.
Annunci online

IlMondoDiGalamay
--Opinioni in bella vista sui temi scottanti di sempre--
diritti
13 novembre 2008
Ipocrisia dei cattolici riguardo all'omosessualità

Ipocrisia dei cattolici
riguardo all'omosessualità


Ma se i cristiani condannano l'omosessualità e non gli omosessuali

ostenendo così di non effettuare discriminazione, in quanto
si condanna il peccato e non il peccatore, anche io sono lindo
e pinto se dico che non condanno i cattolici,
ma dichiaro il Cattolicesimo il frutto idolatrico della più becera
ignoranza e della più meschina paura, il rifugio dei vili
che non vogliono affrontare la realtà, la trincea delle pecore
che lanciano sassi ai diversi per dimenticare la propria bassezza,
deleterio per lo spirito e per la salvezza?

Ma non sto condannando i cattolici: solo il cattolicesimo.
I cattolici sono solo delle menti deboli, ma innocenti,
trascinate nell'idolatria cattolica.

Allora cattolici, visto che gli omosessuali non dovrebbero
offendersi, nemmeno voi vi offendete , vero?


http://it.answers.yahoo.com/question/index;_
ylt=AmT2ZEn_0Vo447JEm9ivDD0ZDgx.;_
ylv=3?qid=20080824033034AAz0foY


Miglior risposta - Scelta dal Richiedente

Quanti dicono di condannare solo il peccato
e non i peccatori, sono soltanto degli ipocriti.

Infatti se condanno l'omicidio, condanno
automaticamente tutti gli assassini.

E' logico, no?

Ottima domanda, complimenti!



Altri commenti


Infatti cio che dici è vero, con la piccola differenza che i cattolici lo sono per scelta, gli omosessuali per natura.
Gli omosessuali sarebbero contro natura se si forzassero di essere etero, non è che uno la mattina si sveglia e dice "oggi voglio essere gay" ma non ve neanche vista come una sfortuna, non c'è assolutamente niente di male.
So che la Chiesa non è d'accordo ma io non sono d'accordo con la Chiesa, infatti non riesco a concepire perchè i rapporti non finalizzati alla procreazione siano peccato. Una volta che rispetti il prossimo, non uccidi, non rubi, non stupri.. il peccato dove sta? Scusate ma io non lo capisco. Il sesso tra due persone che stanno insieme è un atto d'amore. I ragionamenti fatti dai cattolici sono troppo lontani dal mio modo di vedere le cose affinchè io li possa capire.
  • 2 mesi fa
  • colombre- politically uncorrect by colombre- politically uncorrect
    Iscritto dal:
    10 agosto 2007
    Punti totali:
    6943 (Livello 5)
    Forse hai ragione tu. Ci sono cose che non si possono dire senza offendere qualcuno. E che forse bisognerebbe essere un po' più capaci di riguardo nel dirle, o meglio nel tacerle.
    Per esempio se io dicessi che gli obesi sono persone che vivono un disordine alimentare- quantomeno per non riuscire a dire di no a certi comportamenti alimentari autodistruttivi. E dicendo questa cosa- che dichiara sbagliati implicitamente solo gli atti che li hanno condotti ad essere tali, e non le persone- potrei dire qualcosa che in fondo, gli organizzatori di una ipotetica giornata dell'orgoglio bulimico potrebbero ritenere offensiva.
    Da che non discende affatto che dicendo cose simili si dica NECESSARIAMENTE una cosa sbagliata.
    O che qualche persone supponente- tipo te- si possa arrogare il diritto di vietare di dire quelle cose.

    Quanto alla mia fede, credimi... io non mi sento nemmeno sfiorato dalla tua iperbole offensiva. Infatti ho una testa che nemmeno puoi immaginare. Tanto è vero che non mi rispondi mai.
    Ma ti capisco...
    • 2 mesi fa
  • Leo Lo Bianco #14 by Leo Lo Bianco #14
    Iscritto dal:
    23 luglio 2008
    Punti totali:
    2579 (Livello 4)
    io sono cattolica praticante non sono d accordo con quello che hai scritto però sono opinioni e posso accettarla xkè non pretendo che tutti abbiano le stesse idee e gli stessi pensieriperchéè anche io sono in disaccordo con alcune altre etnie xò contro gl omosessuali non hoproprioo niente perchè sono scelte di vita come l essere cristiano o mussulmano tu lo scegli sei omosessuale se la chiesa cattolica non ti accetta non fartene 1 problema xkè tanto non accetta mille altre cose...molte persone dicono che ha 1 pensiero arretrato anche se si dive giovane...probabilmente è così non capisco x quale motivo...cerca di unire il mondo e con queste cose nn fà altro che infliggere danni e dividere il mondo cmq la chiesa è contro l omossessualità xkè in origine adamo ed eva sono l esempio di "vita" e non accetta di vedere adamo e adamo xkè non lo riesce a concepire adamo e adamo non portano avanti la spece umana adamo ed eva si...questa è la mia opinione
    • 2 mesi fa
  • abracadabra (1° versione) by abracadabra (1° versione)
    Iscritto dal:
    08 marzo 2008
    Punti totali:
    7615 (Livello 5)
    Ottimo paragone, Akrazier! Concordo!
    Clap! clap! clap!

    x il lato oscuro di simo

    "La Chiesa condanna TUTTI I RAPPORTI CONTRONATURA, cioè la sodomia (rapporto anale), il rapporto orale, e qualsiasi altro rapporto che non sia l'unione tra i due sessi"

    Appunto la Chiesa. non la Bibbia.
    Solo il Levitico ne parla e molto sinteticamente. Il resto è acqua.
    Comunque sia:

    Il vero “peccato”
    Il "peccato" di cui si sarebbero, dunque, macchiati gli abitanti di Sodoma è l'ingiustizia, l'idolatria, l'egoismo, l'indisponibilità all'accoglienza, l'odio per lo straniero, la presunzione di essere dalla parte del giusto, della civiltà, del diritto.
    Una comunità, una realtà di uomini e donne che hanno come idolo pratiche di prepotenza, denaro e potere, piccolo o grande che sia, difficilmente ha nei cuori il dono dell'ospitalità e dell'accoglienza.
    http://donfrancobarbero.blogspot.com/200...
    http://it.wikipedia.org/wiki/Sodoma

    Quello che segue è l'unico punto della bibbia dove ci si riferisce chiaramente ad un atto omosessuale, ma non si dice che sia contronatura, solo che a Dio(?) non piace (abominio).
    "Non avrai con maschio relazioni come si hanno con donna: è abominio". (Levitico 22)
    http://www.laparola.net/wiki.php?riferim...

    Troppo comodo creare l'omosessuale, l'omosessualità, l'atto omosessuale e poi dire: è un abominio.
    Non dovrebbe Dio amare tutte le sue creature?
    • 2 mesi fa

    Riferimenti:

    gnostica (senza a) etero e madre di figlio etero
  • Giotheonlyqueen2 - LGBT friendly by Giotheonlyqueen2 - LGBT friendly
    Iscritto dal:
    05 gennaio 2008
    Punti totali:
    4042 (Livello 4)
    Bravo, questa veramente mi è piaciuta! E' bello vedere come ribaltando la retorica si capisce quanto sia fragile e falsa.
    Sono d'accordissimo con te! Inoltre, essendo bisessuale, me lo sono sentita dire direttamente tante volte. Per inciso, a me l'opinione dei religiosi entra da un orecchio ed esce dall'altro, a maggior ragione essendo atea. Mi danno molto più fastidio i finti biologi e finti scenziati che lo affarmano.

    Grazie per la solidarietà ^^
    • 2 mesi fa
  • il lato oscuro di simo by il lato oscuro di simo
    Iscritto dal:
    08 agosto 2008
    Punti totali:
    2232 (Livello 3)
    Ma la tua premessa non ha nessun senso logico.

    Se la peperonata è un piatto facilmente digeribile, allora lo mangio a mezzanotte e dormo tranquillo.


    Il ragionamento fila, ma si basa sul niente.



    La Chiesa non condanna l'omosessualità.

    La Chiesa condanna TUTTI I RAPPORTI CONTRONATURA, cioè la sodomia (rapporto anale), il rapporto orale, e qualsiasi altro rapporto che non sia l'unione tra i due sessi.




