato dell'ignorante pieno di pregiudizi. Purtroppo è ciò che è.

     

    A me fanno schifo gli intolleranti contro persone che non fanno niente di male; mi fanno schifo i razzisti e i sessisti e soprattutto gli omofobi, specie i gay omofobi.

     

    Mi fai schifo te, "Dammn Boy Ver". Sei tutto ciò che la Chiesa vuole che noi siamo: INESISTENTI, INVISIBILI, INCONSISTENTI.

     

    BASTA LEGGERE LA PROLUSIONE Ratzinger contro la legge antiomofobia. Dice le stesse cose che dici tu.

     

    http://host.uniroma3.it/progetti/cedir/cedir/Lex-doc/SCV_SS/DO_23_7_92.pdf

     

    Importante , in quanto rivelatrice dell'omofobia della Chiesa, anche quest'altra proluzione:

     

    http://www.vatican.va/roman_curia/congregations/cfaith/documents/rc_con_cfaith_doc_20030731_homosexual-unions_it.html

     

    Detto questo, a mai più sentirci.

     

  •  

    Damn Boy Ver ahahah stai parlando con un anticlericale. ahahah mi conoscessi almeno un po! ciao ciao

    7 ore fa · Mi piace

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli Io sono anticlericale, laicista e ateo. Pensa un po te.

     

    Tu invece sei un cattolico gay represso, ma tanto ora ti cancello.

    7 ore fa · Mi piace

  •  

    Alessio Martis e tu ci conosci? sai qualcosa di noi? di me nn credo proprio.ma anke se nn ti konosco neanke unpò,penso ke sei razzista,da quello ke hai scritto. ora basta sn stanco

     

  •  

    Alessio Martis io sn gay e cattolìco!

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli

    Si Alessio, ma tu non sei represso!  :)

  • Alessio Giandomenico Mameli

    Peccato, mi ha messo in lista nera, prima che io gli inviassi questo messsaggio....

     

    Se vuoi davvero farti conoscere, viene all'ARC mercoledì prossimo, in Via Puccini 51,

     

    http://www.associazionearc.eu/

     

    Non te ne pentirai.

     

    Per il momento di ho cancellato, ma non ti ho messo in lista nera, perchè vorrei continuare a dialogare con te, ma lontano dalla mia bacheca. Di omosessuali come te, ce ne sono milioni, la punta dell'iceberg siamo noi che manifestiamo anche per voi.

     

    Detto questo, se invece di nascondervi, anche voi usciste allo scoperto, le cose potrebbero migliorare.
  • Alessio Giandomenico Mameli ‎Alessio Martis, puoi copiarlo e incollarlo e inviarglielo tu??? Grazie.

     

  •  

    Alessio Martis ale,nn posso fare copia-incolla,uso il cellulare e nn fa.ma domani mi impegnerò a scriverlo parola per parola e mandarglielo in posta.nn rimanerci male se ti ha messo in lista nera.un saluto ale!

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli Io prima l'ho cancellato dagli amici, ma senza metterlo in lista nera... poi lui ha concluso l'opera.

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli Buona notte! (si fa per dire! O.o )

     

  •  

    Alessio Martis potrei venire ankio all arc,potendo,un giorno?la manifestazione è sabato prossimo??

  • Alessio Martis buonanotte e stai tranquillo,nn rimanerci male.OK???

     

  •  

    Alessio Giandomenico Mameli certo che puoi venire all'ARC! :)

     

    La prossima riunione è, mercoledì, come sempre, alle 20:30, in Via Puccini 51 a Cagliari.

     

    La Manifestazione inizierà alle 18 in Piazza Garibaldi, ma ci si inizia a radunare dalle 17 e chi allestisce dovrà sgobbare da molto prima. Io quest'anno cercherò di essere dalle 15, almeno, così do una mano e, magari, ci scappa anche qualche foto dell'allestimento.

     

    Tra l'altro, ho comprato una batteria di ricambio, così da poterla sostuire quando l'altra sarà esaurita. Forse farò più foto dell'anno scorso.

 

__________________

Fine!

 

 

 

 

Aspetto commenti!!!  :)

Tratto da:

http://www.facebook.com/media/set/?set=a.173232889402347.44362.100001469123450&cmntid=173313836060919

In messaggio privato ho avuto una conversazione con Alessio Martis e la pubblico qui perchè conclude tutta la faccenda.

 

 

Tra: Te e Alessio Martis

 

 

 

Alessio Martis

15 maggio alle ore 3.03

 

ale nn ho kapito una kosa.me la puoi spiegare per favore?

Inviato tramite Facebook Mobile

 

 

 

 

Alessio Martis

15 maggio alle ore 3.51

 

nn cancellare la conversazione per favore,se no domani non lo posso riscrivere. un salutone :)))

Inviato tramite Facebook Mobile

 

 

 

 

Alessio Giandomenico Mameli

15 maggio alle ore 10.50

 

che cosa non hai capito?

 

Comunque, non solo non cancellerò la discussione, ma l'ho copiata e salvata per farne una nota! :)

 

 

 

 

 

Alessio Martis

15 maggio alle ore 14.54

 

ahahah:)  cm stai?  ci sei rimasto male per ieri?cmq nn avevo kapito quando parlavate di omicidi di etero e di gay solo perké sn gay.mi ero disconnesso un attimo e nn avevo letto tt i commenti!

Inviato tramite Facebook Mobile

 

 

 

 

Alessio Giandomenico Mameli

15 maggio alle ore 15.00

 

In pratica gli ho detto che lo Stato deve punire pesantemente chi uccide una persona solo perchè omosessuale, considerato l'odio per la sua omosessualità come un'aggravante del delitto. Lui però non capiva!

 

Per lui, l'ideale sarebbe che di omosessualità neppure se ne parlasse e che sia tenuto tutto nascosto, nel segreto. Ma come fa uno a vivere così la propria vita? come fa a non desiderare una relazione? e nel caso in cui si innamorasse di un uomo, cosa farebbe? soffocherebbe il suo sentimento? oppure lo manifesterebbe, corteggerebbe quell'uomo, instaurerebbe con lui una relazione se l'altro acconsente e la vivrebbe naturalmente, come fanno le coppie eterosessuali, senza per questo che qualcuno abbia il diritto di giudicarlo spudorato o esibizionista, come lui invece considera i gay dichiarati e visibili?

 

 

 

 

 

Alessio Martis

15 maggio alle ore 15.21

ma che kaghi! gay omofobo dei miei stivali!per me è giusto ci sia quell aggravante! grazie per avermelo spiegato!:)

 

Inviato tramite Facebook Mobile

 

 

 

 

Alessio Giandomenico Mameli

15 maggio alle ore 15.23

 

Prego! :D

 

 

 

Alessio Giandomenico Mameli

15 maggio alle ore 15.25

Mi sa che aggiungo anche questa nostra conversazione alla nota.

 

Tanto so che non hainulla in contrario. :D

 

 

Non riesco a mandarti il link alla nota (dice che contiene contenuti segnalati e già dichiarati offensivi...  mah... )

__________________________

 

 

Tra: Te e Silvia Carta

 

Silvia Carta

16 maggio alle ore 15.44

ciao!

ho letto sulla pagina di ARC la tua nota sulla discussione con tale Damn Boy. ti applaudo per tutto quello che gli hai scritto e mi complimento per avere mantenuto molta più calma di quanto sarebbe riuscito a me. davvero, in altre occasioni avrei voluto essere capace di rispondere come hai fatto tu. vorrei solo darti un suggerimento piccolo piccolo, se mai tale Damn Boy si facesse risentire (ne dubito, ma non è impossibile): la prossima volta che dice "io non sono discriminato, quindi non manifesto" chiedigli, magari da parte mia, se la violazione di un diritto degli altri non sia da combattere quanto la violazione di un diritto nostro... ecco, io sono eterosessuale, ma il fatto che l'omofobia non danneggi direttamente me non significa che non vada combattuta! e la stessa cosa si può dire di ogni cosa che riteniamo ingiusta. ho trovato profondamente egoista il pensiero di "non tocca me, dunque non importa". se io non protesto per le ingiustizie commesse ai danni degli altri, chi protesterà quando l'ingiustizia colpirà me?

 

ti ringrazio della lettura :)

Silvia

 

 

 

Alessio Giandomenico Mameli

16 maggio alle ore 15.49

Grazie a te.

 

In realtà, io sono molto calmo solo quando scrivo. In un discorso faccia a faccia, mi capita di avere un tono di voce perentorio e irritante e, in casi non rari, di andare in escandescenze, il che è controproducente, perchè finisco col passare dalla parte del torto.

 

Su Fb ho dovuto imparare a moderarmi, perchè è già capitato che mi disabilitassero l'account per via delle maledizioni che ho lanciato contro omofobi e cattofascisti di varia risma. XD

 

Comunque grazie! :D

 

 

 

Alessio Giandomenico Mameli

16 maggio alle ore 15.50

Posso mettere questa nostra conversazione a mo' di chiosa finale d

della nota? :P

 

 

 

Silvia Carta

16 maggio alle ore 15.53

fai pure, mi fa un sacco piacere :D

 

 

 

Alessio Giandomenico Mameli

 16 maggio alle ore 16.27

:D




permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 19/5/2011 alle 21:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
SOCIETA'
25 gennaio 2010
Rassegna cinematografica "Chiesa e Omosessualità" :: Associazione Culturale ARC
24.01.2010
 


Rassegna cinematografica

CHIESA e OMOSESSUALITÀ

L'Associazione Culturale ARC, insieme al Circolo del Cinema ARCinema e all'Associazione Studentesca universitARC, e grazie ai contributi dell'E.R.S.U. - Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario, presenta la rassegna cinematografica "Chiesa e Omosessualità", che si svolgerà nelle serate del 28, 29 e 30 gennaio 2010, a partire dalle ore 20,30 presso la sala "Giovanni Cosseddu" della Casa dello Studente (via Trentino, Cagliari).

La breve rassegna, che ha lo scopo di presentare una posizione critica sul contradditorio rapporto tra l'istituzione religiosa, i suoi precetti e il tema dell'omosessualità quale libera espressione della natura umana, non intende in ogni caso essere un pretesto di mera polemica o vuota contrapposizione tra due naturali aspetti e modi di vivere (spiritualità e orientamento sessuale), quanto piuttosto un'occasione di dibattito, confronto e riflessione su uno dei temi più controversi della società italiana contemporanea.

Le serate saranno organizzate nel seguente modo:
 

giovedi 28.01, h. 20.30:
  • presentazione in anteprima del cortometraggio-intervista "Una questione delicata", di Peter Marcias - 30', ITA. 2009
    Il 7 settembre 2008 per la Sardegna è una grande festa: Papa Benedetto XVI arriva nel capoluogo isolano. Nella stessa giornata il giovane Christian Floris, sardo ma romano d'adozione, torna nella città sarda dopo anni. Una giornata calda e festosa per il "popolo" cattolico che acclama il suo Pontefice mentre dall'altra parte, la riflessione in solitudine di un ventiquattrenne balzato alle cronache nazionali perché aggredito e minacciato brutalmente da omofobi a Roma. Parole, silenzi, preghiere per raccontare una questione delicata che l'Italia non riesce a superare.
  • "Il diavolo nell'acqua santa", di Jow Balass, con interviste a: Imma Battaglia, Vladimir Luxuria, cardinal R. Etchegaray - 70', CAN. 2002
    Roma: la città sacra e profana all'inizio del nuovo millennio. Due eventi storici si confrontano. Mentre i cattolici convergono per il Giubileo, il più importante pellegrinaggio dei tempi moderni, migliaia di gay e lesbiche da tutto il mondo si incontrano per celebrare il primo Gay Pride Internazionale.
Alla proiezione dei due documentari seguirà il dibattito,
moderato da Michele Pipia.
Interverranno in sala il regista Peter Marcias e
  Christian Floris, protagonista
di
"Una questione delicata".

venerdì 29.01, h. 20.30:
  • "When Night is falling", di Patricia Rozema, con Pascale Bussieres, Rachael Crowford, Henry Czerny - 94', CAN. 1994 (eng. con sott. ital.)
    Camille e il suo compagno Martin sono due stimati insegnanti di un istituto religioso. Le loro possibilità di carriera sono però implicitamente condizionate dalla regolarizzazione della loro unione. Martin è pronto ad adeguarsi, mentre Camille comincia ad interrogarsi sui suoi sentimenti. La morte del suo cagnolino crea una piccola smagliatura nell'autocontrollo di Camille, facendo emergere poco a poco la sua emotività. E' in questo momento che Camille incontra Petra, fantasiosa ed avvenente artista circense.

sabato 30.01, h. 20.30:
  • "Il prete", di Antonia Bird, con Robert Carlyle, Linus Roache, Cathy Tyson - 106', G.B. 1995
    Un giovane prete, appena arrivato in un quartiere popolare di Liverpool, si trova a combattere contro padre Matthew che arringa i fedeli con convinzione e poi convive con la perpetua, contro un segreto professionale di violenza incestuosa e contro la propria omosessualità, vissuta clandestinamente con forti sensi di colpa.


Le proiezioni si terranno presso la sala "Giovanni Cosseddu" - Casa dello Studente, via Trentino - CA.
L'ingresso è gratuito, con tessera annuale ARC 2010 o ARCinema-F.I.C.C. 2010.

Si ringraziano per la collaborazione la "Circola nel Cinema Alice Guy" e Maria Pia Brancadori.


INFORMAZIONI:
 




permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 25/1/2010 alle 15:44 | Versione per la stampa
SCIENZA
18 novembre 2009
Maicol Berti è una transessuale non operata, non un omosessuale.

  

Alessio Giandomenico Mameli





Alessio Giandomenico Mameli
Esempio di relativismo etico :) ... per qualcuno è lecito frugare nelle borse altrui!
13 novembre alle ore 17.05 ·
Stefania Portas
Stefania Portas
eh porca pupilla abahahahhaha meraviglioso
13 novembre alle ore 17.12 ·
Alessio Giandomenico Mameli
Alessio Giandomenico Mameli
Diventerà un detto comune?
13 novembre alle ore 17.13 ·
Alessio Fois
Alessio Fois
Ahahahahh!! Che coglione, proprio non ci arriva!!!! :D
13 novembre alle ore 20.03 ·
Alessio Giandomenico Mameli
Alessio Giandomenico Mameli
Ti riferisci a Mauro?
13 novembre alle ore 20.19 ·
Alessio Fois
Alessio Fois
Non ricordo come si chiama, comunque il coglione che fruga nelle tasche e nelle borse altrui e fa finta di non capire ... :D
13 novembre alle ore 20.21 ·
Alessio Giandomenico Mameli
13 novembre alle ore 20.56 ·
Lilo Jack Russell
14 novembre alle ore 0.02 ·
Alessio Giandomenico Mameli
Alessio Giandomenico Mameli

tiposklerato84mi
povera? italia

virgi89
quanto godo quando dicono a camilla di stare? zitta...mamma mia

pacha79
Una checca isterica..che? schifo...

aggadym
In realtà non è neppure omosessuale!!!
Maicol stesso ha detto in un'altra puntata di essere diverso dai gay, perchè il gay è un maschio che si sente? maschio ed è attratto da altri maschi, mentre lui è si attratto dai maschi ma non si sente maschio, bensì femmina! Maicol è transessuale, anche se non ha ancora iniziato il percorso di cambio sessuale!

aggadym
Uffa!! Maicol NON è gay!! in un'altra puntata ha detto che si sente donna in n corpo maschile e che questo lo differenza dai gay, che invece si sentono maschi e sono attratti da altri maschi. Maicol invece si sente femmina, anche se fisicamente è maschio; dato che si sente femmina, se è attratto da maschi, non è omosessuale, ma eterosessuale. L'orientamento sessuale si riferisce? all'identità di genere e non al sesso anatomico. Nel suo caso genere e sesso non coincidono!

aggadym
Non per nulla! qualunque donna si sarebbe incazzata come? maicol e infatti Maicol, anche se fisicamente uomo, psicologicamente è una donna; non è omosessuale come ci si ostina a considerarlo, ma transessuale, dato che si sente donna.

aggadym
Non è gay!!! è una transessuale, si sente donna e si comporta come tale.... non c'entra niente coi? gay...

DICALLISTO
tanto nel? 2012 moriamo tutti..

rilda1991
ke umorismo?

rilda1991
riguardo a lucariello 180 noi dobbiamo andare a cagare xkè lo guardiamo ma x stare il? tuo commento vuol dire ke anke tu guardi qst e quindi cm siamo ignoranti noi lo sei anke tu

rilda1991
sono? d'accordo bravo

BilleskaEngel
@ArchonAndrea Guarda...Che non ti piaccia il GF son d'accordo per carità, (io se lo guardo è per vedermi MAI DIRE GRANDE FRATELLO e farmi 4 risate) però non andare a sfottere le persone...ricorda prima giudichiamo? noi stessi e poi gli altri...

artfire88
Quanto capre ci sn in italia! ma li rileggete i vostri commenti, X favore, e meditate sulle minchiate ke avete scritto?
Maicol può essere quello ke è, ma bisogna sempre portare rispetto, xké è sempre 1 xsona, e mettere le mani nella valigia? di un'altra xsona è indice di cattiva educazione e mancanza di rispetto. Imparate a basarvi sui punti principali, invece di preoccuparvi se è gay o trans, ecc.
Anche se x me Mauro è un coglione a cui verrebbe a chiunque voglia di pestarlo a sangue.

wholleson
@ aggadym: Guarda che uno che si sente donna non è che può essere chiamato transessuale, finchè non ha niente di chirurgico in? corpo. Se gli piaciono gli uomini è gay, se si sente donna è un fatto suo.

Poi, dico questo se proprio ti diverti a dare etichette...

aggadym
@Wholleson:

Assolutamente no. Io sono omosessuale e non mi sento donna. Se mi sentissi donna, non sarei omosessuale, ma transessuale, cioè avrei una disforia di genere. I transessuali non sono solo quelli che? cambiano sesso (quelli sono i transessuali operati) ma anche chi si sente del sesso opposto, ma non si sottopone ancora ad operazioni chirugiche e trattamenti ormonali. Transessualità ed omosessualità sono cose diverse e Maicol rappresenta i transgenders, non i gay!

aggadym
@Wholleson

Giusto per ribadire la differenza: se c'è disforia di genere , c'è anche transessualità. L'identità di genere e l'orientamento sessuale non hanno un nesso causale, però per descrivere l'orientamento sessuale di una persona, occorre considerare di che sesso si senta, cioè la sua identità? di genere: Maicol si sente donna, quindi, anche se fisicamente è uomo, non è omosessuale, ma eterosessale, dato che psicologicamente è femmina.

aggadym
@wholleson:

Se i gay si sentono femmine? ciò vorrebbe dire che una persona nata maschio che si sente donna ed è attratto da altri maschi "gay" nella sua stessa condizione, si sentirebbe attratto da una persona che, come lei, si sente donna: due donne attrattesi a vicenda? due lesbicone??

I gay non si sentono donne (e le lesbiche non si sentono uomini!!! ) mettetevelo in testa!
aggadym (9 minuti fa) Mostra Nascondi 0 Segnalato come spam Rispondi | Rimuovi @wholleson:

Io non mi diverto a mettere etichette, ma è brutto sentirsi dire, come mi è capitato, che non sono gay perchè non sono effeminato o che i gay si sentono del sesso opposto (un pregiudizio diffuso forse per darsi ragione del fatto che un? maschio si sente attratto da altri maschi! )

aggadym
@wholleson :

La transessuale lesbica è una rarità! posto, per precisione, che la transessuale è l'uomo che si sente donna!

Il 90% delle transessuali è eterosessuale, cioè ha l'orientamento sessuale in coerenza con la sua identità di genere. Questo è il caso di Maicol.

Tutti noi abbiamo una parte maschile e una femmiile; in Maicol quella femminile è prevalente e? in essa lei si riconosce! io mi riconosco in quella maschile e sta tutta qui la differenza tra gay e trans!




permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 18/11/2009 alle 12:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
diritti
17 novembre 2009
Commenti su Maicol Berti. Video su Youtube
 

Alessio Giandomenico Mameli

Origine: www.youtube.com

DIVENTA FAN SU FACEBOOK:
 
http://www.facebook.com/pages/Maicol-Berti/165082357691?ref=mf
Grande Fratello 10 - MAICOL BERTI



Julos Zeloga
XDD è troppo fuori:D... tifo x lui...
13 novembre alle ore 14.24 · Elimina
Alessio Giandomenico Mameli
Alessio Giandomenico Mameli
Alcuni commenti

francodipolistena94
frocio del cazzo tornatene a? casa tua oca di merda ... che concorrente del cazzo che avete scelto..
... Visualizza altro
92valeeee
maicol 6? il miglioreeeeeeee!!!

Adrianotv83
Maicol ha tutto il diritto di esprimersi, di comportarsi come la donna che dice di essere... ma? non è un omosessuale, si tratta di una trans ancora irrisolta, che deve intraprendere un percorso di accettazione della propria femminilità. Il gay e femmina con le femmine e maschio con i maschi... mica femmina/maschio con chi se lo piglia!

Mastefest83
VOI GENTE DI MERDAI, PRESI UNICAMENTE DALL'ISTINTO DELLA SOPRAFFAZIONE DEI VOSTRI SIMILI... altro che gay e? trans.. siete proprio la merda dei cani morti.. la feccia della società.. il mondo quando vi ha partoriti ha fatto una cazzata colossale!uno sbaglio assurdo

Mastefest83
siete un popolo di zombie.. i media vi hanno fatto il lavaggio del cervello.. nn vi è rimasto nemmeno piu un neurone.. vedrete il 2012 arriverà presto.. e il mediterraneo vi inghiottirà.. società di merda.. figli di puttana!bisognerebbe modificare il genoma di troppi stronzi sul pianeta terra!vi odiate tra nord e sud italia.. la camorra la mafia quegli altri cazzoni che vogliono la secessione.. la padania!governo cocainomane corrotto! tasse su tasse! e leggi assurde! crepate bestie!?

Mastefest83
ma magari brucia sta nazione di merda!! w la mescolanza di razze! w la libertà d'espressione! cazzo? a parigi vedevo certi gay mano nella mano.. e nessuno li cagava.. a roma li avrebbero ammazzati! ma nn vi mettete vergogna di essere italiani? e di avere questa mentalità del cazzo?questa mentalità sottosviluppata e retrò? giudicate giudicate senza nemmeno conoscere le persone.. giudicate una persona da cm si veste e da cm gesticola.. non sapete guardare dentro.. superficiali di merda!

Mastefest83
è la tv italiana che è merda! è la mentalità fascista che ci mette dietro a tutte? le altre nazione europee e mondiali.. conservatori di tradizioni??.. andate a fare in culo! siete un popolo di ignoranti.. sapete sl giudicare.. io vd maicol sotto un altro aspetto.. è simpatico e gentile.. voi riuscite a vedre solo l aspetto sessuale.. l aspetto esteriore..italiani superficiali del cazzo! contro l'omofobia e il razzismo!! ps: sn ETEROSESSUALE!

Mastefest83
per il bene degli italiani? ci sn anche italiani? intelligenti che nn hanno pregiudizi.. a me vabene maicol.. e sn contro l'omofobia e il razzismo!,i gusti sessuali saranno problemi suoi.. e poi è simpatico.. tu invece che hai scritto questo messaggio credi di essere + uomo di lui?? mmh nn credo proprio.. cacciate le palle bambocci del cazzo!

aggadym
Guarda che si sente donna, quindi è una transessuale, non un gay.... i gay non sono così effeminati... e non si sentono donne... mettetevelo nella zucca!!!

E comunqe ti consiglio di non fare vedere il GF ai tuoi bambini a prescindere dalla presenza di gay e di? trans; sarebbe solo spazzatura anche se ci fossero solo eterosessuali. Non è di certo un programma per bambini.

stilloso91
una cosa sn i gay cn tutto il rispetto... ma questo? nemmeno gay è... è una kekka isterica ke spera di diventare famoso facendosi inculare da tutti.... mandatelo a casa....

misterjo73
buttatelo fuori per il bene della casa, degli italiani, che esempio diamo ai bambini che schifo. gay di merda hai? rotto i coglioni tornatene da dove sei venutp ricchione
13 novembre alle ore 14.26 · Elimina
Alessio Giandomenico Mameli
Alessio Giandomenico Mameli
Si, a me è simpatico, ma se deve vincere come gay, allora tifo contro! :) Si deve arrivare alla fine del GF con la rivelazione: Maicol Berti è l'altra persona transessuale nel GF 10, e di omosessuali, salvo coming out sensazionali, non ce ne sono.
13 novembre alle ore 14.29 · Elimina
Julos Zeloga
Julos Zeloga
che è?? i commenti su youtube???
13 novembre alle ore 14.30 · Elimina
Julos Zeloga
Julos Zeloga
si si... hai piena ragione...
13 novembre alle ore 14.32 · Elimina
Alessio Giandomenico Mameli
Alessio Giandomenico Mameli
Si, incollo qui alcuni commenti dai siti da cui prendo i link...
13 novembre alle ore 14.36 · Elimina
Julos Zeloga
Julos Zeloga
ho letto solo il primo, e come sempre non mancano gli omofobi, come dice lui, DEL AZZ
13 novembre alle ore 14.39 · Elimina
Katya Serena
Katya Serena
per me la cosa brutta è che bisogna fare questa polemica attraverso un programa che nutre il sistema, che vive e cammina grazie alla discriminazione e la lotta contro di essa... Io dico: facciamo uscire Maicol dalla casa, prendiamolo per man e marciamo per le strade di questa nazione assurda facendo capire al mondo che ci siamo e siamo normali!!! Cazzo, mi viene da piangere! :'(
13 novembre alle ore 16.00 · Elimina
Alessio Giandomenico Mameli
Alessio Giandomenico Mameli
Altri commenti da quel sito:

*GrandiLive
che caruccio...io lo amo :-)?
... Visualizza altro
*FolleGemma
avete rimmosso alcuni commenti e avete? lasciato una bestemmia inguardabile.
A chi bestemmia ricordati che dio ti ha dato la vita...forse però si è scordato il cervello...Maicol è dolcissimo è ha tanta umanità molta di piu' di chi accusa i gay. Loro saranno gay ma chi li accusa E' UN PERDENTE NATO!!!

*siriasecondapelle
A mei fa skifo chi critica la sessualita'? e le espressioni altrui. Per il resto potete criticare questo mondo di merda e infernale dove siamo schiavi.

*6YLENIETTA6
Lo amoooo?

*3F93
infemminato? Ahahahahahah e dire che ero depresso, stasera, e? ora rido come un idiota

*simocippo
DIO BASTARDO vergognatevi? tutti recioni dio cane

*boorpolo
ahhahahaha mi son? pisciato leggendo questo :D

*boorpolo
Commento rimosso dall'autore

*mondaz94
povero bambino?

*iltriodematte
povero bambino cosa ?????

*mondaz94
siamo un po? froci?

*endryu1988
e bello non ce? da dire

*xxxLiYaxxx
maicol è troppo simpatico e divertente!!! vincerà lui il GF? quest'anno

*SuperErika94
maicolllll sei un grandeeee....STUPENDOOOOO ? ....è troppo specialeeeee!!!!......e smettetela di dire ke fa skifo...xkè qll ke fanno skifo siete vooooi!!!!!!....LUI è PERFETTO!!!!SIMPATICO ...UNIKOOOO ? ? ? grandee maicollllll!!!

*endryu1988
hai ragione maicol e grande vincera lui il grande fratello e? sipatico aicol

*89artista
ke skifo porco dio...?

*DorkTy077
RIPETO (Visto i commenti sottostanti)

*SBATTEZZIAMOCI TUTTI,
E? METTIAMOLO NOI NEL CULO AI PRETI!!

E' POSSIBILE FARLO DAL SITO DEGLI ATEI ED AGNOSTICI ITALIANI

il costo di una raccomandata con ricevuta di ritorno (ed è tutto quello che serve!).

su google: UAAR/LAICITA/SBATTEZZO

°°°°°°°°°°°°

(N.B. qui non siamo su yoututube, quindi posso inserire il link: http://www.uaar.it/laicita/sbattezzo/ )

°°°°°°°°°°°°
--
*lilletta81
2)..io ammiro le xsone cm maicol..nn avranno le palle? x un certo senso,ma a livello d attributi..sn d gran lunga superiori a certe teste d cazzo ke si spacciano grandi uomini,ma poi sentendoli parlare come tante merde,nn valgono una lira..riflettete sfigati..magari troverete la vs pace interiore e nn rompete+ i cojoni alle altre xsone.. ps scusate il linguaggio leggermente colorito,ma qnd ce vò ce vò..EKKE CZZO!! :)

*lilletta81
emilieno..agositamostro e lorebike..allora ,intanto andatevene a cambiarvi sti nick ke fate cagare i + stitici..e cmq forse dietro tutta? stà rabbia si nasconde qlk vostra strana frustrazione inconfessabile?..magare siete froci anke voi e v rabbia o nn avete le palle x uscire allo scoperto??

*lorebike
Ma i ragazzini delle nuove generazioni che guardano la tv, girellano.. e vedono sempre più froci, come cazzo fanno a capire come funziona il mondo??? ? FROCIONI DEL CAZZO!!! A LAVORO IN MINIERA SAI!!!!!!!!!!!!

*mondaz94
culattone di? merda

*colico4e
non sai qnt rido se tuo? figlio diventa gay..sfigato

*agositamostro
Brutto Gay del cazzo già hanno messo i video su you tube
Già lo? schifo e poi me lo fate anche vedere
Ma tolgiete questo Mongoloide da internet che mi infetta il pc

*agositamostro
Grandissimo
Bravssimo
Lo schifo un sacco gli staccherei gli acchi a qulfrocio del cazzo.
li schifo u8n casino
sei uomo e fai l'uomo frocio del cazzo
e brutto e non fa ridere
Se lo incontro per strada gli d un amazzata che gli faccio volare la testa? a quel frocio del cazzo
Brutto Gay di merda ((( NON A TE SIMONE xD )))

*jo0o0oke3e3er
merita di vincere? maicol

*mariarosaria22
sei grande maicol fai ridere un sacco ci piacceeeeeeeeeeeeeeeeeeeee
eeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeee!!!!
?
*missPattinsonBloom
maicol maicol maicol! vince lui! è ovvio è un grande ed è fighissimo!!!.... ? =)=) " non sono esattamente il figlio maskio k mio padre voleva " XDDDD bello lui!?

*magagnomagagni
dovrebbero esserci moltri più ricchioni come maicol...invece? di bruciarli bisognerebbe favorire la loro proliferazione..così i tipi a cui continua a piacere la fica hanno meno concorrenza e ste stronze si accontentano pure dei racchi!Viva la fica e viva i ricchioni!
kiodath (2 giorni fa) Mostra Nascondi 0 Segnalato come spam Rispondi | Spam Teoria interessante,? non fa una grinza...

*Mastefest83
a me sinceramente questo ragazzo mi è simpatico.. fà ridere cn i suoi atteggiamenti femminili.. è inutile negarlo.. mi fa anche un pò di tenerezza.. perchè mi metto nei panni suoi.. e deve esser brutto sentirsi donna in un corpo maschile.. quindi cazzo perchè odiare una persona del genere io nn capisco.. andai a Parigi li ci sn omosessuali? mano nella mano..nessuno li caga.. vivono in libertà ,tranquilli.. perciò odio sto paese di merda..siete troppo IGNORANTI!

*Mastefest83
a me sinceramente questo ragazzo mi è simpatico.. fà ridere cn i suoi atteggiamenti femminili.. è inutile negarlo.. mi fa anche un pò? di tenerezza.. perchè mi metto nei panni suoi.. e deve esser brutto sentirsi donna in un corpo maschile.. quindi cazzo perchè odiare una persona del genere io nn capisco.. andai a Parigi li ci sn omosessuali mano nella mano..nessuno li caga.. vivono in libertà ,tranquilli.. perciò odio sto paese di merda..siete troppo IGNORANTI!
circa un'ora fa · Elimina
Alessio Giandomenico Mameli
Alessio Giandomenico Mameli


Sintetica87 E' vergine?? O.O

Ho letto nella sua scheda che ha avuto una relazione durata 3 anni... ... Visualizza altro

KiAeris
una cosa non implica? necessariamente l'altra U.U

simone11212
certo che dico froci di merda li brucerei tutti per quello che vogliono? non per altro -.-

Mastefest83
non credo siano affari tuoi i loro gusti sessuali.. se poi te ne vuoi fare carico dei loro interessi sessuali beh stai proprio? rovinato.. io nn capisco a voi cosa cazzo ve ne frega se a questo gli piace il cazzo e nn la figa.. parlando proprio terra terra se no nn mi capite.."li brucerei" perchè tutt quest' odio questa cattiveria? che cè mamma ti ha fatto mancare l'affetto da piccolo?

Mastefest83
queste puttanelle che vi scopate.. ma come fanno a scopare cn voi che siete ancora dei bambocci senza? cervello??

AugustoDeRosa
eheh che tenero dai?

Birillosa
un po', non tanto eh, sono speciale!! ? =)

Convithebest
te manca...va fatte na fameja...hahah?

pasottina89
ma state zitti? !!!!!! maicol è il megliooooooooooooooooooooooooo ooo
circa un'ora fa · Elimina
Alessio Giandomenico Mameli
Alessio Giandomenico Mameli
*misterjo73
gay o infemminato di? merda

*Slipknot2077
ma cosa vi hanno fatto di male i gay??? NIENTE e allora lasciateli? in pace xkè anke loro hanno il diritto di vivere cm tt le altre persone!!!! ... Visualizza altro

*PrincipeLeandro86
Oh cazzo? è gay!!!

*Stellebuone
simò...
ma vacagher...
cmq sono una donna, omofobo. sai? che gli omofobi hanno paura degli uomini no? quindi tu hai paura di te stesso. ma che dico? che sei un uomo tu? puah!

*simone11212
io nn sono omofobo, non ho paura degli uomini. a me fanno schifo i froci e i trans. andate a farvi fottere sul pianeta? dei froci invece di chiedere gli stessi diritti di una famiglia uomo-donna.

*simone11212
e poi infatti allora se io? non sono un uomo chi è un uomo? un frocio di merda? una checca?? o un trans?? il 2012 ripulirà tutto il mondo compreso me e te, ma se devo morire almeno saprò che con me verranno anche questi senzasesso

*Stellebuone
a simò...
e molla l'osso. non essere offensivo, a? te come a tutti quelli come te, non vengono a togliere nulla. vivi e lascia vivere.

*simone11212
io sono offensivo perche quello che chiedono è un offesa ai valori in cui io credo... i valori del cristianesimo cioè il matrimonio tra uomo e donna... finche stanno da parte a farsi i cazzi loro e prendendolo al culo a me non interessa... ma? quando vengono a chiedere il matrimonio tra gay ALLORA NO

*aggadym
Il matrimonio deve essere esteso anche alle coppie omosessuali, visto che la legge è? uguale per tutti e lo Stato non può discriminare le persone in base alle loro condizioni personali, in base all'articolo 3 della Costituzione Repubblicana (che magari tu non riconosci, da fascista quale sei, vero Simone?), quanndo non c'è ragione di credere che ciò possa recare beneficio alla collettività: a te se non sposo l'uomo che amo, che bene ti viene?

*aggadym
Il matrimonio non è funzionale alla procreazione, perchè se così fosse andrebbero annullati i matrimoni delle coppie eterosessuali rimaste senza figli e andrebbe vietato il matrimonio, anche civile, alle coppie anziane. Non c'è quindi motivo per vietare il matrimonio civile alle coppie omosessuali, se non ragioni pregiudiziali. Ho messo dei video contro l'omofobia, e presto ne metterò degli altri? a favore del matrimonio civile (o unione civile) anche per le coppie dello stesso sesso.

aggadym
Simone: l'essere uomini non implica anche l'essere eterosessuali. Un gay e n bisex , quasi semprem sono uomini che si sentono uomo e che sono da altri uomini. In natura anche questo è possibile. Il fatto che persone come te non lo vogliano accettare non vuol dire che l'omosessalità sia contronatura: se una cosa esiste è anche naturale, dato che in Natura esiste solo ciò che è naturale... Non so se mi spiego: Natura è Realtà sono la stessa cosa. Non va confusa la natura con la? morale.