    Se un ragazzo omosessuale si sposa con una ragazza, anch'essa omosessuale,
    LA CHIESA NON DICE NIENTE !!!



    ______________

    LAYKA

    forse sei tu che non capisci che il mio esempio finale è sì paradossale, ma serve a far capire che la Chiesa NON CE L'HA con gli omosessuali, ma con tutti i rapporti "non sessuali" (dove con "sessuali" si intende l'unione dei due sessi in gioco, e per natura due peni o due vagine non si uniscono).
    • 2 mesi fa
  • *Roberta*** meglio sola by *Roberta*** meglio sola
    Iscritto dal:
    28 febbraio 2008
    Punti totali:
    7983 (Livello 5)
    Veramente ci chiami "vili, pecore, gente che vuole dimenticare la propria bassezza" non mi sembra che critichi soolo il cattolicesimo, a me questi sembrano proprio insulti rivolti a chi crede.
    Ma sarò io che non capisco...
    • 2 mesi fa
  • Giulia P by Giulia P
    Iscritto dal:
    23 luglio 2008
    Punti totali:
    6115 (Livello 5)
    I cristiani sono omofobi, si offendono tanto se glielo rammenti ma è semplicemente e chiaramente così.
    Quando smetteranno di discriminare gli omosessuali e di considerarli contronatura avranno forse superato la loro omofobia.
    Io spero solo non si debba aspettare ancora tanto...
    • 2 mesi fa
  • BimbO_92 GLBT Friendly by BimbO_92 GLBT Friendly
    Iscritto dal:
    03 giugno 2008
    Punti totali:
    2568 (Livello 4)
    complimenti bella domanda io sn gay e appoggio quello ke hai dtt..è un abominio la bibbia in realtà ke mette discordia tra le persone, e nn dimentikiamo ke ammettendo ke dio esiste in ogni caso l'ha scritto l'uomo omofobo qst schifoso libroo
    • 2 mesi fa
  • Gregory by Gregory
    Iscritto dal:
    16 agosto 2008
    Punti totali:
    1118 (Livello 3)
    Che bella forma di ipocrisia! Certo, chi è abituato ai dogmi, riesce a trovare rigore logico anche in queste dabbenaggini infantili. Peccato che basti non essere credente per capire che la trovata non funziona.
    Chissà perchè...
    • 2 mesi fa
  • luigi8421 by luigi842...
    Iscritto dal:
    16 maggio 2007
    Punti totali:
    2867 (Livello 4)
    sei un grande! per fortuna che sono ateo..kosì non mi devi sforzare di kredere nelle tante scemenze ke certa gente krede di dover propinare.
    • 2 mesi fa
  • Javi by Javi
    Iscritto dal:
    22 settembre 2007
    Punti totali:
    4624 (Livello 4)
    I cristiani sono contronatura.. la chiesa stessa è contronatura.. Senza offesa..eh...
    • 2 mesi fa
  • ? by ?
    Iscritto dal:
    11 giugno 2008
    Punti totali:
    1847 (Livello 3)
    Cattolici menti deboli....ma se hanno dominato la storia......
    rivedrei la tua teoria...
    • 2 mesi fa
  • Lame Name Dame by Lame Name Dame
    Un Answeriano DOC è un utente che ha dimostrato di saperla lunga su un determinato argomento.
    Iscritto dal:
    04 agosto 2008
    Punti totali:
    1700 (Livello 3)
    Immagine del badge:
    Un Answeriano DOC è un utente che ha dimostrato di saperla lunga su un determinato argomento.
    Scrive in:
    Religione e spiritualità
    La prego, o grande e potente Akrazier, posso comporre un poema epico in Suo onore?
    • 2 mesi fa
  • ?s?α?¢? by ?s?α?¢?
    Iscritto dal:
    28 luglio 2008
    Punti totali:
    2194 (Livello 3)
  • A.A.Andrea by A.A.Andr...
    Iscritto dal:
    08 aprile 2008
    Punti totali:
    305 (Livello 2)
    wow..non ci avevo mai penssato ti accendo una stella complimenti!
    • 2 mesi fa
  • ioooo! by ioooo!
    Iscritto dal:
    06 luglio 2008
    Punti totali:
    352 (Livello 2)
    infatti non si devono offendere, ciao
    • 2 mesi fa
  • Giò by Giò
    Iscritto dal:
    27 luglio 2008
    Punti totali:
    571 (Livello 2)
    Oh, non fa una piega...

    Però mi sa che si offendono lo stesso.
    • 2 mesi fa





  • permalink | inviato da IlMondoDiGalamay il 13/11/2008 alle 0:0 | Versione per la stampa
    sfoglia
      