*aggadym
Simone, non meriteresti neppure l'attenzione di una risposta.... comunque, nel 2012 il mondo non finirà... stai? tranquillo :) sono tutte leggende e miti. Ad ogni buon conto, una transessuale, cioè un uomo che si sente donna (o meglio, una donna che vive, so malgrado, in un corpo maschile), non si mette in competizione con te su chi è più uomo; anzi, proprio perchè si sente donna, una transessuale non ti considera come modello, e neppure come avversario.

*aggadym
Una precisazione che do a questo mio commento è questa: l'orientamento sessale e l'identità di genere non sono correlate. Può capitare quini che un maschio sia attratto da maschi sentendosi maschio e che una femmina si senta femmina ma sia attratta da femmine; il fatto che ciò accada non spesso (solo nel 10%? della popolazione se l'omosessalità è escusiva, di più nel caso dlela bisessalità) non autorizza nessuno a considerarci contronatura.
(continua...)

*aggadym
Oltrettutto una persona transessuale come Maicol non è omosessuale, ma eterosessuale, proprio perchè si sente donna! ma capita anche il caso di una persona transessuale e omosessuale al tempo stesso; in che senso?? nel senso, ad esempio, di un uomo che si sente donna e che è attratto da donne. Per determinare l'orientamento sessuale occorre tener in conto non il sesso anatomico, ma quello psicologico, detto genere. (continua...)

*aggadym
Il mio genere coincide con il mio sesso: mi piacciono i maschi, sono gay. Il genere di Maicol non coincide con il suo sesso, ma con quello femminile (lui si? sente donna); quindi visto che gli piacciono i maschi, ma si sente donna, è eterosessuale. ;) :D Contento Simone??



*FotonicamenteMe

Già Maicol è perfetto sono ji altri? che sn sbajati!!! GRANDE MAICOL

*FotonicamenteMe
Pensatela come vi pare ma questo ragazzo è SIMPATICO e SPONTANEO.
Almeno lui ha avuto il coraggio di dire quello che è...e non nascondersi dietro una maschera da macho... BRAVO MAICOL CONTINUA CSì!!!! e la sapete 'a cosa voi che? discriminate gli omosessuali mi fate SCHIFO!!!

*kiodath
Ma scusa parli di valori cristiani e poi dici "froci di? merda li brucerei tutti" ? Lo so che hai 13 anni e magari per te è un concetto un pò complicato, ma questa si chiama ipocrisia. Passo e chiudo perchè so già che mi beccerò un insulto gratuito e non voglio fomentare l'idiozia

*giuksis
847298347982347023847023894 di volte meglio gay che teste d cazzo come voi....?

*aggadym
Simone!!! Ignorante!!! Omofobia non vuol dire paura degli uomini.,.... omo non vuol dire uomo!!? etimologicamente omo- deriva da homos che in greco antico significa "uguale". fobia= paura.

Etimologicamente si tratterebbe di "paura di ciò che è uguale a sè" il contrario della xenofobia. In realtà si tratta della parola macedonia nata dall'unione di omosessuale con fobia.... Quindi visti che ti fanno schifo gli omosessuali e i transessuali sei omofobo e anche transofobo. 


 0
 
Dimostralo.... sparare opinioni così denigratorie senza alcuna ragione valida, ha solo un nome: razzismo e xenofobia.
La disforia di genere non è stata cancellata dal Dsm (il prontuario mondiale delle malattie mentali), però è cambiato l'approccio terapeutico; non più cercare di cambiare l'identità di genere, cosa impossibile, ma semmai modificare i caratteri sessuali secondari in modo da rendere la persona transessuale il più possibile simile al genere cui appartiene, cioè al sesso cui sente di appartenere. Lo ha fatto Gabriele? Belli, può farlo anche Maicol Berti.

In ogni? caso la logica sta dalla mia parte: se si sente donna ed è attratta dagli uomini è eterosessuale, anche se è fisicamente maschio. Poi puoi anche considerare la disforia di genere una malattia mentale, ma da qui a dire che Maicol sia una merda ce ne passa.
ki mi sa dire kome si kiama la canzone del 35? secondo fino al 46 secondo??? perfavore
te dici ke fa finta d essere omosessuale??
nn è lui la merda!? siete voi le merde ke lo continuate a insultare.....xkè uno nella vita fa quello ke gli pare.....bisgona rispettare tutti!!!!!
no? non è eterosessuale, è una merda.
mi dispiace che gli sia morta la mamma ma si vede che finge e poi grande fratello e una stronzata enorme e basato sul pettegolezzo sui? litigi e sul sesso ....XD
0:58 ke? faccia... e finge XD

elismcr
(19 ore fa) Mostra Nascondi
 
So What? di Pink (:
clara94v (19 ore fa) Mostra Nascondi
 0
Segnalato come spam
sapete come? si chiama la canzone k inizia a 0:12???




permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 17/11/2009 alle 16:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
SOCIETA'
17 settembre 2009
Rassegna a tematica GLBT presentata da ARC. Edizione 2009
 
Finalmente la rassegna cinematografica "Uno Sguardo Normale", a tema GLBT, presentata dall'Associazione ARC

L'Associazione Culturale ARC, il Circolo del Cinema ARCinema (membro F.I.C.C.) e l'Associazione Studentesca UniversitARC - con il supporto della Provincia di Cagliari - Provincia de Casteddu, i contributi dell'E.R.S.U., Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario e la collaborazione dell'Associazione Universitaria "Orizzonti Nuovi" - presentano, per il settimo anno consecutivo, la rassegna cinematografica "Uno sguardo normale... la diversità sta negli occhi di chi guarda", che si svolgerà da lunedi 28 settembre a sabato 3 ottobre 2009 a Cagliari, presso il cineteatro "Nanni Loy" della Casa dello Studente (via Trentino - CA).

La rassegna, che prevede le proiezioni di sei titoli a tematica G.L.B.T. (gay, lesbica, bisessuale, transgender) e la presentazione del libro "Buoni genitori" della prof.ssa Chiara Lalli, si propone anche quest'anno, così com'è stato fin dalla sua prima edizione nel 2002, di sensibilizzare la società sui temi delle naturali diversità di orientamento sessuale e sulla necessità di raggiungere equivalenti diritti civili per tutti, attraverso l'universale mezzo di comunicazione ed espressione del cinema. Ancor più quest'anno, drammaticamente segnato nel nostro Paese da incivili atti di violenza contro persone omosessuali e transgender, e veri e propri attentati contro iniziative, locali ed attività gay-friendly, ARC sente l'esigenza di mobilitarsi e far sentire la sua voce contro questa recrudescenza dell'omofobia in Italia, secondo il suo carattere e la sua esperienza di associazione culturale e studentesca: maggiore sarà la partecipazione ad "Uno Sguardo Normale - 7^ edizione", maggiore sarà anche la visibilità anche a Cagliari della lotta di gay, lesbiche, bisessuali, transgender e di quant'altri vorranno condividere le nostre ragioni di libertà, laicità e civiltà .

Tutte le proiezioni si terranno presso il CINETEATRO "NANNI LOY" dell'E.R.S.U. in via Trentino, Casa dello Studente (Cagliari). L'ingresso è GRATUITO (con tessera ARC o ARCinema 2009).









Ecco il programma della rassegna:



  • Lunedi 28 settembre, h. 21
    Il primo giorno d'inverno
    ITA. - 2008 - 88' - DRA.
    di Mirko Locatelli, con Mattia De Gasperis, Michele Cova, Andrea Semeghini, Alberto Gerundo

    Valerio è un adolescente che vive nella provincia milanese. Nel mondo scolastico e della piscina di nuoto in cui si allena Valerio è costretto a percepire la propria diversità . Quella che lo spinge ad isolarsi nella campagna o a compiere lunghi tragitti sul suo motorino che ogni tanto lo tradisce. Vorrebbe avere delle amicizie ma i compagni lo respingono e chi lo aiuta sa di mettere a repentaglio il proprio ruolo nel gruppo di quelli che contano. Un giorno, del tutto improvvisamente, accade qualcosa che gli cambia la vita...
    [PRIMA ASSOLUTA A CAGLIARI]

    ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

  • Martedi 29 settembre, h. 21
    Letter Days
    U.S.A. - 2003 - 107' - SENT.
    di C. Jay Cox, con Wes Ramsey, Steve Sandvoss, Jacqueline Bisset

    Il ventenne Christian è il tipico ragazzo gay che frequenta i party di Los Angeles: palestrato, abbronzato e con l'abitudine a quotidiane avventure sessuali. Un bel giorno un appartamento vicino al suo viene preso in affitto da quattro missionari mormoni, tra i quali il diciannovenne innocente e sessualmente confuso Aaron. Il loro incontro è destinato a trasformare completamente le personalità e le vite di entrambi, e non solo...

    :::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

  • Mercoledi 30 settembre, h. 21
    Mala Noche
    U.S.A. - 1985 - 75' - DRA.
    di Gus Van Sant, con Tim Streeter, Doug Cooeyate, Ray Monge

    Opera prima del regista premio Oscar di "Milk", basata sull'omonimo romanzo autobiografico di Walt Curtis: il film è la storia di un amore folle. Il protagonista, un gay che ha già una relazione, si innamora di un giovane sedicenne immigrato clandestino messicano. in una scena del film dice: "voglio dimostrare a questo ragazzo messicano che io sono gay solo per lui". Ma il ragazzo non capisce l'inglese e trova Walt strano e indesiderabile. Il film racconta molto bene la vita di immigrati poveri ed emarginati, mettendola in uno stridente confronto con la cultura e la vita degli americani...
    [LINGUA ORIGINALE CON SOTT.]

    ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

    • Giovedi 01 ottobre, h. 18,30
      Buoni genitori - Storie di mamme e di papà gay
      di Chiara Lalli

      "I figli devono avere una madre e un padre". "È contro natura". "Una lesbica non ha istinto materno". "I figli degli omosessuali diventano omosessuali". Tante le obiezioni all'omogenitorialità. Tanti i pregiudizi e le paure che scivolano sulla bocca della gente. Chiara Lalli disinnesca automatismi e generalizzazioni scontate lasciando la parola ai protagonisti. Gioie, problemi, difficoltà nell'immaginare un futuro: come in tutte le famiglie, ma con la frustrazione per i diritti negati.
      [PRESENTATO DALL'ASSOCIAZIONE UNIVERSITARIA "ORIZZONTI NUOVI": SARÀ PRESENTE L'AUTRICE E L'ASSESSORE PROVINCIALE ALLE POLITICHE SOCIALI ANGELA QUAQUERO]


  • Giovedi 01 ottobre, h. 21
    Baby Love
    FRA. - 2008 - 93' - SENT.
    di Vincent Garenq, con Maria de Medeiros, Antonia Liskova, Mounir Ouadi

    La vita sentimentale di Emmanuel e Philippe, da tutti reputati la coppia perfetta, sembra scorrere felicemente. Tuttavia, quando Emmanuel inizia ad avvertire un forte desiderio di paternità, il loro rapporto viene messo a dura prova. Determinato ad avere un figlio, Emmanuel decide di andare in cerca della donna che potrebbe realizzare il suo sogno. La scelta cade su Fina, una bella colombiana, immigrata clandestina, che in cambio di un matrimonio di convenienza sarebbe disposta a diventare madre...

    ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

  • Venerdi 02 ottobre, h. 21
    Fuori menù
    SPA. - 2008 - 100' - COM.
    di N. G. Velilla, con Javier Camara, Lola Duenas, Fernando Tejero

    Maxi pensa che la sua vita sia perfetta. È un famoso cuoco che possiede uno dei ristoranti top di Chueca, il distretto di Madrid con la più grossa comunità gay. Vive la sua omosessualità senza problemi o complessi. Suo unico desiderio è quello di far guadagnare al suo ristorante una stella sulla guida Michelin. Le cose cambiano quando compaiono i figli avuti da un precedente matrimonio di "percorso" e soprattutto quando arriva un nuovo vicino di casa, un attraente e famoso giocatore di calcio argentino...

    ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

    Sabato 03 ottobre, h. 21
    Over the Rainbow

    ITA. - 2009 - 80' - DOC.
    di Maria Martinelli e Simona Cocozza, con Daniela Bellisario, Marica Pierdicchi

    Conflitti, delusioni, e speranze di una coppia lesbica italiana che non si nasconde e che rivendica il desiderio della maternità , in viaggio obbligato all'estero per raggiungere i propri sogni. Daniela e Marica sono due donne, vivono insieme da tre anni e si amano. Daniela e Marica desiderano un figlio. Il documentario racconta la vita di Daniela e Marica nei sette mesi prima della loro partenza per compiere l'inseminazione assistita alla clinica "Nina Stork" di Copenaghen...
    [SARANNO PRESENTI LE DUE PROTAGONISTE]

    °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

    Fonte

  • http://www.associazionearc.eu/homepage.html



  • permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 17/9/2009 alle 16:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
    fotografia
    28 aprile 2009
    Maschi che si baciano (prima serie)
      

    Maschi che si baciano
    (prima serie)











    permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 28/4/2009 alle 19:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
    SOCIETA'
    9 aprile 2009
    Notizie Gay del 9 aprile.
     Notizie gay Breaking News 9 aprile giorno.
     
    Oggi alle 13.18
    Terremoto in Abruzzo. Al Qaeda ringrazia Allah per i morti.
    [http://www.notiziegay.com/?p=26821]
    Fanno il tifo per il terremoto e sono contenti per le disgrazie capitate agli italiani: “Finalmente hanno avuto anche loro giorni neri. Oh Allah, uccidili e falli vagabondare”. Così scrivono sui forum jihadisti i seguaci ...
    ...........

    Chiavari, sesso in cattedrale con prostituta. Il vescovo, «Episodio isolato».
    [http://www.notiziegay.com/?p=26829]
    «È stato sicuramente un episodio isolato, spiacevolissimo, quello dell’altro giorno. Ci auguriamo che a nessuno, mai più, venga in mente di fare una cosa del genere». Mentre dalla diocesi, superando un comprensibile ...
    ..........

    Tendenze “Lasciarsi su Facebook”, a una settimana dal lancio i numeri del successo del video.
    [http://www.notiziegay.com/?p=26833]
    “Io ti ho cliccata e mi hai cliccato pure tu” canta il nostro Manuele D’Amore. Ma quelli che l’hanno cliccato, nel corso della prima settimana di lancio, sono molti di più. Contavamo molto sulle potenzialità di ...
    ..........

    Terremoto Abruzzo, il peggio della tv visto da Striscia. Videoraccolta della vergogna.
    [http://www.notiziegay.com/?p=26837]
    Striscia La Notizia ha sintetizzato in tre minuti quello che noi abbiamo cercato di mostrarvi nel lungo post di ieri dedicato agli orrori dell’informazione prodotti dai Tg e dai programmi tv che hanno ...
    ...........

    Scimpanzè di facili costumi, offre sesso in cambio di cibo. Alcuni maschi non disdegnano rapporti orali e omosessuali.
    [http://www.notiziegay.com/?p=26842]
    Le femmine si accoppiano più spesso con i maschi che dividono quel che hanno appena cacciato. L'esperto: "Animali dotati di intelligenza e memoria, sensibili al ...
    ..........

    Iraq. La guerra è finita ora è caccia ai gay.
    [http://www.notiziegay.com/?p=26853]
    In due mesi uccisi 25 ragazzi. Sui corpi un messaggio: “Pervertiti”. Oggi a Bagdad si respira una calma relativa ma per gli omosessuali la vita è sempre più dura. L’Iraq sta conoscendo un’atmosfera di relativa ...
    ...........

    Letteratura. Io scrittore gay contro il silenzio.
    [http://www.notiziegay.com/?p=26846]
    Il cognome italiano dello scrittore cileno Pablo Simonetti viene dai nonni liguri. «Infatti ho incontrato diversi Simonetti nelle mie recenti vacanze liguri, soprattutto a Rapallo» racconta, e aggiunge: «Nella mia ...
    ..........

    http://www.notiziegay.com



    permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 9/4/2009 alle 13:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
    SOCIETA'
    8 aprile 2009
    Notizie gay dell'8 aprile.
     

    Notizie Gay Breaking News
    8 aprile giorno.

     
    Oggi alle 12.49
    Usa. Sì ai matrimoni gay anche nel Vermont. E’ il quarto stato USA che li riconosce.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=26766]
    Lo Stato nordorientale del Vermont e' il quarto degli Stati Uniti a legalizzare i matrimoni gay e lo ha fatto oggi con il voto del ...

    ..........

    In Vaticano si legge Hitler, ma non Kant.
    [
    http://roma.cronacacity.com/?p=1194]
    Die Welt contro il Vaticano: sì a Hitler, no a Kant. Adolf Hitler non compare fra i nomi degli autori inseriti nell’Indice dei libri proibiti dal Vaticano; Immanuel Kant, invece, sì. Così il quotidiano...
    ..........

    Usa. Il distretto di Columbia, ove ha sede Washington, riconoscerà nozze gay celebrate in altri stati.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=26769]
    Voto a stragrande maggioranza del Consiglio del Distretto. Nuovo tassello nel sempre piu' vasto panorama di stati americani che aprono alle nozze gay: il distretto di ...
    ..........

    Firenze, singolare protesta. Nudi, modelli e precari.
    [
    http://www.firenze.cronacacity.com/?p=1158]
    La protesta di chi si mette in posa. La performance si è svolta nel cuore di Firenze, con i modelli, che hanno creato forme nelle opere d’arte, anche senza veli. Nudi, o quasi, per far valere i propri diritti. Questa la ...
    ..........

    Il terremoto? Lo ha voluto il Signore. Lo dice Radio Maria…
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=26772]
    “(...) Il Signore ha voluto in questa settimana santa che in qualche modo anche loro partecipassero al mistero della sua passione. (...) Vogliamo vedere ...
    ..........

    Cultura. Il genio di Gemito in mostra al museo Pignatelli di Napoli.
    [
    http://napoli.cronacacity.com/?p=1377]
    Sarà l´occasione per riscoprire “lo scultore”, ma anche la precisione del suo disegno, e, non senza sorprese, la sua conoscenza di colleghi di respiro internazionale come Boldini e soprattutto come Rodin ...
    ..........

    Cinema. Massimo Ranieri sarà Pasolini nel suo ultimo anno di vita.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=26778]
    L'ultimo anno di vita di Pier Paolo Pasolini fino all'omicidio all'Idroscalo di Ostia, diventa oggetto di un film che vedrà nei panni dell'intellettuale e regista ...
    ..........

    Scandali. Torino, il caso Grinzane, Soria resta in carcere. Niente revoca.
    [
    http://torino.cronacacity.com/?p=1498]
    Giuliano Soria resta in carcere. I giudici del tribunale del riesame, chiamati a decidere sull´istanza di revoca della custodia cautelare o di ammissione agli arresti domiciliari in ospedale o al Sermig, hanno ritenuto...
    .........

    Tony Blair, il Papa riveda la posizione sui gay.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=26782]
    Tony Blair e’ convinto che il Papa debba “ripensare” il suo punto di vista sugli omosessuali. Intervistato dalla rivista gay “Attitude”, l’ex premier - che ha egli stesso abbracciato la fede cattolica- ha detto di voler ...
    ..........



    permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 8/4/2009 alle 13:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
    SOCIETA'
    2 aprile 2009
    Notizie Gay del 2 aprile
     

    Notizie gay Breaking News 2 aprile sera.

     
    Attenzione!
    Ci è stato segnalato (grazie Sergio) che spesso il link della notizia di cui diamo conto nell'avviso inviato da Facebook al proprio indirizzo email dà le citazioni "pagina scaduta" oppure "pagina inesistente". Purtroppo questo è un disservizio derivante da uin "bug" dello stesso Facebook a cui noi non possiamo porre alcun rimedio. Diverso invece è quanto si riceve nella posta del proprio account su Facebook, perfettamente funzionante e che reinvia alle pagine segnalate. Un caso? Chi lo sà...

    Di nuovo grazie per la vostra attenzione.
    La redazione
    ..........

    G20 a Londra. La Regina a Berlusconi “Ma statti zitto!”… Il video.
    [http://www.notiziegay.com/?p=26552]
    Italiano caciarone, avrà pensato nella sua regale testa la Regina Elisabetta, scuotendola contrariata. Tutta vestita di rosa confetto, la First Lady britannica non ha gradito ...
    ..........

    Giallo di Garlasco, le carte dell’accusa: ”Ecco tutte le bugie di Alberto Stasi”.
    [http://www.milano.cronacacity.com/?p=778]
    E' un puzzle che ricostruisce, senza esitazioni, l'omicidio di Chiara Poggi quello che prende forma nelle parole dei pm Rosa Muscio e Claudio Michelucci. Un ...
    ..........

    Cooperazione, Berlusconi cala la scure sui fondi anti-Aids.
    [http://www.notiziegay.com/?p=26526]
    Dopo la sparata del papa sul preservativo, arriva un'altra cattiva notizia, tutta italiana, sul fronte della lotta contro l'Aids. Sembra che l'Italia, presidente di turno ...
    ..........

    Lui non può avere figli? Tradimento di lei è meno grave.
    [http://www.firenze.cronacacity.com/?p=1061]
    Se lui non può avere figli e non lo ha mai detto alla moglie, il tradimento di lei è meno grave. E non può essere l'unica causa della separazione. Nemmeno se ...
    ..........

    Scandalo in seminario. Rinvenuto un immenso archivio di video e foto porno gay. Austria sotto schok
    [http://www.notiziegay.com/?p=26524]
    Inchiesta su 40 mila foto e filmati trovati nella biblioteca della più conservatrice scuola cattolica per sacerdoti. Il direttore e il vice dell’istituto si sono dimessi. Sei anni fa il primate di Vienna ...
    ..........

    Kosovo. Protesta ‘omofoba’ contro generale italiano Emilio Gay. Un fraintendimento…
    [http://www.notiziegay.com/?p=26520]
    Polizia incredula ha pensato sulle prime ad un 'pesce d'aprile'. Un incredibile fraintendimento ha portato oggi alcuni rappresentanti del gruppo "Shqiptar seder dhe tradite" (Orgoglio e ...
    ..........

    Polemiche. Orgoglio gay, a che servono le carnevalate?
    [http://www.notiziegay.com/?p=26562]
    Da qualche anno a questa parte negli ambienti omosessuali ha preso piede una forma di rivendicazione della propria condizione che passa sotto l’etichetta di “Orgoglio ...



    permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 2/4/2009 alle 22:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
    POLITICA
    23 marzo 2009
    Arcigay: lettera alle socie e ai soci
     

    Arcigay: lettera aperta
    alle socie e ai soci

    (23/03/2009) 

    Dopo il Consiglio Nazionale di Bologna e dopo
    la pubblicazione del bilancio consuntivo 2008 Arcigay scrive una lettera a tutti i soci e le socie firmata dagli esponenti di tutti i comitati
    nazionali e locali in cui si illustra la nuova
    rotta all’insegna “della trasparenza,
    della volontà di ascolto e di comunicazione”.

    tags:
    arcigay bilancio 2008

    Care socie e cari soci di Arcigay,
    dopo il Consiglio nazionale di Bologna che ha approvato
    il bilancio consuntivo 2008 e quello preventivo 2009, descriviamo alcune importanti novità di cui vi vogliamo fare partecipi. A voi, e solo a voi, vogliamo fornire tutte le informazioni affinché siate sempre più partecipi dell’attività della nostra Associazione, condividendo i progressi e le prospettive future.

    Onoriamo così un dovere di trasparenza, una volontà di ascolto e di comunicazione, che reputiamo strumento indispensabile per proseguire la nostra battaglia di cambiamento sociale e di progresso civile nel nostro Paese.
    Nel Congresso di Milano del 2007, Arcigay ha scelto una nuova rotta, profondamente diversa rispetto al passato. La scelta della distinzione e distanza dai partiti, l’obiettivo della costituzione di una vera lobby sociale e di un sempre maggiore coinvolgimento della comunità LGBT ci hanno  fatto intraprendere un lungo percorso di cambiamento che oggi inizia a dare i suoi frutti.

    Ovviamente non manca chi vorrebbe tornare ad esperienze passate, probabilmente più funzionali sul piano della valorizzazione personale, ma totalmente infruttuose sul piano dell’ottenimento di concreti diritti per la comunità che vogliamo servire e rappresentare.

    La prima novità che vi segnaliamo è la nuova struttura del bilancio che segue le indicazioni date dall’Agenzia nazionale per le ONLUS e che è disponibile sul
    sito di Arcigay. Questa nuova struttura è più sintetica e leggibile e permette di dare maggiori dettagli sulle varie voci, senza perdere chiarezza. Crediamo nel valore della trasparenza e della visibilità e rivendichiamo con orgoglio i passi avanti compiuti verso un maggior contenimento della spesa, per il miglioramento strutturale dell’associazione e per un maggior servizio verso i 45 Comitati provinciali, espressioni territoriali di un'unica realtà associativa:
    Arcigay

    Il Consiglio ha inoltre approvato tre importanti ordini del giorno.

    Il primo ridefinisce il sistema di incasso delle quote associative tramite RID o contrassegno da parte di tutti i Circoli affiliati, perché sia più efficiente e trasparente grazie ai documenti relativi a RID e contrassegni. Lo stesso documento impegna, nella stessa ottica di trasparenza e verificabilità, tutti Comitati Provinciali alla comunicazione al Tesoriere nazionale dei propri bilanci approvati annualmente.

    Il secondo istituisce un fondo di 30.000 euro per il sostegno all’attività dei Comitati più in difficoltà che riceveranno contributi, sulla base di progetti presentati ad una apposita commissione. Lo scopo di questa azione è dare sostegno ad alcune realtà territoriali, per permettere loro un salto di qualità e un rafforzamento, in modo da superare le differenti velocità del Paese.

    Il terzo istituisce un Regolamento sui rimborsi e sulle trasferte che sviluppi un miglior governo di gestione dei costi della struttura e di un loro contenimento.

    Nell'ultimo anno l'Associazione ha iniziato un percorso di collaborazione con importanti istituzioni nazionali, tra cui Ministeri e ISS, attraverso alcuni progetti che stanno beneficiando di finanziamenti pubblici.

    Il primo progetto dedicato alle persone LGBT con retroterra di migrazione ha visto l'associazione impegnata nella raccolta e nell’implementazione di tutte le esperienze che Arcigay ha maturato negli anni; ciò ci ha permesso di tracciare delle linee guida nazionali e di iniziare una formazione diffusa dei volontari su come dare risposte efficaci alle persone LGBT provenienti da paesi stranieri che si rivolgono all'Associazione.

    È stato poi realizzato il progetto Arcigay-Net, che ha permesso all'Associazione di rinnovare le proprie risorse informatiche,
    (nuove strutture del sito web, archiviazione e conservazione dei dati del tesseramento).

    Obiettivo di questo progetto è stata la creazione di un nuovo sistema per il tesseramento che permetterà a breve l’accesso on line. Questo sistema consentirà sia ai soci sia ai Circoli ricreativi di interfacciarsi più agevolmente con l'Associazione e garantirà un incremento netto della sicurezza per quanto riguarda la tutela della privacy. In quest'ottica, sempre all'interno del progetto, stiamo ultimando di fornire a tutti i Comitati Provinciali gli strumenti formativi e informatici (PC e stampante) necessari, che permetteranno loro non solo di adeguarsi al nuovo sistema,
    ma anche di svolgere con più efficienza la
    loro attività quotidiana sul territorio.

    Sempre nell'ottica dell'implementazione delle risorse interne, è al momento in fase di attuazione un progetto volto all'attivazione su tutto il territorio nazionale di punti di ascolto e linee amiche lgbt.
     
    Anche per questo progetto sono previsti momenti formativi che permetteranno di valorizzare le esperienze fatte dalle varie realtà territoriali, di accrescerle e di migliorarle al fine di garantire a tutta la comunità LGBT un servizio uniformemente diffuso all'interno di tutte le province.

    Il quarto progetto riguarda la creazione di
    interventi per la prevenzione del bullismo di origine omofobica e si svilupperà in tre fasi: la produzione del primo report nazionale sul fenomeno, un ciclo di formazione per operatori scolastici e azioni finali rivolte a giovani e studenti. Ciò allo scopo di consolidare l'esperienza decennale di Arcigay nel supporto alla scuola italiana e nell'educazione al rispetto delle differenze.

    Questo esperimento dei progetti ministeriali si è rivelato di notevole successo, sia per il reperimento di risorse alternative a quelle del tesseramento, sia per la valorizzazione e la crescita delle competenze presenti all'interno del territorio nazionale e nelle singole realtà territoriali.

    L’impegno di Arcigay rispetto alla Salute ed alla prevenzione ha caratterizzato in modo costante e crescente tutto il 2008 e punta ad intensificarsi per l’anno in corso.

    Presidente e Segreteria hanno condiviso con il Consiglio nazionale un documento politico con cui il settore Salute è stato definito tra i settori strategici e prioritari per il conseguimento degli obiettivi  dell’Associazione: non a caso nel 2008, accanto al fondo previsto di 10.000 Euro a copertura di spese ordinarie del settore, è stato affiancato un fondo di ulteriori 20.000 Euro per spese legate alla prevenzione.

    Sono stati così acquistati e distribuiti oltre 200.000 preservativi; si è inoltre proposta la campagna “Sex symbol” per il 1° dicembre, sviluppata attraverso la produzione di 8 cartoline, 2 locandine e 2 poster, stampati in migliaia di copie e diffusi in tutto il territorio nazionale.
    Il Consiglio nazionale ha approvato un ODG che impegna ad intensificare gli sforzi per la prevenzione, con la costituzione di un Gruppo fund raising che lavorerà per acquisire le risorse necessarie al nostro fabbisogno di preservativi, in modo costante nel tempo: l’obiettivo dichiarato è quello di raggiungere accordi per soluzioni strutturali e stabili in un contesto, come quello italiano, in cui nessuna Istituzione o Ente pubblico investe risorse o concede finanziamenti per la prevenzione. Ci siamo assunti l’impegno di trovare in modo nuovo risorse per soluzioni reali e durature, e lo porteremo a termine.
     
    Nel frattempo con le risorse disponibili è stata avviata una sperimentazione di distribuzione gratuita di preservativi nei Circoli affiliati tramite tubi distributori.

    La sperimentazione è in atto in tre strutture diverse di due città (Bologna e Torino) e sta avendo riscontri molto positivi.

    Nei prossimi mesi partirà la seconda fase della sperimentazione che include l’estensione ad altri Circoli in altre città. L’obiettivo è di coprire progressivamente l’intero territorio nazionale.

    Queste le attività principali, le azioni ed i progetti in cui siamo coinvolti: un tavolo di lavoro con LILA e Anlaids per una proposta di legge che riduca i costi dei preservativi nel nostro Paese; un percorso per la definizione di un decalogo dei diritti delle persone sieropositive; la partecipazione  alla Consulta AIDS; un progetto con ISS e Regione Piemonte sulla sifilide, incentrato su informazione e prevenzione; un Progetto sulle valutazioni di impatto della campagna AIDS sulla popolazione gay, insieme all’Università di Bologna; il progetto ISS sul rilancio dell’accesso al test; il progetto sui telefoni amici di Telefono Verde Aids con l’obiettivo di una razionalizzazione ed ottimizzazione del supporto telefonico in materia di salute; il progetto sull’accesso ai percorsi di prevenzione finanziato dal Ministero del Welfare, insieme alle Associazioni della Consulta ed all’INMP; l’organizzazione, insieme a SIMIT, LILA, Anlaids e Nadir di ICAR (Italian Conference on Aids and Retrovirus), la prima conferenza nazionale sull’AIDS in Italia (24, 25, 26 maggio 2009).

    Inoltre Arcigay si appresta a lanciare una campagna interna di accertamento in tutta Italia delle condizioni di accesso al test HIV relativamente alla riservatezza e alla gratuità e ad avviare un piano di fattibilità per l’implementazione dei servizi a supporto delle persone sieropositive, e di sostegno alla prevenzione e all’accesso al test.
    Infine il Settore Salute, in collaborazione con il Settore Diritti umani, ha strutturato un Tavolo contro le terapie riparative che coinvolge psicologi, giuristi ed esperti di comunicazione, e che ha già individuato numerose azioni concrete da intraprendere sul territorio per favorire formazione ed informazione.

    La Rete Giovani anche nel 2008 ha rappresentato un punto di innovazione e sperimentazione in Arcigay, sviluppando attività di aggregazione e accoglienza nei 12 gruppi giovani presenti in Italia e fornendo supporto ai nuovi volontari con alcuni interventi formativi.

    Significativi nel 2008 sono stati gli interventi a livello internazionale: durante l'estate, Arcigay ha ospitato in Italia il primo scambio internazionale di giovani LGBT "Open 2 Diversity" e a ottobre la Conferenza Annuale di IGLYO (Organizzazione internazionale dei giovani LGBT), portando in Italia ragazze e ragazzi di oltre 30 nazioni diverse.

    Nel 2009 la Rete Giovani continuerà a strutturarsi nel territorio, inaugurando nuovi gruppi e promuovendo campagne nazionali sui temi della salute, della cultura, della lotta all’omofobia, della visibilità, dell'ascolto.

    A febbraio l'incontro col Ministro della Gioventù Giorgia Meloni ci ha permesso di conoscere un’interlocutrice istituzionale attenta alla nostra realtà; alcuni impegni presi in quella sede si tradurranno in nuove iniziative rivolte agli operatori che lavorano con i giovani per promuovere una migliore inclusione sociale rivolte dei ragazzi e delle ragazze LGBT.

    A breve, in occasione della giornata internazionale contro l’omofobia del 17 Maggio struttureremo una campagna comunicativa anti-omofobia, fornendo a tutti i Comitati materiale divulgativo.

    A tutto questo si unisca il miglioramento del portale web http://www.arcigay.it e del trimestrale Pegaso (distribuito da Comitati e Associazioni affiliate in 20.000 copie), un’estesa campagna di ascolto dei soci e delle socie, la ricerca di servizi e convenzioni per i tesserati, un intervento strutturato per abbattere l’omofobia grazie ai proventi del 5 per mille, una costante e pressante opera di lobbying sociale e politica, il sostegno alla cultura delle diversità, la promozione del nostro “sapere”, la presenza nelle istituzioni educative, lo sviluppo dell’aggregazione sportiva.

    Il Congresso di Milano ha altresì sancito un ruolo della cultura, quale strumento che possiede un potenziale trasformativo, una capacità di rovesciare il senso comune e decostruire credenze e pregiudizi radicati nella nostra società.

    La cultura in Arcigay diventa altresì momento di unitarietà con l’intento di promuovere modelli positivi, attraverso strumenti di diffusione di massa che rassicurino le persone LGBT rispetto alla possibilità di migliorare la qualità delle nostre vite.

    Tutte queste azioni rendono viva la nostra Associazione e testimoniano con i fatti il nostro impegno a servizio e tutela della comunità LGBT italiana. La nostra credibilità sta nel nostro lavoro. Guardando con orgoglio a quanto siamo riusciti a realizzare finora e alla coerenza delle nostre scelte, affrontiamo la scommessa di migliorarci sempre di più, per essere in grado di rispondere alle sfide che ci pone la complessità del nostro contesto sociale, in sintonia con una comunità che chiede a gran voce un cambiamento reale.