    Rubriche
    Link
    Chiesa alternativa: sarebbe ora!!!
    Gay: Diritti e pregiudizi
    Bisogna fare luce su ogni misfatto....
    Il sito dell'Arcigay di Milano, vera miniera di articoli !!!
    Il blog di Andrea Benedino
    Nuova Politica
    Il blog di Esperimento
    A conservative mind
    Il sito web di Ivan Scalfarotto
    Kelebek: "Il deserto cresce: guai a colui che cela deserti dentro di sé"
    Un Italiano in America
    Gay Today
    Eccezione: Blog GLBT
    Sito sulla Sardegna: Bandiera Sarda
    Il blog di Andrea Maccarrone : ragazzo gay e bellissimo
    Comunità cristiana di base "Viottoli"
    Link al msn space di Gigi...
    Frankobollo; blog de unu sardu ki olit s'independentzia!
    Il blog di Ivo Murgia, sardo indipendentista
    Su portali de sa lingua sarda
    Gay Today
    Su Cuncordu: piattaforma tematica di Irs
    Famiglia fantasma; sito pro matrimonio ai gay
    Sergio Atzeni
    L'altra voce
    Queer Way
    Il Megafono
    Odio la Censura
    The Queer World
    Notizie gay
    Il lume ritrovato
    Circolo Mario Mieli
    Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica
    Partito Radicale
    Il sito di Resistenza Laica
    Sito sul Materialismo
    Sito di Don Vitaliano
    Nuovo sito dell'associazione GLBT di Cagliari "ARC".
    Il sito di Franco Grillini
    Estropido: sito sul transumanismo
    I BLOG del cannocchiale
    Alef
    Anelli di Fumo
    Anima di Terra
    Arc En Terre
    Bestoblog
    Blue Highways
    Cup
    Elfo Bruno
    Effetto di senso
    Glun
    Il diario di Kamar
    Il Blog di Luigi il Verde
    Il Blog di Antonio Piu
    Malvino
    Non siamo perfetti
    Il sito della Destra Sociale
    Mildareveno
    Pikkietta 23: Il Blog
    Il Blog di Titollo
    Il Blog di Kiassaeva
    La Rosa nel Pugno
    Giornalttismo: un altro Blog ( un po' diverso....)
    Il Blog di Regina Zabo
    Blog di Fabio: le sue opioni
    Il Blog di Hope
    Due modi di esserlo....
    Il Blog di Luciana
    Altroconsumo
    Blog per la libertà in Iran
    Lettere persiane
    Blog dei libertari....
    Sostiene Proudhon
    Prospettiva al confine
    Zarathurstra: Blog per tutti e per nessuno ....
    Il Blog degli strani cristiani ( come Socci) ; bisogna sempre sentire tutte le campane
    Blog esterno al cannocchiale: Terrorpilots
    Liberali per Israele
    Il blog del forestiero
    Rinascita nazionale
    Il Blog di Fireman
    Il sito di Don Perrone
    Il blog di Kalash
    Dillo ad Alice
    Social Design
    La fondazione in Onore di Matthew Shepard , ucciso perchè era gay.
    Una delle associazioni che offrono terapie che, a loro dire, farebbero uscire dall'omosessualità
    Tra le altre cose , articolo sulla storia di Zach Stark....
    Articolo in italiano sulla vicendda di un sedicenne del Tennessee: Zach Stark
    La gaia Scienza
    Karamazov.it portale dei maggiori siti italiani cattolici fondamentalisti
    Sito sull'Italia Laica
    La Manica Tagliata
    Da Wikipedia, l'encicolpedia libera on line, la voce : Etica
    Giornali degli studenti e dei lavoratori laici e liberali
    Generazione L
    Critica Liberale
    Sito degli Atei e degli Agnostici razionalisti
    Sito sulla Filosofia
    Il blog ottimista!!
    Il Blog di Anerella
    Il sito dei radicali di sinistra , liberali alla Rawls
    Radicali : liberali , liberisti, libertari.
    Contro la caduta dei capelli che sta già inziando sulla mia testa :-(
    Il blog di Pietro Folena
    Sito ufficiale, in inglese, di un libro americano che sbugiarda gli
    sito di Love In Action, organizzazione cattolica che si pone il fine di
    sito della NARTH, che è come la LIA.
    Sito di Wayne Besen, la'utore del libro di cui al 69esimo link...
    Il sito del giornale della loby dei vescovi italiani
    I Gatti di Alice, altro blog...
    Eclissi di sole
    Il sito del Movimento Federalista Europeo
    Sito sull'Esperanto, lingua ausiliare pianificata
    Quello che sento...
    Devarim
    Pensieri di un muratore: Blog
    Un Blog affiliato alla Rosa...
    Gruppo Abele
    Wittgestein... il superblog
    Witty, un blog GLBT che cita un mio intervento su gay.tv realtivo alle persone transessuali !!!
    Sito della GayTV
    Il Blog di Medusa
    Link del sito che fa vedere un video sullo scuiomento di animali vivi
    Link dove potete guardare l'ennesima testimonianza video sulla realtà del mercato delle pellicce.
    Altro blog gay con in più una bella colonna sonora
    Il Blog di POP
    Il Blog di Jacobs
    Il Blog di Daw
    Il Blog di Nonsonostatoio
    Libertari
    Une Belle Histoire
    Il Blog del Libero Pensiero
    Il Blog di Hirpus
    Il blog di Yogayeti
    Il sito dell' ARC, assoziazione cagliaritana per i diritti dei gay.
    Blognews : il blog delle notizie
    Il primo ( cosi dice ) GayBlog italiano
    Il link del mio gruppo gay su Yahoo
    Kelebek: dialogo tra Oriente e Occidente
    CESNUR
    Il Blog di Esperimento
    Il Blog di Aldino
    Ecpalnet
    Il Blog di Il Signore degli anelli
    Il Blgo di Tonio
    Lager.it : sito sulla Shoah
    Il Blog di Vexilla
    Il blog di Ismael
    h2so4 BLOG
    Viva Marco Travaglio
    Neo Machiavelli Blog
    Papaboysajio: sito contro la Chiesa
    Technorati Blog
    Link sugli Omosessuali in Technorati
    Il blog di Francesco Nardi
    Fin-Occhio
    Il blog di Bi-Sex
    Ultimo 86
    Vogliamo i PaCS ora!!
    Appoggiare La RnP ( l'avessero fatto tutti i gay!! )
    Il Blog di Aurelio Mancuso
    Il Blog di Maredema
    Il blog di Marco Cirrito
    Uso Foresteria
    Penna Rossa
    Kerosene
    Cultura Gay
    Il blog di Don Franco Barbero
    Il sito di Mirko
    Blog destrorso
    Le rose nere
    Massimo Coppa
    Il Calibano: blog di Piergiorgio Welby
    Il blog del Laicista
    Fenicottero blu
    Drowned
    Il Blog di Iwill
    QueerBlog
    Imbarco Immediato ( ass. Gay e Lesbica del Ticino)
    Lettera 22
    Il blog di Fireman
    Libertalandia
    Il blog del Laicista
    Il Movimento Omosessuale Sardo
    il blog di Andrea Benedino
    Ideuskinki
    Il blog di scontro frontale
    Il blog di Pasquino
    Islam riformista
    Flavio Valerio Crespo
    Mappunto
    Icaroflyon
    Il blog di Lino Banfi
    TOM: Gay blog italiano
    GayGuy
    Il Gayettino
    Disastro Mondo
    Cinzi Ricci
    Diritti e Libertà ; informazione lgbt
    Sulla Lingua Sarda
    Il blog di Giugioni
    Predica bene, RATZOLA male
    Fisicamente: Rivista di fisica, didattica della fisica, storia della fisica, fisica e filosofia,
    Di fronte al Futuro
    Estropico
    Tranusmanisti
    il sito italiano delle famiglie di fatto
    Gruppo Yahoo sulle Coppie di Fatto
    Boy toy: il web non e`mai stato cosi` gay
    Il blog di Mario Cirrito
    Libertalandia
    Il sito della mitica Cinzia Ricci
    Il Raziocinio
    Il blog di Omaha
    Il blog di Muta Favella
    AZUR : Gay community della Svizzera italiana
    Cerca

    Feed

    Feed RSS di questo 

blog Reader
    Feed ATOM di questo 

blog Atom
    Resta aggiornato con i feed.

    Curiosità
    blog letto 1 volte

    Per metà lo scibile m'è oscuro!
    Mi separa, d'incomprension, un muro!




    Ciao a tutti, mi chiamo 
    Alessio Mameli, 
    sono un ragazzo
    di una città vicina
    a Cagliari.

    Il mio nickname su internet
    è Galamay, in quasi tutti
    i siti in cui sia iscritto.

    Con questo blog voglio esporre, un po',
    la mia visione delle cose...

    Trovate una mia foto in sezione
    "Sulla mia vita" ;
    non la metto qua perchè
    occupa troppo spazio

    Sono nato il 29/12/80.
    Sono alto 177cm, peso circa 73 kg, ho capelli
    e occhi castani, fisico normale
    (non atletico); sono in cerca,
    ancora, di una relazione...l'età del
    mio eventuale compagno
    può spaziare dai 16 anni
    (minimo legale) in poi...
    anche uomini più grandi di me
    mi possono interessare,
    ma ho un debole per gli adolescenti
    (ebbene si! )
    specie se hanno un corpo asciutto
    (senza un filo di ciccia)
    e magari anche scolpito.

    Tuttavia è già difficile
    avere una relazione
    con una persona della mia età,
    comunque con una persona
    adulta, figuriamoci con un adolescente.

    Comunque a 18-19 anni
    l'adolescenza
    dovrebbe essere conclusa,
    anche se in realtà sembra
    che ormai si concluda
    davvero oltre i 30 anni...
    (con l'indipendenza economica,
    il matrimonio, ecc)

    Resta il fatto che gli adolescenti
    (non proprio i teenagers!
    tra i 16 e i 24 anni circa è meglio)
    mi piacciono un casino,
    quindi sono disponibile anche
    verso di loro, soprattutto
    per parlare (specie nel caso si siano
    scoperti gay da poco
    e vogliano un amico
    con cui confrontarsi)

    Gli uomini oltre i 40-45 anni
    invece mi interessano poco...

    Vi consiglio di andare su gay.tv
    e leggere il mio profilo :

    www.gay.tv/galamay

    Ragazzi, uomini, fatevi vivi!

    Il mio contatto di msn
    è
    yemilgo@hotmail.it 

    Il link del mio
    "myspace"
    http://www.myspace.com/
    aggadym




    Consiglio di andare sempre al "Permalink" 
    che trovate in sotto ogni articolo,
    per aprire una pagina web ad esso dedicata. 
    Ciò permetterà di leggere gli articoli
    senza il disturbo di altre parti del blog
    (foto, link, parole del dorso)
    che, per errori di formattazione
     che io non so correggere,
    travalicano il loro spazio.






    Stato Laico
    Cosa sará mai??


    Qualcuno mi ha devastato la voce...
    [modifica]

    Meno male che l'avevo salvata nel mio blog

    La incollo qui per farvela leggere. Non mi sembra affatto confusa,
    ( adesso si presenta disordinata perchè mancano i link...);
    Fa giustizia del concetto di laicismo e laicità :
    Il laicismo è l'ideologia che promuove la laicità dello Stato
    e della Società. La laicità è l' indipendenza degli individui
    dalle ideologie illiberali, religioni comprese, fermo restando
    il rispetto della libertà e dei diritti degli altri individui.

    Ratzinger, con tutta la sua Chiesa, invece vorrebbe
    imporre DIO nella società e impedire che si facciano
    doverose estensioni di diritti agli omosessuali e il riconoscimento
    legale delle coppie di fatto e ha pure tuonato contro
    l'emancipazione delle donne.

    Il laicismo è semplicemente indispensabile per la difesa
    della libertà individuale.

    Nel mio blog trovate cose relative a questi temi,
    ma sono chiaramente di parte:
    [2]


    Le voci di Wikipedia dovrebbero essere blindate una volta
    che sono state scritte, previo controllo di uno non di parte.
    Mi piacerebbe sapere come sarà la voce "laicità" di Citizendium.

    Cordiali saluti


    Laicità

    Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


    Scritto da me: il mio nickname su Wikipedia è Galaemyam.


    Con laicità si indica un attributo riferito solitamente
    ad una struttura politica o amministrativa che esprima
    e misuri il grado di indipendenza da principi ed ispirazioni
    di carattere religioso o ideologico tali da determinarne,
    o perlomeno influenzarne, l'azione.


    La laicità si configura anche come assenza di un'ideologia
    dominante nell'opera di governo di uno stato.
    Ad esempio , nel caso di una dittatura sia pure atea
    definire lo stato retto da essa come "Stato laico" è un errore,
    in quando in esso ogni pluralismo è combatutto per fare
    posto solo all'ideologia ufficiale.

    Il movimento d'opinione che si ispira alla laicità viene
    definito laicismo(1). Il laicismo è anche il movimento
    politico che si adopera per la laicità degli stati e quindi
    per la libertà e l'eguaglianza di tutti i cittadini.

    L'ideologia ufficiale sarebbe lo stesso laicismo, ma con ciò
    non si fa eccezione alla laicità dello stato, in quanto il laicismo
    si presenta solo come un contenitore in grado di fare convivere
    insieme dottrine diverse e non impedisce di credere in una certa
    religione o in una certa altra ideologia, e di professarle direttamente,
    mentre invece l'ateismo di stato reprime duramente chi professa
    una religione; inoltre le varie forme di dittatura, vedendo
    nella religione dominante nello stato un'ostacolo all'instaurazione
    del totalitarismo, si comportano verso di essa in due modi
    differenti: o ne cercano la collaborazione, per usare la religione
    come Instrumentum Regni o almeno come parte dell'indentità
    nazionale (da usare quindi comme agente di coesione sociale,
    anche se discriminante nei confonti di chi non crede in quella
    religione), come nel caso del fascismo italiano, oppure la reprimono,
    come avvenuto nel Nazionalsocialismo e ancora più nel Comunismo
    sovietico (di cui la forma più dura fu lo Stalinismo)

    Il Laicismo impedisce solo che i valori, le regole, le dottrine
    insite nelle religioni o nelle ideologie non liberali, vengano
    imposte a tutta la cittadinanza, anche solo mediante uso
    del voto in parlamento, se dalla loro imposizione non derivi
    alcun beneficio indiviuale o collettivo, ma solo il rispetto formale
    di un dogma (ad esempio: quello della sacralità della vita ,
    contrapposta alla sua qualità e opportunità).





    Un paragone chiarificatore (forse...)


    Credo che questo paragone possa contribuire
    alla comprensione del rapporto tra i termini laicismo/laicità:

    Laicista: chi sostiene il laicismo
    relativista: seguace del relativismo

    Laicismo: dottrina della laicità dello Stato
    (=
    corrente di pensiero che rivendica l’autonomia
    dello stato da sistemi dogmatici,
    in particolare dal dogmatismo cattolico
    ) relativismo:
    dottrina della relatività della conoscenza

    laicità: l'essere laico
    relatività: l'essere relativo

    laico:
    1) (estens.)
    che dichiara programmaticamente la propria
    autonomia rispetto a qualsiasi dogmatismo ideologico
    .
    In part., dal dogmatismo cattolico.
    2) improntato, ispirato ai principi e agli ideali del laicismo

    relativo: che non ha valore o significato in sè ma rispetto
    a q.c. con cui ha un rapporto

    laicizzare: rendere laico
    relativizzare: rendere relativo


    Insomma: la prossima volta che il Papa ci dice
    che gli va bene la laicità ma non il laicismo...
    proviamo a rispondergli che a noi va bene
    la cristianità (l'essere cristiano),
    ma non il cristianesimo

    (il complesso delle dottrine religiose
    che si richiamano a Cristo) !!!


    Quando uso una parola, disse Humpty Dumpty in modo
    abbastanza sdegnoso
    ,
    significa esattamente quello che voglio io,
    né più né meno.
    Il problema è, disse Alice, se puoi fare significare
    alle parole così tante cose.
    Il problema è, disse Humpty Dumpty,

    chi è che comanda, tutto qua.

    (da Alice attraverso lo specchio di L. CARROLL)
     
    Corydon 04:28, 11 apr 2006 (CEST)

    Tratto da:
    http://it.wikipedia.org/wiki/
    Discussione:Laicit%C3%A0


    Di seguito un pezzo della voce di Wikipedia
    (scritta da me!!! ma purtroppo rimaneggiata) 
    circa che cosa deve essere uno stato laico.

    Nessuno ha obbiettato che sia un ricerca originale
    o una visione non neutrale della realtá; in effetti io penso
    di aver scritto davvero quello che obiettivamente uno stato
    che si definisce laico deve fare:

    deve tutelare i diritti di tutti i suoi cittadini impedendo
    che la maggioranza misconosca i diritti delle minoranze,
    anche se ció non ´conforme ai valori morali e ideologici
    della maggioranza stessa , fintanto che il riconoscimento
    dei diritti della minoranza non danneggia qualcun altro
    e non sia obietivamente pericoloso. 
    Tuttavia la voce ´stata sintetizzata...


    L' intera voce originale, oltre che
    nel mio blog, la tovate su:
    http://it.wikipedia.org/wiki/
    Discussione:
    Laicit%C3%A0

    Questo link invece porta la sito della voce
    ufficiale sul tema laicitá
    http://it.wikipedia.
    org/wiki/
    Laicit%C3%A0


    Lo Stato laico

    La maggiore o minore laicità di uno Stato può essere
    pertanto valutata sulla base del rispetto dei seguenti criteri:

    • la legittimità di uno Stato laico non è subalterna rispetto ad altri poteri, come istituzioni religiose o partiti politici; ad esempio, "lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani".
    • uno Stato laico rifugge da qualsiasi mitologia ufficiale, ideologia o religione di Stato;
    • uno Stato laico è imparziale rispetto alle differenti religioni e ideologie presenti al suo interno, e garantisce l’eguaglianza giuridica di tutti i cittadini, senza discriminarli sulla base delle loro convinzioni e fedi;
    • uno Stato laico riconosce e tutela i diritti di libertà di tutti i suoi cittadini: libertà di pensiero, di parola, di riunione, di associazione, di culto, ecc. compatibilmente con le proprie leggi e ordinamenti;
    • le leggi di uno Stato laico non devono essere ispirate a dogmi o altre pretese ideologiche di alcune correnti di pensiero, ma devono essere mosse dal fine di mantenere la giustizia, la sicurezza e la coesione sociale dei suoi cittadini.

    Dibattito sulla laicità

    Il dibattito sulla laicità, in Italia, si è acceso prevalentemente
    attorno alla regolamentazione di alcuni temi, tra i quali:

    • la presenza o meno di simboli religiosi negli edifici pubblici di proprietà statale,
    • la possibilità o meno di fare riferimento nelle dichiarazioni ufficiali ad alcuna fede,
    • la possibilità o meno dell'insegnamento di una o più religioni nelle scuole pubbliche,
    • la possibilità di regolamentare alcuni temi eticamente sensibili, come il divorzio, l'aborto, la fecondazione medicalmente assistita, le unioni civili per coppie eterosessuali e omosessuali, l'eutanasia, prescindendo o meno dalle convinzioni etiche più restrittive di una parte del Paese.

    Uno Stato laico è quello dove le religioni e le ideologie non hanno influenza sulla società nel suo complesso ma hanno valore solo per le persone, e al limite per le comunità formate da quelle persone, che credano in una certa religione o in una certa ideologia. Lo Stato laico deve prodigarsi perché nessuna parte della società prevarichi su una parte minoritaria della società stessa, se non per ragioni di utilità collettiva, ma mai per ragioni ideologiche. In altri termini: la democrazia non può essere usata per negare i diritti delle minoranze.