    AURELIO MANCUSO, presidente nazionale
    RICCARDO GOTTARDI, segretario nazionale
    GIANLUCA ARCHETTI, presidente comitato Brescia
    FABIO ASTROBELLO, presidente comitato Reggio Emilia
    ANGELA BARBAGALLO, presidente comitato Siracusa
    ANDREA BENEDINO, consigliere nazionale, Torino
    MICHELE BREVEGLIERI, presidente comitato Verona
    DANIELE BROSOLO, presidente comitato Udine
    GIAMPIETRO BUCCIARELLI, presidente comitato Perugia

    DAVIDE BUZZETTI, presidente comitato Grosseto
    GIOVANNI CALOGGERO, presidente collegio revisori dei conti
    GIOVANNI CANNAVÒ, presidente comitato Messina
    GIOVANNI CAPONETTO, presidente comitato Torino
    MAURIZIO CASERTA, consigliere nazionale, Catania
    MATTEO CAVALIERI, consigliere nazionale, Bologna
    MAURIZIO CECCONI, consigliere nazionale, Bologna
    FEDERICO CERMINARA, responsabile nazionale cultura, presidente comitato Cosenza
    NICOLA CICCHITTI, consigliere nazionale, Trieste
    STEFANO CÒ, presidente comitato Trento
    MARCO COPPOLA, responsabile nazionale scuola, presidente comitato Verbania
    MATTEO CORDA, presidente comitato Carbonia-Iglesias
    VANNA D’ALFONSI, consigliera nazionale, Perugia
    BERT D’ARRAGON, presidente coord. regionale Toscana
    ROBERTO DARTENUC, consigliere nazionale, Bologna
    AGOSTINO DE CARO, presidente comitato Agrigento
    DARIO DE FELICE, presidente circolo Pegaso’s, Catania
    GIORGIO DELL’AMICO, presidente comitato Modena, referente sportello migranti
    ALESSANDRO DELL'ARIA, presidente comitato Palermo
    PIETRO DINI, presidente comitato Pesaro-Urbino
    VALERIO D’ORIO, presidente comitato Livorno
    PAOLO FERIGO, tesoriere nazionale, presidente comitato Milano
    ENRICO FUSCO, presidente comitato Bari
    FEDERICO GAIONI, portavoce comitato promotore Pavia
    MARIA GINALDI, presidente comitato Trieste
    LAURA GIRASOLE, consigliera nazionale, Torino
    FRANCO GRILLINI, presidente onorario, Bologna
    CARLO GUARINO, consigliere nazionale, Roma
    WALDEMAR KERSCHBAUMER, consigliere nazionale, Bolzano/Bozen
    DAIANA LEPORATTI, presidente comitato Pistoia
    CARLA LIBERATORE, portavoce comitato promotore
    L’Aquila
    STEFANIA LICCIARDELLO, presidente comitato Catania
    SERGIO LO GIUDICE, presidente onorario, Bologna
    LORENZO LUPOLI, presidente comitato Cremona
    CLAUDIO MALFITANO, presidente comitato Padova
    SALVATORE MARRA, consigliere nazionale, Roma
    FABRIZIO MARRAZZO, presidente comitato Roma, responsabile nazionale sport
    MAICOL MARTIS, presidente comitato Aosta
    SANDRO MATTIOLI, consigliere nazionale, Bologna
    MARCO MICHELUCCI, presidente comitato Pisa
    SALVATORE MILANA, presidente comitato Ragusa
    ROSARIO MURDICA, consigliere nazionale, Roma
    ROBERTA PALERMO, consigliera nazionale, Messina
    LUCA PANDINI, presidente comitato Bergamo
    PAOLO PATANÈ, responsabile nazionale salute, presidente coord. regionale Sicilia
    AMEDEO PATRIZI, consigliere nazionale, Milano
    MATTEO PEGORARO, consigliere nazionale, Firenze
    FABIO PELLEGATTA, consigliere nazionale, Milano
    GERMANA PIETRANI SGALLA, presidente circolo federativo Ancona
    FRANCESCO PIOMBONI, presidente comitato Firenze
    DAVIDE PROVENZANO, presidente comitato Mantova
    MARCO REGLIA, referente nazionale memoria, Trieste
    MATTEO RICCI, consigliere nazionale, Bologna
    ADRIANO ROMANELLI, presidente comitato Rovigo
    FLAVIO ROMANI, presidente comitato Ferrara, portavoce coord. regionale Emilia-Romagna
    SAVERIO ROMANI, consigliere nazionale, Milano
    ANTONIO ROTELLI, consigliere nazionale, Roma
    AGATA RUSCICA, vicepresidente coord. regionale Sicilia
    RENATO SABBADINI, consigliere nazionale, Bergamo
    FABIO SACCÀ, referente nazionale rete giovani
    STEFANO SALERNO, consigliere nazionale, Siracusa
    VALERIANO SCASSA, presidente comitato Piacenza
    FRANCESCO SERRELI, presidente comitato Genova
    EMANUELE SIGISMONDI, presidente comitato Cuneo
    SALVATORE SIMIOLI, presidente comitato
    Napoli, referente nazionale lotta mafie
    LORENZO STARNINI, consigliere nazionale, Perugia
    PATRIZIA STEFANI, presidente circolo federativo Perugia
    DANIELE STOPPELLO, consigliere nazionale, Roma
    ALESSANDRO TOSARELLI, presidente comitato Rimini
    LUCA TRENTINI, responsabile nazionale diritti umani e politiche sociali, Brescia
    ANDREAS UNTERKIRCHER, presidente comitato Bolzano/Bozen
    LUIGI VALERI, consigliere nazionale, Bologna
    EMILIANO ZAINO, presidente comitato Bologna
    ALESSANDRO ZAN, presidente coordinamento regionale Veneto
    REBECCA ZINI, responsabile nazionale esteri

     

    redazione@gay.tv


    Annunci Google




    La redazione si riserva il diritto di cancellare ogni commento volgare,
    o offensivo ed inappropriato nei confronti di terze persone.


    commenta articolo »
    Commenti all'articolo
    3/23/2009
    Mi sembra una scelta giusta questa di smarcarsi dal collateralismo con il PD, che non si è dimostrato adueguato alle istanze di modernizzazione, di laicità e di affermazione dei diritti dei gay. Gay.it non ha digerito questa scelta e attacca Arcigay, ma pur con gli errori commessi anche di recente Arcigay va difesa. Se Berlusconi e Ratzinger rimangono i nemici principali dei gay italiani, è altrettanto vero che non si può dare nessuna delega in bianco al PD

    jack35
    Messina
    Simpatia:
    Bellezza:
    scrivimi in community!

    http://www.gay.tv/ita/magazine/we_like/dettaglio.
    asp?chan=104&i=6932&wrd=arcigay:+lettera+
    aperta+alle+socie+e+ai+soci




    Download:


    http://www.arcigay.it/lettera-ai-soci-e-alle-socie



    permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 23/3/2009 alle 20:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
    SOCIETA'
    21 marzo 2009
    Notizie gay del 21 Marzo 2009
     Notizie gay Breaking News
    21 marzo giorno.
     
    Oggi alle 13.56
    Cuba. I campi di lavoro per “redimere” i gay furono un’invenzione di Che Guevara.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=11923]
    Quando nel 2004 Bernal interpretò il Comandante Guevara ne “I Diari della motocicletta”,
    anche chi di noi aveva guardato con più sospetto al mito di ...
    ..........

    La Spezia: accusa il papà di stupro e dopo 4 anni ritratta. | Genova
    [
    http://genova.cronacacity.com/?p=1163]
    anni di autentico calvario; quattro anni vissuti con un’accusa infamante:
    quella di aver violentato la figlia. Ieri quei quattro anni di incubo sono svaniti
    ..........

    Emanule Filiberto: Ballando con le polemiche “Mi candido alle europee”.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=26016]
    Il Principe è un uomo tradizionale: disprezza le unioni gay e nella stessa
    misura sua zia Maria Gabriella. Emanuele Filiberto di Savoia dopo "Ballando con le ...
    ..........

    Bionda, formosa e transessuale, Maurizia Paradiso sindaco di Tremezzo.
    [
    http://www.milano.cronacacity.com/?p=623]
    Vorrebbe fare il sindaco. Maurizia Paradiso a Tremezzo. Il nuovo sindaco
    di Tremezzo potrebbe chiamarsi Maurizia. Segni particolari: apolitica ...
    ..........

    Se i gay Usa hanno avuto Harvey Milk gli italiani hanno Luca Argentero
    in un filmetto leggero leggero.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=26012]
    “Luca era gay e adesso sta con lei Luca parla con il cuore in mano Luca dice
    sono un altro uomo…” eccetera, eccetera, eccetera. L’avete riconosciuta?
    Ebbene si, è il tormentone che ha segnato l’ultimo ...
    ..........

    Lobbies. Web, ecco la legge Carlucci. Niente lotta alla pedopornografia
    ma scudo al diritto d’autore.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=26011]
    La proposta della parlamentare di Forza Italia. Nessun riferimento
    alla lotta contro la pedopornografia, che pure si propone di combattere.
    Piuttosto nuove tutele per gli ...
    ..........

    Bullismo. LaTreccani stampa un dossier contro l’omofobia a scuola.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=26002]
    I bambini e gli adolescenti che a scuola vengono discriminati come omosessuali
    dai compagni
    sono vittime di quello che viene definito ''bullismo omofobico''.
    Una forma ...
    ..........

    Cinema. Independence Gay: da “I Vitelloni” a “Diverso da chi?”
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=26023]
    Nell’opera prima di Umberto Carteni (uscita oggi nelle sale) Luca Argentero
    e Filippo Nigro sono una coppia di fatto, pronta ad allevare un figlio.
    Ma non sempre l’omosessualità nella commedia all’italiana è stata cosi dichiarata ...
    ..........



    permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 21/3/2009 alle 14:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
    SOCIETA'
    20 marzo 2009
    Notizie gay del 20 marco 2009
     

    Notizie gay Breaking News 20 marzo giorno.

     
    Oggi alle 12.35
    L’Italia non è un Paese per giovani: emarginati da politica, università e professioni.

    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25958]
    “L’Italia è un paese vecchio: si vive più a lungo e si fanno meno figli. Tuttavia, la società italiana sta invecchiando non solo per motivi demografici, ma anche perchè il sistema di potere lascia poco spazio ...
    ..........

    Milano. Lussuriosi cinquantenni denunciati per atti osceni.
    [
    http://www.milano.cronacacity.com/?p=592]
    I due cinquantenni sono stati denunciati. Operaio e casalinga focosa fanno sesso davanti ai passanti. Amanti fin troppo focosi, oltre il limite della ...
    ..........

    Abercrombie a Milano. L’apertura rinviata al novembre.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25960]
    Ce ne da conto sul suo blog River che scrive: "Colpa della crisi? Chissà. Quel che è certo, è che l’apertura del primo Abercrombie and Fitch ...
    ..........

    Il papa ed i preservativi. Berlusconi e Casini lo difendono ma Bossi è critico.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25962]
    Il nostro Capo del Governo Silvio Berlusconi, difende il Papa sul tema dei preservativi e Aids, dicendo che sta svolgendo la sua missione coerentemente con ...
    ..........

    “Lucca Animation”, il programma del week end. | Firenze
    [
    http://www.firenze.cronacacity.com/?p=878]
    Simbolico taglio del nastro al cinema Centrale per Lucca Animation il festival internazionale del film d’animazione Fino a domenica 22 sono in programma ben ...
    ..........

    Pordenone. Dopo il pestaggio al disabile gay il comune ha deciso di costituirsi parte civile.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25966]
    Non si placa la rabbia e la tensione a Pordenone per l’aggressione subìta dal trentenne disabile gay lo scorso 23 gennaio nella centralissima ...
    ..........

    Lo dice l’Ilo, agenzia Onu: “L’Italia viola i diritti umani”.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25973]
    Immigrati nel nostro paese, durissime accuse nel rapporto dell'Ilo. La struttura si occupa del rispetto degli standard internazionali sul lavoro. "È evidente e crescente l'incidenza della ...
    ..........

    Aids, in Italia 120mila sieropositivi. E la metà di loro non lo sa.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25977]
    Preoccupa l’aumento di coloro che ignorano di essere contagiati, che ha due conseguenze nefaste: mette a rischio i loro partner sessuali e impedisce la terapia antiretrovirale La causa? la bassa percezione ...
    ..........



    permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 20/3/2009 alle 13:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
    SOCIETA'
    19 marzo 2009
    Notizie Gay della sera del 19 Marzo 2009; prima notizia: aggressione a danno di un uomo gay, a Cagliari; l'uomo è morto d'infarto.
     

    Notizie gay Breaking News 19 marzo sera.

     
    Oggi alle 19.15
    Sardegna. In branco lo pestano a sangue perchè omosessuale.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25940]
    La denuncia di un giovane cuoco aggredito da tre sconosciuti. Pestato a sangue perché omosessuale: un cuoco di 30 anni è finito al pronto soccorso dopo ...

    ..........

    Turismo, Regione lancia il ‘Veneto dei misteri e delle leggende’.
    [
    http://trevenezie.cronacacity.com/?p=53]
    Il vicepresidente della Giunta Franco Manzato: ''Vogliamo portare alla luce e far conoscere questi aspetti, proprio per completare la proposta 'emotiva' che il ...
    ..........

    I Pacs non interessano ai gay padovani. In 26 mesi su 32 coppie solo 3 sono gay.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25944]
    In 26 mesi sottoscritti 32 certificati. I pacs comunali non infiammano i padovani, in 26 mesi ne sono stati sottoscritti appena 32, di questi solo 3 ...

    ..........
    PdL: Poli Bortone furiosa esce sbattendo la porta. | Bari
    [
    http://www.bari.cronacacity.com/?p=96]
    Adriana Poli Bortone prende le distanze dal PdL - Non sarò nel Pdl, “ma se qualcuno pensa che mi arrendo, si sbaglia”. Queste le dure frasi della ex ...
    ..........

    Pescara. “Jonathan”, l’associazione in difesa degli omosessuali è rimasta senza sede.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25950]
    L’associazione Jonathan-Diritti in movimento dopo tante promesse e una bando vinto per l’assegnazione di una sede propria, deve rassegnarsi all’idea di non avere un ufficio ...

    ..........

    Parma, a volte ritornano… Prodi in cattedra all’Università.
    [
    http://www.bologna.cronacacity.com/?p=60]
    Parma: Prodi in cattedra e Di Pietro all’Astra - L’ex presidente del consiglio terrà il 25 marzo una lezione nella facoltà di Economia. Il leader dell’Italia dei valori invece presenterà, questo sabato al ...
    ..........

    L’insegnante omofoba a Roma. Tornano le gag di Fabrizio Marrazzo?
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25954]
    Non nuovo a episodi del genere, Fabrizio Marrazzo ci ricasca e diffonde informazioni che sembrerebbero non essere state sufficientemente verificate prima di essere passate alla ...
    ..........

    Napoli. L´Onda: i neofascisti ci aspettavano armati. Occupato il rettorato.
    [
    http://napoli.cronacacity.com/?p=1131]
    Giurisprudenza, scontri tra studenti. Il corteo aveva attraversato la città pacificamente. Insegnanti e studenti, riuniti sotto le bandiere della Flc Cgil...
    ..........



    permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 19/3/2009 alle 22:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
    SOCIETA'
    19 marzo 2009
    Notizie gay del 19 Marzo 2009
     

    Notizie gay Breaking News 19 marzo giorno.

     
    Oggi alle 12.10
    Roma. Professoressa di italiano cambia materia e insegna omofobia in istituto tecnico.
    [
    http://roma.cronacacity.com/?p=915]
    Professoressa romana agli studenti: State lontano dagli omosessuali. «Gli omosessuali sono persone che non condivido, e se mi capitasse di incontrarne ne ...
    ..........

    L’Eurispes certifica: gli italiani sono stufi dei no della chiesa.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25917]
    La fiducia nelle istituzioni e nella Chiesa in Italia ha avuto un forte calo rispetto agli anni ‘90, afferma il presidente di Eurispes, Fara. L’opinione ...

    Garlasco, I pm: “processate Stasi anche per foto pedopornografiche”.
    [
    http://www.milano.cronacacity.com/?p=577]
    Omicidio di Chiara Poggi, respinte le eccezioni della difesa, i pm parlano 4 ore Processatelo
    anche per foto pedopornografico. Forse nuova perizia sul ...
    ..........

    Robert Pattinson: Ridicole le scene di sesso gay con Beltran per Dalì.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25913]
    L’attore di “Twilight” è salvador Dalì sul set di “Little Ashes”. Robert Pattinson, diventato una star per l’interpretazione di ‘Twilight’, ha trovato ‘ridicolo’ girare delle scene di sesso gay. L’attore ha ...
    ..........

    Sesso, i Livornesi? Ci danno dentro!
    [
    http://www.firenze.cronacacity.com/?p=865]
    Indagine - Giovani e Amore.In Toscana più attenti alla contraccezione ma non alle malattie Sesso, i ragazzi livornesi battono tutti Il sondaggio ...
    ..........

    Guerra al web. Imputato Google.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25920]
    E’ guerra ai portali web in tutta Europa. In Svezia i quattro fondatori del sito Pirate Bay sono finiti nel mirino della magistratura mentre a Milano è in corso un processo contro la compagnia di Mountain View ...
    ..........

    GF: il genovese ha la meglio, Vanessa vuole il bell’Alberto. | Genova
    [
    http://genova.cronacacity.com/?p=1145]
    Vanessa ha scelto: è Alberto il suo uomo. Esce sconfitto, e indagnato, dal match il calciatore Marco. Bello, sicuramente, ma la lontananza, la storia non del ...
    ..........

    Chiesa Cattolica. A Trento un convegno tra omofobia e teologia “alternativa”.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25925]
    Donne che amano altre donne e che negli ultimi tempi fanno anche teologia: un fenomeno «silenzioso», per secoli celato dalla morale cattolica, che però lo ...
    ..........

    Spettacoli, i tagli dividono il mondo della cultura.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25904]
    Il movimento Centoautori indice per il 30 Marzo una manifestazione contro i tagli. I finanziamenti pubblici alla cultura sono al centro di una querelle antica fra chi guarda al libero mercato come alla ...
    ..........

    Napoli. Il ritorno di Priscilla, la drag che assassina colpisce ancora!
    [
    http://napoli.cronacacity.com/?p=1128]
    Priscilla è una famosa drag queen e nessuno è mai riuscito a leggere che dietro quella quantità industriale di lustrini e pailettes c’è una solitudine che ...
    ..........

    L’Africa, il Papa, l’Aids, i preservativi. Quei dogmi fuori dal tempo e dalla storia.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25930]
    Quando il virus dell’HIV fece la sua triste apparizione nel panorama internazionale la chiesa sfruttò il momento per fare una vergognosa disinformazione e per colpire alcune fra le categorie più deboli: ...
    ..........




    permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 19/3/2009 alle 12:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
    SOCIETA'
    18 marzo 2009
    Notizie Gay del 18 Marzo; focus sulle terapie riparative dell'omosessualità.
     

    Notizie gay Breaking News
    18 marzo giorno.

     
    Oggi alle 12.11
    Rocco Buttiglione: “OMS riconosce il disturbo di disadattamento sessuale.”.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25851]
    Rocco Buttiglione: OMS riconosce il disturbo di disadattamento sessuale. "Omosessuali scontenti possono ricorrere allo psicoterapeuta". Il presidente dell'Udc Rocco Buttiglione, ospite stasera della puntata di 'Porta ...
    ..........

    Stalking da febbraio è reato, ma solo il 17% dei giovani lo denuncia.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25838]
    Il sito dell’Arma dei carabinieri parla chiaro. “La parola stalking deriva dal linguaggio tecnico-gergale della caccia e letteralmente significa ‘fare la posta’. In termini ...
    ..........

    Cinema.”Aria”, Roberto Herlitzka è un transessuale: “Mi attrae quello che è complesso e ambiguo”.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25842]
    Una delle più giovani produttrici del panorama italiano, Monica Iezzi, e un regista esordiente, Valerio D’Annunzio, insieme hanno “sedotto” un ...
    ..........

    Milano, al Toilet Club “Itty Bitty Titty Committee” il 25 marzo.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25844]
    Mercoledì 25 marzo al Toilet Club verrà trasmesso il terzo film “Itty Bitty Titty Committee” della rassegna 5 stelle, 5 scuse per incontrarsi, i ...
    ..........

    Il Papa in Africa: Botta e risposta con i giornalisti. Ecco cos’ha detto realmente.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25854]
    Lotta all’Aids e condanna dell’uso del condom, crisi economica, dialogo con i musulmani, moralità dei preti e sfida delle sette in Africa: è un Benedetto XVI a tutto campo quello che, pochi minuti dopo il ...
    ..........

    Impostori? Gerard van den Aardweg. «Sono medico e curo i gay: la metà vuole cambiare».
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25860]
    Sfidare i pregiudizi sull’omosessualità è possibile, perfino da una prospettiva insolita e dichiarata inaccettabile da parte dei movimenti gay. Dal 1967 ...
    ..........

    La candidata trans del centrodestra a Salerno, per Luigi Crespi “Tardiva e del tutto strumentale”.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25856]
    Perche’ lascia Crespi? Per via della sovrapposizione con le elezioni europee per accordi gia’ presi con altri partiti nazionali Ci sono altre ragioni? In ...
    ..........

    Legrottaglie (Juventus) pubblica l’autobiografia: «Gay è peccato».
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25867]
    Pubblicate alcune anticipazioni tratte dal libro del difensore della Juve: «Stavo per finire al Besiktas e allora chiesi a Dio: perchè mi mandi in terra musulmana ...

    ..........

    Altre notizie
    http://www.notiziegay.com



    permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 18/3/2009 alle 13:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
    SOCIETA'
    15 marzo 2009
    Motizie Gay Breaking News del 15 marco 2009
     

    Notizie gay Breaking News
    15 marzo giorno.

     
    Oggi alle 14.22
    Europee: Rovasio (Radicali): “Serve presenza in Parlamento UE”.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25675]
    Abbiamo ingerenza quotidiane di uno Stato sovrano straniero che detta a reti unificate gli orientamenti da tradurre in legge. ''C'e' il rischio gravissimo...
    ..........

    Polemiche. Imma Battaglia, la gogna mediatica e il pensiero di Saverio Aversa.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25670]
    Leggo che Imma Battaglia, presidente di Digayproject, ha dichiarato all’Ansa: ''Alcune settimane fa i romeni arrestati per lo stupro di Guidonia sono stati ...
    ..........

    Andrea Montovoli ha “già” vinto Ballando con le Stelle.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25682]
    Qualunque sarà il verdetto lui ha già vinto: è Andrea Montovoli il vincitore “popolare” di Ballando con le Stelle, un attore ancora sconosciuto ai più che nel vip show condotto da Milly Carlucci ...
    ..........

    Quel pasticciaccio brutto della legge sul testamento biologico.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25680]
    Gentile Augias, leggo con sgomento che la terribile legge (una fra le tante) sul testamento biologico proposta dal relatore Calabrò non sarà modificata nelle parti più importanti. Ne deduco che, ...
    ...........

    Omosessualità tra animali. Attrazione tra gli ultimi maschi, l’anatra blu rischia di estinguersi.
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25677]
    In Inghilterra si tenta di farli accoppiare con l’ultima femmina rimasta. Ma Ben e Jerry tubano solo tra loro. Lei si chiama Cherry, ed è l’unica femmina di anatra blu presente nel Regno Unito. Poi ci sono Ben ...
    ..........

    Chiesa cattolica si accanisce contro gay, ragazze madri e altri “diversi”. E la concorrenza protestante ne approfitta per fare nuovi proselit
    [
    http://www.notiziegay.com/?p=25672]
    La Chiesa cattolica guarda al passato, riscopre la messa in latino, riaccoglie a braccia aperte i preti reazionari lefreviani e permette che un membro del clero si metta alla testa di un corteo neofascista ...
    ..........



    permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 15/3/2009 alle 15:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
    SOCIETA'
    12 marzo 2009
    Incontro pubblico di ARC, ogni mercoledì, presso il Rainbow Cafè; venite numerosi!
    Incontro settimanale dell'ARC (associazione gay/glbttqi di Cagliari) 
    al Rainbow Cafè, ogni mercoledì. Venite numerosi!
     

    A partire da gennaio 2009, l'Associazione Culturale ARC non terrà più le riunioni organizzative del lunedi sera in via Leopardi 3, che verranno invece sostituite, da febbraio in poi, con incontri pubblici aperti a tutti gli interessati, i curiosi e i simpatizzanti! L'Associazione è così convinta di potersi maggiormente aprire al confronto con la comunità omosessuale cagliaritana e sarda: non mancate! ARC lavora anche per voi!




    ... da mercoledi 25 febbraio 2009

    A partire da questo mercoledi, tutti gli aderenti e i simpatizzanti dell'Associazione Culturale ARC potranno incontrarsi, chiacchierare e organizzare le nuove attività davanti ad un aperitivo, a partire dalle ore 21,30, presso il gaypub Rainbow Cafè (via Rossini, 16) a Cagliari. Siete tutti invitati!

    http://www.associazionearc.eu/homepage.html




    permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 12/3/2009 alle 9:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
    SOCIETA'
    6 marzo 2009
    Notizie gay (del 6 Marzo 2009)
     

    Notizie gay
    Breaking News 6 marzo giorno.

     
    Vincent Cassel si confessa. “Un film porno? Lo farei!”.
    Arriva nelle sale Vincent Cassel il 13 marzo in L'istinto di morte
    e il 17 aprile con L'ora della fuga. Film in due parti su Jacques Mesrine,
    un gangster ...

    [http://www.notiziegay.com/?p=25204]
    ..........

    Pisa. Per matrimonio gay celebrato a Barcellona niente trascrizione in Italia.
    Le nozze sono state celebrate a Barcellona. Lo stato civile: contrario all’ordine pubblico. Gli sposi: faremo ricorso. Valter e Mario risultano legalmente ...

    [http://www.notiziegay.com/?p=25209]
    ..........

    Leonia attacca il Grande Fratello: “Hanno paura di mandarmi in video”.
    «Mi avrebbero potuto far intervenire, ma contro di me c’è un muro».
    «Hanno paura di mandarmi in video. Non me la stanno facendo pulita.
    Quando sono ...

    [http://www.notiziegay.com/?p=25211]
    ..........

    Inghilterra. Gordon Brown vs Prop 8.
    Di ritorno da una visita negli States, il primo ministro britannico Gordon Brown
    ha per la prima volta in assoluto ricevuto al numero 10 di Downing St una ...

    [http://www.notiziegay.com/?p=25214]
    ..........

    “Diritti Negati”: rassegna di cinema sociale al Mario Mieli dall’ 8 marzo.
    “DIRITTI NEGATI” Rassegna di cinema sociale al quartiere San Paolo,
    contro ogni forma di discriminazione. In occasione del 60° anniversario della ...
    [http://www.notiziegay.com/?p=25218]
    ..........

    Teatro. Moana porno - revolution, una vita destinata a turbare.
    Spettacolo in scena presso la sala cavallerizza del Teatro Litta.
    Dal 6 al 15 marzo, di e con Irene Serini. Se dici Moana non
    puoi che pensare alla rivoluzione non pop, ma porno che negli anni Ottanta ...

    [http://www.notiziegay.com/?p=25221]
    ..........

    Brasile: bambina di nove anni stuprata, vescovo scomunica
    chi l’ha aiutata ad abortire. E’ accaduto in Brasile e lo ha reso noto la BBC.
    E’ il caso di una bambina di nove anni, abusata per anni dal patrigno,
    incinta di due gemelli. La legge ...

    [http://www.notiziegay.com/?p=25225]
    ..........

    La Spagna dà l’ok ai trans nell’esercito. Non importa “assenza organo genitale”.
    Da oggi in Spagna anche i transessuali potranno far parte dell'esercito. E' infatti in vigore una nuova normativa che ne regola l'ingresso nelle Forze armate ...

    [http://www.notiziegay.com/?p=25228]




    permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 6/3/2009 alle 12:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
    CULTURA
    5 marzo 2009
    La Biblioteca comunale di Elmas ha aperto una sezione sull'omosessualità
     

    La Biblioteca comunale di Elmas
    ha aperto una sezione sull'omosessualità


    Biblioteca gayfriendly, ad Elmas 
    in provincia di Cagliari

    La biblioteca del Comune di Elmas (Cagliari) ha portato avanti un’iniziativa degna di menzione: infatti, grazie a un particolare interesse e sensibilità di alcuni amministratori referenti e del personale del settore dei servizi alla persona, ha deciso di acquistare e aggiungere nel proprio catalogo delle opere in prestito alcuni libri che trattassero della tematica LGTB.

    L’idea guida che ha generato tale intento si fonda sia su due aspetti distinti ma correlati:

    • Sopperire alla difficoltà di riuscire a reperire nel circuito editoriale e in quello della vendita della Sardegna dei testi afferenti a tale corrente letteraria, per la quale gli appassionati son quasi sempre obbligati ad acquistarne via web i titoli,

    • Il particolare interesse della cittadinanza alle tematiche e ai problemi, ad ampio spettro, riguardante i cittadini omosessuali.

    È stato pertanto deciso di offrire agli interessati la possibilità di poter avere accesso a libri a tematica LGTB e quindi di poter scoprire o approfondire la conoscenza di tale ambito.

    Attualmente sono stati acquistati, catalogati e resi disponibili all’utenza una cinquantina di titoli, che spaziano dalla saggistica alle vere e proprie opere letterarie e romanzi, la novità sta nel fatto che, oltre ai noti testi a livello mondiale di Leavitt, Genet e White, presenti comunque in gran parte dei servizi pubblici bibliotecari e in qualche libreria, si è cercato di estendere la scelta con i libri che trattano di tale tematica ma che trovano una diffusione ristretta nella collettività sarda, avvalendosi pertanto dell’acquisto anche di libri delle case editrici specializzate in materia come Playground, Del Cardo, Il Dito e la Luna, Ed. Croce, ect, che magari hanno pubblicato in questi anni opere molto interessanti ma non conosciuti a livello locale e regionale.

    Questa nuova opportunità pertanto dovrebbe costituire un’opportunità sia per gli utenti LGTB che anche eterossessuali che hanno interesse, in ambito letterario, a documentarsi sulla “Letteratura a Tematica Omosessuale”.

    Quest’iniziativa, che nel suo piccolo rimane significativa, è di buon auspicio affinché possano crearsi i presupposti per ulteriori passi e aperture della realtà locale sarda ai problemi e alle istanze della comunità gay, che ancora oggi si sente emarginata e marginale nella vita e nell’accettazione ma rivendica comunque lo status di “cittadinanza”, fruitrice pertanto di diritti e servizi. Simboleggia quindi un primo passo su un progetto e percorso che coinvolgerà, tramite la presentazione di alcuni servizi, diversi settori dell’area dei servizi alla persona.

    La biblioteca è aperta a tutti, anche ai non residenti nel Comune, per ulteriori informazioni basta consultare il sito internet www.comune.elmas.ca.it alla voce Biblioteca Comunale. Gli orari di apertura sono attualmente così strutturati:

    BIBLIOTECA COMUNALE DI ELMAS
    P.zza San Sebastiano - Tel. 070 2135095

    ORARIO “Invernale” – Dal 1° Ottobre alla 1^ settimana di Giugno
    Mattino: Lun – Mer – Ven – Sab dalle 9 alle 12
    Sera : dal Lun al Ven dalle 15.30 alle 18.30

    ORARIO “Estivo” – Dalla 2^ settimana di Giugno al 30 Settembre
    Mattino: dal Lun al Ven dalle 9 alle 12
    Sera : Lun – mer – Gio dalle 16.30 alle 19.30


    ***
    PS: Un ringraziamento particolare per tutto questo va a CI e MP,
    che si son profusi in fiducia, impegno e sostegno realizzando
    questa iniziativa.



    http://www.arcigay.it/biblioteca-friendly-provincia-cagliari


    http://85.37.55.117/webopac/asp/result_titolo.asp

    http://85.37.55.117/webopac/asp/result_titolo.asp




    permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 5/3/2009 alle 13:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
    fotografia
    5 marzo 2009
    Alcune foto del concorso fotografico dell' ARC: ragazzi che si amano coccolosamente... :)

    Ragazzi che si amano coccolosamente... :)
    A  l  c  u  n  e    f  o  t  o    d  e  l    c  o  n  c  o  r  s  o   
    f  o  t  o  g  r a  f  i  c  o    d  e  l  l  '    A  R  C




















    Fonte

    http://flickr.com/photos/33972172
    @N06/sets/72157612059137215/




    permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 5/3/2009 alle 10:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
    fotografia
    5 marzo 2009
    Risultati del concorso fotografico dell'associazione GLBT ARC (associazione dei gay, lesbiche, bisessuali e transessuali di Cagliari)
     

    Associazione Culturale ARC

    in collaborazione con l'Associazione Universitaria
    universitARC e i contributi dell'ERSU
    Ente Regionale per il diritto allo Studio Universitario

    presenta


     DIVERSAMENTE
    AMABILI

    C o n c o r s o   f o t o g r a f i c o  
    a   t e m a t i c a   G L B T

    VINCITORI



    La Giuria deputata a selezionare le foto vincitrici del concorso fotografico a tematica GLBT DIVERSAMENTE amABILI, composta da Giovanni Coda (regista, fotografo, direttore artistico del Festival V-Art), Giacomo Pisano (critico d'arte, consulente per l'Assessorato alla Cultura del Comune di Cagliari e consulente esperto beni culturali per la Sardegna Digital Library), Francesca Erriu (scrittrice, sceneggiatrice e critica cinematografica) e da due membri del Direttivo dell'Associazione, Marco Fulgheri e Diego Costaggiu, e presieduta da Giovanni Coda, ha decretato come vincenti le seguenti opere in gara:

    I CLASSIFICATO

    MARCO MARCHESE
    Morning after Sex



    II CLASSIFICATO

    DANIELE DE VITIS
    My House of Tolerance



    III CLASSIFICATO

    VIOLA LORENZA SAVARESE
    Marmade Agony



    MENZIONI SPECIALI

    MARCO GAMBULA
    L'appuntamento

    CRISTINA BATZELLA
    Alla fermata del bus



    L'Associazione Culturale ARC ringrazia tutti coloro che hanno voluto partecipare a questo concorso, promosso principalmente con lo scopo di sensibilizzare, attraverso la forma d'arte della fotografia, ai temi del rispetto e della difesa dei diritti civili e morali della comunità gay, lesbica, bisessuale e transgender. E ringrazia di cuore i giurati che si sono spesi affinchè DIVERSAMENTE amABILI fosse una gara vera, seriamente condotta e portata alla conclusione con il massimo della correttezza. Sono ancora visitabili sul sito la pagina con tutte le fotografie che sono state in gara e quella del bando del concorso.

    http://www.associazionearc.eu/homepage.html



    DIVERSAMENTE amABILI

    Concorso fotografico a tematica GLBT

    39 foto | 281 visualizzazioni

    elementi compresi tra 26 set 2007 e 03 gen 2009.