    GOD is omnipotent? yes? then , god is bad, because it makes
    NOTHING to prevent the accidents. About the Bible,
    it, have the same value of other "sacred texts"; it means:
    NO VALUE.

    In fact, all the "holy writtings" are only invention
    of the human mind, written by powerfull men
    to dominate in serfdom other people.
    God is only an idea, nothing of real.
    It's like Snow White... or Mickey Mouse.

    The Bible, like the Choran, or the Book of Mormon
    or other texts... does'nt demonstrate the existence of god.
    Futhermore, who trusts in god, believes
    also that Bible ist God's Word,
    but this is completeley senseless.

    The humans would be better, if they cought
    live together in peace, even without religions.
    The Ethics can exist also without gods.

    In the end: Reason and Faith are opposite,
    because the Reason is to believe with objective probes,
    meanwhile the Faith is to believe in something
    without any probes.

    The Bible is not a probe; it's only a tale, a legend.
     

    Look these videos:

    http://en.wikipedia.org/wiki/The_
    Root_of_All_Evil%3F
     

     
    http://www.google.com/search?q
    =Root+Of+all+
    Evil&rls=
    com.microsoft:*:IE-
    SearchBox&ie
    =UTF-8&oe
    =UTF-8&sourceid
    =ie7&rlz=1I7GZAZ


    http://www.google.com/search?
    q=the+
    virus+of+faith&rls=com
    .microsoft:*:IE
    -SearchBox&ie=
    UTF-8&oe=UTF-8&
    sourceid
    =ie7&rlz=1I7GZAZ


     
    http://razionalismo.
    wordpress.
    com/
    2007/07/18/root-of
    -all-evil-the-virus
    -of-faith-sottotitoli-in-italiano/




    Di seguito aggiungo in questa pagina alcuni commenti
    ( tra loro correlati)che ho lasciato su un sito: 
    http://www.dilloadalice.it  nella puntata 147 al primo articolo
    (quello sul Family Day ), con nickname Alex.



    I valori teocratici e illiberali di certi cristiani conservatori,
    per uno stato laico, devono valere SOLO PER LORO.


    Se venissero resi validi per tutti, anche per via del principio
    di maggioranza, usato in modo subdolo, la stessa
    laicitá
    andrebbe a farsi friggere e con essa la libertá e la dignitá
    degli individui.

    Le religioni devono contare solo per la VITA PRIVATA
    di chi vi crede; impedire che abbiano influenza nella vita
    pubblica non é una limitazione della
    libertà religiosa (mica
    vogliamo distruggere le religioni in quanto tali e la libertá
    di vivere la propria vita, e solo quella, secondo i loro precetti
    senza imporre nulla agli altri) ma solo impedire che la
    maggioranza misconosca i diritti delle minoranze
    per via di preconcetti irrazionali.

    In Italia il fondamentalismo cristiano non arriva ai livelli
    allucinanti del
    Ricostruzionismo cristiano vigente nelle
    frange piu estremiste della destra americana, ma é comunque
    fatto di movimenti liberticidi; essi peraltro non possono
    lasciare passare il messaggio che la loro ragione di vita sia
    solo un cumulo di menzogne e che chi la propugna
    sia moralmente eccepibile e sia stato coperto dalla Chiesa
    che loro credono santa e divina... Leggete qui in merito
    al cumulo di menzogne su cui si basa il potere
    coercitivo della Chiesa cattolica:

    http://www.disinformazione.it/deificazionedimaria.htm
     

     

    Lo stato laico

    Lo stato, per potersi definire compiutamente laico,
    deve avere queste caratteristiche:

    Fonda la sua legittimità sulla democrazia liberale
    e non permette che il Potere sia trasmesso in via
    ereditaria dinastica , men che mai permette che
    debba ottenere la sua legittimità da parte di un'altro
    potere esterno ad esso e correlato a una religione.
    Lo Stato e la Chiesa sono quindi separati e non si devono
    influenzare l'un l'altro ma devono restare indipendenti
    ciascuno nel proprio ordine.

    ---Da un lato non può avere preferenze per nessuna
    religione, non ci deve cioè essere una religione riconosciuta
    come religione ufficiale, e quindi negli edifici pubblici
    di proprità statale , non ci devono essere simboli di alcuna
    religione e nelle dichiarazioni ufficiali non ci deve essere
    rifemento a nessuna fede;
    ---Dall'altro deve garantire l'eguaglianza giuridica
    di tutti i cittadini, anche dei non credenti in una certa religione
    e dei non rifacentesi a una certa dottrina, assicurando
    al contempo il massimo grado di libertà compatibile
    con il massimo grado di sicurezza e coesione sociale.

    Dovrebbe vietare solo ciò che è obiettivamente dannoso
    per la collettività o per gli individui e non dovrebbe
    imporre degli obblighi o dei divieti solo perchè la maggioranza,
    magari afferente a una certa religione, lo desidera in quanto
    considera che i suoi valori siano validi per tutti indistintamente.
    Lo stato laico comunque, dovendo garantire la sicurezza
    dell'individuo e della società tutta, e le libertà e i diritti
    individuali, impone delle regole di convivenza civile,
    le più condivisibili possibili, ma assolutamente tassative.


    --Pertanto, ad esempio, se può, e forse deve, depenalizzare
    l'eutanasia , sulla base del fatto che ogni individuo deve
    essere lasciato libero di disporre della propria vita e di liberarsene
    quando essa sia ormai insopportabile a seguito di un male
    incurabile, non può però legalizzare l'omicidio: può depenalizzarlo
    non tenendo conto degli anatemi della religione dominante,
    che propugna la sacralità della vita, ma considerando solo
    il movente del gesto omicida e valutare se la persona che
    l'ha compiuto sia o non sia pericolosa per la Società.
    --Quindi può discernere tra omicidio fatto per un movente
    abietto (odio, avarizia, sadismo, pedofilia sadica e altro ancora)
    e uno fatto per legittima difesa personale, per salvare
    una terza persona dall'essere ucciso a sua volta, oppure,
    ed è il caso dell'eutanasia, per amore e pietà, specie
    se su richiesta del soggetto.

    L'omicidio, sotto qualsiasi fattispecie, per la religione
    resterebbe un grave peccato, ma nella forma di omicidio
    del consenziente o di suicidio assistito (1) non sarebbe
    da considerare un reato da parte dello Stato laico,
    in quanto la persona che lo ha commesso o lo ha reso
     possibile, non è pericolosa per la società o per altri individui.

    Uno stato laico quindi è quello stato dove le religioni
    e le ideologie non hanno influenza sulla Società nel suo
    complesso avendo invece valore solo per le persone,
    e al limite per le comunità formate da quelle persone,
    che credano in una certa religione o in una certa ideologia.

    Lo Stato laico si prodiga perchè nessuna parte della Società
    prevarichi su una parte minoritaria della Società stessa,
    se non per ragioni di utilità collettiva, ma mai per ragioni
    ideologiche. In altri termini: la democrazia non può essere
    usata per negare i diritti delle minoranze.

    Note

    (1)Per le voci omicidio del consenziente e suicidio assistito
    si rimanda anche alla voce Eutanasia, in quanto le voci
    specifiche non possono comparire su Wikipedia
    per via della loro eccessiva brevità.

    (2)D'altro canto l'omicidio del consenziente
    può essere anche considerato una fattispecie particolare
    dell'omicidio su mandato: quindi mandante e vittima coinciderebbero;
    l'omicida allora dovrebbe essere considerato comunque
    un pericolo.

    Quindi anche in uno stato laico la vita, benchè forse
    non sia opportuno considerarla "sacra", deve comunque
    essere tutelata, in quanto bene indisponibile, fintanto c
    he c'è speranza che la vita di una persona duri.

    Quindi nel caso dell'omicidio del consenziente, il consenso
    deve provenire da una persona nel pieno della capacità
    di intendere e di volere e le ragioni per cui richiede la morte
    devono essere tali da non lasciare effettivamente alcuno
    spazio a soluzioni e rimedi.