    DIVERSAMENTE amABILI di Associazione Culturale ARC
    1_Omaggio a Michelangelo_Nino Cramarossa di Associazione Culturale ARC
    2_Double smile_Francesco Parisi di Associazione Culturale ARC
    3_Dite un po' voi che cos'è questo, se non è amore...._Francesco Parisi di Associazione Culturale ARC
    4_Primo appuntamento_Marco Gambula di Associazione Culturale ARC
    5_Wearing masks is just to survive_Simone Fortunini di Associazione Culturale ARC
    6_My house of tolerance_Daniele De Vitis di Associazione Culturale ARC
    7_Drama_Viola Lorenza Savarese di Associazione Culturale ARC
    8_Marmade Agony_Viola Lorenza Savarese di Associazione Culturale ARC
    9_Masculine-feminine_Viola Lorenza Savarese di Associazione Culturale ARC
    10_Every breath_Federico Forlani di Associazione Culturale ARC
    11_Something that have to be told_Federico Forlani di Associazione Culturale ARC
    12_H.4_Federico Forlani di Associazione Culturale ARC
    13_Tutto l'universo obbedisce all'amore_Pietro Gregorini di Associazione Culturale ARC
    14_The kiss_Pietro Gregorini di Associazione Culturale ARC
    15_I fell in love with a dead boy_Pietro Gregorini di Associazione Culturale ARC
    16_Senza identità_Daniele Corsari di Associazione Culturale ARC
    17_In catene_Cristina Batzella di Associazione Culturale ARC
    18_Il mattino_Cristina Batzella di Associazione Culturale ARC
    19_Alla fermata del bus_Cristina Batzella di Associazione Culturale ARC
    20_Dell'impossibile amore_Andrea Ibba Monni di Associazione Culturale ARC
    21_Forbidden freedom_Andrea Ibba Monni di Associazione Culturale ARC
    22_The kiss_Andrea Ibba Monni di Associazione Culturale ARC
    23_Outside of society_Marco Marchese di Associazione Culturale ARC
    24_Morning after sex_Marco Marchese di Associazione Culturale ARC
    25_Empathy_Marco Marchese di Associazione Culturale ARC
    26_La bionda e la mora_Renato Cammalleri di Associazione Culturale ARC
    27_Dolce atmosfera_Renato Cammalleri di Associazione Culturale ARC
    28_Il trio_Renato Cammalleri di Associazione Culturale ARC
    29_Sguardi accondiscendenti_Rosanna Palermini di Associazione Culturale ARC
    30_Indifferenza_Rosanna Palermini di Associazione Culturale ARC
    31_Gay Pride Roma 2008_Rosanna Palermini di Associazione Culturale ARC
    32_Ich Liebe Dich_Ruggero Palazzo di Associazione Culturale ARC
    33_Glance at the future of a love_Ruggero Palazzo di Associazione Culturale ARC
    34_Lo specchio dell'anima_Eleonora Cocco di Associazione Culturale ARC
    35_In.bed.with.my.secret._Antonello Petrò di Associazione Culturale ARC
    36_L'insostenibile.leggerezza.dell'essere._Antonello Petrò di Associazione Culturale ARC
    37_Les.amants._Antonello Petrò di Associazione Culturale ARC
    38_In-Difesa_Beatrice Garau di Associazione Culturale ARC

    Iscriviti a un feed su questa pagina... Feed – Sottoscrivi il set "DIVERSAMENTE amABILI" 

    http://flickr.com/photos/33972172@
    N06/sets/72157612059137215/



    permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 5/3/2009 alle 10:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
    ECONOMIA
    3 marzo 2009
    PRODOTTI RIVOLTI ESPLICITAMENTE AI GAY. SI O NO?
    PRODOTTI RIVOLTI
    ESPLICITAMENTE AI GAY.
    SI O NO


    Un accordo siglato tra Arcigay e la banca tedesca BHW permettera`
    per la prima
    volta in Italia di concedere mutui per la casa a tassi
    agevolati a gay single e coppie
    .

    E` il primo caso in cui, almeno nel nostro Paese, il mondo omosessuale viene considerato come un normale target commerciale.
    La comunita` Lgbt italiana
    non ha mai avuto la possibilita` di rapportarsi a prodotti esplicitamente
    ad essa dedicati
    : anche nelle pubblicita`, molto spesso, c`e` sempre stata una tendenza all`ammiccamento piuttosto che alla
    chiamata diretta.

    Negli Usa si parla di
    boicottaggio di marchi omofobi (
    LEGGI >), e persino la carriera politica di Harvey Milk inizio` con un atto di boicottaggio all`interno del quartiere Castro di San Francisco. Noi ribaltiamo la questione: se un`azienda si rivolgesse ai gay, sfatando tabu` e anni di invisibilita` di quella che e` a tutti gli effetti un`ampia fetta di mercato, saresti incline a premiarla? Se fosse l`economia la chiave di tutto? (LINK >)

    http://www.gay.tv/ita/magazine/sondaggi/dettaglio.asp?s=322



    permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 3/3/2009 alle 0:0 | Versione per la stampa
    letteratura
    1 marzo 2009
    Andy - storia di due ragazzi gay
     
    Andy -
    Storia di due ragazzi gay
    Notizie
    Sabato 03 Gennaio 2009 08:13
    andy_-_storia_di_due_ragazzi_gay

    Volevo segnalare questo bellissimo romanzo a puntate del sito
    Gay Storie di Progetto Gay arrivato ormai alla decima puntata.
    Riporto una parte dell'inizio della storia:

    La serata era fresca, quasi fredda, Marco, con quel po’ di inglese che sapeva, aveva ascoltato i notiziari della BBC in internet per parecchio tempo, ed era rimasto colpito dal fatto che Bush parlasse apertamente di destabilizzare il governo di Saddam Hussein, in sostanza, gli sembrava che la guerra al terrorismo dichiarata da dopo l’11 settembre 2001 si stesse trasformando in qualcosa di diverso e di incontrollabile, Bertinotti aveva difeso i Palestinesi, ma proprio al congresso di Rifondazione si era difeso da accuse di antisemitismo arrivate dalla stampa gridando dal palco: noi siamo ebrei! … aveva aggiunto anche: siamo negri, siamo omosessuali. La cosa nel complesso aveva assai colpito Marco; negli ultimi giorni gli avvenimenti tragici della Palestina avevano occupato la sua mente e lo avevano allontanato dai suoi problemi personali, dalla necessità di studiare, dalla sensazione di solitudine e da tutto il corteo di sentimenti che si portava appresso ormai da anni.

    Marco aveva 23 anni e ne avrebbe compiuti 24 in Agosto, aveva preso la maturità tecnica di perito meccanico a 19 anni, quasi venti, nel 1998, non andava particolarmente bene nelle materie tecniche e la meccanica e la matematica erano state un po’ la sua croce, aveva sempre sostenuto di avere sbagliato tipo di scuola, amava la lettura molto di più dei ragazzi della sua età e aveva acquisito un modo di esprimersi decisamente corretto, qualche volta anche ricercato, sulla scia di tutto questo si era iscritto a giurisprudenza e i suoi lo avevano lasciato fare, anche perché, date le esperienze della scuola, ritenevano, senza dirlo esplicitamente, che non fosse in grado di andare a ingegneria.

    A novembre del ‘98, e quindi a 20 anni compiuti, aveva cominciato a frequentare le lezioni del primo anno, in teoria avrebbe potuto laurearsi nel giugno del 2002, ma le cose erano andate in tutt’altra direzione. Marco era un ragazzo sveglio e di buone capacità ma la sua cultura umanistica era sostanzialmente quella di un autodidatta, non aveva un retroterra culturale adeguato alla facoltà di giurisprudenza, non capiva nulla di latino, non aveva la più pallida idea della storia romana, non gli mancava un qualche interesse per la filosofia ma di tipo estemporaneo ed era comunque privo di quelle basi tipicamente scolastiche che sono il fondamento dello studio universitario, dei 22 esami previsti dal suo corso di laurea ne aveva superati solo quattro e con votazioni basse, piano piano aveva lasciato passare il tempo senza troppo impegno e con la convinzione o, se vogliamo, con il timore piuttosto ben radicato che non sarebbe arrivato da nessuna parte.

    Era figlio unico, i suoi, a casa, gli volevano bene, cercavano di sostenerlo in tutti i modi ma non avevano i mezzi economici per permettergli di frequentare quei miracolosi corsi di preparazione agli esami universitari tanto pubblicizzati sulla stampa e in TV, né avevano le capacità culturali per seguirlo e per indirizzarlo; avevano visto svanire giorno dopo giorno il sogno di avere un figlio laureato ma la cosa per loro aveva un peso molto relativo perché se Marco si fosse laureato sarebbe stato il primo e l’unico della sua famiglia a giungere a quel traguardo, ma ormai i genitori di Marco erano portati a credere che non avrebbe nemmeno trovato facilmente un lavoro da perito, anche perché con i suoi voti di maturità si poteva fare ben poco, tuttavia avevano evitato scrupolosamente di metterlo in crisi con discorsi troppo diretti e si aspettavano che Marco prima o poi capisse da sé, o forse continuavano a sperare che qualcosa potesse ancora succedere, anche se Marco si avviava ormai ai 24 anni e aveva fatto in sostanza un esame all’anno.

    Marco era gay, i suoi genitori lo sapevano e l’avevano accettato, non senza qualche perplessità iniziale che tuttavia il figlio aveva potuto solo intuire perché avevano fatto di tutto per tenere per sé i propri dubbi e le proprie difficoltà; Marco si sentiva riconoscente per questo, a casa sua non aveva dovuto fingere, ma ancora a 23 anni non aveva mai provato che cosa potesse significare un amore ricambiato, per lui l’omosessualità era soprattutto un problema sessuale, non un problema affettivo, o almeno Marco si sforzava di vederla così, in questo modo la sua solitudine si riduceva ad una astinenza sessuale, o meglio ad una astinenza da rapporti sessuali a due, ma non sembrava coinvolgere la sfera affettiva profonda o quella delle prospettive a più lunga scadenza.

    Marco aveva l’affetto dei genitori e questo contribuiva a farlo sentire meno solo ma nonostante tutto, specialmente nelle lunghissime domeniche di primavera, cominciava a provare la necessità urgente di conoscere altri ragazzi, di non sprecare la sua vita in attese sterili e di provare a cercare dei contatti affettivi
    suoi, veri, forti, di questo però aveva anche paura, non aveva mai frequentato ambienti gay di nessun genere e tra i ragazzi che aveva conosciuto a scuola o all’università solo pochissimi lo avevano interessato, gli altri gli sembravano proprio di un altro pianeta, ma anche con quei pochissimi Marco non aveva mai avuto nessun contatto affettivo forte e meno che mai reciproco, aveva alcuni amici che sapevano che era gay e che avevano continuato a frequentarlo anche se in modo piuttosto sporadico, almeno non avevano tagliato i ponti, questo a Marco aveva fatto piacere ma quelle amicizie non comportavano una reciprocità vera come quella che Marco desiderava ma non osava nemmeno sperare.

    Marco non aveva piena coscienza della sua solitudine, la percepiva ma la confondeva con altri sentimenti, con la frustrazione per l’università, con le scarse prospettive di lavoro e di indipendenza economica, ma forse non si rendeva ancora conto pienamente che la sua era una solitudine di tipo molto particolare, nel profondo della sua mente Marco percepiva che per lui la felicità legata al sesso non ci sarebbe mai stata, e per questo evitava di sognarla, cercava di accettare questa situazione come se fosse la cosa più ovvia del mondo, mettendola semplicemente da parte perché tanto non ci si poteva fare nulla, ma tutto questo lavorava inesorabilmente nel profondo.

    Fino a ventuno o ventidue anni era stato molto socievole, pronto a scherzare e a ridere di tutto, poi, piano piano, la frustrazione aveva cominciato a radicarsi stabilmente dentro di lui, cercava di essere allegro a casa per non preoccupare i suoi, ma non aveva alcuna via di sfogo, le sue malinconie, erano tutte sue, non ne parlava con gli amici, che in fondo le avrebbero ascoltate ma senza partecipazione come Marco ascoltava qualche volta le loro storie d’amore, e non ne voleva parlare in famiglia, è vero che i suoi avevano accettato di avere un figlio gay e gli volevano bene ma parlare con loro delle sue malinconie, dei suoi desideri e delle sue fantasie gli sembrava improponibile e poi Marco si sentiva ormai grande e almeno in quelle cose voleva non dipendere da nessuno.

    I suoi si erano accorti di questi stati di disagio e avevano cercato di alleviarli spingendo Marco ad allontanarsi da casa e a vivere per conto proprio, avevano un secondo appartamento sfitto da due anni e Marco ci andò a vivere da solo, gli comprarono un computer, il migliore che si potevano permettere, Marco si collegò a internet, la casa nella quale viveva da solo gli consentiva di trovare qualche momento di evasione cercando delle immagini di nudo e di sesso in rete, all’inizio tutto questo fu per Marco una vera scoperta, ma queste cose avevano ben poco a che vedere con la vita reale e Marco continuava a tornare sempre a casa dei suoi ogni volta che era possibile, apparentemente per evitare di cucinare e di fare la spesa, ma sostanzialmente per non stare solo. Il sesso su internet aveva la funzione di uno sfogo ma sotto il profilo affettivo faceva sentire ancora di più a Marco la sua solitudine, di siti porno cominciava ad essere stufo mentre il sorriso di un ragazzo incontrato per strada lo faceva trasalire.

    Alle otto e mezza rientrò nella sua casa vuota, quella che lui chiamava la piccionaia perché era all’ultimo piano, l’ottavo, di un palazzone anni ’60, si tolse le scarpe e si mise le pantofole, ne ebbe un certo sollievo, pensò di accendere il computer ma lo aveva tenuto acceso tutto il pomeriggio e non ne poteva più, accese la televisione, vide la manifestazioni di folla nei paesi arabi per la pace in Palestina, sentì del risorgere dell’antisemitismo, delle sinagoghe incendiate in Francia, delle manifestazioni antiisraeliane, del blocco della chiesa della natività a Betlemme. Tutte queste cose lo coinvolsero profondamente e rimase ad ascoltare, ma alla fine del telegiornale non seppe che fare, chiamò casa.

    - Ciao mamma, che fate di bello?
    - Niente, tutto come al solito, ma tu come stai? Oggi non ti sei fatto sentire…
    - Lo so… ma se vengo adesso?
    - Vieni, bello, noi ti aspettiamo, ma hai mangiato?
    - No, veramente no.
    - Allora vieni che c’è una lasagna buona che l’ha fatta papà, noi non abbiamo ancora mangiato, vieni che ceniamo insieme.
    - Va be’, allora arrivo tra una mezz’oretta. (continua)

    L'indice completo delle parti già pubblicate si trova a questa pagina.
    Commenti (2)Add Comment
    bloggita
    Ciao gayproject...
    scritto da bloggita, 28 gennaio 2009
    Complimenti, è un ottimo racconto, troppo bello per non condividerlo! smilies/wink.gif
    Anche il forum e i blog di progetto gay sono tra i miei preferiti, li seguo sempre. smilies/smiley.gif
    0
    Grazie!
    scritto da gayproject, 28 gennaio 2009
    Sono gayproject, l’autore di Andy – Romanzo gay che, ci tengo a sottolinearlo, non è una storia di invenzione ma è la vera storia di due ragazzi gay. Il romanzo è stato scritto a partire da diari e da documenti autentici e con la collaborazione dei protagonisti. Non so chi ringraziare per questa bellissima pagina ma non posso nascondere che la cosa mi fa immensamente piacere! Ho visto anche che su GT-BLOG ci sono i link a diversi siti di Progetto Gay e la cosa mi riempie di orgoglio. Ancora un sentitissimo grazie!


     
    ANDY
    ROMANZO GAY
    di gayproject

    INDICI

    9 commenti:

    davidsam ha detto...

    Ho letto tutti i capitoli finore pubblicati nel blog e li ho trovati interessanti.

    Vorrei sapere, per cortesia se sono stati pubblicati in un libro poichè sono ansioso a sapere come va a finire.

    Fabio ha detto...

    Ho letto anch'io tutti i capitoli fino ad adesso! complimenti è un romanzo stupendo! ogni capitolo è bello, spero anch'io un giorno di vivere una situazione del genere!
    non vedo l'ora di leggere il prossimo capitolo! spero che lo metti il più presto possibile!

    Anonimo ha detto...

    Ciao,

    questo romanzo mi piace da morire, che fortunati i protagonisti ad avere una storia così, spero di averne una anch'io! bellissimo veramente, non vedo l'ora di vedere i prossimi capitoli per ora sono arrivato al 7/3, non è finito così vero? spero tu metta gli altri capitoli il più presto possibile perchè voglio leggerli!
    grazie mille per le emozioni che mi hai dato leggendo!

    Ciao, Fabio

    Fabio ha detto...

    Ciao, di nuovo io, che bello il capitolo 8/1, molto dolce, adesso sono più contento sapendo che ci sono 30 capitoli, avevo paura che fosse già finito!

    Ciao e grazie

    Fabio ha detto...

    Ciso sono sempre Fabio, è da un po' che non venivo qui, come mai non sei andato avanti con i capitoli?
    aspetto con ansia di sapere come va avanti.

    ciao e grazie per aver pubblicato questo racoonto!

    Not Only Gay ha detto...

    Grazie Fabio, ti ho dedicato anche il capitolo 8/3. Sapessi come mi fa piacre sapere che c'è qualcuno che legge la storia di Andy!

    Fabio ha detto...

    Ciao,
    come mai non sei andato avanti con le pubblicazioni dei capitoli? dai che muoio dalla voglia di vedere come va avanti!

    ciao e grazie

    Not Only Gay ha detto...

    Ciao Fabio, dopo un bel lavoro di riduzione pubblico, e ti dedico, il capitolo 9 in un unico post. Putropo gran parte del contenuto originario non è campatibile con un blog per tutti.

    Mi farebbe molto piacere conoscerti, visto che apprezzi il Romanzo di Andy. Puoi contattarmi tramite il Forum di Progetto Gay o con un messaggio sul forum Sorie gay e non solo. Mi farebbe estremamente piacere!
    Un abbraccio!

    Fabio ha detto...

    Ciao, aspetto un nuovo capitolo con ansia!

    Ciao




    permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 1/3/2009 alle 21:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
    CULTURA
    1 marzo 2009
    Freunde (film tedesco sull'amore tra due ragazzi gay)
     
    Freunde - The Whiz Kids
    Video
    Sabato 28 Febbraio 2009 07:56

    freunde

     

    Titolo: Freunde - The Whiz Kids
    Regia: Jan Kruger
    Sceneggiatura: Jan Kruger e A. M. Homes
    Fotografia: Oliver Schwabe
    Suono: Uwe Dresch
    Cast: Marlon Kittel ( Marco), Martin Kiefer ( Johannes), Rose Bender ( Tanja)
    Durata: 22’
    Nazione: Germania
    Formato: 35 mm

     

    Questo film è stato presentato al 58° Festival di Venezia nella sezione "Corto cortissimo" ed ha vinto il Leone d'argento.


    E' tratto dal romanzo omonimo di A.M. Homes, la trama parla di due amici, Johannee e Marco che con il tempo vedono trasformare questa amicizia reciproca in qualcosa di più. L'intimità però è destinata ad un finale infausto.

    Il regista: (Aquisgrana 1973) ha studiato ingegneria e scienze sociali prima di iscriversi alla Scuola Superiore di Arti e Media di Colonia. Dal 1998 lavora come freelance per un programma televisivo scientifico e un’ agenzia pubblicitaria. Nel 1997 ha girato il documentario In den Kreis des Lichts/In the Circle of Light. In 1999 ha realizzato il filmato musicale Verfuhrung von Engel/ Seduction of Engels, ispirato a una poesia di Bertolt Brecht, seguito nel 2000 da Hochzeitsvorbereitungen / Preparations for a Wedding.

    Il lavoro: Elaborando la sceneggiatura ho messo molta cura nel conservare l’apertura appena tratteggiata e la soggettività del testo originario. Il lavoro accurato svolto con la macchina da presa e la dinamica dei rapporti fra i due giovani protagonisti hanno generato scene che in sala di montaggio ci hanno fatto sentire di aver catturato qualcosa di molto vivido e genuino.



    http://www.gt-blog.com/video/freunde-the-whiz-kids.html#comments



    permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 1/3/2009 alle 20:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
    sentimenti
    27 febbraio 2009
    Lettera aperta a un omosessuale che vuole guarire dalla sua omosessualità
     
    Lettera aperta a un omosessuale che vuole guarire dalla sua omosessualità
    lettera apertaLettera di Gianni Geraci del gruppo Guado di Milano del 22 Gennaio 2009

    Carissimo, ho saputo che la prossima settimana inizierai un ciclo di 19 incontri che, con un eufemismo usato dagli organizzatori «si propone di guarire le ferite e gli abusi che ti fanno vivere in maniera conflittuale la tua affettività», ma che in realtà ha come scopo quello di guarire la tua omosessualità. L’ho saputo dagli amici del circolo Arcigay Orlando di Brescia che, proprio in concomitanza con l’inizio di questo ciclo di incontri, hanno deciso di organizzare una manifestazione con uno slogan molto forte: «Non guarirete mai!».

    Per una volta, caro Davide, non sono d’accordo con la loro manifestazione. Io, infatti, ti auguro di cuore di guarire e di approdare finalmente alla vita affettiva che desideri nel profondo del tuo cuore. Se dovesse capitarti mai di innamorarti di una donna a cui deciderai di essere fedele per il resto della tua vita e di costruire con lei una bella famiglia, sarei il primo ad essere felice. Debbo però essere onesto fino in fondo: nonostante le certezze che dispensa il sito del gruppo che organizza il seminario, ho molti dubbi sull’efficacia del percorso che ti proporranno.

    Mi sembra addirittura che chi lavora in questo progetto abbia dell’omosessualità un’idea stereotipata, fatta di discoteche, di flirt e di incontri erotici a raffica, di viaggi negli Stati Uniti, di completini Dolce e Gabbana: tutte cose che magari fanno parte della vita di molte persone omosessuali, ma che senz’altro sono estranee alla mia vita e alla vita di tante persone omosessuali che frequento e che conosco.

    Tra l'altro gli psicologi, gli psichiatri e gli psicoterapeuti che sostengono l'inutilità (i più benevoli) o la pericolosità di certi percorsi di guarigione dall'omosessualità sono la stragrande maggioranza, tra loro ci sono autorevoli esponenti del mondo cattolico che non possono certo essere accusati di indifferenza nei confronti del messaggio morale della Chiesa.

    Qualche giorno fa anche il quotidiano dei vescovi italiani ha riportato un lungo articolo di Vittorino Andreoli in cui si dice chiaramente che l'omosessualità non può certo essere considerata una malattia da guarire.
    I soliti due o tre nomi che vengono citati dai sostenitori delle terapie riparative sono personaggi assolutamente marginali da un punto di vista scientifico: nessuna rivista seria di psicologia seria ospiterebbe mai un loro articolo, perché quello che scrivono non è il prodotto di una ricerca scientifica, ma é l'espressione delle loro personalissime opinioni. Il fatto é che, per un autore che dice una parola in favore delle terapie riparative dell'orientamento sessuale ce ne sono centinaia che le definiscono inutili o dannose.

    Debbo poi dirti che, in quasi vent'anni di volontariato con gli omosessuali credenti, pur avendo conosciuto diverse persone che hanno tentato di guarire dal loro orientamento omosessuale, non ne ho conosciuta nessuna che è poi guarita. La maggior parte, delusa, ha abbandonato la pratica religiosa.
    Altri continuano a sostenere la parte dell'omosessuale guarito, ma quando si arriva al dunque dimostrano di non essere guariti affatto e hanno comportamenti ipocriti e pieni di ambiguità (una volta una di queste persone ci ha addirittura provato con me e ti garantisco di non essere affatto un bell'uomo). Alcuni, addirittura, hanno avuto dei gravi problemi psicologici e uno di loro che si chiamava Luca, si é addirittura suicidato.

    Stai quindi molto attento. Se vedi che le cose che ti vengono proposte ti fanno star male abbandona il corso senza farti problemi. Tieni conto che il Signore vuole che tu diventi una persona equilibrata e serena e che sono questi i parametri che ti permetteranno di valutare la bontà delle esperienze che fai.

    Siccome so che alla base della scelta che hai fatto c’è anche una motivazione legata alla tua esperienza di Fede, mi permetto di raccontarti la mia storia e di darti qualche consiglio per evitare che l’esperienza che stai iniziando (e che, lo ripeto, mi auguro di cuore possa avere successo), non abbia le conseguenze negative che, tanti anni fa, un’esperienza analoga ha avuto nella mia vita.

    Devi sapere infatti, caro Davide, che nel 1984, consigliato da un sacerdote di Milano, io stesso sono andato da uno psicologo chiedendogli di farmi guarire dall’omosessualità. Lui mi ha detto che la cosa era possibile mi ha proposto una terapia che aveva come obiettivo quello di farmi diventare eterosessuale.

    Per pagarlo ho abbandonato l’università, dove facevo il ricercatore (il mio sogno, infatti, era quello di insegnare qualche disciplina collegata alla Statistica) e ho iniziato a lavorare per una multinazionale di informatica.
    La terapia è andata avanti per più di un anno ed è terminata quando il dottor Toller (così si chiamava lo psicoterapeuta a cui mi ero rivolto) mi ha detto che io non guarivo dalla mia omosessualità perché, in realtà, non volevo guarire.

    La psicoterapia non è comunque stata l’unica strada che ho tentato per guarire dalla mia omosessualità: quando ho incontrato un gruppo carismatico che praticava la preghiera di guarigione ho chiesto espressamente a un sacerdote di aiutarmi a guarire dalle mie pulsioni omosessuali. Ho digiunato a pane ed acqua due volte alla settimana per più di un anno (grasso com’ero la cosa non mi poteva che fare bene).

    Ho dormito per terra per vincere le tentazioni che mi venivano durante la notte (e qui ho qualche dubbio in più sulla effettiva bontà di questa pratica), sono andato più volte a Medjugorie, ho partecipato ad alcune messe di guarigione fino a quando, durante una messa celebrata da padre Emiliano Tardif, ho davvero pensato di essere improvvisamente guarito (ricordo ancora che eravamo al palazzetto dello sport di Sesto San Giovanni e che eravamo davvero tantissimi).

    Purtroppo non c’è voluto molto tempo per capire che, in realtà, le pulsioni omosessuali non erano affatto terminate: la delusione è stata grande e si è trasformata in una vera e propria ribellione nei confronti di Dio che guariva tante persone durante le preghiere a cui partecipavo e che non guariva uno come me che gli chiedeva soltanto di poter vivere finalmente alla luce delle raccomandazioni del Magistero della Chiesa.

    Il risultato è stato paradossale: ho perso la Fede e ho deciso di abbandonare qualunque forma di pratica religiosa. Non ti racconto quello che è successo nei mesi successivi.
    Ti dico solo che continuavo a tormentarmi con questa domanda: «Perché ho perso la Fede, visto che non ho fatto altro che seguire sempre e comunque le indicazioni che mi venivano dai miei confessori e dalle persone devote a cui avevo confidato la mia omosessualità? In cosa ho sbagliato? – mi chiedevo – E come posso fare per ritrovare quella fiducia nel Signore che ho ormai perso?».

    Per fortuna i libri sono sempre stati degli amici importanti per me. Ed è stato in due libri che ho trovato la risposta alle domande che ho appena scritto: il primo si intitola Scommettere su Dio ed è stato scritto da John Mc Neill, un teologo americano che si è occupato molto di omosessualità; il secondo si intitola Il grande divorzio ed è stato scritto da Clive Staples Lewis, uno dei maggiori apologeti cristiani del XX secolo.

    Pur partendo da premesse molto diverse questi due autori mi hanno fatto capire che quella che mi aveva guidato, nelle continue battaglie che avevo condotto contro la mia omosessualità, non era l’aspirazione sincera di fare sempre e comunque la volontà di Dio, ma una forma subdola di idolatria che metteva al posto di Dio il mio desiderio di essere una persona ‘a posto’, capace di condurre una vita esemplare, rispettosa delle indicazioni che mi venivano da coloro che io ritenevo autorevoli. In sostanza avevo sostituito l’idolo della mia ‘perfezione eterosessuale’ a Dio stesso e, quando questo idolo è crollato, ho perso la Fede.

    Da allora ho imparato a prendere dalla vita quello che mi da. Con un cammino che è stato lungo, ma che alla fine ha dato dei risultati molto belli, ho imparato a guardare alla mia omosessualità non più come a un ostacolo per la mia vita spirituale, ma come a un kayros, ovvero come a un’opportunità che mi veniva data per amare Dio in un modo diverso.

    Ho cercato nei meandri della storia della Chiesa e ho trovato alcune figure che potevano rappresentare un esempio di santità per me che ero omosessuale (tra tutte, credo che vada ricordata la figura di sant’Aelredo, che nei suoi scritti non esita a raccontare gli amori dissoluti della sua gioventù e non prova nessun imbarazzo nel narrare l’amore profondo che lo legava a un altro monaco di Rievaulx).

    Ho studiato teologia e ho capito che una Fede che non si può comunicare a tutti gli uomini non è una Fede realmente cattolica e che quindi, anche le persone omosessuali sono chiamate alla santità (se hai dei dubbi su questa idea di consiglio di leggere il Decreto sulla Giustificazione approvato dal Concilio di Trento il 13 gennaio del 1547).

    Ho infine scoperto che la mia omosessualità era qualche cosa di molto più vasto del mio desiderio di intimità con le persone del mio stesso sesso: era una condizione che mi permetteva di vivere in maniera più tranquilla l’accoglienza e la solidarietà nei confronti delle persone che incontravo; era una palestra che mi permetteva di cogliere con maggiore intelligenza le sfumature che regolano i rapporti tra le persone; era l’occasione per condividere le difficoltà di tante conoscenti che fanno fatica a trovare una loro serenità affettiva persone (non solo omosessuali, ma anche eterosessuali); era un mezzo formidabile per vivere dei rapporti di amicizia disinteressati e solidi che mi hanno permesso finalmente di uscire dal cerchio di solitudine in cui mi ero chiuso.

    Per farla breve posso dirti che al termine di questo cammino sono arrivato finalmente a recitare, nella mia preghiera del mattino e della sera, una frase che ripeto ancora oggi, tutti i giorni: «Ti ringrazio, Signore, per il dono che mi ha fatto con la mia omosessualità».

    Come vedi, caro Davide, l’omosessualità non è affatto incompatibile con il cristianesimo. Anzi, può addirittura diventare uno dei tanti sentieri che portano verso la santità. Si tratta di prenderla sul serio e di metterla in comunicazione con gli altri ambiti della nostra vita.

    Lo dice anche il Catechismo della Chiesa cattolica che, dopo aver osservato che «un numero non trascurabili di uomini e di donne presentano tendenze omosessuali profondamente radicate», ricorda che «tali persone sono chiamate a realizzare la volontà di Dio nella loro vita» (cfr. CCC 2358) e, per non restare sul vago, propone, nel punto 2359, un vero e proprio programma di vita: «Attraverso le virtù della padronanza di se, educatrici della libertà interiore, mediante il sostegno, talvolta, di un’amicizia disinteressata con la preghiera e la grazia sacramentale, possono e debbono, gradatamente e risolutamente, avvicinarsi alla perfezione cristiana».

    Come vedi anche alle persone omosessuali che restano tali la Chiesa fa una proposta concreta che, essendo piuttosto impegnativa, non può prescindere da quella sana autostima che, in una persona omosessuale, presuppone un’accettazione piena della propria omosessualità.
    Gli omosessuali che si considerano dei poveri sfigati corrono il rischio di crogiolarsi in un’autocommiserazione distruttiva in cui ci si giustifica per tutto e, magari inneggiando a una continenza che in realtà non si cerca affatto, ci si lascia andare a una promiscuità che a parole si condanna senza appello.

    Si tratta, in sostanza, di seguire fino in fondo quello che dice Gesù che nei Vangeli, notalo bene, non parla mai di omosessualità, mentre parla molte volte, condannandola, dell’ipocrisia di chi finge di essere quel che non é.
    Una persona omosessuale che vuole realmente seguire le parole di Gesù non può dimenticarsi di queste condanna e deve quindi fare di tutto per abbandonare i tanti modi ipocriti in cui la società contemporanea (ma anche la Chiese, e molte altre istituzioni) lo spingono a vivere il proprio orientamento sessuale.

    Da questo punto di vista ti raccomando, nel caso in cui il programma che hai iniziato ti spingesse a sposare una donna, di non prenderla mai in giro e di non usarla in vista di una guarigione che potrebbe rivelarsi un fallimento: non sai quante sono le persone la cui vita è stata distrutta dalla disinvoltura con cui i loro compagni hanno pensato di risolvere il problema della loro omosessualità con un matrimonio riparatore.

    Se ti sposassi senza amare la persona che sposi, se la sposassi pensando che magari qualche scappatella potrai anche permettertela, se la sposassi tenendola all’oscuro di un aspetto così importante della tua vita, non solo creeresti le condizioni per contrarre un matrimonio nullo dal punto di vista del diritto canonico, ma tradiresti Gesù che ti chiede di abbandonare qualunque forma di ipocrisia e questo, te lo garantisco, sarebbe molto più grave.

    Forse, come il solito, ti ho scritto troppe cose e alla fine andrà a finire che non le leggerai.
    Una cosa però vorrei raccomandartela con tutto il cuore. Indipendentemente da come andrà a finire il percorso che stai iniziando ricordati che Dio ti ama così come sei: con la tua attuale omosessualità e con la tua desiderata eterosessualità; nella relazione di coppia fondata su un amore davvero responsabile che potrai magari costruire con una persona del tuo stesso sesso, così come nel matrimonio che forse riuscirai a celebrare con la donna di cui ti innamorerai; nella solitudine di una vita che non è riuscita a riposarsi in una relazione di coppia stabile e duratura, così come nella scelta di una particolare consacrazione religiosa in cui rinunci alla relazione di coppia.
    Ricordalo sempre: l’amore di Dio viene prima della nostra capacità di comprenderlo e di scorgerlo nella nostra vita piena di contraddizioni; l’amore di Dio è sconfinato; l’amore di Dio non passa mai.


    Non so se questa idea ti è mai passata per la testa. Ti chiedo solo di ricordarla se mai dovessi scontrarti, dopo il corso che stai intraprendendo, con l’esperienza del fallimento. Il fatto che tu non possa eventualmente diventare eterosessuale non ti esclude in nessun modo dalla vocazione alla santità, anzi, ti permette di viverla in un modo senz’altro più vicino alle tue vere aspirazioni.

    E adesso vai pure, mio caro Davide. Sono comunque fiducioso perché so che il Signore ti aiuterà a trovare senz'altro la tua strada. Non avere paura della tua omosessualità e affronta la vita consapevole che ti muovi sotto il sorriso di Dio.

    Sappi che ti ricorderò nelle mie preghiere e che spero un giorno di poterti incontrare in paradiso dove il Signore ci ha preparato un posto in cui vivere in pienezza la nostra affettività al di là delle sofferenze e delle contraddizioni con cui l’abbiamo vissuta quaggiù.
     
     
     



    permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 27/2/2009 alle 21:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
    sfoglia
      

    Rubriche
    Link
    Chiesa alternativa: sarebbe ora!!!
    Gay: Diritti e pregiudizi
    Bisogna fare luce su ogni misfatto....
    Il sito dell'Arcigay di Milano, vera miniera di articoli !!!
    Il blog di Andrea Benedino
    Nuova Politica
    Il blog di Esperimento
    A conservative mind
    Il sito web di Ivan Scalfarotto
    Kelebek: "Il deserto cresce: guai a colui che cela deserti dentro di sé"
    Un Italiano in America
    Gay Today
    Eccezione: Blog GLBT
    Sito sulla Sardegna: Bandiera Sarda
    Il blog di Andrea Maccarrone : ragazzo gay e bellissimo
    Comunità cristiana di base "Viottoli"
    Link al msn space di Gigi...
    Frankobollo; blog de unu sardu ki olit s'independentzia!
    Il blog di Ivo Murgia, sardo indipendentista
    Su portali de sa lingua sarda
    Gay Today
    Su Cuncordu: piattaforma tematica di Irs
    Famiglia fantasma; sito pro matrimonio ai gay
    Sergio Atzeni
    L'altra voce
    Queer Way
    Il Megafono
    Odio la Censura
    The Queer World
    Notizie gay
    Il lume ritrovato
    Circolo Mario Mieli
    Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica
    Partito Radicale
    Il sito di Resistenza Laica
    Sito sul Materialismo
    Sito di Don Vitaliano
    Nuovo sito dell'associazione GLBT di Cagliari "ARC".
    Il sito di Franco Grillini
    Estropido: sito sul transumanismo
    I BLOG del cannocchiale
    Alef
    Anelli di Fumo
    Anima di Terra
    Arc En Terre
    Bestoblog
    Blue Highways
    Cup
    Elfo Bruno
    Effetto di senso
    Glun
    Il diario di Kamar
    Il Blog di Luigi il Verde
    Il Blog di Antonio Piu
    Malvino
    Non siamo perfetti
    Il sito della Destra Sociale
    Mildareveno
    Pikkietta 23: Il Blog
    Il Blog di Titollo
    Il Blog di Kiassaeva
    La Rosa nel Pugno
    Giornalttismo: un altro Blog ( un po' diverso....)
    Il Blog di Regina Zabo
    Blog di Fabio: le sue opioni
    Il Blog di Hope
    Due modi di esserlo....
    Il Blog di Luciana
    Altroconsumo
    Blog per la libertà in Iran
    Lettere persiane
    Blog dei libertari....
    Sostiene Proudhon
    Prospettiva al confine
    Zarathurstra: Blog per tutti e per nessuno ....
    Il Blog degli strani cristiani ( come Socci) ; bisogna sempre sentire tutte le campane
    Blog esterno al cannocchiale: Terrorpilots
    Liberali per Israele
    Il blog del forestiero
    Rinascita nazionale
    Il Blog di Fireman
    Il sito di Don Perrone
    Il blog di Kalash
    Dillo ad Alice
    Social Design
    La fondazione in Onore di Matthew Shepard , ucciso perchè era gay.
    Una delle associazioni che offrono terapie che, a loro dire, farebbero uscire dall'omosessualità
    Tra le altre cose , articolo sulla storia di Zach Stark....
    Articolo in italiano sulla vicendda di un sedicenne del Tennessee: Zach Stark
    La gaia Scienza
    Karamazov.it portale dei maggiori siti italiani cattolici fondamentalisti
    Sito sull'Italia Laica
    La Manica Tagliata
    Da Wikipedia, l'encicolpedia libera on line, la voce : Etica
    Giornali degli studenti e dei lavoratori laici e liberali
    Generazione L
    Critica Liberale
    Sito degli Atei e degli Agnostici razionalisti
    Sito sulla Filosofia
    Il blog ottimista!!
    Il Blog di Anerella
    Il sito dei radicali di sinistra , liberali alla Rawls
    Radicali : liberali , liberisti, libertari.
    Contro la caduta dei capelli che sta già inziando sulla mia testa :-(
    Il blog di Pietro Folena
    Sito ufficiale, in inglese, di un libro americano che sbugiarda gli
    sito di Love In Action, organizzazione cattolica che si pone il fine di
    sito della NARTH, che è come la LIA.
    Sito di Wayne Besen, la'utore del libro di cui al 69esimo link...
    Il sito del giornale della loby dei vescovi italiani
    I Gatti di Alice, altro blog...
    Eclissi di sole
    Il sito del Movimento Federalista Europeo
    Sito sull'Esperanto, lingua ausiliare pianificata
    Quello che sento...
    Devarim
    Pensieri di un muratore: Blog
    Un Blog affiliato alla Rosa...
    Gruppo Abele
    Wittgestein... il superblog
    Witty, un blog GLBT che cita un mio intervento su gay.tv realtivo alle persone transessuali !!!
    Sito della GayTV
    Il Blog di Medusa
    Link del sito che fa vedere un video sullo scuiomento di animali vivi
    Link dove potete guardare l'ennesima testimonianza video sulla realtà del mercato delle pellicce.
    Altro blog gay con in più una bella colonna sonora
    Il Blog di POP
    Il Blog di Jacobs
    Il Blog di Daw
    Il Blog di Nonsonostatoio
    Libertari
    Une Belle Histoire
    Il Blog del Libero Pensiero
    Il Blog di Hirpus
    Il blog di Yogayeti
    Il sito dell' ARC, assoziazione cagliaritana per i diritti dei gay.
    Blognews : il blog delle notizie
    Il primo ( cosi dice ) GayBlog italiano
    Il link del mio gruppo gay su Yahoo
    Kelebek: dialogo tra Oriente e Occidente
    CESNUR
    Il Blog di Esperimento
    Il Blog di Aldino
    Ecpalnet
    Il Blog di Il Signore degli anelli
    Il Blgo di Tonio
    Lager.it : sito sulla Shoah
    Il Blog di Vexilla
    Il blog di Ismael
    h2so4 BLOG
    Viva Marco Travaglio
    Neo Machiavelli Blog
    Papaboysajio: sito contro la Chiesa
    Technorati Blog
    Link sugli Omosessuali in Technorati
    Il blog di Francesco Nardi
    Fin-Occhio
    Il blog di Bi-Sex
    Ultimo 86
    Vogliamo i PaCS ora!!
    Appoggiare La RnP ( l'avessero fatto tutti i gay!! )
    Il Blog di Aurelio Mancuso
    Il Blog di Maredema
    Il blog di Marco Cirrito
    Uso Foresteria
    Penna Rossa
    Kerosene
    Cultura Gay
    Il blog di Don Franco Barbero
    Il sito di Mirko
    Blog destrorso
    Le rose nere
    Massimo Coppa
    Il Calibano: blog di Piergiorgio Welby
    Il blog del Laicista
    Fenicottero blu
    Drowned
    Il Blog di Iwill
    QueerBlog
    Imbarco Immediato ( ass. Gay e Lesbica del Ticino)
    Lettera 22
    Il blog di Fireman
    Libertalandia
    Il blog del Laicista
    Il Movimento Omosessuale Sardo
    il blog di Andrea Benedino
    Ideuskinki
    Il blog di scontro frontale
    Il blog di Pasquino
    Islam riformista
    Flavio Valerio Crespo
    Mappunto
    Icaroflyon
    Il blog di Lino Banfi
    TOM: Gay blog italiano
    GayGuy
    Il Gayettino
    Disastro Mondo
    Cinzi Ricci
    Diritti e Libertà ; informazione lgbt
    Sulla Lingua Sarda
    Il blog di Giugioni
    Predica bene, RATZOLA male
    Fisicamente: Rivista di fisica, didattica della fisica, storia della fisica, fisica e filosofia,
    Di fronte al Futuro
    Estropico
    Tranusmanisti
    il sito italiano delle famiglie di fatto
    Gruppo Yahoo sulle Coppie di Fatto
    Boy toy: il web non e`mai stato cosi` gay
    Il blog di Mario Cirrito
    Libertalandia
    Il sito della mitica Cinzia Ricci
    Il Raziocinio
    Il blog di Omaha
    Il blog di Muta Favella
    AZUR : Gay community della Svizzera italiana
    Cerca

    Feed

    Feed RSS di questo 

blog Reader
    Feed ATOM di questo 

blog Atom
    Resta aggiornato con i feed.

    Curiosità
    blog letto 1 volte

    Per metà lo scibile m'è oscuro!
    Mi separa, d'incomprension, un muro!




    Ciao a tutti, mi chiamo 
    Alessio Mameli, 
    sono un ragazzo
    di una città vicina
    a Cagliari.

    Il mio nickname su internet
    è Galamay, in quasi tutti
    i siti in cui sia iscritto.

    Con questo blog voglio esporre, un po',
    la mia visione delle cose...

    Trovate una mia foto in sezione
    "Sulla mia vita" ;
    non la metto qua perchè
    occupa troppo spazio

    Sono nato il 29/12/80.
    Sono alto 177cm, peso circa 73 kg, ho capelli
    e occhi castani, fisico normale
    (non atletico); sono in cerca,
    ancora, di una relazione...l'età del
    mio eventuale compagno
    può spaziare dai 16 anni
    (minimo legale) in poi...
    anche uomini più grandi di me
    mi possono interessare,
    ma ho un debole per gli adolescenti
    (ebbene si! )
    specie se hanno un corpo asciutto
    (senza un filo di ciccia)
    e magari anche scolpito.

    Tuttavia è già difficile
    avere una relazione
    con una persona della mia età,
    comunque con una persona
    adulta, figuriamoci con un adolescente.

    Comunque a 18-19 anni
    l'adolescenza
    dovrebbe essere conclusa,
    anche se in realtà sembra
    che ormai si concluda
    davvero oltre i 30 anni...
    (con l'indipendenza economica,
    il matrimonio, ecc)

    Resta il fatto che gli adolescenti
    (non proprio i teenagers!
    tra i 16 e i 24 anni circa è meglio)
    mi piacciono un casino,
    quindi sono disponibile anche
    verso di loro, soprattutto
    per parlare (specie nel caso si siano
    scoperti gay da poco
    e vogliano un amico
    con cui confrontarsi)

    Gli uomini oltre i 40-45 anni
    invece mi interessano poco...

    Vi consiglio di andare su gay.tv
    e leggere il mio profilo :

    www.gay.tv/galamay

    Ragazzi, uomini, fatevi vivi!

    Il mio contatto di msn
    è
    yemilgo@hotmail.it 

    Il link del mio
    "myspace"
    http://www.myspace.com/
    aggadym




    Consiglio di andare sempre al "Permalink" 
    che trovate in sotto ogni articolo,
    per aprire una pagina web ad esso dedicata. 
    Ciò permetterà di leggere gli articoli
    senza il disturbo di altre parti del blog
    (foto, link, parole del dorso)
    che, per errori di formattazione
     che io non so correggere,
    travalicano il loro spazio.






    Stato Laico
    Cosa sará mai??


    Qualcuno mi ha devastato la voce...
    [modifica]

    Meno male che l'avevo salvata nel mio blog

    La incollo qui per farvela leggere. Non mi sembra affatto confusa,
    ( adesso si presenta disordinata perchè mancano i link...);
    Fa giustizia del concetto di laicismo e laicità :
    Il laicismo è l'ideologia che promuove la laicità dello Stato
    e della Società. La laicità è l' indipendenza degli individui
    dalle ideologie illiberali, religioni comprese, fermo restando
    il rispetto della libertà e dei diritti degli altri individui.

    Ratzinger, con tutta la sua Chiesa, invece vorrebbe
    imporre DIO nella società e impedire che si facciano
    doverose estensioni di diritti agli omosessuali e il riconoscimento
    legale delle coppie di fatto e ha pure tuonato contro
    l'emancipazione delle donne.

    Il laicismo è semplicemente indispensabile per la difesa
    della libertà individuale.

    Nel mio blog trovate cose relative a questi temi,
    ma sono chiaramente di parte:
    [2]


    Le voci di Wikipedia dovrebbero essere blindate una volta
    che sono state scritte, previo controllo di uno non di parte.
    Mi piacerebbe sapere come sarà la voce "laicità" di Citizendium.

    Cordiali saluti


    Laicità

    Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


    Scritto da me: il mio nickname su Wikipedia è Galaemyam.


    Con laicità si indica un attributo riferito solitamente
    ad una struttura politica o amministrativa che esprima
    e misuri il grado di indipendenza da principi ed ispirazioni
    di carattere religioso o ideologico tali da determinarne,
    o perlomeno influenzarne, l'azione.


    La laicità si configura anche come assenza di un'ideologia
    dominante nell'opera di governo di uno stato.
    Ad esempio , nel caso di una dittatura sia pure atea
    definire lo stato retto da essa come "Stato laico" è un errore,
    in quando in esso ogni pluralismo è combatutto per fare
    posto solo all'ideologia ufficiale.

    Il movimento d'opinione che si ispira alla laicità viene
    definito laicismo(1). Il laicismo è anche il movimento
    politico che si adopera per la laicità degli stati e quindi
    per la libertà e l'eguaglianza di tutti i cittadini.

    L'ideologia ufficiale sarebbe lo stesso laicismo, ma con ciò
    non si fa eccezione alla laicità dello stato, in quanto il laicismo
    si presenta solo come un contenitore in grado di fare convivere
    insieme dottrine diverse e non impedisce di credere in una certa
    religione o in una certa altra ideologia, e di professarle direttamente,
    mentre invece l'ateismo di stato reprime duramente chi professa
    una religione; inoltre le varie forme di dittatura, vedendo
    nella religione dominante nello stato un'ostacolo all'instaurazione
    del totalitarismo, si comportano verso di essa in due modi
    differenti: o ne cercano la collaborazione, per usare la religione
    come Instrumentum Regni o almeno come parte dell'indentità
    nazionale (da usare quindi comme agente di coesione sociale,
    anche se discriminante nei confonti di chi non crede in quella
    religione), come nel caso del fascismo italiano, oppure la reprimono,
    come avvenuto nel Nazionalsocialismo e ancora più nel Comunismo
    sovietico (di cui la forma più dura fu lo Stalinismo)

    Il Laicismo impedisce solo che i valori, le regole, le dottrine
    insite nelle religioni o nelle ideologie non liberali, vengano
    imposte a tutta la cittadinanza, anche solo mediante uso
    del voto in parlamento, se dalla loro imposizione non derivi
    alcun beneficio indiviuale o collettivo, ma solo il rispetto formale
    di un dogma (ad esempio: quello della sacralità della vita ,
    contrapposta alla sua qualità e opportunità).





    Un paragone chiarificatore (forse...)


    Credo che questo paragone possa contribuire
    alla comprensione del rapporto tra i termini laicismo/laicità:

    Laicista: chi sostiene il laicismo
    relativista: seguace del relativismo

    Laicismo: dottrina della laicità dello Stato
    (=
    corrente di pensiero che rivendica l’autonomia
    dello stato da sistemi dogmatici,
    in particolare dal dogmatismo cattolico
    ) relativismo:
    dottrina della relatività della conoscenza

    laicità: l'essere laico
    relatività: l'essere relativo

    laico:
    1) (estens.)
    che dichiara programmaticamente la propria
    autonomia rispetto a qualsiasi dogmatismo ideologico
    .
    In part., dal dogmatismo cattolico.
    2) improntato, ispirato ai principi e agli ideali del laicismo

    relativo: che non ha valore o significato in sè ma rispetto
    a q.c. con cui ha un rapporto

    laicizzare: rendere laico
    relativizzare: rendere relativo


    Insomma: la prossima volta che il Papa ci dice
    che gli va bene la laicità ma non il laicismo...
    proviamo a rispondergli che a noi va bene
    la cristianità (l'essere cristiano),
    ma non il cristianesimo

    (il complesso delle dottrine religiose
    che si richiamano a Cristo) !!!


    Quando uso una parola, disse Humpty Dumpty in modo
    abbastanza sdegnoso
    ,
    significa esattamente quello che voglio io,
    né più né meno.
    Il problema è, disse Alice, se puoi fare significare
    alle parole così tante cose.
    Il problema è, disse Humpty Dumpty,

    chi è che comanda, tutto qua.

    (da Alice attraverso lo specchio di L. CARROLL)
     
    Corydon 04:28, 11 apr 2006 (CEST)

    Tratto da:
    http://it.wikipedia.org/wiki/
    Discussione:Laicit%C3%A0


    Di seguito un pezzo della voce di Wikipedia
    (scritta da me!!! ma purtroppo rimaneggiata) 
    circa che cosa deve essere uno stato laico.

    Nessuno ha obbiettato che sia un ricerca originale
    o una visione non neutrale della realtá; in effetti io penso
    di aver scritto davvero quello che obiettivamente uno stato
    che si definisce laico deve fare:

    deve tutelare i diritti di tutti i suoi cittadini impedendo
    che la maggioranza misconosca i diritti delle minoranze,
    anche se ció non ´conforme ai valori morali e ideologici
    della maggioranza stessa , fintanto che il riconoscimento
    dei diritti della minoranza non danneggia qualcun altro
    e non sia obietivamente pericoloso. 
    Tuttavia la voce ´stata sintetizzata...


    L' intera voce originale, oltre che
    nel mio blog, la tovate su:
    http://it.wikipedia.org/wiki/
    Discussione:
    Laicit%C3%A0

    Questo link invece porta la sito della voce
    ufficiale sul tema laicitá
    http://it.wikipedia.
    org/wiki/
    Laicit%C3%A0


    Lo Stato laico

    La maggiore o minore laicità di uno Stato può essere
    pertanto valutata sulla base del rispetto dei seguenti criteri:

    • la legittimità di uno Stato laico non è subalterna rispetto ad altri poteri, come istituzioni religiose o partiti politici; ad esempio, "lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani".
    • uno Stato laico rifugge da qualsiasi mitologia ufficiale, ideologia o religione di Stato;
    • uno Stato laico è imparziale rispetto alle differenti religioni e ideologie presenti al suo interno, e garantisce l’eguaglianza giuridica di tutti i cittadini, senza discriminarli sulla base delle loro convinzioni e fedi;
    • uno Stato laico riconosce e tutela i diritti di libertà di tutti i suoi cittadini: libertà di pensiero, di parola, di riunione, di associazione, di culto, ecc. compatibilmente con le proprie leggi e ordinamenti;
    • le leggi di uno Stato laico non devono essere ispirate a dogmi o altre pretese ideologiche di alcune correnti di pensiero, ma devono essere mosse dal fine di mantenere la giustizia, la sicurezza e la coesione sociale dei suoi cittadini.

    Dibattito sulla laicità

    Il dibattito sulla laicità, in Italia, si è acceso prevalentemente
    attorno alla regolamentazione di alcuni temi, tra i quali:

    • la presenza o meno di simboli religiosi negli edifici pubblici di proprietà statale,
    • la possibilità o meno di fare riferimento nelle dichiarazioni ufficiali ad alcuna fede,
    • la possibilità o meno dell'insegnamento di una o più religioni nelle scuole pubbliche,
    • la possibilità di regolamentare alcuni temi eticamente sensibili, come il divorzio, l'aborto, la fecondazione medicalmente assistita, le unioni civili per coppie eterosessuali e omosessuali, l'eutanasia, prescindendo o meno dalle convinzioni etiche più restrittive di una parte del Paese.

    Uno Stato laico è quello dove le religioni e le ideologie non hanno influenza sulla società nel suo complesso ma hanno valore solo per le persone, e al limite per le comunità formate da quelle persone, che credano in una certa religione o in una certa ideologia. Lo Stato laico deve prodigarsi perché nessuna parte della società prevarichi su una parte minoritaria della società stessa, se non per ragioni di utilità collettiva, ma mai per ragioni ideologiche. In altri termini: la democrazia non può essere usata per negare i diritti delle minoranze.


    GOD is omnipotent? yes? then , god is bad, because it makes
    NOTHING to prevent the accidents. About the Bible,
    it, have the same value of other "sacred texts"; it means:
    NO VALUE.

    In fact, all the "holy writtings" are only invention
    of the human mind, written by powerfull men
    to dominate in serfdom other people.
    God is only an idea, nothing of real.
    It's like Snow White... or Mickey Mouse.

    The Bible, like the Choran, or the Book of Mormon
    or other texts... does'nt demonstrate the existence of god.
    Futhermore, who trusts in god, believes
    also that Bible ist God's Word,
    but this is completeley senseless.

    The humans would be better, if they cought
    live together in peace, even without religions.
    The Ethics can exist also without gods.

    In the end: Reason and Faith are opposite,
    because the Reason is to believe with objective probes,
    meanwhile the Faith is to believe in something
    without any probes.

    The Bible is not a probe; it's only a tale, a legend.
     

    Look these videos:

    http://en.wikipedia.org/wiki/The_
    Root_of_All_Evil%3F
     

     
    http://www.google.com/search?q
    =Root+Of+all+
    Evil&rls=
    com.microsoft:*:IE-
    SearchBox&ie
    =UTF-8&oe
    =UTF-8&sourceid
    =ie7&rlz=1I7GZAZ


    http://www.google.com/search?
    q=the+
    virus+of+faith&rls=com
    .microsoft:*:IE
    -SearchBox&ie=
    UTF-8&oe=UTF-8&
    sourceid
    =ie7&rlz=1I7GZAZ


     
    http://razionalismo.
    wordpress.
    com/
    2007/07/18/root-of
    -all-evil-the-virus
    -of-faith-sottotitoli-in-italiano/




    Di seguito aggiungo in questa pagina alcuni commenti
    ( tra loro correlati)che ho lasciato su un sito: 
    http://www.dilloadalice.it  nella puntata 147 al primo articolo
    (quello sul Family Day ), con nickname Alex.



    I valori teocratici e illiberali di certi cristiani conservatori,
    per uno stato laico, devono valere SOLO PER LORO.


    Se venissero resi validi per tutti, anche per via del principio
    di maggioranza, usato in modo subdolo, la stessa
    laicitá
    andrebbe a farsi friggere e con essa la libertá e la dignitá
    degli individui.

    Le religioni devono contare solo per la VITA PRIVATA
    di chi vi crede; impedire che abbiano influenza nella vita
    pubblica non é una limitazione della
    libertà religiosa (mica
    vogliamo distruggere le religioni in quanto tali e la libertá
    di vivere la propria vita, e solo quella, secondo i loro precetti
    senza imporre nulla agli altri) ma solo impedire che la
    maggioranza misconosca i diritti delle minoranze
    per via di preconcetti irrazionali.

    In Italia il fondamentalismo cristiano non arriva ai livelli
    allucinanti del
    Ricostruzionismo cristiano vigente nelle
    frange piu estremiste della destra americana, ma é comunque
    fatto di movimenti liberticidi; essi peraltro non possono
    lasciare passare il messaggio che la loro ragione di vita sia
    solo un cumulo di menzogne e che chi la propugna
    sia moralmente eccepibile e sia stato coperto dalla Chiesa
    che loro credono santa e divina... Leggete qui in merito
    al cumulo di menzogne su cui si basa il potere
    coercitivo della Chiesa cattolica:

    http://www.disinformazione.it/deificazionedimaria.htm
     

     

    Lo stato laico

    Lo stato, per potersi definire compiutamente laico,
    deve avere queste caratteristiche:

    Fonda la sua legittimità sulla democrazia liberale
    e non permette che il Potere sia trasmesso in via
    ereditaria dinastica , men che mai permette che
    debba ottenere la sua legittimità da parte di un'altro
    potere esterno ad esso e correlato a una religione.
    Lo Stato e la Chiesa sono quindi separati e non si devono
    influenzare l'un l'altro ma devono restare indipendenti
    ciascuno nel proprio ordine.

    ---Da un lato non può avere preferenze per nessuna
    religione, non ci deve cioè essere una religione riconosciuta
    come religione ufficiale, e quindi negli edifici pubblici
    di proprità statale , non ci devono essere simboli di alcuna
    religione e nelle dichiarazioni ufficiali non ci deve essere
    rifemento a nessuna fede;
    ---Dall'altro deve garantire l'eguaglianza giuridica
    di tutti i cittadini, anche dei non credenti in una certa religione
    e dei non rifacentesi a una certa dottrina, assicurando
    al contempo il massimo grado di libertà compatibile
    con il massimo grado di sicurezza e coesione sociale.

    Dovrebbe vietare solo ciò che è obiettivamente dannoso
    per la collettività o per gli individui e non dovrebbe
    imporre degli obblighi o dei divieti solo perchè la maggioranza,
    magari afferente a una certa religione, lo desidera in quanto
    considera che i suoi valori siano validi per tutti indistintamente.
    Lo stato laico comunque, dovendo garantire la sicurezza
    dell'individuo e della società tutta, e le libertà e i diritti
    individuali, impone delle regole di convivenza civile,
    le più condivisibili possibili, ma assolutamente tassative.


    --Pertanto, ad esempio, se può, e forse deve, depenalizzare
    l'eutanasia , sulla base del fatto che ogni individuo deve
    essere lasciato libero di disporre della propria vita e di liberarsene
    quando essa sia ormai insopportabile a seguito di un male
    incurabile, non può però legalizzare l'omicidio: può depenalizzarlo
    non tenendo conto degli anatemi della religione dominante,
    che propugna la sacralità della vita, ma considerando solo
    il movente del gesto omicida e valutare se la persona che
    l'ha compiuto sia o non sia pericolosa per la Società.
    --Quindi può discernere tra omicidio fatto per un movente
    abietto (odio, avarizia, sadismo, pedofilia sadica e altro ancora)
    e uno fatto per legittima difesa personale, per salvare
    una terza persona dall'essere ucciso a sua volta, oppure,
    ed è il caso dell'eutanasia, per amore e pietà, specie
    se su richiesta del soggetto.

    L'omicidio, sotto qualsiasi fattispecie, per la religione
    resterebbe un grave peccato, ma nella forma di omicidio
    del consenziente o di suicidio assistito (1) non sarebbe
    da considerare un reato da parte dello Stato laico,
    in quanto la persona che lo ha commesso o lo ha reso
     possibile, non è pericolosa per la società o per altri individui.

    Uno stato laico quindi è quello stato dove le religioni
    e le ideologie non hanno influenza sulla Società nel suo
    complesso avendo invece valore solo per le persone,
    e al limite per le comunità formate da quelle persone,
    che credano in una certa religione o in una certa ideologia.

    Lo Stato laico si prodiga perchè nessuna parte della Società
    prevarichi su una parte minoritaria della Società stessa,
    se non per ragioni di utilità collettiva, ma mai per ragioni
    ideologiche. In altri termini: la democrazia non può essere
    usata per negare i diritti delle minoranze.

    Note

    (1)Per le voci omicidio del consenziente e suicidio assistito
    si rimanda anche alla voce Eutanasia, in quanto le voci
    specifiche non possono comparire su Wikipedia
    per via della loro eccessiva brevità.

    (2)D'altro canto l'omicidio del consenziente
    può essere anche considerato una fattispecie particolare
    dell'omicidio su mandato: quindi mandante e vittima coinciderebbero;
    l'omicida allora dovrebbe essere considerato comunque
    un pericolo.

    Quindi anche in uno stato laico la vita, benchè forse
    non sia opportuno considerarla "sacra", deve comunque
    essere tutelata, in quanto bene indisponibile, fintanto c
    he c'è speranza che la vita di una persona duri.

    Quindi nel caso dell'omicidio del consenziente, il consenso
    deve provenire da una persona nel pieno della capacità
    di intendere e di volere e le ragioni per cui richiede la morte
    devono essere tali da non lasciare effettivamente alcuno
    spazio a soluzioni e rimedi.

    Quindi se, ad esempio, un depresso chiedo di essere ucciso,
    nessuno lo può accontentare, dato che la depressione
    è curabile. Ma se un soggetto con una malattia incurabile
    allo stadio terminale, per di più mantenuto in vita con macchinari,
    richiede di essere lasciato morire, o di essere ucciso,
    in uno stato laico nessuno glielo potrebbe vietare.

    Ma se un soggetto con una malattia incurabile allo
    stadio terminale, per di più mantenuto in vita con macchinari,
    richiede di essere lasciato morire, o di essere ucciso, in uno
    stato laico nessuno glielo potrebbe vietare.

    Lo stato dovrebbe autorizzare chi si offrisse volontario
    per somministrare il veleno (Eutanasia attiva) e i medici,
    i paramedici e i parenti a sospendere le terapie o il mantenimento a
    rtificiale delle funzioni vitali anche di soggetti non in coma
    (Eutanasia passiva).

    Del resto lo Stato da già licenza di uccidere per legittima
    difesa o per evitare che altri siano uccisi da parte di un terzo,
    eppure la vita dovrebbe essere sacra sempre.
    Allora in uno stato laico l'Eutanasia deve essere depenalizzata.

    Temi eticamente sensibili


    In questo paragrafo si tratteranno alcuni temi
    di attualità riguardanti alcuni nuovi diritti civili,
    prendendo in considerazione solo il punto di vista
    laico che si vede come quello più razionale e
    al tempo stesso più liberale possibile, e che
    dovrebbero essere propri di uno stato laico,
    secondo i suoi propugnatori.
    Gli altri punti vista sono trattati nelle voci specifiche.

    Embrione:
    L'Embrione umano è sicuramente
    in grado di diventare
    una persona umana, ma lo è effettivamente?
    Secondo una visione razionale, non emotiviva,
    obiettiva e, quindi, laica, l'embrione umano è effettivamente
    solo un grumo di cellule totipotenti che, se impiantato
    nell'utero di una donna, può svilupparsi e, se lo sviluppo
    prosegue senza intoppi, diventare una persona.
    L'embrione fuori dell'utero è un insieme di cellule
    che sono solo potenzialmente una persona, ma
    che non lo sono ancora. Una volta impiantato
    non dovrebbe essere toccato più se non
    per gravi motivi ( si veda "aborto" )

    Persona: La persona non si identifica nel corpo umano,
    ma nella mente umana. Ne consegue che se non
    c'è la mente, non c'è neppure la persona.
    Quindi un embrione non può essere ancora una persona
    dato che non ha un cervello. Al tempo stesso un essere
    umano che ha subito un trauma tale da renderlo in stato
    vegetativo permanente con la neocorteccia necrotizzata
    non potendo più reagire al mondo esterno sotto sollecitazione
    e non avendo più nè coscienza nè tanto meno intelligenza,
    non è più una persona. Dell'essere umano che era,
    resta solo il corpo. Lo stato laico non può imporre
    a nessuno di lasciare morire il corpo di essere umano
    che non abbia più una mente funzionante,
    ma non può neppure impedirlo.

    Procreazione medicalmente assistita :
    Non ci dovrebbero essere limiti ad essa nè divieti di alcuna sorta.
    In quanto l'embrione non è ancora una persona,
    la sua eventuale soppressione non costituisce omicidio.
    Quindi le tecniche volte non solo a permettere alle coppie
    con problemi di infertilità di avere figli, ma anche a quelle
    che siano portatrici di geni che causano malattie incurabili,
    non dovrebbero essere vietate in uno stato laico.

    Una legge volta a salvaguardare la vita di ogni embrione
    è una legge che:
    ---1) si mette contro la libertà di ricerca anche sulle cellule
    staminali embrionali.
    ---2) esclude il diritto delle persone di avvalersi della
    possibilità di evitare la nascita di un bambino malato tramite
     la selezione embrionaria previa diagnosi genetica preimpianto.
    Ciò porta all'assurdo che per salvaguardare la vita di ogni embrione
    ci si affidi alla Provvidenza o al caso il quale decide che,
    al posto di un embrione sano, vada a impiantarsi nell'endometrio
    l'embrione malato, spesso cosi tanto che poi, o abortisce naturalmente,
    oppure il bambino morirà dopo poco tempo dalla nascita;
    con la selezione embrionaria, invece, nasce un bimbo, e nasce sano..

    Figlio sano non vuol dire figlio perfetto, dato che l'ingegneria
    genetica non consente ancora esseri umani transgenici
    scegliendo i geni che producono di fenotipi migliori, e non lo
    farebbe mai perchè anche in uno stato laico si metterebbe
    il divieto di produzione di esseri umani in serie; men che mai
    in uno stato laico può essere consentita la clonazione umana
    a scopo riproduttivo, dato che alla lunga sarebbe dannoso
    per la sopravvivenza della specie, perchè la specie
    perderebbe variabilità genetica.

    Matrimonio omosessuale:
    in uno stato laico tutti i cittadini hanno gli stessi
    diritti e gli stessi doveri. L'estensione del matrimonio
    civile alle coppie omosessuali non causa alcun danno
    alle coppie eterosessuali, le quali potrebbero continuare
    a sposarsi come se nulla fosse cambiato.
    La questione della adozioni alle coppie gay o lesbiche
    invece è più controversa; intanto non esiste un diritto
    all'adozione neppure per le coppie eterosessuali,
    in quanto l'adozione è vista in funzione del bambino
    che ha bisogno di una famiglia e non in vista di una
    coppia che vuole un figlio.

    Inoltre in Italia le coppie che vorrebbero adottare bambini
    sono in esubero rispetto ai bambini dichiarati adottabili;
    la questione quindi non è aperta. Tuttavia ci si chiede
    da parte dei laici, se l'adozione di un bambino da parte
    di una coppia omosessuale non sia comunque preferibile
    a lasciare quel bambino in un brefotrofio.
    Bisognrebbe però estendere anche il concetto di famiglia
    ed è qui che sta lo scontro tra i conservatori e tradizionalisti
    da una parte e i laicisti dall'altra.

    Famiglia: Per i tradizionalisti , soprattutto cattolici,
    la famiglia è data solo dall'unione fra uomo e donna
    in vista della procreazione. Anche una coppia eterosessuale
    senza figli , non è famiglia. Per uno stato laico invece ,
    non ci devono essere limiti al concestto di famiglia e,
    benchè la famiglia nucleare con figli sia senz'altro da
    tutelare e agevolare in ogni modo ( con sgravi fiscali,
    assegni familiari, servizi per l'infanzia, servizi alle donne
    incinta e quant'altro ) ciò non implica che altre forme
    di unione non possano essere riconosciute dallo stato.

    La famiglia, lungi dall'essere fondata sul matrimonio,
    è invece fondata sull'amore. Il matrimonio sancisce l'unione
    sentimentale vigente tra due persone (anche dello stesso
    sesso se si estendesse l'istituzione alle persone omosessuali)
    che decidono quindi di promettersi fedeltà e di rispettare diritti
    e doveri reciproci. Ma la famiglia esisterebbe lo stesso anche
    in assenza di un vincolo matrimoniale. Di fatto in Italia ci sono
    decine di migliaia di situazione di tipo familiare che chiedono
    di essere tutelate dalla legge: si tratta delle coppie di fatto
    per le quali si è richiesto anche in Italia il Patto Civile di Solidarietà ( Pa.C.S ).

    Lo studio Spitzer:
    vizi e abusi.
    (parte I e II)


    Concludiamo oggi, con la pubblicazione della seconda parte,
    la traduzione del video sui vizi metodologici e sugli abusi c
    he gruppi religiosi e politici hanno fatto dello studio Spitzer.

    Come vedrete nei prossimi giorni - stiamo lavorando su un altro video -
    ma già nei minuti finali di questo video, Spitzer si dice inorridito dall'uso
    che i gruppi religiosi, in cerca di visibilità, soprattutto nell'era Bush,
    stanno facendo della sua ricerca. Sulla base di questa affermano,
    in modo strumentale, che l'omosessualità è una scelta, che chiunque
    volesse può cambiare e la usano a supporto di leggi anti-gay o per vietare
    costituzionalmente i matrimoni gay. Come dice lo stesso Dr. Spitzer infatti
    il suo studio non è stato condotto - per altro come avete visto in maniera
    un pò superficiale - per calcolare la percentuale di riuscita di cambiamento
    nè per stabilire che l'orientamento sessuale è una scelta ma semplicemente
    perchè, dopo esseresi impegnato affinchè l'American Psychiatric Association
    eliminasse l'omosessualità dalla lista dei disordini mentali, rimase colpito
    dall'esistenza di gruppi di persone che si dichiaravano "guarite" e, incuriosito,
    volle capire se veramente era possibile un processo di "conversione".

    Per chi non avesse visto la prima parte ve la ripropongo, s
    ubito dopo c'è la seconda.
    Buona visione!
    PARTE I



    PARTE II


    Ringrazio, ancora,
    Daw, Teo e Daniel Gonzales.




    Casa editrice
    il Saggiatore
    Collana Pamphlet
    Pagine 160
    € 12,00
    ISBN 978-88-428-1467-2
    novembre 2007



    Vittorio Lingiardi
    Citizen gay
    Famiglie, diritti negati
    e salute mentale


    "Di questo passo
    si sposeranno anche le scimmie."

    Una volta erano discriminati
    per la loro devianza. Oggi perché
    chiedono di essere normali.

    Come mai gli omosessuali, storicamente
    marchiati come peccatori, invertiti
    o malati mentali vogliono adottare
    quell'ordine familiare che tanto
    ha contribuito alla loro sfortuna?

    Essere gay o lesbiche non è
    un merito né un demerito.
    È una cosa che capita.

    Eppure, in un clima di crescente omofobia,
    la dimensione affettiva di milioni di persone
    in Italia è tuttora sacrificata.

    La mancanza di una legge
    che ne salvaguardi il valore e la cittadinanza
    genera umiliazione, sofferenza,
    paura, odio collettivo
    .

    Non servono anatemi o concessioni.
    Serve un pensiero capace di sostenere
    una trasformazione antropologica.
    Perché uno Stato i cui cittadini sono
    più felici è uno Stato migliore.