    Quindi se, ad esempio, un depresso chiedo di essere ucciso,
    nessuno lo può accontentare, dato che la depressione
    è curabile. Ma se un soggetto con una malattia incurabile
    allo stadio terminale, per di più mantenuto in vita con macchinari,
    richiede di essere lasciato morire, o di essere ucciso,
    in uno stato laico nessuno glielo potrebbe vietare.

    Ma se un soggetto con una malattia incurabile allo
    stadio terminale, per di più mantenuto in vita con macchinari,
    richiede di essere lasciato morire, o di essere ucciso, in uno
    stato laico nessuno glielo potrebbe vietare.

    Lo stato dovrebbe autorizzare chi si offrisse volontario
    per somministrare il veleno (Eutanasia attiva) e i medici,
    i paramedici e i parenti a sospendere le terapie o il mantenimento a
    rtificiale delle funzioni vitali anche di soggetti non in coma
    (Eutanasia passiva).

    Del resto lo Stato da già licenza di uccidere per legittima
    difesa o per evitare che altri siano uccisi da parte di un terzo,
    eppure la vita dovrebbe essere sacra sempre.
    Allora in uno stato laico l'Eutanasia deve essere depenalizzata.

    Temi eticamente sensibili


    In questo paragrafo si tratteranno alcuni temi
    di attualità riguardanti alcuni nuovi diritti civili,
    prendendo in considerazione solo il punto di vista
    laico che si vede come quello più razionale e
    al tempo stesso più liberale possibile, e che
    dovrebbero essere propri di uno stato laico,
    secondo i suoi propugnatori.
    Gli altri punti vista sono trattati nelle voci specifiche.

    Embrione:
    L'Embrione umano è sicuramente
    in grado di diventare
    una persona umana, ma lo è effettivamente?
    Secondo una visione razionale, non emotiviva,
    obiettiva e, quindi, laica, l'embrione umano è effettivamente
    solo un grumo di cellule totipotenti che, se impiantato
    nell'utero di una donna, può svilupparsi e, se lo sviluppo
    prosegue senza intoppi, diventare una persona.
    L'embrione fuori dell'utero è un insieme di cellule
    che sono solo potenzialmente una persona, ma
    che non lo sono ancora. Una volta impiantato
    non dovrebbe essere toccato più se non
    per gravi motivi ( si veda "aborto" )

    Persona: La persona non si identifica nel corpo umano,
    ma nella mente umana. Ne consegue che se non
    c'è la mente, non c'è neppure la persona.
    Quindi un embrione non può essere ancora una persona
    dato che non ha un cervello. Al tempo stesso un essere
    umano che ha subito un trauma tale da renderlo in stato
    vegetativo permanente con la neocorteccia necrotizzata
    non potendo più reagire al mondo esterno sotto sollecitazione
    e non avendo più nè coscienza nè tanto meno intelligenza,
    non è più una persona. Dell'essere umano che era,
    resta solo il corpo. Lo stato laico non può imporre
    a nessuno di lasciare morire il corpo di essere umano
    che non abbia più una mente funzionante,
    ma non può neppure impedirlo.

    Procreazione medicalmente assistita :
    Non ci dovrebbero essere limiti ad essa nè divieti di alcuna sorta.
    In quanto l'embrione non è ancora una persona,
    la sua eventuale soppressione non costituisce omicidio.
    Quindi le tecniche volte non solo a permettere alle coppie
    con problemi di infertilità di avere figli, ma anche a quelle
    che siano portatrici di geni che causano malattie incurabili,
    non dovrebbero essere vietate in uno stato laico.

    Una legge volta a salvaguardare la vita di ogni embrione
    è una legge che:
    ---1) si mette contro la libertà di ricerca anche sulle cellule
    staminali embrionali.
    ---2) esclude il diritto delle persone di avvalersi della
    possibilità di evitare la nascita di un bambino malato tramite
     la selezione embrionaria previa diagnosi genetica preimpianto.
    Ciò porta all'assurdo che per salvaguardare la vita di ogni embrione
    ci si affidi alla Provvidenza o al caso il quale decide che,
    al posto di un embrione sano, vada a impiantarsi nell'endometrio
    l'embrione malato, spesso cosi tanto che poi, o abortisce naturalmente,
    oppure il bambino morirà dopo poco tempo dalla nascita;
    con la selezione embrionaria, invece, nasce un bimbo, e nasce sano..

    Figlio sano non vuol dire figlio perfetto, dato che l'ingegneria
    genetica non consente ancora esseri umani transgenici
    scegliendo i geni che producono di fenotipi migliori, e non lo
    farebbe mai perchè anche in uno stato laico si metterebbe
    il divieto di produzione di esseri umani in serie; men che mai
    in uno stato laico può essere consentita la clonazione umana
    a scopo riproduttivo, dato che alla lunga sarebbe dannoso
    per la sopravvivenza della specie, perchè la specie
    perderebbe variabilità genetica.

    Matrimonio omosessuale:
    in uno stato laico tutti i cittadini hanno gli stessi
    diritti e gli stessi doveri. L'estensione del matrimonio
    civile alle coppie omosessuali non causa alcun danno
    alle coppie eterosessuali, le quali potrebbero continuare
    a sposarsi come se nulla fosse cambiato.
    La questione della adozioni alle coppie gay o lesbiche
    invece è più controversa; intanto non esiste un diritto
    all'adozione neppure per le coppie eterosessuali,
    in quanto l'adozione è vista in funzione del bambino
    che ha bisogno di una famiglia e non in vista di una
    coppia che vuole un figlio.

    Inoltre in Italia le coppie che vorrebbero adottare bambini
    sono in esubero rispetto ai bambini dichiarati adottabili;
    la questione quindi non è aperta. Tuttavia ci si chiede
    da parte dei laici, se l'adozione di un bambino da parte
    di una coppia omosessuale non sia comunque preferibile
    a lasciare quel bambino in un brefotrofio.
    Bisognrebbe però estendere anche il concetto di famiglia
    ed è qui che sta lo scontro tra i conservatori e tradizionalisti
    da una parte e i laicisti dall'altra.

    Famiglia: Per i tradizionalisti , soprattutto cattolici,
    la famiglia è data solo dall'unione fra uomo e donna
    in vista della procreazione. Anche una coppia eterosessuale
    senza figli , non è famiglia. Per uno stato laico invece ,
    non ci devono essere limiti al concestto di famiglia e,
    benchè la famiglia nucleare con figli sia senz'altro da
    tutelare e agevolare in ogni modo ( con sgravi fiscali,
    assegni familiari, servizi per l'infanzia, servizi alle donne
    incinta e quant'altro ) ciò non implica che altre forme
    di unione non possano essere riconosciute dallo stato.

    La famiglia, lungi dall'essere fondata sul matrimonio,
    è invece fondata sull'amore. Il matrimonio sancisce l'unione
    sentimentale vigente tra due persone (anche dello stesso
    sesso se si estendesse l'istituzione alle persone omosessuali)
    che decidono quindi di promettersi fedeltà e di rispettare diritti
    e doveri reciproci. Ma la famiglia esisterebbe lo stesso anche
    in assenza di un vincolo matrimoniale. Di fatto in Italia ci sono
    decine di migliaia di situazione di tipo familiare che chiedono
    di essere tutelate dalla legge: si tratta delle coppie di fatto
    per le quali si è richiesto anche in Italia il Patto Civile di Solidarietà ( Pa.C.S ).

    Lo studio Spitzer:
    vizi e abusi.
    (parte I e II)


    Concludiamo oggi, con la pubblicazione della seconda parte,
    la traduzione del video sui vizi metodologici e sugli abusi c
    he gruppi religiosi e politici hanno fatto dello studio Spitzer.

    Come vedrete nei prossimi giorni - stiamo lavorando su un altro video -
    ma già nei minuti finali di questo video, Spitzer si dice inorridito dall'uso
    che i gruppi religiosi, in cerca di visibilità, soprattutto nell'era Bush,
    stanno facendo della sua ricerca. Sulla base di questa affermano,
    in modo strumentale, che l'omosessualità è una scelta, che chiunque
    volesse può cambiare e la usano a supporto di leggi anti-gay o per vietare
    costituzionalmente i matrimoni gay. Come dice lo stesso Dr. Spitzer infatti
    il suo studio non è stato condotto - per altro come avete visto in maniera
    un pò superficiale - per calcolare la percentuale di riuscita di cambiamento
    nè per stabilire che l'orientamento sessuale è una scelta ma semplicemente
    perchè, dopo esseresi impegnato affinchè l'American Psychiatric Association
    eliminasse l'omosessualità dalla lista dei disordini mentali, rimase colpito
    dall'esistenza di gruppi di persone che si dichiaravano "guarite" e, incuriosito,
    volle capire se veramente era possibile un processo di "conversione".

    Per chi non avesse visto la prima parte ve la ripropongo, s
    ubito dopo c'è la seconda.
    Buona visione!
    PARTE I



    PARTE II


    Ringrazio, ancora,
    Daw, Teo e Daniel Gonzales.




    Casa editrice
    il Saggiatore
    Collana Pamphlet
    Pagine 160
    € 12,00
    ISBN 978-88-428-1467-2
    novembre 2007



    Vittorio Lingiardi
    Citizen gay
    Famiglie, diritti negati
    e salute mentale


    "Di questo passo
    si sposeranno anche le scimmie."

    Una volta erano discriminati
    per la loro devianza. Oggi perché
    chiedono di essere normali.

    Come mai gli omosessuali, storicamente
    marchiati come peccatori, invertiti
    o malati mentali vogliono adottare
    quell'ordine familiare che tanto
    ha contribuito alla loro sfortuna?

    Essere gay o lesbiche non è
    un merito né un demerito.
    È una cosa che capita.

    Eppure, in un clima di crescente omofobia,
    la dimensione affettiva di milioni di persone
    in Italia è tuttora sacrificata.

    La mancanza di una legge
    che ne salvaguardi il valore e la cittadinanza
    genera umiliazione, sofferenza,
    paura, odio collettivo
    .

    Non servono anatemi o concessioni.
    Serve un pensiero capace di sostenere
    una trasformazione antropologica.
    Perché uno Stato i cui cittadini sono
    più felici è uno Stato migliore.




    La mia fede politica

    I miei video
  • La persecuzione degli omosessuali in Iran (parte I)


  • La persecuzione degli omosessuali in Iran (parte II)


  • La terapia ex-gay non funziona
  • Top posts
    Sostengo
    Tribute

     


     



    In alternativa ci sono anche altre linee di aiuto





    http://www.vialeopardi3.it/arc/ 


    Nuovo sito dell'ARC



    http://www.associazionearc.eu/











    Link di associazioni progay









    Image Hosted by ImageShack.us
    Image Hosted by ImageShack.us

     




        

     

    sbattezzamoci con l'UAAR 

    Image Hosted by ImageShack.us   
     
    Image Hosted by ImageShack.us
    Image Hosted by ImageShack.us
    Image Hosted by ImageShack.us
    Image Hosted by ImageShack.us
    Image Hosted by ImageShack.us
    Image Hosted by ImageShack.us
    Blogaction - 2 aprile 2008

    2 aprile 2008

     

    Image Hosted by ImageShack.us
    Image Hosted by ImageShack.us

     


     

     

    Image Hosted by ImageShack.us
    Image Hosted by ImageShack.us
    Image Hosted by ImageShack.us


     

    Image Hosted by ImageShack.us
    Image Hosted by ImageShack.us
    Image Hosted by ImageShack.us
    Image Hosted by ImageShack.us

     

     




    *La tanto discriminata "bisessualità"

    *Omosessualità in TV. Perchè no?

    *Le 10 grandi leggende sull'omosessualità maschile

    *Ghettizzazioni omosessuali nelle discoteche

    *Terminologie degli orientamenti sessuali

    *Sfatiamo i miti più comuni sulle cause dell'omosessualità

    *Ti sei appena scoperto omosessuale e credi di essere anormale?
    Ma sai cos'è la normalità?

    *I gay sono tutti effeminati?

     

     




















    Indirizzo del MySpace dell'ARC


    http://myspace.com/associazioneculturalearc

    ARC - Associazione Culturale
    "TUTELA E DIFESA DELLE PERSONE GLBT (Gay, Lesbiche, Bisex, Transessuali) "

    Uomo
    25 anni
    Cagliari
    Italia



    Ultimo accesso: 10/12/2007
    Visualizza: Immagini | Video


       Contatto ARC - Associazione Culturale


    A Cagliari, il 1° Dicembre 2002, è nata l’Associazione
    Culturale ARC.

    ARC si pone l’obiettivo di lottare contro ogni forma
    di discriminazione e di tutelare e difendere i diritti
    civili delle persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali.

    ARC è un’Associazione fondata sui principi di democrazia,
    pacifismo, antirazzismo e antitotalitarismo.
    Possono aderire persone di qualsiasi nazionalità,
    religione, orientamento sessuale e politico.

    ARC intende intervenire nel tessuto culturale,
    sociale e politico locale e regionale, promuovendo
    iniziative volte ad affermare i diritti civili
    delle persone omosessuali e a consentire
    un confronto con il variegato mondo GLBT.

    ARC ha la propria sede a Cagliari, ospite
    della sezione della Sinistra giovanile Pier Paolo Pasolini,
    in via Leopardi 3. Le riunioni in sede si tengono
    tutti i lunedì dalle 19 alle 22. Per qualsiasi informazione
    sull’Associazione potete venire a trovarci,
    oppure contattarci all’Help&Info Line nei giorni
    in cui è attivo il servizio (trovate il numero
    all’indirizzo www.vialeopardi3.it/arc)
    o all’email:
    arc@vialeopardi3.it.





    L'Associazione Studentesca universitARC nasce nel 2006
    per facilitare l'esigenza dell'Associazione Culturale ARC
    di confrontarsi e collaborare con gli enti universitari,
    con l'Ateneo di Cagliari e l'ERSU Ente Regionale
    per il Diritto allo Studio Universitario.
    La creazione di questa nuova articolazione di ARC permette
    all'Associazione di addentrarsi con maggiore facilita'
    ed efficacia nella vita universitaria e studentesca della citta',
    organizzando iniziative negli spazi della Casa dello Studente,
    nelle sale conferenze (Sala Giovanni Cosseddu, Sala Maria Carta)
    e nel Cineteatro Nanni Loy. La speranza e' quella di riuscire
    a portare fin dentro il mondo universitario le battaglie per i diritti LGBT
    che ARC manda avanti fin dal 2002, sensibilizzando studenti e giovani
    alle tematiche omosessuali e transessuali, e cercando
    di coinvolgerli nelle iniziative dell'Associazione.
















    Il bellissimo my space di Gigi...

    http://profile.myspace.com/index.cfm?
    fuseaction=user.viewprofile&friendid=139591923

    ______________________________________





























      





    Viva l'amore in ogni forma
    (tra persone consapevoli
    e quindi consenzienti)

     


    _______________________
    GAY AND PROUD!


    ___




    ____________________

    Amico dei bisessuali!!

    Bandiera dell'orgolio bisessuale





    ____________________


    ______________________

    Non lasciamoci ingannare
    dalle
    S a n t e    R a g i o n i 

    Dal nascere al morire -
    La mano della Chiesa sulla nostra vita


    Carla Castellacci , Telmo Pievani
    Editore: Chiarelettere

    Prezzo: Euro 13,60

    Venire al mondo, l’ora di religione,
    i simboli religiosi nelle scuole,
    il caso Darwin e la marginalizzazione
    delle materie su cui la chiesa
    non può far valere la sua posizione,
    il matrimonio e la vita di relazione,
    la “politica” riproduttiva (contraccezione,
    aborto, fecondazione assistita…),
    la ricerca biomedica (staminali e trapianto di organi),
    l’8 per mille, il trattamento fiscale della chiesa,
    il testamento biologico, la terapia del dolore,
    l’eutanasia… In pratica: la vita, dalla nascita
    alla morte.

    Su ognuno di questi temi gli uomini di fede,
    ma soprattutto le alte gerarchie del Vaticano,
    ormai da anni esercitano pressione per consolidare
    una visione del mondo arretrata, irrazionale
    e violenta.

    Questo libro non vuole essere una riflessione teorica
    sulla laicità.
    Questo libro segue passo passo la vita di uomini
    e donne, e mostra (non senza ironia) attraverso
    la cronaca di questi ultimi anni, le tante disposizioni
    di legge che limitano fortemente la libertà individuale,
    come la Chiesa da anni e con violenza decida
    il nostro destino.