    La mia fede politica

    I miei video
  • La persecuzione degli omosessuali in Iran (parte I)


  • La persecuzione degli omosessuali in Iran (parte II)


  • La terapia ex-gay non funziona
  • Top posts
    Sostengo
    Tribute

     


     



    In alternativa ci sono anche altre linee di aiuto





    http://www.vialeopardi3.it/arc/ 


    Nuovo sito dell'ARC



    http://www.associazionearc.eu/











    Link di associazioni progay









    Image Hosted by ImageShack.us
    Image Hosted by ImageShack.us

     




        

     

    sbattezzamoci con l'UAAR 

    Image Hosted by ImageShack.us   
     
    Image Hosted by ImageShack.us
    Image Hosted by ImageShack.us
    Image Hosted by ImageShack.us
    Image Hosted by ImageShack.us
    Image Hosted by ImageShack.us
    Image Hosted by ImageShack.us
    Blogaction - 2 aprile 2008

    2 aprile 2008

     

    Image Hosted by ImageShack.us
    Image Hosted by ImageShack.us

     


     

     

    Image Hosted by ImageShack.us
    Image Hosted by ImageShack.us
    Image Hosted by ImageShack.us


     

    Image Hosted by ImageShack.us
    Image Hosted by ImageShack.us
    Image Hosted by ImageShack.us
    Image Hosted by ImageShack.us

     

     




    *La tanto discriminata "bisessualità"

    *Omosessualità in TV. Perchè no?

    *Le 10 grandi leggende sull'omosessualità maschile

    *Ghettizzazioni omosessuali nelle discoteche

    *Terminologie degli orientamenti sessuali

    *Sfatiamo i miti più comuni sulle cause dell'omosessualità

    *Ti sei appena scoperto omosessuale e credi di essere anormale?
    Ma sai cos'è la normalità?

    *I gay sono tutti effeminati?

     

     




















    Indirizzo del MySpace dell'ARC


    http://myspace.com/associazioneculturalearc

    ARC - Associazione Culturale
    "TUTELA E DIFESA DELLE PERSONE GLBT (Gay, Lesbiche, Bisex, Transessuali) "

    Uomo
    25 anni
    Cagliari
    Italia



    Ultimo accesso: 10/12/2007
    Visualizza: Immagini | Video


       Contatto ARC - Associazione Culturale


    A Cagliari, il 1° Dicembre 2002, è nata l’Associazione
    Culturale ARC.

    ARC si pone l’obiettivo di lottare contro ogni forma
    di discriminazione e di tutelare e difendere i diritti
    civili delle persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali.

    ARC è un’Associazione fondata sui principi di democrazia,
    pacifismo, antirazzismo e antitotalitarismo.
    Possono aderire persone di qualsiasi nazionalità,
    religione, orientamento sessuale e politico.

    ARC intende intervenire nel tessuto culturale,
    sociale e politico locale e regionale, promuovendo
    iniziative volte ad affermare i diritti civili
    delle persone omosessuali e a consentire
    un confronto con il variegato mondo GLBT.

    ARC ha la propria sede a Cagliari, ospite
    della sezione della Sinistra giovanile Pier Paolo Pasolini,
    in via Leopardi 3. Le riunioni in sede si tengono
    tutti i lunedì dalle 19 alle 22. Per qualsiasi informazione
    sull’Associazione potete venire a trovarci,
    oppure contattarci all’Help&Info Line nei giorni
    in cui è attivo il servizio (trovate il numero
    all’indirizzo www.vialeopardi3.it/arc)
    o all’email:
    arc@vialeopardi3.it.





    L'Associazione Studentesca universitARC nasce nel 2006
    per facilitare l'esigenza dell'Associazione Culturale ARC
    di confrontarsi e collaborare con gli enti universitari,
    con l'Ateneo di Cagliari e l'ERSU Ente Regionale
    per il Diritto allo Studio Universitario.
    La creazione di questa nuova articolazione di ARC permette
    all'Associazione di addentrarsi con maggiore facilita'
    ed efficacia nella vita universitaria e studentesca della citta',
    organizzando iniziative negli spazi della Casa dello Studente,
    nelle sale conferenze (Sala Giovanni Cosseddu, Sala Maria Carta)
    e nel Cineteatro Nanni Loy. La speranza e' quella di riuscire
    a portare fin dentro il mondo universitario le battaglie per i diritti LGBT
    che ARC manda avanti fin dal 2002, sensibilizzando studenti e giovani
    alle tematiche omosessuali e transessuali, e cercando
    di coinvolgerli nelle iniziative dell'Associazione.
















    Il bellissimo my space di Gigi...

    http://profile.myspace.com/index.cfm?
    fuseaction=user.viewprofile&friendid=139591923

    ______________________________________





























      





    Viva l'amore in ogni forma
    (tra persone consapevoli
    e quindi consenzienti)

     


    _______________________
    GAY AND PROUD!


    ___




    ____________________

    Amico dei bisessuali!!

    Bandiera dell'orgolio bisessuale





    ____________________


    ______________________

    Non lasciamoci ingannare
    dalle
    S a n t e    R a g i o n i 

    Dal nascere al morire -
    La mano della Chiesa sulla nostra vita


    Carla Castellacci , Telmo Pievani
    Editore: Chiarelettere

    Prezzo: Euro 13,60

    Venire al mondo, l’ora di religione,
    i simboli religiosi nelle scuole,
    il caso Darwin e la marginalizzazione
    delle materie su cui la chiesa
    non può far valere la sua posizione,
    il matrimonio e la vita di relazione,
    la “politica” riproduttiva (contraccezione,
    aborto, fecondazione assistita…),
    la ricerca biomedica (staminali e trapianto di organi),
    l’8 per mille, il trattamento fiscale della chiesa,
    il testamento biologico, la terapia del dolore,
    l’eutanasia… In pratica: la vita, dalla nascita
    alla morte.

    Su ognuno di questi temi gli uomini di fede,
    ma soprattutto le alte gerarchie del Vaticano,
    ormai da anni esercitano pressione per consolidare
    una visione del mondo arretrata, irrazionale
    e violenta.

    Questo libro non vuole essere una riflessione teorica
    sulla laicità.
    Questo libro segue passo passo la vita di uomini
    e donne, e mostra (non senza ironia) attraverso
    la cronaca di questi ultimi anni, le tante disposizioni
    di legge che limitano fortemente la libertà individuale,
    come la Chiesa da anni e con violenza decida
    il nostro destino.

    Un libro che denuncia uno stato di cose
    inaccettabile. Un libro che va in profondità
    sulle notizie che ormai da mesi troviamo sparate
    sulle prime pagine di tutti i giornali.

    Un libro scritto con ironia, perché gli argomenti
    di questa Chiesa politica spesso sfiorano il ridicolo,
    sebbene questo ridicolo sia ben nascosto dai media
    e dai grandi mezzi d’informazione.




    http://www.ilconsapevole.it/vetrina_libro.php?id=15273

    http://www.google.com/search?q=sante+ragioni&rls=
    com.microsoft:*:IE-SearchBox&ie=UTF-8&oe=UTF-8&sourceid=ie7&rlz=1I7GZAZ




    Inchiesta su Gesù. Chi era l'uomo che ha cambiato il mondo Titolo  Inchiesta su Gesù.
    Chi era l'uomo che ha cambiato il mondo
    Autore Augias Corrado; Pesce Mauro
    Prezzo € 17,00
    Prezzi in altre valute
    Dati 2006, 263 p., rilegato
    Editore Mondadori  (collana Varia saggistica)


    Tema

    Su Gesù sono proliferate nei secoli molte
    leggende e alcune autentiche fiabe, segno
    della curiosità di sapere
    chi lui fosse veramente prima che il mantello
    della teologia lo coprisse, celandone
    allo sguardo la figura storica.

    Corrado Augias ha dialogato su questo tema
    con uno dei massimi biblisti italiani, Mauro Pesce,
    rivolgendogli quelle stesse domande che molti di noi,
    cristiani e non cristiani, si pongono: sul periodo storico
    nel quale Gesù visse, sulle sue parole, sulla sua vita,
    sulla sua morte, sui tanti testi che ne parlano.

    Ma anche su ciò che seguì la tragica giornata del Golgota,
    fino alla nascita di una religione che da lui prese il nome,
    anche se egli non ha mai detto
    di volerla fondare. Il profilo di Gesù che questa "inchiesta"
    ci restituisce è quello di un ebreo, ligio alla Legge di Mosè,
    amante del suo popolo e delle sue tradizioni, eppure
    aspramente critico verso gli aspetti che giudicava 'superati'
    o 'secondari', e, soprattutto, portatore di un progetto
    di rinnovamento incentrato sul riscatto degli emarginati;
    una personalità complessa, mai svelata per intero
    nemmeno a chi gli era più vicino, una figura
    profondamente solitaria, coerente con i suoi principi
    fino alla morte in croce.

    Un noto giornalista e uno storico del cristianesimo
    hanno unito la curiosità laica del primo alle conoscenze
    sulla Bibbia del secondo per dare alla luce questa originale

    Inchiesta su Gesù
    , un libro scritto
    nel tentativo di costruire una specie di carta d’identità
    di Gesù: dov’è nato, quando, da chi, quale lingua parlava e così via.

    Un “documento anagrafico” che può essere completato
    solo in parte, dato che le fonti sono scarse e assai manipolate,
    e che presenta vari problemi storiografici come la possibilità
    che i dogmi teologici corrompano la ricerca storica, o quello
    della scelta di alcuni vangeli come documenti a scapito di altri.
    Augias inizia con le domande apparentemente più banali, ma subito
    si scopre che Gesù è nato verso gli ultimi anni del regno d’Erode
    (che morì nel 4 a.C. circa): oggi dovremmo essere nel 2010
    se davvero contassimo a partire dalla sua nascita.
     
    E’ poi improbabile che sia nato a Betlemme, ma dai vangeli
    di Marco, Luca e Matteo risulta che sia nato in Galilea,
    verosimilmente a Nazareth o che, comunque, vi abbia
    vissuto a lungo con la famiglia. Figlio di Giuseppe,
    carpentiere, e di Maria. Ebreo, il suo nome Gesù
    è la traduzione italiana dell’ebraico Yehòshuà
    o Yeshuà, il cui significato è “Dio salva”: credeva
    in un Dio unico quando nel I secolo gli altri popoli
    erano politeisti, mangiava e si vestiva secondo le
    regole dell’Antico Testamento rispettando alla lettera
    le prescrizioni della Torah.

    Inoltre, osservava le festività del suo popolo, frequentava
    le sinagoghe, pregava presto al mattino e andava in pellegrinaggio
    al Tempio di Gerusalemme. Come lingua, parlava l’aramaico
    della Galilea, che era il dialetto della sua regione, ma leggeva
    l’ebraico e conosceva anche un po’ di greco e qualche elemento
    di latino. Viveva, del resto, in una situazione multilingue.
    Un Gesù quindi che viene ritratto nei suoi molti aspetti perché
    ogni vangelo, sottolinea Augias, ha e dà una immagine diversa
    del protagonista: quella di Luca è di un uomo molto attento
    ai poveri e ai diseredati, Marco narra di un taumaturgo ed esorcista,
    Giovanni lo rende come parola di Dio che traluce attraverso
    la sua umanità.

    L’analisi di Augias e di Pesce prosegue con un’indagine
    sulle sue parole, sulla sua morte, sui tanti testi che ne parlano.
    Ma anche su ciò che seguì la tragica giornata del Golgota, fino alla
    nascita di una religione che da lui prese il nome, anche se egli
    non ha mai detto di volerla fondare. Il profilo di Gesù che questa
    “inchiesta” ci restituisce è quello di una personalità complessa,
    mai svelata per intero nemmeno a chi gli era più vicino.
    Una figura solitaria, affascinante anche in questa ricostruzione storica,
    coerente con i suoi principi fino alla morte in croce.

    Ascolta la lettura delle
    prime pagine del libro su RadioAlt


    Recensioni 1 - 20 di 98 recensioni presenti.  Media Voto: 2.87 / 5


    Giuseppe (03-12-2007)
    Ottimo libro. Adatto a chi pensa, a chi si pone sani dubbi, a chi
    sa calarsi nel contesto storico in cui sono narrati i fatti. Bisogna
    cercare di viaggiare nel tempo e vedere, sentire, vivere come
    in quel periodo. Allora molte cose ci saranno più chiare.
    Leggete anche Ehrman Bart D. e Elaine Pagels. Adatto anche
    ad atei e credenti di altre religioni, per capire e riconsiderare
    anche le proprie convinzioni. Certamente non è adatto a chi
    "crede obbediente" ad altri uomini (intermediari)
    e non cerca dentro di sè e fuori di sè.
    Voto: 5 / 5



    AliceInWonderland (20-11-2007)
    E' vero che, secondo me, non è uno dei migliori Augias,
    purtroppo, secondo me colpa della struttura "domanda-risposta"
    che rende la narrazione meno fluida...rimango però molto delusa
    dai commenti dei lettori attaccati ciecamente ai preconcetti.
    A pochi è venuta l'idea che forse alcune persone vorrebbero
    conoscere il Gesù "storico", o anche riconoscerlo in una forma
    più umana che divina (come nel Vangelo secondo Gesù Cristo,
    esempio un po' banale lo devo ammettere, ma un libro che ti tocca il cuore)
    per ricominciare a crederci. O che non sempre esiste una sola verità.
    O che bisogna vagliare (non ho detto "credere a", non voglio essere fraintesa)
    o anche solo semplicemente ascoltare tutte le possibili spiegazioni
    che ci vengono offerte. Un coraggioso Augias questa volta (tema sempre
    abbastanza scottante) e un bravissimo Pesce che riesce a spiegare
    in modo semplice e scorrevole le sue tematiche, secondo me per
    niente attratti dalla scia commerciale di Dan Brown (anche perché
    esiste una non sottile differenza tra questi autori, di stile sicuramente
    ma soprattutto di genere).
    Voto: 4 / 5


    Axe (07-11-2007)
    Sono rimasto molto deluso, dopo la lettura non mi è rimasto nulla,
    tutte cose già conosciute, Augias è abbastanza fazioso e a volte fastidioso,
    insiste con domande insignificanti mentre ne tralascia moltissime altre molto
    + importanti. Una perdita di tempo.
    Voto: 1 / 5


    Anthony (02-11-2007)
    Libro che non consiglio, non lascia nessun tipo di insegnamento
    e a tratti è molto noioso. L'ho trovato come una noiosa analisi
    dei testi religiosi. Non dò il minor voto solo perchè è ben
    schematizzato e alcuni punti ti prendono...anche se sono quasi rari
    Voto: 2 / 5


    erik (14-09-2007)
    Il libro è ben scritto e strutturato, e credo possa costituire un'ottima introduzione
    a chi si voglia accostare agli studi biblici. Data la molteciplità degli argomenti,
    risulta talvolta un po' "svelto" e superficiale (su alcune cose avrei anch'io
    delle domande da fare al prof. Pesce). Meriterebbe un quattro, ma gli do
    cinque per tentare di riequilibrare la miriade di giudizi negativi dettati solamente
    da furore ideologico e dottrinale, e da una certa ignoranza.
    Chi sa che dopo il Concilio di Trento la lettura e il possesso dei Vangeli venne
    proibita e i testi sacri messi all'Indice, perché non si voleva che il popolo ne
    conoscesse i contenuti (questo fino al 1963)? Evidentemente la conoscenza
    è ancora un tabù per certi cattolici, che dicono di credere in qualcosa
    di cui però si mantengono orgogliosamente ignoranti.
    Voto: 5 / 5

    Cristiano De Scisciolo (10-09-2007)
    Lettura molto interessante per scoprire tutti gli aspetti di un uomo
    che spesso pensiamo di conoscere ma che, dal punto di vista storico,
    conosciamo ancora troppo poco. Alcuni aspetti potevano forse essere
    approfonditi maggiormente, ma nel complesso il libro è comunque
    un'ottima opportunità di conoscenza. Scritto in maniera semplice,
    si legge senza problemi.
    Voto: 4 / 5

    mauro Ortis (01-09-2007)
    Il libro di Augias-Pesce, non é certo un testo per specialisti, per addetti ai lavori
    (leggi storiografi, teologi, critici, ecc), bensí é all'uomo comune che si dirige,
    per farlo riflettere su un argomento che avvolge da "sempre" la storia occidentale.
    Semplice e onesto, ci da dei dati interessanti, che sicuramente non si potranno
    mai trovare nelle note delle varie edizioni in commercio del Nuovo Testamento.
    In risposta a tutti coloro che hanno dato un voto negativo, mi domando quali
    i preconcetti, dove la ripetitivitá, in che senso difficile da leggere, perché
    si accusa Augias se le teorie sono di Mauro Pesce, riconosciuto esperto
    in storia del Cristianesimo, infine perché non piace che si parli di Gesú
    differentemente dai canoni prestabiliti. Nessuna di queste persone
    ha mai sentito parlare di critica biblica? Insieme a "Inchiesta su Gesú",
    consiglio di leggere anche "Gesú non l'ha mai detto", di Bart Ehrman,
    sempre della Mondadori.
    Voto: 4 / 5


    Giacomo (22-07-2007)
    Il libro del professor Pesce spiega molto bene l'evoluzione e l'interpretazione
    della lettura da parte dei primi cristiani della figura dell'ebreo Yehoshua
    da Nazareth. Il testo chiarische come la figura di questo rabbi e profeta
    sia stata usata nei vangeli e spiega l'influsso ellenistico che il cristianesimo
    nascente ha subito. Un libro chiaro, esaustivo, importante per le citazioni
    dai Vangeli e snello nella forma usata: dialogo tra Augias e il professore
    antropologo. un 5 e mezzo
    Voto: 5 / 5


    alexdelarge (18-07-2007)
    Non ho ancora finito di leggere il libro, che però fin'ora mi pare ben costruito
    e condotto con una certa maestria da chi, il mestiere di giornalista, lo sa fare.
    Noto però alcune cose, in certi commenti, che mi lasciano perplesso,
    soprattutto quello che parla dell'elettricità e del fatto che Gesù non
    ne parlò mai...mi sembra una delle più grosse assurdità che abbia mai sentito
    dire in tutta la mia vita, davvero. Perchè avrebbe dovuto parlare di elettricità?
    e perchè non della forza di gravità? Ancora: sul fatto che il libro sia di difficile lettura:
    il libro mi pare fin troppo semplice, troppo preoccupato di farsi capire da tutti.
    Pesce è un antropologo e uno storico riconosciuto ovunque, non è Dan Brown...
    se volete leggere qualche mistero misterioso, compratevi codice da vinci...su...
    Voto: 3 / 5

    Casimiro (20-06-2007)
    Libro che non giova a nulla, pieno di preconcetti. Da evitare, non lascia nessun
    segno edificante dopo la lettura
    Voto: 1 / 5

    chiara svetia76@hotmail.com (18-06-2007)
    Dopo aver preparato l'esame di Storia Romana sulla storia del cristianesimo
    ho avuto curiosità di leggere anche questo testo. Secondo me è leggibile
    e piacevole e spiega facilmente argomenti molto complessi. Mi è dispiaciuto
    vedere i commenti negativi fatti al testo legati da un'accecata fede
    e da una certa ignoranza. Senza offendere nessuno, ignoranza dal gergo ignorare.
    Non si possono accusare le persone senza possedere un bagaglio sufficiente
    di cultura per poter criticare. Che il libro tratti un tema ripreso in passato
    da altri autori è comprensibile visto che parla di un tema che tutt'oggi spacca
    l'opinione pubblica in due filoni di pensiero assai diversi(cattolici-atei).
    La cosa su cui riflettere di più è la costruzione di una chiesa cattolica che
    predica bene ma purtroppo al giorno d'oggi razzola male. Gesù parlava
    di carità al suo popolo e gli apostoli predicarono la buona novella in maniera
    universale, peccato che oggi il Santo Padre usi vestirsi e sfoggiare tutto
    quel benessere che non fa parte della chiesa povera...questa, secondo
    me, è la riflessione più importante che ci ha insegnato
    Gesù, sia stato semplice uomo o figlio di Dio.
    Voto: 4 / 5


    Roberto (05-06-2007)
    Credo che la diatriba in corso all'interno di questo forum tra sostenitori
    della fede e sostenitori della ragione non abbia motivo di esistere.
    Chi possiede infatti il dono della fede non ha certo bisogno di sapere
    che le gesta di Gesù siano corroborate da riscontri storicamente
    accertabili. D'altra parte, chi si appella a una visione laica dei fatti,
    non può prestare credito a fatti come la nascita verginale
    o la resurrezione. Sono due visioni inconciliabili che partono da due
    approcci diversi che non possono in alcun modo convergere.
    Detto questo, da non cattolico, credo che il libro di Augias e Pesce
    abbia comunque il merito di affrontare il tema in questione
    con una onestà intellettuale di fondo che difficilmente può essere
    contestata. Il libro, infatti, non mira a mio avviso a intaccare
    la fede dei credenti, ma ad analizzare i fatti secondo una prospettiva
    puramente storica. I dubbi sollevatinel testo, quindi, non hanno
    a che vedere con una critica della fede in sé, quanto, piuttosto,
    con la difficoltà oggettiva di operare una ricostruzione del tutto
    veritiera. Ritengo, quindi, che 'Inchiesta su Gesù' sia un libro
    da leggere assolutamente e, per questo, mi sento di consigliarlo.
    Voto: 4 / 5


    Marco (30-05-2007)
    Ho trovato il libro molto interessante se non altro per gli aspetti
    dei Gesù che nonostante siano palesi negli stessi vangeli canonici
    sono stati eclissati dalla dottrina da catechismo. Aspetti come
    la formazione ebraica di Gesù dovrebbero essere ben noti a chi
    si considera credente. Forse ha poco ritmo ed è un pò monocorde
    nel susseguirsi degli argomenti, ma tutto sommato è ricco di spunti
    e riflessioni stimolanti. Certo, chi legge la Bibbia da credente cerca
    sempre di trascendere i caratteri più prettamente umani di Gesù,
    nonchè i tanti elementi contraddittori e assurdi delle Sacre Scritture,
    ma chi come me non crede può trovarvi una testimonianza libera
    dalle apologie di una figura comunque rilevante dal punto di visto storico.
    Voto: 4 / 5


    vittorio (24-05-2007)
    Da ateo che negli ultimi tempi prova crescente interesse per le religioni
    sia per spontanee esigenze dello spirito sia per il peso che esse
    hanno nella storia del mondo odierno, trovo che questo libro fornisca
    importanti elementi su Gesù e sul cristianesimo. Alla fine mi è rimasta
    l'impressione viva per la grandezza del personaggio: è come se
    per la prima volta finalmente avessi incontrato “fisicamente”
    un Gesù vero, plausibile, concreto, un personaggio enorme,
    pur nella perdurante indeterminatezza storico-biografica.
    Un libro interessante, un pò noioso nella parte centrale
    (per lo stile pacato e monocorde di Pesce che non si scompone
    minimamente nemmeno di fronte alle sottili provocazioni di Augias
    che tenta ogni tanto di alzare il ritmo) ma chiaro, implacabile
    e oserei dire “sfrontato” nella sostanza delle cose affermate
    (sfrontato per i guardiani dell'ortodossia che impone -
    con il beneplacido della politica-che-rinnega-la-laicità-per-un-pugno-di-voti -
    la cappa di censura oggi imperante). Purtroppo l'irritazione di certi commenti
    mostra come intolleranza e fanatismo religioso siano veleni diffusi ovunque,
    anche “qua”. “Gesù era un ebreo, non un cristiano”: ovvio, ma che fastidio
    sentirselo dire! Comprensibile e scontata, d'altronde, la “condanna”
    da parte del Vaticano (peraltro abbastanza sommessa rispetto
    allo stile in voga di questi tempi, visti i pochi appigli che evidentemente
    il testo fornisce): è sufficiente avere un minimo di libertà di spirito
    per trarre l'ovvia conclusione di quale tradimento abbia operato la Chiesa
    nel corso di due millenni non solo rispetto alle “verità” storiche ma anche
    a quelle spirituali, ai fatti e all'insegnamento di Gesù. Temo che se
    Egli tornasse oggi dalle nostre parti e si ripetesse pari-pari nei gesti
    e nelle parole, finirebbe nuovamente crocefisso (si spera solo metaforicamente)
    dalla nuova santa alleanza politico-religiosa: un sovversivo, un agitatore,
    un disturbatore della quiete pubblica, un distruttore della famiglia..
    insomma, un terrorista!
    Voto: 4 / 5


    Giuseppe (22-05-2007)
    Nonostante le accese critiche delle frange "Integraliste" ho trovato
    il libro molto interessante. Ritengo pienamente condivisibili le teorie
    di Pesce sulle stesure dei vangeli e l'intero corpus dottrinale sviluppato
    nel corso dei secoli dalla Chiesa Cattolica. Ritengo assolutamente verosimile
    che molti abbiano aggiunto di loro pugno, in buona fede, e sia necessario
    scavare in profondità con le metodologie e le conoscenze odierne,
    per riportare alla luce la vera essenza delle parole di Gesù.
    Come cristiano la cosa non mi turba affatto, mi preoccupano
    di più i dogmi assoluti e intangibili.
    Voto: 5 / 5


    Francesco (22-05-2007)
    Libro, a mio modo di vedere, assolutamente inutile! Monotono, ripetitivo...
    una miscellanea di argomenti e soprattutto di ipotesi (si arriva ad accostare
    le parole Gesù e Comunismo, etc.). Non ho finito di leggerlo, cosa grave
    per me che i libri li divoro come si divora un gelato d'estate!!!
    Voto: 1 / 5

    Dino (20-05-2007)
    Ottimo spunto per una riflessione attenta ed accurata non solo del tronco di religione
    (comunemente chiamato Cristianesimo) ma anche delle sue radici (ebraismo)
    e dei suoi rami (cattolici e protestanti in genere). Facile da leggere perché
    improntato sotto forma di intervista evidenzia le poche certezze storiche
    su un personaggio tanto discusso e per il cui nome sono stati commessi
    atti di puro amore così come di atroce follia. Equilibrato e professionale
    Augias non si smentisce per la sua acutezza. Il voto complessivo risulta
    essere basso perché fonte di una cultura strettamente italiana pronta
    a contestare qualunque idea che vada contro i propri credi o principi.
    Il libro non critica la/e chiese ma si "limita" ad una ricostruzione storica
    dei primi secoli del primo millennio. p.s. Coloro che hanno paragonato
    questo libro al codice da Vinci hanno letteralmente dimostrato
    un'incompetenza letteraria a 360°
    Voto: 5 / 5


    Ocram (04-05-2007)
    Deludente e per nulla facile da leggere e capire. Uno di quei libri
    che si fa molta fatica a finire ed il cui prezzo non vale assolutamente il contenuto.
    Voto: 1 / 5


    ANTONINO CANDILORO antonino.candiloro@fastwebnet.it (03-05-2007)
    Non è altro che una "ribollita" di vecchi, triti ragionamenti già affrontati
    dai "razionalisti" degli ultimi due secoli: LOISY, HARNACK, BULTMANN
    e quant'altri. Sfrutta la tragica, diffusa ignoranza del pubblico in materia,
    attuando un'operazione a fini esclusivamente commerciali, sulla scia
    di Dan Brown che si è' furbescamente rifatto alle "rivelazioni" di Baigent,
    Leigh e Lincoln... (cfr. "Il Santo Graal, 1982). Peraltro l'unico motivo
    per cui viene rifiutato il DOGMA si basa su un altro DOGMA: quello
    (razionalista) DELL'IMPOSSIBILITA' DEL MIRACOLO!
    Voto: 1 / 5

    Francesco (03-05-2007)
    Niente di speciale..Peccato! mi aspettavo qualcosa in più da Augias.
    Voto: 2 / 5


    Recensioni 1 - 20 Recensioni 21 - 40 Recensioni 41 - 60 Recensioni 61 - 80
    Recensioni 81 - 98


      http://www.internetbookshop.it/code/9788804560012/
    augias-corrado/inchiesta-gesu-chi.html   



    Biblioteca

    L'illusione di Dio, di Richard Dawkins.

    Dio non è grande, di Christopher Hitchens.

    Perché non possiamo essere cristiani, di Piergiorgio Odifreddi.

    La Chiesa antievoluzionista, di Francesco D'Alpa.

    La mistica della soggettività, di Pier Giuseppe Milanesi.

    Il Dio ignoto, di Biagio Catalano.

    > Tutta la Biblioteca

    Dio non è grande

    Come la religione avvelena ogni cosa
    Christopher Hitchens

    Casa editrice: Einaudi
    Collana: Stile libero inside
    Anno pubblicazione: 2007
    Prezzo: 14,50
    Genere: altre religioni
    Volumi: 1
    Pag: 271


    Descrizione:
    Muovendosi tra l’analisi dei testi di fondazione
    delle grandi religioni
    ( in primis, Bibbia e Corano) e la riflessione
    sull’attualità politica e sullo scontro di civiltà
    in atto, Hitchens costruisce un atto
    di accusa contro le follie che l’uomo commette
    nel nome del suo credo.
    Partendo da una disamina del potenziale
    distruttivo delle religioni, ne mette a nudo
    le conseguenze piú devastanti: oscurantismo,
    superstizione, intolleranza, senso di colpa, terrore
    verso la sessualità, anti-secolarismo.
    Contro questi non valori, e memore
    della grande tradizione laica anglosassone,
    Hitchens reclama a gran voce un ritorno ai fasti
    dell’Illuminismo, intessendo un elogio arguto
    e a tratti commovente della ragione umana.





    Sito sul fondamentalismo cristiano negli USA.
    http://archiviomarini.sp.unipi.it
    /99/01/Religione_e_democrazia_negli_Stati_Uniti_1.pdf


    Tutto il libro di Odifreddi :
    "Perchè non possiamo essere cristiani
    (e meno che mai cattolici)" in PDF, gratis...
    http://www.buccarello.it/aldo/Odifreddi_Piergiorgio_
    Perche_Non_Possiamo_Essere_Cristiani.pdf



    Manifesto Laico

    I nuovi punti del MANIFESTO LAICO (3 giugno 2000)

    Adesioni e primi firmatari del MANIFESTO LAICO

    MANIFESTO LAICO
    Esiste anche un’altra Italia. E se ne deve tenere conto.
    L’Italia laica di chi crede che la convivenza civile
    si fondi sullo spirito critico di ciascun cittadino.

    L'illusione di Dio

    Le ragioni per non credere



    Casa editrice: Mondadori
    Collana: Saggi
    Anno pubblicazione: 2007
    Prezzo: 19,00
    Genere: filosofia
    Volumi: 1
    Pag: 400


    Descrizione:
    Richard Dawkins è uno dei più famosi scienziati di oggi
    e uno dei più strenui difensori della teoria darwiniana
    della selezione naturale, a cui ha dedicato libri di enorme
    successo, a partire da Il gene egoista fino a Il racconto
    dell'antenato. Ma Dawkins, indicato recentemente come
    uno dei tre intellettuali più influenti del mondo, è anche
    un ateo convinto, e non ha nessuna intenzione di nasconderlo.

    La tesi di questo suo nuovo libro, che ha suscitato un enorme
    clamore nel mondo anglosassone e ha generato un dibattito
    accesissimo, è molto semplice:
    Dio non esiste e la fede
    in un essere superiore è illogica, sbagliata
    e potenzialmente mortale, come millenni di guerre di religione
    e la recente minaccia globale del terrorismo
    fondamentalista islamico dimostrano ampiamente.

    Agli occhi di Dawkins, ogni religione condivide lo stesso errore
    fondamentale, vale a dire l'illusoria credenza nell'esistenza
    di Dio, e, con essa, la pericolosa sicurezza di conoscere una verità
    indiscutibile perché sacra.


    Con il suo stile efficacissimo, sviluppando in dettaglio una grande
    quantità di argomenti, Dawkins ha scritto un manifesto di orgoglio
    intellettuale contro tutte le fedi e un attacco in piena regola
    a ogni forma di credenza religiosa, senza, tuttavia, cadere
    nella sterile polemica e nella contrapposizione dogmatica.

    Un saggio esplosivo, che affronta con il rigore
    del ragionamento scientifico una materia delicata
    e incandescente, prendendo in modo risoluto
    una posizione controversa.
     

    .............................................

    Ho appena finito di leggere “l’illusione di dio” di Richard Dawkins.
    Un bellissimo libro che definirei “terapeutico”.

    Leggetelo ve lo consiglio vivamente, specialmente se siete
    religiosi o superstiziosi, magari non praticanti, ma di quelli
    che ci credono così e così o per favore alla famiglia

    o per non dare adito a voci scomode e pettegolezzi.
    Si può essere senza dei e liberi da superstizioni eppure
    felici, sereni, moralmente saldi, curiosi del mondo,
    desiderosi di vivere la sola vita che abbiamo in pieno e molte altre cose.
    Insomma leggetelo, ve lo consiglio fortemente, alla fine
    vi sentirete più consapevoli di cose che molto probabilmente
    già macinavate più o meno coscientemente nel vostro cervello
    e soprattutto più leggeri e liberati.

    Liberate la mente, leggete questo libro, perchè guarire
    dal morbo delle superstizioni e delle religioni si può.

    collegamenti utili:

    http://richarddawkins.net/
    http://www.bol.it/libri/scheda/ea978880457082.html
    http://www.libreriauniversitaria.it/illusione-dio-ragioni-
    non-credere/libro/9788804570820

    http://www.internetbookshop.it/ser/serdsp.asp?isbn=
    9788804570820

    L'ILLUSIONE DI DIO

    Guardate questi filmati di Richard Dawkins. Sono da vedere e meditare:


    http://dailymotion.alice.it/agnosticismo/video/x1a3gf_lillusione
    -di-dio-13-richard-dawkin


    http://dailymotion.alice.it/agnosticismo/video/x1a2m1_
    lillusione-di-dio-23-richard-dawkin

    http://dailymotion.alice.it/agnosticismo/video/x1a088_
    lillusione-di-dio-33-richard
    -

    Trattato di ateologia


    Michel Onfray

    Traduttore: Gregorio De Paola
    Casa editrice: Fazi
    Collana: Le terre interventi
    Anno pubblicazione: 2005
    Prezzo: 14,00
    Genere: filosofia
    Volumi: 1
    Pag: 224


     


    Descrizione:
    Dio non è affatto morto, o se lo era è ormai nel pieno
    della sua rinascita, in Occidente come in Oriente.
    Di qui l'urgenza, secondo Onfray, di un nuovo
    ateismo argomentato, solido e militante.
    Un ateismo che non si definisca solo in negativo,
    ma si proponga come nuovo e positivo atteggiamento
    nei confronti della vita, della storia e del mondo.
    L'ateologia (il termine è mutuato da Bataille)
    deve in primo luogo avanzare una critica massiccia
    e definitiva ai tre principali monoteismi, poi proporre
    un deciso rifiuto dell'esistenza del trascendente e promuovere
     finalmente, dopo millenni di trascuratezza, una cura
    per "il nostro unico vero bene: la vita terrena",
     il benessere e l'emancipazione dei corpi e delle menti
    delle donne e degli uomini. Ottenibile solamente
    attraverso una "decristianizzazione radicale della società".


    http://it.wikipedia.org/wiki/Trattato_di_ateologia

    Zapatero.
    Il socialismo dei cittadini


    Marco Calamai Aldo Garzia
    José Luis Rodriguez Zapatero

    Brossura. Feltrinelli 2006.
    ISBN: 8807171171 / 88-07-17117-1
    EAN: 9788807171178

    Zapatero. Il socialismo dei cittadini
    Descrizione della casa editrice


    Zapatero. Il socialismo dei cittadini:
    José Luis Rodríguez Zapatero, il giovane primo
    ministro spagnolo (45 anni) del più giovane
    governo europeo, è un premier politicamente
    "anomalo". Le sue scelte internazionali (tra cui
    l'immediato ritiro dall'Iraq) e quelle interne
    (in particolare, le riforme civili: matrimonio
    per i gay, legge integrale contro la violenza
    maschile, divorzio più facile, rilancio dell'istruzione
    pubblica, nuove normative sull'aborto e la procreazione
    assistita) hanno suscitato grande entusiasmo
    nella società civile spagnola e internazionale
    ma anche aspre critiche. Dubbi e incomprensioni
    nei riguardi del "radicalismo" di Zapatero sono
    emersi anche all'interno delle socialdemocrazie
    europee. Ma Zapatero rappresenta ormai un punto
    di riferimento, non solo in Spagna, per i nuovi
    movimenti, i collettivi femministi e anche per molti
    settori della sinistra europea, che auspicano
    con forza il rinnovamento della tradizione
    socialdemocratica. E dopo quasi due anni di governo,
    Zapatero resta un politico "alternativo".


    Il “socialismo dei cittadini” e gli studi di Amartya Sen ...

    “Il nuovo socialismo non teme la voce dei cittadini,
    contiene la libertà nel cuore del suo progetto.
    Un socialismo in cui l’estensione della democrazia, ...
     www.radioradicale.it/il-socialismo-dei
    -cittadini-e-gli-studi-di-amartya-sen
     - 20k -
    Copia cache -
    Pagine simili - Salva risultato

    Il Socialismo dei Cittadini | RadioRadicale.it

    Il Socialismo dei Cittadini. Perugia, 11 novembre
    2007 - 10:00. » playlist, Invia a un amico, Stampa.
    (dal 10 all'11 novembre 2007) ...
    www.radioradicale.it/scheda/239737/
    il-socialismo-dei-cittadini
     - 40k -
    Copia cache -
    Pagine simili - Salva risultato

    [ Altri risultati in www.radioradicale.it ]

    Giangiacomo Feltrinelli Editore - Libri/DVD - Zapatero. Il ...

    Interviste e reading. Aldo Garzia su Zapatero. Il socialismo
    dei cittadini · Marco Calamai presenta Zapatero.

    Il socialismo dei cittadini
    · Elenco completo ...
     www.feltrinellieditore.it/SchedaLibro?id_volume=5000594
    - 43k -
    Copia cache - Pagine simili - Salva risultato

    Giangiacomo Feltrinelli Editore - In Diretta - Aldo Garzia su ...

    Il socialismo dei cittadini. A cura della redazione
    di www.feltrinelli.it ... Marco Calamai presenta
    Zapatero. Il socialismo dei cittadini ...
     www.feltrinellieditore.it/IntervistaInterna?id_int=1772 -
    41k -
    Copia cache - Pagine simili - Salva risultato
    [ Altri risultati in www.feltrinellieditore.it ]

    La Nuova Ecologia - Zapatero, il socialismo dei cittadini

    SPAGNA|. Zapatero, il socialismo dei cittadini ...
    metà donne), l’estensione dei diritti di cittadinanza
    e dei diritti sociali,
    la conferma dell’idea laica ...
     www.lanuovaecologia.it/iniziative/spettacoli/5346.php -
    37k -
    Copia cache - Pagine simili - Salva risultato

    BOL | Libri | Calamai, Garzia, Zapatero, Zapatero. Il socialismo ...

    Il socialismo dei cittadini. | 1ª ed. Marco Calamai,
    Aldo Garzia, José Luis Rodriguez Zapatero. Prezzo
    di copertina: Euro 12,00 Servizio standard ...
     www.bol.it/libri/scheda/ea978880717117.
    html&referrer=lbsitvir010101
    - 52k -

    Copia cache
    - Pagine simili - Salva risultato

    Zapatero. Il socialismo dei cittadini - Libro - Calamai Marco ...

    Zapatero. Il socialismo dei cittadini, Calamai Marco,
    Garzia Aldo, Zapatero José L.. José Luis Rodríguez Zapatero,
    il giovane primo ministro spagnolo (44 ...
     www.libreriauniversitaria.it/zapatero-socialismo-
    cittadini-calamai-marco/libro/9788807171178
    -
    19k -
    Copia cache -
    Pagine simili
    - Salva risultato

    ZAPATERO. IL SOCIALISMO DEI CITTADINI - libri - GAY.tv

    GAY.tv libri - Recensioni dei milgiori libri in libreria di Gabriele Strazio.
     www.gay.tv/ita/magazine/we_like/dettaglio.asp?i=2040 -
    70k -
    Copia cache - Pagine simili - Salva risultato

    giovanisocialistipuglia.ilcannocchiale.it - Il socialismo italiano ...

    Nel Manifesto di Boselli, Spini e Angius un posto
    centrale occupa il Socialismo dei cittadini,
    racchiuso nell’omonimo bel libro di Zapatero. ...
     http://giovanisocialistipuglia.ilcannocchiale.it/
    ?id_blogdoc=1710103
    - 26k -
    Copia cache -
    Pagine simili
    - Salva risultato

    Movimento Radicalsocialista - Zapatero, il socialismo dei cittadini

    Per il premier spagnolo, è infatti decisiva la partecipazione
    attiva e continua dei cittadini per evitare che le
    ricorrenti tentazioni autoritarie si ...
     www.radicalsocialismo.it/index.php?option=com
    _content&task=view&id=88&Itemid=73
    - 41k
    -
    Copia cache - Pagine simili - Salva risultato


    http://www.google.com/search?q=Il+socialismo+
    dei+cittadini&rls=com.microsoft:*:IE-SearchBox&ie
    =UTF-8&oe=UTF-8&sourceid=ie7&rlz=1I7GFRD

    Altri Libri

    L' orologiaio cieco. Creazione o evoluzione?

    L' orologiaio cieco.
    Creazione o evoluzione?

    di Dawkins Richard

    Sconto 25%

    Dio non è grande. Come la religione avvelena ogni cosa

    Dio non è grande.
    Come la religione avvelena
    ogni cosa

    di Hitchens Christopher

    Sconto 20%


    Perché non possiamo essere cristiani (e meno che mai cattolici)

    Perché non possiamo essere cristiani
    (e meno che mai cattolici)

    di Odifreddi Piergiorgio

    Sconto 15%

    La vita meravigliosa. I fossili di Burgess e la natura della storia
    La vita meravigliosa.
    I fossili di Burgess e la natura della storia

    di Gould Stephen J.


    Una fortuna cosmica.
    La vita nell'universo:
    coincidenza o progetto divino?

    http://www.bol.it/libri/scheda/ea978880457
    167.html;jsessionid=20B70BC3E320F18D980990ABBE4E31F0


    Una fortuna cosmica :: BABYLONBUS :: www.babylonbus.org

    Una fortuna cosmica Collana: Saggi Pagine: 376 Prezzo:
    € 19,00 Nel suo nuovo libro, il fisico Paul Davies esamina
    la possibilità che esistano infiniti ...
    http://www.babylonbus.org/modules.php?op=modload&name
    =News&file=article&sid=379894
     - 45k -

    Copia cache
    - Pagine simili - Salva risultato

    BOL | Libri | Davies, Una fortuna cosmica. La vita nell'universo ... - 15:35

    Una fortuna cosmica. La vita nell'universo: coincidenza
    o progetto divino. | 1ª ed. Paul Davies. Prezzo di copertina:
    Euro 19,00 Servizio standard ...
    http://www.bol.it/libri/scheda/ea978880457167.html;jsessionid=20B70BC3E320F18D980990ABBE4E31F0 - 54k - Copia cache - Pagine simili - Salva risultato

    Una fortuna cosmica - it.scienza.fisica | Google Groups

    Local: Sat, Nov 24 2007 6:53 pm. Subject: Una fortuna cosmica
    ... Local: Mon, Nov 26 2007 3:59 am. Subject: Re: Una fortuna cosmica ...
    http://groups.google.com/group/it.scienza.fisica/browse
    _thread/thread/a9399cd39cc381d8
     -
    70k -
    Copia cache - Pagine simili - Salva risultato

    Libro - IBS - Una fortuna cosmica. La vita nell'universo ...

    Libro di Davies Paul,Una fortuna cosmica.
    La vita nell'universo: coincidenza o progetto divino?,Mondadori.
     http://www.internetbookshop.it/code
    /9788804571674/davies-paul/fortuna-cosmica-vita.html
    - 28k -
    Copia cache - Pagine simili - Salva risultato

    Una fortuna cosmica. La vita nell'universo: coincidenza o progetto ...

    Una fortuna cosmica. La vita nell'universo: coincidenza
    o progetto divino?, sconto 20% Davies Paul. Da qualche
    tempo, fisici, astronomi e cosmologi hanno ...
    http://www.libreriauniversitaria.it/fortuna-cosmica-vita-nelluniverso-coincidenza/libro/9788804571674 - 24k -
    Copia cache - Pagine simili - Salva risultato

    Segnala "Una fortuna cosmica. La vita nell'universo: coincidenza o ...

    Una fortuna cosmica. La vita nell'universo:
    coincidenza o progetto divino? Una fortuna cosmica.
    La vita nell'universo: coincidenza o progetto divino? ...
    http://www.libreriauniversitaria.it/product_recommend.html?prod_id=BIT8804571675 -
    16k -
    Copia cache - Pagine simili - Salva risultato

    Una fortuna cosmica - it.scienza.fisica | Google Gruppi

    Locale: Dom 25 Nov 2007 00:53. Oggetto: Una fortuna cosmica
    ...
    Locale: Lun 26 Nov 2007 09:59. Oggetto: Re: Una fortuna cosmica ...
     http://groups.google.it/group/it.scienza.fisica
    /browse_thread/thread/a9399cd39cc381d8
    - 71k -
    Copia cache - Pagine simili - Salva risultato

    HOEPLI.it :: MONDADORI, DAVIES PAUL, FORTUNA COSMICA (UNA ...

    FORTUNA COSMICA (UNA) LA VITA NELL'UNIVERSO:
    COINCIDENZA O PROGETTO DIVINO? Genere: Libri. Editore:
    MONDADORI Pubblicazione: 10/2007 Numero di pagine: 367 ...
    http://www.hoepli.it/libro.asp?ib=9788804571674&pc=000012010001000 - 89k - Copia cache - Pagine simili - Salva risultato

    la Feltrinelli - Una fortuna cosmica

    Ma qual è, allora, la spiegazione della nostra fortuna cosmica?
    Secondo Davies, non esistono universi alternativi,
    ma solo il nostro, in cui le osservazioni ...
    http://www.lafeltrinelli.it/istituzionale/catalogo/scheda_prodotto.aspx?i=2488272  - 133k - Copia cache - Pagine simili - Salva risultato

    LiberOnWeb - Fortuna cosmica (Una)

    Fortuna cosmica (Una). Mondadori. - Collana: Saggi. Pagine 367
    - Formato 15x21 - Anno 2007 - EAN13 9788804571674 Argomenti:
    Astronomia, Scienze ...
    http://www.liberonweb.com/asp/libro.asp?ISBN=8804571675 - 14k - Copia cache - Pagine simili - Salva risultato




    Paul Davies


    Prezzo di copertina: Euro 19,00


    Contenuto:
    Per millenni gli uomini hanno osservato il cielo
    pieni di meraviglia, chiedendosi: perché siamo qui?
    Come ha avuto origine l'universo? E che senso ha
    la nostra esistenza nel cosmo? Fino a tempi recenti,
    la risposta a questi grandi interrogativi
    è stata appannaggio di preti e filosofi, ma oggi
    gli scienziati stanno cominciando a intervenire nel dibattito,
    con idee che sono insieme sorprendenti e profondamente
    controverse.

    Come ci racconta con chiarezza Paul Davies, le recenti
    scoperte scientifiche mettono in luce un fatto che lascia
    perplessi: molte caratteristiche fondamentali dell'universo
    fisico - dalla velocità della luce alla struttura dell'atomo
    di carbonio - sembrano calibrate in modo
    apparentemente miracoloso per permettere
    l'esistenza della vita.

    Spostamenti anche minimi nei valori di queste costanti
    potrebbero dare luogo a universi
    altrettanto fisicamente sensati del nostro, ma senza
    alcuna speranza di ospitare qualcosa
    di simile a uomini, piante e animali. Com'è quindi
    possibile che, di tutti gli universi,
    ci sia capitato in sorte proprio l'unico che sembra
    fatto su misura per produrre la vita?

    Abbiamo forse vinto una sorta di lotteria cosmica,
    il cui premio era la nostra stessa esistenza?
    Una teoria radicalmente nuova afferma, per esempio,
    che esistono davvero tutti gli universi
    possibili, ognuno dei quali è leggermente diverso
    dagli altri, e che si tratta di un caso
    se proprio il nostro, tra gli innumerevoli mondi
    paralleli, è risultato così favorevole alla vita.

    Ma secondo Davies la semplice statistica non può
    risolvere davvero l'enigma della nostra
    esistenza. Il fatto che il nostro universo abbia
    prodotto una forma di vita capace di consapevolezza
    e in grado di comprendere le leggi fisiche
    che lo governano non può essere solo una questione
    di fortuna, per quanto cosmica: il sospetto, allora,
    è che ci sia una trama più profonda, forse
    il dispiegamento di un progetto, se non, addirittura,
    l'intervento di un'entità superiore.

    Componendo in modo rigoroso ma vivace un quadro
    divulgativo delle maggiori teorie cosmologiche,
    Davies passa in rassegna tutte le risposte
    scientifiche all'enigma della nostra esistenza, compresa
    quella per la quale lui stesso propende, ma mette anche
    in evidenza come la scienza non abbia trovato la spiegazione
    definitiva che cerca da sempre, lasciando per il momento
    (ma per quanto tempo ancora?) senza conclusione
    certa questo dibattito millenario.


     


    Servizio standard Spedito normalmente in 3-5 giorni lavorativi
     
    Spedizione immediata Con il Servizio Plus spedizione immediata

    Cartonato | 367 | Mondadori   | 2007 | EAN: 9788804571674




    Il  mio contatto di msn:

    yemilgo@hotmail.it


    come sono


    sesso: maschile

    segno: capricorno

    colore capelli: castani

    colore occhi: castani

    altezza: 177

    torace:  90


    corporatura: normale

    tatuaggi: no

    professione: per ora studente

    carattere: timido

    modi: maschili

    orientamento: gay

    stile capelli: corti

    peso: 70

    numero scarpe: 43

    etnia: europeo

    piercing: no
     
    look: casual


    animali:

    gatti !!!!




    alcool: qualche volta

    fumo: mai

    droghe leggere: mai

    droghe pesanti: mai

    non vivo senza: internet

    chi sa di me: fratello/i , parenti , gli amici ,
    i colleghi , alcuni colleghi

    ...e forse mezzo pianeta...
     
     




    Link  del profilo su gay.tv
    http://www.gay.tv/galamay


    Link del mio profilo su Badooo
    http://galamay.badoo.com/









    R: R: L'omosessualità non è anormalità
    Paola, ETERO    22/11/2006
    03:14

    Questa storia della natura davvero è avvilente per
    chi la cita, e assurgerla come canone di verità
    rasenta l'idiozia. La 'natura' fa venire i tumori,
    la 'natura' fa nascere i bambini autistici, la 'natura'
    non è che il paravento dei vigliacchi
    incapaci di accettare il diverso da sè.


    Paolo Rigliano - Amori senza scandalo

    (Feltrinelli)

    Amori senza scandalo. Cosa vuol dire essere lesbica e gay.

     

    Chi ha detto che essere gay significhi per forza
    trasgressione, anomalia, devianza? Perche' continuare
    a pensare in termini di "legittimazione del diverso"?

    E' tempo di considerare l'omosessualita' come uno dei
    possibili esiti di un percorso di vita normale e comune.

    Lo speciale dedicato al nuovo libro di Paolo Rigliano
    con decine di foto del World Gay Pride.

    Come si sviluppa la personalità gay?
    Perché gay non è solo una sessualità particolare
    ma è un mondo affettivo, un bisogno di relazionarsi
    sentimentalmente ed emotivamente con persone
    del proprio sesso. Questo libro sostiene una visione
    antideterministica dell’omosessualità, spiegandola
    in termini di normali dinamiche di sviluppo affettivo,
    il cui esito è guidato dal significato attribuito alle emozioni
    che il bambino prima, l’adolescente poi, elabora nel corso
    del suo sviluppo interagendo con le figure significative.

    I problemi, le vicissitudini, le opportunità e le scelte
    di questo percorso di vita aperto e non determinato
    vengono descritti nel libro dal punto di vista interiore
    della persona, raccontata seguendo la storia evolutiva –
    dall’infanzia alla maturità – nella rete delle relazioni familiari
    e sociali, nelle limitazioni che la società impone e nelle
    aperture oggi sempre più possibili.

    Per arrivare a delineare come si costituisca una coscienza
    positiva di sé, libera di realizzare il senso del proprio
    progetto esistenziale.

     

    http://www.feltrinelli.it/default.asp?url=/inprofondita/Amori.html

     

    Natura=Realtà. Ogni cosa che esiste è parte
    della natura, persino le malattie e persino la sterilità
    di certe coppie eterosessuali.

    L'omosessualità , che non è una malattia dato che
    non crea danni organici e non anticipa la morte,
    è e continuerà ad essere meno diffusa dell'eterosessualità,
    ma se fosse innaturale semplicemente non esisterebbe.

    Inoltre l'omosessualità non c'entra nulla con l'identità
    di genere...  chi è omosessuale non si sente del sesso
    opposto al suo sesso anatomico. 
    Non è vero che un uomo debba per forza essere attratto
    da una donna, per essere davvero un uomo (e viceversa);
    è vero, semmai, che in natura esistono persone che sono
    attratte da altre persone delo loro stesso sesso, come
    è vero che esistono persone che si sentono del sesso
    opposto è che però sono eterosessuali, quindi si sentono
    attratte da persone del loro stesso sesso anatomico,
    ma con identità di genere opposta alla propria.  
    Omosessualità e transessualità sono cose molto diverse
    e non vanno confuse.


    Il matrimonio, non essendo funzionale alla procreazione
    (che può avvenire anche in coppi non sposate: basta
    fare sesso) in quanto è valido anche per persone di sesso
    diverso che però non hanno figli per scelta deliberata
    o per infertilità o per vecchiaia, non è precludibile
    a noi omosessuali; è un nostro diritti vedere regolata
    e riconosciuta dallo Stato la nostra unione con il nostro
    compagno alla stessa stregua delle coppie omosessuali.

    Riguardo all'adozione di bambini alle coppie omosessuali,
    il problema sta solo nel fatto che verrebbero discriminati
    dai loro compagnetti perchè considerati strani
    (ancora una volta), alla stegua dei loro genitori adottivi,
    ma è molto meglio che vengano adotati anche da una
    coppia gay o lesbica piuttosto che restino in un brefotrofio.

    Caro cattolico e caro conservatore... per te e quelli come te
    le coppie omosessuali non sono famiglia, ma solo se
    per famiglia si intende la "culla della vita"; allora non
    sono famiglia neppure le coppie eterosessuali senza figli
    e le coppie risposate di anziani.

    Se invece intendi l'unione tra uomo e donna anche
    senza figli allora stai solo facendo una discriminazione
    a danno delle persone dello stesso sesso.
    La famiglia è un gurppo di persone (almeno due)
    che si amano reciprocamente e che per  questo
    vivono insieme condividendo un progetto di vita comune.

    Il fatto che le coppie eterosessuali possano anche
    fare dei figli è importante (e lo stato deve agevolere
    quelle coppie che fanno figli e hanno difficoltà
    economiche), ma non da loro il diritto di arrogarsi
    l'esclusività del termine "famiglia".
    Altrimenti siate coerentri e riservate il matrimonio
    soltanto a chi ha figli e precludetelo alle coppie
    di anziani e alle coppie eterosessuali sterili.




    G.al.A.ma.Y.



    Se Dio esistesse veramente ci avrebbe gia' liberato
    del famigerato Bruto Maria Bruti, che ha sparso
    per internet centinaia di articoli nei quali ci illumina
    d'immenso su tutto, con un solo e unico punto di vista:
    quello dell'invasato cattolico che e' convinto di essere
    superiore a tutti in quanto avrebbe la Verita' in tasca.

    La sua, ovviamente, ecco perche' (come Ratzinger)
    ce l'ha tanto col relativismo, perche' il relativismo
    introduce il concetto che le mie idee valgono quanto
    le tue (un affronto intollerabile per coloro
    che si considerano portavoci dell'Assoluto).

    Bruti scrive con furiosa velocita' articoli che vengono
    puntualmente ospitati solo dai tanti siti dell'ultraintregralismo
    cattolico, Alleanza Cattolica e simili. Tra i suoi bersagli
    preferiti ovviamente gli omosessuali, che si sforza
    con impegno degno di miglior causa di far apparire brutti,
    sporchi e cattivi, malati da curare, esseri inferiori
    moralmente disgustosi e naturalmente peccatori
    svergognati che bruceranno all'inferno.

    Bruti nei suoi "saggi" (le virgolette sono d'obbligo)
    mescola spesso con disinvoltura citazioni prese
    dai testi piu' disparati, alternando allegramente quelli
    scientifici e quelli scritti da papi, teologi e vescovi
    vari, per i quali stravede incondizionatamente.

    Insomma, e' un vero e proprio Guerriero della Cristianita'.
    Magari un giorno lo faranno beato, o santo.
    Non sorprende che il raziocinante e brillante libro
    di Dawkins gli abbia mandato di traverso l'ostia serale,
    visto anche il successo che ha avuto in tutto il mondo.



    **********************************

    La Bussola d'Oro parte bene ma...

    Pubblicato da Stefano Landenna alle 23:13 in Cinema


    Nell'ultimo fine settimana in pieno clima festivo i cinema italiani hanno registrato
    l'affermazione, come era ampiamente prevedibile, di "Natale in crociera"
    e "Una moglie bellissima" classici film di Natale, mentre ha sorpreso
    positivamente il debutto in terza posizione de "
    La Bussola d'Oro",
    controverso lungometraggio fantasy tratto dal romanzo di Philip
    Pulmann, il primo della celebre trilogia "Queste oscure materie".

    Il buon risultato al botteghino (ricordiamo però che in USA è stato un flop
    colossale) non è stato tuttavia accompagnato dal giudizio della critica
    che ha letteralmente stroncato il film ed anche i primi commenti
    degli spettatori (che possiamo leggere online) non sono lusinghieri.
    La storia, rispetto allo splendido libro, viene solo tratteggiata
    e i temi cari a Pulmann (l’esistenza di una presenza mistica oltre
    a quella di Dio e una totale volontà di liberarsi dai vincoli
    e dalle restrizioni delle istituzioni religiose organizzate)
    non vengono praticamente presi in considerazione.

    Certo gli effetti speciali sono sontuosi, ma ormai nessuno
    si sorprende più. Gli aspetti fondamentali in un film di questo
    tipo dovrebbero essere la profondità della storia
    e la caratterizzazione dei suoi protagonisti: entrambi lasciano
    molto a desiderare ne "La Bussola d'oro".

    Vi lascio con i primi cinque minuti in italiano del film che rimane,
    comunque, l'evento fantasy per il Natale 2007 e che merita un vostro giudizio:


    Leggi anche:


    Trackback

    Indirizzo di Trackback per questo post:
     
    http://blog.blogosfere.it/mte/mt-tb.php?tb_id=92693

    La bussola d’oro:
    il film etichettato
    dalla Chiesa come
    anticlericale

    La bussola d'oro

    Oggi in tutti i cinema italiani esce un film fantasy, che si appresta
    a fare a gara con le altre pellicole “panettone” per aggiudicarsi
    il titolo di film di questo
    Natale 2007: stiamo parlando
    de
    La bussola d’oro, dove troviamo una Nicole Kidman
    che veste i panni della cattiva e tanti altri attori famosi.
    Ma come è avvenuto in passato per altri film, anche
    in questa occasione la Chiesa ha voluto dire la sua:
    e la pellicola è stata etichettata come anticlericale.

    Annunci Google

    La polemica è nata negli Stati Uniti, dove alcune associazioni religiose
    si sono scagliate contro questa pellicola, che fa parte di una trilogia.
    Ma anche qui in Italia le polemiche sono molte. La critica ha definito

    La bussola d’oro
    come anticlericale e la Chiesa Cattolica, come
    già successo in precedenza per Harry Potter o per Il codice Da Vinci,
    in questi giorni non ha usato mezzi termini per “scomunicare” il film.

    Forse la colpa è di un’organizzazoine presente nel film, che si chiama
    Magisterium, dove alcune persone vestite con un abito talare
    rapiscono i bambini per rubare loro l’anima. Nikole Kidman,
    protagonista del film, ha voluto difendere così il suo lavoro:
    “Sono stata cresciuta come cattolica e la Chiesa è parte
    della mia essenza. Non avrei potuto interpretare questo
    film se avessi pensato che fosse in qualche modo anticattolico”.


    Articoli correlati


    Commenti (14)

    Feed RSS 2.0 dei commenti


    “la Chiesa Cattolica, come già successo per Harry Potter
    o per Il codice Da Vinci, in questi giorni non ha usato mezzi
    termini per “scomunicare” il film”: sempre più progrediti
    i “signori” della Chiesa! complimenti, così sì che riavvicinerete
    la Chiesa al popolo…
    “Forse la colpa è di un’organizzazione dove alcune persone
    vestite con un abito talare rapiscono i bambini per rubare
    loro l’anima”: bisogna capirli poverini: loro i bambini non
    li rapivano, semplicemente bruciavano le loro madri con
    (assurde) accuse di stregoneria e/o uccidevano tutti quelli
    che non professavano (o anche semplicemente aderivano)
    la loro fede (Giordano Bruno tra i tanti), anche andando
    a prenderli a casa loro (vedi Crociate & co.)!

    Come al solito la Chiesa si dimostra per quello che è realmente:
    un’istituzione vecchia, con regole obsolete e inutili, in una società
    dove riescono a trovare posto solo grazie a quei pirloidi
    che la seguono e la finanziano credendo alle promesse
    che vengono loro fatte…
    ps. as usual, ok per dettare leggi a chi vi segue e apprezza ma,
    per quanto riguarda chi non vi vuole, avreste la buona grazia
    di non rompere imponendoci le vostre idee assurde?
    se, per esempio, per voi l’aborto o l’eutanasia sono
    inconcepibili i vostri “seguaci” sicuramente vi seguiranno
    e le ostacoleranno, ma non è detto che io debba pensarla
    come voi! purtroppo il fatto che l’Italia sia uno stato laico
    è solo una scritta su un vecchio pezzo di carta ormai inutile…


    Mi dispiace contraddirti ma la Chiesa non ha etichettato
    proprio nulla. Semmai alcuni studiosi cattolici hanno sottolineato
    aspetti di ateismo e individualismo nell’opera e hanno espresso
    il loro giudizio come può fare ogni uomo.
    Se credi che uno in quanto cattolico non possa dare
    un suo giudizio allora è la tua mente che è vecchia e chiusa.
    Un pirloide


    vedi zetan, “un pirloide”, ognuno nel mondo è libero
    di dare il suo giudizio come io lo sono di dare il mio…
    nell’articolo veniva citata direttamente la Chiesa
    e non alcuni studiosi: nel caso, ad esempio, del “codice da Vinci”
    questo libro (e il successivo film) sono stati messi ALL’INDICE
    dalla Chiesa stessa e non da alcuni studiosi: quindi non sei
    un buon cattolico se vai a vedere il “codice da vinci”
    (forse potrebbe farti svegliare troppo dall’anestesia
     mentale imposta dalla Chiesa)!!! se non sai cosa vuol
    dire “mettere all’indice” vatti ad informare e fatti un’idea
    di come un’istituzione seguita da milioni di pecoroni abbia
    un suo sistema di censura, non molto diversa da quello
    del fascismo italiano o del comunismo russo-cinese,
    e lo faccia passare come una cosa normale!
    per dirti quanto influente sia questa istituzione, a scopo
    di lucro, in Italia, ti dico solo che, a seguito delle proteste
    per “il codice da vinci” (con la richiesta di NON-TRASMISSIONE
    nei cinema) alcuni cinema si sono rifiutati di proiettarlo!
    ps. ripeto, perchè evidentemente non hai capito: ogni essere umano
    è libero di esprimere le proprie idee (ci mancherebbe) il problema
    è che voi cattolici (la Chiesa in particolar modo) volete che le vostre
    idee vengano sempre etichettate come le migliori e, soprattutto,
    come le UNICHE da seguire PER TUTTI: io cattolico non lo sono
    e mai lo sarò, quindi le vostre idee medievali tenetevele!grazie!
    se uno esprime la propria idea ok, se un religioso la vuole imporre
    in uno stato laico c’è qualcosina che non va, o sono io strano?


    Caro Gio,
    la Chiesa Cattolica esprime una sua opinione e si rivolge ai Cattolici,
    quindi non capisco perchè (come al solito…) quando interviene,
    lo ripeto, RIVOLGENDOSI AI CATTOLICI si levi sempre un’ondata
    di anticlericalismo senza motivo. Mi sembra che inconsciamente
    quasi tutti gli anticlericali (non i veri atei, che scarseggiano…)
    quando condannano accanitamente senza motivo la Chiesa
    e appigliandosi a banali luoghi comuni, o sono gelosi del fatto
    che più di un miliardo di persone (caspita quanti pirloidi!) ne condivida
    le idee, o hanno paura di non avere ragione…
    Per cui, visto che la Chiesa si rivolge ai Cattolici e tu non sei cattolico,
    ergo non ti riguarda e non ti dovrebbe interessare quello che la Chiesa
    consiglia ai suoi fedeli. Ah, e bada che di religioni che vogliono imporre
    le loro idee ai non credenti, se non sbaglio c’è solo qualche ala
    “estremista” mussulmana…sempre che per te i Cattolici non siano
    come i Talebani…



    alcune precisazioni:

    1- io sono ateo in primis (forse una conseguenza di aver studiato
    anche la scienza, che ti aiuta a capire l’inutilità di TUTTE le religioni
    che pongono l’uomo al loro centro, non solo quella cattolica,
    che comunque, secondo me, è tra le più ipocrite e false di tutte)
    e anticlericale di conseguenza;

    2- quando la Chiesa parla non lo fa solo per i Cattolici ma vuole
    includere TUTTI nei suoi “preziosi consigli”: se credi che parli solo
    a voi cattolici sei tu che hai capito male… molto male…
     (in ogni caso consigliare ai propri seguaci di non andare a vedere
    quella cagata di Harry Popper perchè invita alla stregoneria
    mi pare una stupidaggine universale);

    3- “condannano accanitamente senza motivo la Chiesa”:
    senza motivo??????????

    4- il fatto che un miliardo di persone pensino che una cosa
    sia giusta non significa che questa lo sia veramente! se a te
    e altri 999.999.999 di persone sta bene credere a certe cose,
    non vuol dire che esse debbano essere prese per verità fondamentali
    da tutti (e non dire che questo la Chiesa non lo vuole…);

    5- non sono solo i talebani musulmani (una s sola) quelli che impongono
    le proprie regole ai non credenti e se la pensi così sei ancora più
    “close-minded” di quanto si potrebbe pensare…
    Opus Dei (tra le tante) ti dice niente?

    6- per me tra cattolici e talebani non ci sono molte differenze:
    semplicemente la Chiesa cattolica, sviluppandosi nel ricco occidente,
    ha dovuto e HA VOLUTO modernizzarsi rinunciando a cose tipo omicidi,
    violenze di gruppo e roghi di massa di “eretici” per dedicarsi più direttamente
    al dio denaro, cosa, evidentemente, non ancora venuta in mente ai musulmani!
    alcuni atteggiamenti cattolici ricordano molto da vicino quelli dei talebani,
    magari in maniera meno appariscente: nella bella italia cattolicizzata,
    queste prese di posizioni scomode raramente vengono divulgate
    (vedi ad es. il diniego del papa all’incontro col Dalai Lama del quale
    NESSUN tg ha riportato) prefendo tenerle “segrete”!
    in conclusione probabilmente io esaspererò anche il mio ateismo
    ad un anticlericalismo esagerato, ma è anche vero che molti di voi
    cattolici non riescono (o non vogliono) a vedere la realtà!
    il problema forse è che, mentre io ateo i Cattolici semplicemente
    non li posso sopportare, ma non farei mai loro del male, i Cattolici
    reagiscono diversamente se non condividi le loro “belle idee moderne”…
    svegliatevi!


    ah dimenticavo:
    nonostante i preti pedofili in America e non solo (pagate le famiglie
    vittime per non parlare), la ricchezza della Chiesa stessa (poi vengono
    a fare l’elemosina per i poveri mentre loro vivono nell’oro e nel lusso)
    e la diffusione di idee chiaramente sbagliate (no-condom agli africani
    (come se già non avessero aids a manetta), il creazionismo e l’idea
    che il pianeta sia stato creato 5.000 anni fa da Dio per gli uomini)
     la loro maggiore preoccupazione attuale è l’uscita di un film
    che porterebbe all’ateismo???
    bella scala di importanza dei valori che hanno…


    Mi intrometto in questo discorso, sicuramente spinoso e già fin troppo
    acceso, solo per puntualizzare qualche cosa:
    1- non è vero che la scienza faccia capire l’inutilità delle religione
    (lo dico da fisico teorico, non da filosofo o metafisico tanto per
    chiarirsi): ci sono due piani diversi come disse lo stesso Galileo
    (purtroppo allora non capito e condannato da una chiesa
    che ha sbagliato, come lei stessa ha ammesso, seppur con
    un ritardo a dir poco ingiustificabile) la scienza dice come va
    il cielo, la religione come si va in cielo. per quanto le nostre
    conoscenze potranno progredire ci sarà sempre il mistero
    del perché l’universo è a noi comprensibile con “semplici”
    leggi matematiche e del perché sono proprio quelle leggi e non altre…

    2- sono d’accordo con Gio sul fatto che spesso la Chiesa
    si riveli un’istituzione troppo vecchia, legata a idee e
    concezioni un po’ medievali e lenta al cambiamento, ma è
    fatta di uomini e in quanto tali comunque fallibili (i pedofili
    per esempio sono una piaga terribile non solo all’interno
    dei preti o dei cattolici ma in tutta la società): possiamo e
    dobbiamo migliorarla, mantenendola fedele al suo spirito
    originale che è il messaggio di Cristo, cercando comunque
    di capire il perché di certe sue posizioni senza sviluppare
    un rifiuto aprioristico e anticlericale di tutto ciò su cui non
    siamo d’accordo, perché solo così possiamo aiutare a
    sviluppare una coscienza critica in noi e nei nostri interlocutori.

    3- Quando uno è convinto di aver ragione si batte per le
    proprie idee e vorrebbe che anche gli altri cambiassero le loro.
    Se in una votazione la maggioranza delle persone vota secondo
    quanto dice la chiesa si deve accettare questo risultato senza pensare
    ad una imposizione ecclesiale, è il principio fondante della democrazia.
    E’ comunque vero che la Chiesa viene da una storia in cui si è abituata
    ad imporre il suo volere, ma per questo sono convinto che grazie
    all’aiuto di tutti noi pirloidi che ancora ci crediamo potrà riuscire
    mano a mano a migliorare, non penso comunque che oggi come
    oggi imponga alcunché, anzi, chiunque è libero di parlare male
    della Chiesa cattolica e se qualcuno si ribella viene accusato
    di non permettere la libertà di opinione, appena però
    si parla male di altre religioni si viene bollati subito di intolleranza
    e accusati di seminare odio (vedi Oriana Fallaci)….
    4- mi fanno incazzare quelli che pensano che il problema dell’AIDS
    in Africa sia causato o comunque fortemente accentuato della chiesa:
    se in Africa ascoltassero ciò che dice il Papa non ci sarebbe neanche
    il problema, il no al preservativo non è il nocciolo della dottrina sessuale
    cattolica, ma si inserisce in un contesto molto più ampio di amore,
    rispetto e fedeltà (comunque io non sono d’accordo né con il no
    ai preservati né a quello ai rapporti pre-matrimoniali) se tutti facessero
    l’amore solo con la persona che amano (che poi può anche cambiare
    nel corso della vita) la diffusione delle malattie a trasmissione sessuale
    sarebbe praticamente nulla. Il problema sta nel modo in cui si vive
    il sesso, e non solo in Africa: non come manifestazione d’amore ma
    come un momento di puro piacere in cui l’altra persona è ridotta
    a semplice strumento di piacere, per cui il fatto che possa portare
    una malattia è solo una rottura di scatole che ci obbliga ad usare
    delle protezioni. Comunque se in Africa non riescono neanche
    a comprarsi da mangiare come fanno a permettersi i preservativi??
    Conosco delle persone che sono state in missione in Africa che hanno
    visto profilattici stesi ad asciugare…
    5- per tornare a ciò che dovrebbe essere questa pagina, nonostante
    ciò che dice la Chiesa su questo film, penso proprio che se mi capiterà
    l’occasione andrò a vederlo (come ho già fatto con il codice e con
    harry potter) ma con in mente anche il commento della Chiesa
    in modo da poter stare più attento a cogliere quei passi incriminati
    e poter giudicare io stesso….


    premetto che non ho letto il libro!quindi il mio commento è da spettattore
    ignaro della trama(ok..lo aveva letto mio fratello e qualcosa ne sapevo
    ma nulla di più :P ) comunque devo dire che un pochino mi ha deluso.
    Nulla da obiettare ai personaggi,effetti speciali e company..
    ciò che non tollero è che è tutto troppo abbozzato e veloce..
    parte bene(eccetto il riassuntino parlato iniziale =.=) e poi scivola
    inesorabile passando sopra eventi con una velocità e a volte tagli
    mostruosi (speriamo in una versione estesa..ma di molto) i personaggi
    spesso e volentieri sono a malapena abbozzati e gli eventi seguono uno
    dietro l’altro senza nemmeno darti il tempo di raccapezzare qualcosa !!
    il che è un peccato perchè la base per fare un buon film c’era tutta eccome!
    peccato peccato!(non è brutto ma si poteva fare molto ma molto di più)

    vedevo mio fratello nella poltrona accanto a me esagitato per lo scempio
    fatto del libro(secondo lui..io ho appena iniziato a leggere per avere conferma)

    E dire che dopo la boiata di Eragon si fosse capito come lo stravolgere
    e rendere frettolosa la trasposizione di un libro non porti a buoni risultati.

    oltretutto non si deve mai dare per scontato che tutti abbiano letto il libro,
    quindi la realizzazione deve essere comprensibile e godibile anche per chi
    è estraneo alla storia:Il Signore degli Anelli c’è riuscito in pieno,Harry Potter
    se pur stravolto(come mi hanno detto perchè non letto) ha successo perchè
    comunque cinematograficamente funziona!!anche Narnia(letto!!) è stato reso
    bene,nonostante molti accorgimenti tecnici(il cinema non è un libro quindi è
    normale aspettarsi delle modifiche purchè la linea base resti)!
    Invece La bussola d’oro non ha questa caratteristiche,perchè anche e se
    modificata la storia e gli eventi..non funziona..peccato peccato!!!

    riguardo al fattore chiesa o autore ateo,trovo che i commenti
    dei bigotti siano da considerarsi solamente ridicoli e assurdi!
    mi stupisco che la chiesa e le associazioni cristiane non abbiano
    di meglio a cui pensare che non al cinema e ai libri (credo vi siano
    problemi di gran lunga peggiori al mondo)ho visto questo film
    e il Codice Da Vinci e Harry potter (thò..non sono diventato e
    ancora ateo, e non vedo orde di ragazzini per il mondo a volare
    per scope o a inneggiare contro la chiesa)per favore fate il piacere
    di non mostrare la vostra stupidità e fate cose più costruttive per il prossimo magari!!!


    Gio, ti faccio osservare che la tua risposta mi conferma che le argomentazioni
     della maggior parte degli atei (i falsi atei), si basano su luoghi comuni.
    Inoltre ti consiglio di non fare di tutta l’erba un fascio perchè la religione
    Cattolica, o comunque il Cristianesimo, non sono da confodere con la Chiesa,
    che in quanto fatta di uomini è soggetta a sbagli ed errori, e da questi isolati
    errori (perchè se affermi che non sono isolati allora sarebbe meglio che
    ti informassi ed aprissi la mente un po di piu, tu non io) non puoi generalizzare
    e trarre conclusioni moraliste… Ribadisco che la Chiesa istituzionale quando
    parla si rivolge unicamente al popolo Cattolico, di certo non vuole convertire
    nè convicere alcuna persona al di fuori della Chiesa, e in quanto guida
    ogni singolo Cattolico puo decidere se seguire i suoi consigli o no…
    Infine, siccome io ho studiato la scienza e, da quanto vedo che scrivi,
    al contrario di te ho studiato anche la religione (forse perchè non ho
    la mente cosi chiusa come tu dici), ti posso garantire che sono perfettamente conciliabili.

    PS: ci vuole un bel coraggio (o ignoranza?) ad affermare che
     i Cattolici sono come i Talebani…ah, sarà meglio per te,
    al fine di non fare brutte figure quando ne riparlerai, di andarti
    a informare un po meglio sull’Opus Dei, senza basarti sulle
    invenzioni de “Il Codice Da Vinci” (”questo libro è un’opera
    di fantasia” detto da Dan Brown…)


    per Dani
    a prescidere dalla bellezza del film (personalmente non l’ho
    trovato eccezzionale) quello che non condivido, non è tanto
    la presenza di film “fantastici” ma il (non tanto) velato attacco
    verso la Chiesa, che ha il film “La bussola d’oro” (il libro non so).
    Attacco e demonizzazione della Chiesa, che palesemente
    si manifestano attraverso la voluta identificazione del Magisterium e la CHiesa stessa.


    se non te ne fossi accorto, caro soluan, la mia critica è chiaramente
     divisa: da una parte alla Chiesa e dall’altra alla religione cattolica!
    per quanto riguarda la religione: se ci credi bene, se non ci credi bene
    uguale! io non potrei mai credere a fandonie del genere ma moltissime
    persone nel mondo ci credono e non mi permetterò mai di far loro
    qualcosa che non sia tentare di aprire loro gli occhi! se poi non
    ci riesco amen! sia io che loro loro viviamo bene lo stesso!
    per quanto riguarda la Chiesa: penso tutto il peggio possibile
    della Chiesa e ci sta proprio bene una bella generalizzazione!
    il fatto che qualche decina di preti in Africa, e qualcuna in vari
    paesi sparsi in giro, siano brave persone, non salvano un’istituzione
    che ha come unici scopi il denaro e il potere (e provate a negarlo)!
    anche altre istituzioni ce l’hanno ma loro almeno non si nascondono
    dietro a dio per tirarli su… sinceramente cose come la banca della
    Chiesa (una delle più ricche del mondo), il sistema di carriera (legato
    principalmente al lecchinaggio al papa) e l’Opus Dei (magari leggiti
    qualche articolo super partes, magari straniero: ovvio che se vai sui
    siti della chiesa sia descritto come una corporazione per fare torte
    ai bambini malati)TRA LE CENTINAIA DI MAGAGNE non
    mi farebbero andare fiero di seguire la chiesa… poi sta alla volontà
    di ognuno… mai picchiato nessuno perchè religioso comunque…
    il fatto che io ritenga inutili entrambe non penso sia una cosa da criticare…
    ps. sinceramente poi mettermi a studiare religioni inventate per far
    sì che l’uomo non sia quello che è realmente (uno dei tanti animali
    sulla Terra, anzi uno di quelli peggiori, in quanto paragonabile ad
    un virus per questo pianeta) dandogli talmente importanza da
    definirlo “ad immagine e somiglianza di dio” mi pare uno spreco
    di tempo… io ho anche provato qualche anno fa ad interessarmici
    ma non son riuscito a trovare spunti che mi interessassero…
    pps. fatto di questi giorni: siamo l’ultimo stato europeo in cui arriva
    la pillola abortiva RU486! chi dobbiamo ringraziare di questa inciviltà?
    capisci che la chiesa si intromette dove non dovrebbe? questa pillola
    serve (provato scientificamente), funziona (provato scientificamente)
    ed è migliore dell’aborto invasivo (provato con interviste ad un
    campione di 100 donne)! mettere bocca su tutto ok, ma impedire la scienza
    per i vostri valori sinceramente non ci sto… mah…
    continuate a preoccuparvi dei film (non si sa mai che tutti escano dal cinema
    stregoni o con una scopa volante) ed evitate di pensare ai veri problemi
    del mondo… brava chiesa: era proprio questo il messaggio di gesù:
    al posto di dare da mangiare a chi non ne ha fatevi le chiese in oro,
    mangiate come porci e preoccupatevi che nessuno etichetti il magisterium
    del film la bussola d’oro come la chiesa…ma per favore…
    comunque restate convinti delle vostre idee: per voi c’è il paradiso no?
    quindi che preoccupazioni avete?


    Continui a mostrare la tua ignoranza usando ancora luoghi comuni,
    generalizzazioni e pregiudizi per argomentare le tue idee, di fronte
    a ciò la discussione diventa impossibile. Ti auguro di diventare
    un po piu maturo e saggio, allora forse sarai un vero ateo capace
    di supportare le proprie affermazioni con efficacia e padronanza.
    Saluti


    beh, mi pareva di avertene date di motivazioni plausibili ma,
    a quanto pare, per te, sono solo generalizzazioni e pregiudizi
    di un ignorante quindi non c’è verso di farti capire come la penso…
    continua pure a rimanere cieco e a credere a tutto quello che
    ti viene detto. bravo! è così che la chiesa ti vuole!
    ti auguro, un giorno, di riuscire a capire che non tutto quello
    che ti racconta la religione e la Chiesa sia vero! magari allora
    capirai anche come la penso io (non che sia giusto per forza,
    essendo uomo posso sbagliare anch’io!)!
    ciao!





    per soluan!
    guarda…mi stò divorando il libro in questi giorni e sono
    alla fine del primo!!
    comprendo che il film non può piacere!( e assicuro che lo hanno
    un pochino devastato) se poi non convince a una persona che non ha
    letto il libro vuol dire che il regista ha fallito nel suo intento a parere mio.
    (passi stavolgere qualcosa ma se il tutto è sorretto da una scenggiatura
    frettolosa butti all’ortiche tutto quanto)
    comunqe..la questione clericale e il tanto velato attacco alla chiesa!!
    ti dico che nel libro(bellissimo che consiglierei di leggero prima di tutto..
    si si)questo attacco è decisamente più evidente..sinceramente mi domandavo
    (prima di vedere il film perchè mio fratello avendolo letto mi aveva accennato
    qualcosa) su come avrebbero potuto risolvere la questione senza creare troppo clamore!
    a mio parere la questione è stata risolta in maniera egregia,in quanto il fattore
    Magisterium si! viene interpellato ma viene messo in terzo piano rispetto a tutta la storia
    (direi che avrebbero potuto osare di più) e comunque bisogna sempre ricordare
     che la storia avviene in un universo parallelo!!se qualcuno avverte analogia
    nel nostro mondo..bhè..qualcuno forse ha la coda di paglia!!;

    a parere mio lo scandalo creato dalla chiesa americana e qualla italiana
    non ha motivo di esistere perchè questo tema (seppure spinoso)è stato
    trattato abbastanza bene senza eccedere…molti credo abbiano attaccato
    il film senza nemmeno guardarlo basandosi solo sui libri(cui invito vivamente
    a leggerli…tranquilli..non si diventa atei per questo =.='’)
    credo ce se avessero guardato il film..se sarebbero messi il cuore in pace..
    perchè(haimè)non regge al confronto del libro(peccato peccato…)

    Il virus della fede

    Vedete questo documentario,
    fa comunquei paradossi all'interno
    dei quali vivono i bibbia-fedeli.

    Al sito 
     
    http://anticristiano.altervista.org/
    popup.php?a=2&q=20070721110417
     
     
    oppure su YouTube cercando
    "Il virus della fede".

    Un libro che acquisterò molto presto
    e poi commenterò
    in questo sito è "La favola di Cristo",
    potete vedere
    cos'è al sito

     
    http://www.luigicascioli.eu/cascioli_italia/

    Poi leggetevi la Bibbia, quel libro che alcuni
    dicono essere sacro. Un libro. Sacro. Scritto da Dio.
    Dio ha scritto un libro.
    La Madonna l'ha corretto. Gesù e Maometto
    ne hanno fatto un paio di ristampe.
    Troppo lungo. I primi due capitoli. Gli ultimi due.
    Chi dice di seguire questo libro allora è anche
    un fiancheggiatore dello stupro, assassinio, 
    e genocidio. Leggete, leggete.
    Se leggeste il vostro libro sacro diventereste
    dei mostri o smettereste di crederci.
    Ma non lo leggete. L'ignoranza è miracolosa
    per gli uomini di potere.


    *********************





    In Memoria di Welby e di tutti coloro
    che lottano per la libertà


    Io dico che la verità deve essere detta-
    Gesù nn centra nulla con il vaticano,
    ma rendiamoci conto di quanto segue:
    il vaticano ha :
    lo stato vaticano , opere , quadri, statue,
    dipinti oggetti che valgono miliioni di euro.

    ha appartamenti , immobili, istituito di credito,
    istituti finanziari, ha istituiti di ricerca, ha azioni, bot, dà prestiti.
    ha privilegi dallo stato italiano; ha l' 8 x mille

    ha fatto della chiesa di Gesù una SPA ,
    ha inventato il diritto canonico,
    mette guardie svizzere con lance ,
    (armi), davanti alla chiesa di Dio.

    Ha potere.


    Mi dite che cosa centra tutto questo con Gesù? con i vangeli?
    NIENTE NIENTE E NIENTE IL NULLA.


    Quindi io non riconosco nel vaticano la Chiesa di Gesù.
    il papa non lo riconosco come tale.


    Il fatto che hanno tolto i funerali religiosi a Piero è l' ennesima
    ipocrisia dei ladri a viso aperto. Ma la benedizione religiosa Piero
    l' ha avuta in quella piazza con l amore, il vento il sole, cara mamma
    di Piero ti voglio bene tu seduta accanto a Piero eri in Chiesa,
    la vera chiesa quella del rosario che tenevi in mano.

    Mina la tua religione è quella pura che hai nel cuore, non è Ruini,
    nè il papa- è la luce del amore e rispetto per tutti.
    Caro Piero ti adoro lì quel giorno nella grande piazza
    c' erano la libertà e l amore.


    tvb



    ( commento preso dal 
    blog di Piergiorgio Welby  )


    Comunque Addio, Signori che fate della tortura infinita
    il mezzo, lo strumento obbligato di realizzazione o di difesa
    dei vostri valori!

    Chi siano (e in che modo) i morti o i vivi che rimarranno
    tali quando saremo tutti passati, non sappiamo, né noi né voi.

    Io auguro a voi ogni bene. Spero davvero (ma temo
    fortemente che così non sia), spero davvero che questo
    augurio vi raggiunga, si realizzi, perché questo "voi"
    oggi manca anche a me, anche a noi altri.

     

    Matteo 23

    Gesù censura gli scribi e i farisei
    1 Allora Gesù parlò alle folle e ai suoi discepoli, 2 dicendo:
    «Gli scribi, e i farisei siedono sulla cattedra di Mosè.
    3 Osservate dunque e fate tutte le cose che vi dicono
    di osservare; ma non fate come essi fanno, poiché
    dicono ma non fanno. 4
    Legano infatti pesi pesanti e difficili
    da portare, e li mettono sulle spalle degli uomini;
    ma essi non li vogliono smuovere neppure con un dito.

    5
    Fanno tutte le loro opere per essere
    ammirati dagli uomini; allargano le loro filatterie,
    e allungano le frange dei loro vestiti. 6
    Amano i posti d'onore
    nei conviti e i primi posti nelle sinagoghe, 7
    e anche i saluti
    nelle piazze, e di sentirsi chiamare dagli uomini rabbi, rabbi.

    8
    Ma voi non fatevi chiamare maestro, perché uno solo
    è il vostro maestro: Il Cristo, e voi siete tutti fratelli.

    9
    E non chiamate alcuno sulla terra vostro padre, perché
    uno solo è vostro Padre, colui che è nei cieli.

    10
    Né fatevi chiamare guida, perché uno solo
    è la vostra guida: Il Cristo.

    11 E il maggiore di voi sia vostro servo.
    12
    Or chiunque si innalzerà sarà abbassato;
    e chiunque si abbasserà sarà innalzato.
    13 Ma guai a voi, scribi e farisei ipocriti!
    Perché chiudete il regno dei cieli davanti agli uomini;
    poiché né entrate voi né lasciate entrare coloro
    che stanno per entrarvi. 14 Guai a voi, scribi
    e farisei ipocriti! Perché divorate le case delle
    vedove e per pretesto fate lunghe preghiere;
    per questo subirete una condanna più severa.

    15
    Guai a voi, scribi e farisei ipocriti!
    Perché scorrete il mare e la terra, per fare un proselito
    e, quando lo è diventato, ne fate un figlio
    della Geenna il doppio di voi.
    16 Guai a voi, guide cieche, che dite:
    "Se uno ha giurato per il tempio, non è nulla;
    ma se ha giurato per l'oro del tempio è obbligato".
    17 Stolti e ciechi! Perché, cosa è più grande,
    l'oro o il tempio che santifica l'oro?
    18 E: "Se uno ha giurato per l'altare, non è nulla;
    ma se ha giurato per l'offerta
    che vi è sopra è obbligato".

    19
    Stolti e ciechi! Poiché, cosa è più grande,
    l'offerta o l'altare che santifica l'offerta?
    20 Chi dunque giura per l'altare, giura per esso
    e per quanto vi è sopra. 21 Chi giura per il tempio,
    giura per esso e per colui che l'abita.

    22
    E chi giura per il cielo, giura per il trono
    di Dio e per colui che vi è assiso.

    23
    Guai a voi, scribi e farisei ipocriti!
    Perché calcolate la decima della menta
    dell'aneto e del comino, e trascurate le cose
    più importanti della legge: il giudizio,
    la misericordia e la fede, queste cose bisogna
    praticare senza trascurare le altre.

    24
    Guide cieche, che colate il moscerino
    e inghiottite il cammello. 25 Guai a voi,
    scribi e farisei ipocriti! Perché pulite l'esterno
    della coppa e del piatto, mentre l'interno
    è pieno di rapina e d'intemperanza.
    26 Fariseo cieco! Pulisci prima l'interno
    della coppa e del piatto, affinché anche l'esterno
    sia pulito. 27
    Guai a voi, scribi e farisei ipocriti!
    Perché rassomigliate a sepolcri imbiancati,
    i quali di fuori appaiono belli, ma dentro sono
    pieni di ossa di morti e di ogni putredine.

    28 Così anche voi di fuori apparite giusti davanti
    agli uomini, ma dentro siete pieni d'ipocrisia
    e d'iniquità. 29 Guai a voi, scribi e farisei
    ipocriti! Perché edificate i sepolcri dei profeti
    e ornate i monumenti dei giusti,
    30 e dite: "Se noi fossimo vissuti al tempo
    dei nostri padri, non ci saremmo associati
    a loro nell'uccisione dei profeti".

    31
    Così dicendo, voi testimoniate contro voi stessi,
    che siete figli di coloro che uccisero i profeti.
    32 Voi superate la misura dei vostri padri!
    33 Serpenti, razza di vipere! Come sfuggirete
    al giudizio della Geenna? 34 Perciò, ecco
    io vi mando dei profeti, dei savi e degli scribi;
    di loro ne ucciderete e crocifiggerete alcuni,
    altri ne flagellerete nelle vostre sinagoghe
    e li perseguiterete di città in città, 35 affinché
    ricada su di voi tutto il sangue giusto sparso
    sulla terra, dal sangue del giusto Abele, fino
    al sangue di Zaccaria, figlio di Barachia
    che uccideste fra il tempio e l'altare.

    36
    In verità vi dico che tutte queste cose
    ricadranno su questa generazione.

    37
    Gerusalemme, Gerusalemme, che uccidi
    i profeti e lapidi coloro che ti sono mandati!
    Quante volte ho voluto raccogliere i tuoi figli
    come la gallina raccoglie i suoi pulcini sotto
    le ali, e voi non avete voluto! 38 Ecco, la vostra
    casa vi è lasciata deserta.
    39 Poiché io vi dico, che da ora in avanti
    non mi vedrete più, finché non direte:
    "Benedetto colui che viene
    nel nome del Signore!"».

    Gesù di Nazareth



    http://www.laparola.net/wiki.php?riferimento=Mt+23&formato_rif=vp


    *********************
    Citazioni famose


    "La realtà è che quando un clericale
    usa la parola libertà intende la libertà
    dei soli clericali (chiamata libertà della Chiesa)
    e non le libertà di tutti.
    Domandano le loro libertà a noi laicisti
    in nome dei principi nostri, e negano
    le libertà altrui in nome dei principi loro."

    Gaetano Salvemini


    “Il progresso non è che l’avverarsi delle utopie”.
     Oscar Wilde


    "Ben lungi dal subordinare la libertà individuale
    allo Stato,  è lo Stato, la comunanza, che bisogna
    sottomettere alla libertà individuale"
    Pierre Joseph Proudhon


    "La democrazia sono due lupi e un agnello che discutono su
    cosa mangiare a cena. La libertà é un agnello ben armato che contesta
     il voto" Benjamin Franklin
    Per esprimere il suo punto di vista, il cardinale Tettamanzi
    si affida ad un suo predecessore, un Vescovo martire
    dei primi tempi della Chiesa, Sant’Ignazio di Antiochia:
    …Quelli che fanno professione di appartenere
    a Cristo si riconosceranno dalle loro opere.
    Ora non si tratta di fare una professione
    di fede a parole, ma di perseverare nella pratica
    della fede sino alla fine.
    È meglio essere cristiano senza dirlo,
    che proclamarlo senza esserlo.



    “ Le chiese, come società affermanti la loro infallibilità, sono
    istituzioni anti-cristiane. [...] Non solo le chiese non hanno
    mai unito nessuno, ma esse sono sempre state una delle cagioni
    principali del disaccordo fra gli uomini, dell'odio, delle guerre,
    delle inquisizioni, delle Saint-Barthélemy ecc., e mai le chiese hanno
    servito d'intermediario fra gli uomini e Dio, il che d'altronde
    è INUTILE e PROIBITO dal Cristo, il quale ha rivelato la sua
    dottrina DIRETTAMENTE ad ogni uomo. Esse mentono, al contrario,
    delle formule morte al posto di Dio, e lungi dal mostrarlo agli uomini,
    lo celano. Esse cercano di nasaconderla (la giusta dottrina), ma ciò
    è impossibile; perchè ogni progresso sulla via indicata dal Cristo
    distrugge la loro potenza.”


    Tratto da “il Regno di Dio è in voi” di Leone Tolstoi 1894
    Una grande lettura per tutti


    "Quando una persona soffre di un'illusione parliamo
    di pazzia, ma quando ciò accade a molte persone parliamo di religione
    "


    Robert M. Pirsig







     

    Questo blog aderisce come
    una tellina e osserva
    per inde ac cadaver
    il
    decalogo elfico.





    Decalogo elfico
    ( in parte aggiornato )




    1) Questo blog è laico ( o se preferite, un sito laicista  
    e anche un po' stronzo ).

    2) Questo blog è di sinistra, ( non comunista ) volutamente fazioso,
    antiberlusconiano ( sempre senza alcun dubbio) e mira
    ad orientare le coscienze dell'elettorato.

    3) In questo blog si critica apertamentela chiesa cattolica
    apostolica romana e qualsiasi ( altra ) forma di dittatura.

    4) In questo blog vige la libertà di pensiero e di parola ma
    se poi dite puttanate sarete trattati di conseguenza.

    5) Questo blog si batte per i diritti dei gay e di tutte le minoranze
     riconosciute e non riconosciute.

    6) Questo blog è egocentrico, ma non egotico.

    7) La materia trattata in questo blog
    oscilla dalle cose profonde alle profonde cazzate.

    8) Il tenutario di questo blog ci prova un po' con tutti.

    9) In questo blog non si accettano commenti anonimi e rancorosi.
    Si preferisce sapere chi è che vuole mandarti a cagare e in caso
    contrario i commenti in questione verranno cancellati.

    10) Questo blog non è una testata giornalistica perché, oltre
    al fatto che non viene aggiornato  con costanza,  nessun giornale
    in Italia potrebbe permettersi un decalogo come questo


    Questo blog è:

    Laico (!), Gay(!), Ateo(!), di Sinistra(!)
    [praticamente solo ad entrare
    si fa peccato
    ]   :)

    Dio esiste perchè non puoi
    dimostrare che non esiste!
    Hai mai visto l'uomo invisibile?
    No? Allora esiste!







    Ok, diciamolo chiaramente: gli ebrei, i cristiani
    e musulmani affermano che i loro libri sacri sono
    così profondi che devono essere stati scritti sotto
    la direzione di una divinità onnisciente.

    Un ateo è semplicemente qualcuno che ha preso
    in considerazione questa affermazione, ha letto
    i libri in questione, ed ha concluso che l'affermazione
    è ridicola. ( Sam Harris
    )





    Indipendenza della Sardegna.

    “Se un popolo non conquista la sua indipendenza politica,
    non può essere soggetto della sua storia, ma resterà
    ai margini della storia di quella nazione che lo avrà
    vinto e dominato. E se un popolo dovrà risorgere
    dal limbo nel quale si trova dovrà avere il suo “stato”.

    Con la conquista dell’indipendenza il popolo sardo potrà
    costituire il suo stato che avrà i poteri per promuovere
    il processo di riscatto e di evoluzione economico-sociale
    oggi impossibile, in quanto soggetto ad altra potenza
    che non mostra alcun interesse né alcuna buona volontà
     per dare alla Sardegna il posto che le compete per ragioni
    storiche, geografiche, etniche nel consorzio dei popoli liberi”.

    Antoni Simon Mossa

    http://www.sardignanatzione.it/





     

    L' albero eradicato, simbolo del Giudicato di Arborea
    che lottò fino all' ultimo sangue contro gli Aragonesi invasori.



    Brevissima storia della Sardegna

    Con la fine del giudicato di arobera che era riuscito
    in un primo tempo a unificare tutta lsa rdegna
    (che era quindi uno stato indipendente e con
    una sua lingua: il sardo) finì anche l'indipendenza
    della Sardegna, la quale infatti venne prima in possesso
    degli aragonesi, poi della corona di Spagna dopo
    la fusione tra Castiglia e Aragona e infine , dopo
    3 secoli venne ceduta ai Savoia dagli Spagnoli in
    cambio della Sicilia. 

    La Sardegna fece cosi parte del nucleo originario
    della futura repubblica italiana, ma non da
    protagonista, in quanto, sebbene lo stato di cui
    era parte si chiamasse "Regno di Sardegna", in realtà
    il potere era situato a Torino e la lingua ufficiale
    non era il sardo. 

    Con l'Invasione dei ducati dell'Italia del nord e del regno
    delle due sicilie, venne formato il regno di Italia.
    Le successive tre guerre di indipendenza sono servite
    a strappare all'Austria il Lombardo Veneto e finanche
    il Trentino-Südtirol.

    Ora l'Italia é popolata da italiani? Probabilmente si,
    ma il processo di unificazione linguistica é stato
    senzaltro un processo artificiale, pilotato dall'alto. 
    Fatta l'Italia, occorre fare gli italiani :
    disse Massimo d'Azzeglio. 

    Adesso che il processo di unificazione politica interessa l'Europa
    mi pare legittimo chiedersi se, nel caso l'Unione Europea
    diventasse una federazione,
    a quelle regioni italiane che
    ospitano al loro interno dlle nazioni senza stato,
    convenga continuare a far parte della repubblica italiana
    o non convenga piuttosto
    diventare stati federati
    della Federazione Europea
    : a fianco alla lingua veicolare
    europea, quale che essa sia (inglese, esperanto,
    latino o altra ancora ) ci sarebbe la vera lingua nazionale:
    per la Sardegna niente poco di meno che il Sardo (sia pure
    diviso in due varietà principali: campidanese e logudorese
    ) .

    Naturalmente oggi un'indipendenza della Sardegna
    dall'Italia non é ancora possibile;
    occorre però preservare
    la  vera lingua della Sardegna, che non é l'Italiano,
    ma il Sardo
    .

    Vero é altresi che nella mia isola si sono succedute
    decine di popoli diversi e che sono state
    quindi parlate decine di lingue differenti, delle quali
    é rimasto poco, se non nulla. Ma io non riconoscerei
    alla Sardegna una sua identità particolare se
    non recuperasse l'uso della sua lingua autoctona
    e lo erigesse a valore ufficiale anche nei campi
    informali, accademici, scientifici, amministrativi
    della vita isolana.  Le altre, a parte il nuragico,
    erano lingue parlate da invasori e, anche se è vero
    che il sardo deriva dalla lingua dell'invasore più
    potente, i Romani, è pur vero anche che
    questa lingua neolatina è parlata solo 
    in Sardegna e va salvaguardata esattamente
    come viene tutelato il
    muflone. 


    http://it.wikipedia.org/wiki/Regno_di_Arborea



    Lode a sa Sardinnia


    Sardinnia, adamante incastonau,
    mi pares tue posta in mesu a su mari
    ca Deus de natura hat a tui donau,
    tesoru raru, fattu pro du ammirar.

    Ses astru in firmamentu collocau,
    ki s'infinidu depet illluminar
    e su balore ki has incorporau
    tantu est ki non si podet calcular.

    Su sole, sa luna, donn'istella,
    s'aera, sa terra ei su mare,
    minerales, metallos, fauna e flora,
    de totu ses tue sa prus bella
    ca ses reina dinna de lodi,
    ses subra a totus, superba seniora.




    La corrispondenza tra Nazione
    e Stato è un retaggio del falso storico
    che portò alla nascita degli stati nazionali,
    i quali erano sì degli stati, si legittimavano
    sì con le argomentazioni del diritto identitario,
    ma non erano affatto unitari, anzi,
    si trattava sempre di stati plurinazionali
    che per essere (mono)nazionali non seppero
    far altro che
    comprimere le identità
    più deboli o meno numerose,  per determinarne
    - se possibile - la scomparsa.


    L'Italia non esiste

    Genere: Saggi
    Autore: Sergio Salvi
    Editore:
    Leonardo Facco Editore
    Pagine: 225
    Anno: 2007




    Descrizione:
    Tutto l’ambaradan unitario e patriottico
    ha cercato e millantato giustificazione
    ideologica (dall’Ottocento a oggi)
    nell’esistenza di una nazione italiana,
    di una identità risalente a Roma (quella antica).
    Tutta la truffa del Risorgimento è basata
    sulla riformazione di una entità che c’era
    e che secondo la storia ufficiale sarebbe
    stata abbattuta e coartata da stranieri,
    poco precisati ma sicuramente incivili:
    così il Medioevo è stato trasformato in epoca
    oscura e nelle scuole del Regno e poi
    della Repubblica si racconta che la luce
    di Roma (e d’Italia) si è spenta con la caduta
    del patriottico e italico Impero romano
    e si è riaccesa quando i padri della Patria
    hanno cacciato gli eredi di quegli antichi barbari teutonici.
    La storiografia di regime, refrattaria
    a qualsiasi revisionismo, ha raccontato
    un passato zeppo di falsità e imprecisioni.

    Salvi, puntualmente, alza il velo sulla storia
     del bel paese.



    L'Italia


    non esiste


    di Sergio Salvi
    Camunia, Prato, 1996;
    pagg. 280, L. 28000.


     
    Chi ha detto per primo "Fatta l'Italia, bisogna
    fare gli italiani"?; il romanziere e politico
    Massimo d'Azeglio o il commediografo
    e politico Ferdinando Martini?

    Ecco uno dei molteplici interrogativi su cui
    è orchestrato questo documentatissimo libro.
    Le regioni naturali italiane e quelle politiche
    corrispondono? Quali sono state le tappe delle
    istanze autonomistiche, regionalistiche,
    federalistiche dopo l'unità?

    Nel 1861 nacque una Nazione o uno Stato?
    Perché l'Italia unita nella lingua scritta
    è disunita nella lingua parlata?

    Gli italiani (i cittadini delle molte Italie regionali)
    hanno un'identità antropologica e sociale,
    o il paese Italia è una realtà incompiuta
    (non solo per il divario Nord-Sud)?

    In quest'opera di maniacale rigore storico, geografico,
    socio-politico e di vivace aneddotica, Sergio Salvi
    indaga su un'unità nazionale cercata fin dai tempi
    antichi e non ancora perseguita; sulle istanze
    nazionalistiche, indipendentistiche, espansionistiche,
    irredentiste, centralistiche e secessionistiche
    che hanno terremotato quasi un secolo e mezzo
    di vita italiana; sull'arricchimento delle fantaregioni
    chiamate Padania e Appenninia e sulla "deportazione
    economica" subìta dal Meridione; sui falsi della
    mitologia risorgimentale e sulle ingenuità dell'utopia
    leghista. In altre parole, Sergio Salvi, inserendosi
    nell'attualissimo dibattito sulla questione nazionale
    e della riforma dello Stato, fornisce dati e idee
    per fare e disfare, in futuro, l'Italia.

    Note sull'autore




    Sardegna Collegio Unico Europeo

    Statuto della petizione

    A: Corte di Cassazione

    La rappresentanza della Sardegna presso il Parlamento Europeo
    costituisce una annosa battaglia più volte portata avanti da Enti,
    deputati e personalità politiche, purtroppo, forse per la poca
    convinzione o per altri motivi poco noti, senza successo.

    L'attuale legge, la 18/79 prevede, nella Tabella A, che vi sia
    un collegio insulare costituito dalla Sicilia e dalla Sardegna;
    Questa associazione consente ai Siciliani, che sono più numerosi
    dei sardi con una proporzione di 4 a 1, di eleggere tutti e otto
    i rappresentanti spettanti a tale collegio, negando di fatto,
    matematicamente, l'elezione di propri rappresentanti alla Sardegna.

    Con questa petizione vorremmo chiedere la costituzione
    di un nuovo collegio costituito dalla sola Sardegna,
    scindendo l'attuale collegio o creandone uno nuovo;
    Considerando le proporzioni tra tutti i collegi e il numero
    abitanti alla Sardegna potrebbero spettare 2 rappresentanti
    e ciò rappresenterebbe un passo storico per la rappresentanza
    della nostra isola nel parlamento Europeo.



    Firmate su: 
    http://firmiamo.it/sardegnacollegiounicoeuropeo



    *****************************


    _______________________________

    La triste storia
    di Jacqueline Saburido

    Il 19 settembre del 1999, alle prime ore del mattino,
    la vita dell’allora ventenne Jacqueline Saburido ebbe
    una svolta drammatica.

    Quella tragica domenica, lei e i suoi quattro amici,
    stavano tornando a casa dopo aver passato la serata
    ad una festa di compleanno quando Reggie Stephey,
    un diciottenne giocatore di football americano, andò
    a schiantarsi con il suo fuoristrada contro l’auto in cui
    viaggiava Jaqueline. Lei sola sopravvisse all’impatto,
    ma rimase gravemente ustionata per il 60% del corpo.

    Dai verbali della polizia e le successive indagini si scoprì
    che il guidatore del fuoristrada, al momento dell’incidente,
    era completamente ubriaco. Da allora Jacqeline ha subito
    oltre 40 operazioni chirurgiche e molti altri interventi
    di ricostruzione plastica la aspettano, ma niente e nessuno
    la potrà fermare dall’unico scopo che ha intrapreso per il resto
    della propria esistenza: essere il drammatico testimonial
    degli effetti distruttivi che una persona sotto l’effetto
    dell’alcool è in grado di causare. Jacqueline ha prestato
    il suo viso terribilmente deturpato, e la sua triste avventura,
    per una campagna pubblicitaria contro l’abuso di superalcolici
    che, soprattutto negli Stati Uniti, mietono parecchie
    vittime tra i giovani. A questo proposito sul web sono
    pubblicate le fotografie di questa sfortunata ragazza
    Venezuelana, oggi ventitreenne, e il racconto
    della sua attuale esistenza; un calvario di visite mediche,
    operazioni e un’infinità di quotidiane difficoltà legate
    al suo stato fisico.

    Si tratta di immagini forti, ma pur sempre una testimonianza
    ammonitrice del pericolo che un guidatore ubriaco
    è in grado di procurare lungo le trafficate strade
    di ogni parte del mondo.

    SOPRATTUTTO SE GUIDI, NON BERE!

    5 foto e video


     

    Jacqueline Saburido
     

    Non tutti quelli che fanno incidenti in auto muoiono.
    Questa foto è stata scattata 4 anni dopo l'incidente.
     

    Reggie Stephey 


     




    IL CANNOCCHIALE