    Un libro che denuncia uno stato di cose
    inaccettabile. Un libro che va in profondità
    sulle notizie che ormai da mesi troviamo sparate
    sulle prime pagine di tutti i giornali.

    Un libro scritto con ironia, perché gli argomenti
    di questa Chiesa politica spesso sfiorano il ridicolo,
    sebbene questo ridicolo sia ben nascosto dai media
    e dai grandi mezzi d’informazione.




    http://www.ilconsapevole.it/vetrina_libro.php?id=15273

    http://www.google.com/search?q=sante+ragioni&rls=
    com.microsoft:*:IE-SearchBox&ie=UTF-8&oe=UTF-8&sourceid=ie7&rlz=1I7GZAZ




    Inchiesta su Gesù. Chi era l'uomo che ha cambiato il mondo Titolo  Inchiesta su Gesù.
    Chi era l'uomo che ha cambiato il mondo
    Autore Augias Corrado; Pesce Mauro
    Prezzo € 17,00
    Prezzi in altre valute
    Dati 2006, 263 p., rilegato
    Editore Mondadori  (collana Varia saggistica)


    Tema

    Su Gesù sono proliferate nei secoli molte
    leggende e alcune autentiche fiabe, segno
    della curiosità di sapere
    chi lui fosse veramente prima che il mantello
    della teologia lo coprisse, celandone
    allo sguardo la figura storica.

    Corrado Augias ha dialogato su questo tema
    con uno dei massimi biblisti italiani, Mauro Pesce,
    rivolgendogli quelle stesse domande che molti di noi,
    cristiani e non cristiani, si pongono: sul periodo storico
    nel quale Gesù visse, sulle sue parole, sulla sua vita,
    sulla sua morte, sui tanti testi che ne parlano.

    Ma anche su ciò che seguì la tragica giornata del Golgota,
    fino alla nascita di una religione che da lui prese il nome,
    anche se egli non ha mai detto
    di volerla fondare. Il profilo di Gesù che questa "inchiesta"
    ci restituisce è quello di un ebreo, ligio alla Legge di Mosè,
    amante del suo popolo e delle sue tradizioni, eppure
    aspramente critico verso gli aspetti che giudicava 'superati'
    o 'secondari', e, soprattutto, portatore di un progetto
    di rinnovamento incentrato sul riscatto degli emarginati;
    una personalità complessa, mai svelata per intero
    nemmeno a chi gli era più vicino, una figura
    profondamente solitaria, coerente con i suoi principi
    fino alla morte in croce.

    Un noto giornalista e uno storico del cristianesimo
    hanno unito la curiosità laica del primo alle conoscenze
    sulla Bibbia del secondo per dare alla luce questa originale

    Inchiesta su Gesù
    , un libro scritto
    nel tentativo di costruire una specie di carta d’identità
    di Gesù: dov’è nato, quando, da chi, quale lingua parlava e così via.

    Un “documento anagrafico” che può essere completato
    solo in parte, dato che le fonti sono scarse e assai manipolate,
    e che presenta vari problemi storiografici come la possibilità
    che i dogmi teologici corrompano la ricerca storica, o quello
    della scelta di alcuni vangeli come documenti a scapito di altri.
    Augias inizia con le domande apparentemente più banali, ma subito
    si scopre che Gesù è nato verso gli ultimi anni del regno d’Erode
    (che morì nel 4 a.C. circa): oggi dovremmo essere nel 2010
    se davvero contassimo a partire dalla sua nascita.
     
    E’ poi improbabile che sia nato a Betlemme, ma dai vangeli
    di Marco, Luca e Matteo risulta che sia nato in Galilea,
    verosimilmente a Nazareth o che, comunque, vi abbia
    vissuto a lungo con la famiglia. Figlio di Giuseppe,
    carpentiere, e di Maria. Ebreo, il suo nome Gesù
    è la traduzione italiana dell’ebraico Yehòshuà
    o Yeshuà, il cui significato è “Dio salva”: credeva
    in un Dio unico quando nel I secolo gli altri popoli
    erano politeisti, mangiava e si vestiva secondo le
    regole dell’Antico Testamento rispettando alla lettera
    le prescrizioni della Torah.

    Inoltre, osservava le festività del suo popolo, frequentava
    le sinagoghe, pregava presto al mattino e andava in pellegrinaggio
    al Tempio di Gerusalemme. Come lingua, parlava l’aramaico
    della Galilea, che era il dialetto della sua regione, ma leggeva
    l’ebraico e conosceva anche un po’ di greco e qualche elemento
    di latino. Viveva, del resto, in una situazione multilingue.
    Un Gesù quindi che viene ritratto nei suoi molti aspetti perché
    ogni vangelo, sottolinea Augias, ha e dà una immagine diversa
    del protagonista: quella di Luca è di un uomo molto attento
    ai poveri e ai diseredati, Marco narra di un taumaturgo ed esorcista,
    Giovanni lo rende come parola di Dio che traluce attraverso
    la sua umanità.

    L’analisi di Augias e di Pesce prosegue con un’indagine
    sulle sue parole, sulla sua morte, sui tanti testi che ne parlano.
    Ma anche su ciò che seguì la tragica giornata del Golgota, fino alla
    nascita di una religione che da lui prese il nome, anche se egli
    non ha mai detto di volerla fondare. Il profilo di Gesù che questa
    “inchiesta” ci restituisce è quello di una personalità complessa,
    mai svelata per intero nemmeno a chi gli era più vicino.
    Una figura solitaria, affascinante anche in questa ricostruzione storica,
    coerente con i suoi principi fino alla morte in croce.

    Ascolta la lettura delle
    prime pagine del libro su RadioAlt


    Recensioni 1 - 20 di 98 recensioni presenti.  Media Voto: 2.87 / 5


    Giuseppe (03-12-2007)
    Ottimo libro. Adatto a chi pensa, a chi si pone sani dubbi, a chi
    sa calarsi nel contesto storico in cui sono narrati i fatti. Bisogna
    cercare di viaggiare nel tempo e vedere, sentire, vivere come
    in quel periodo. Allora molte cose ci saranno più chiare.
    Leggete anche Ehrman Bart D. e Elaine Pagels. Adatto anche
    ad atei e credenti di altre religioni, per capire e riconsiderare
    anche le proprie convinzioni. Certamente non è adatto a chi
    "crede obbediente" ad altri uomini (intermediari)
    e non cerca dentro di sè e fuori di sè.
    Voto: 5 / 5



    AliceInWonderland (20-11-2007)
    E' vero che, secondo me, non è uno dei migliori Augias,
    purtroppo, secondo me colpa della struttura "domanda-risposta"
    che rende la narrazione meno fluida...rimango però molto delusa
    dai commenti dei lettori attaccati ciecamente ai preconcetti.
    A pochi è venuta l'idea che forse alcune persone vorrebbero
    conoscere il Gesù "storico", o anche riconoscerlo in una forma
    più umana che divina (come nel Vangelo secondo Gesù Cristo,
    esempio un po' banale lo devo ammettere, ma un libro che ti tocca il cuore)
    per ricominciare a crederci. O che non sempre esiste una sola verità.
    O che bisogna vagliare (non ho detto "credere a", non voglio essere fraintesa)
    o anche solo semplicemente ascoltare tutte le possibili spiegazioni
    che ci vengono offerte. Un coraggioso Augias questa volta (tema sempre
    abbastanza scottante) e un bravissimo Pesce che riesce a spiegare
    in modo semplice e scorrevole le sue tematiche, secondo me per
    niente attratti dalla scia commerciale di Dan Brown (anche perché
    esiste una non sottile differenza tra questi autori, di stile sicuramente
    ma soprattutto di genere).
    Voto: 4 / 5


    Axe (07-11-2007)
    Sono rimasto molto deluso, dopo la lettura non mi è rimasto nulla,
    tutte cose già conosciute, Augias è abbastanza fazioso e a volte fastidioso,
    insiste con domande insignificanti mentre ne tralascia moltissime altre molto
    + importanti. Una perdita di tempo.
    Voto: 1 / 5


    Anthony (02-11-2007)
    Libro che non consiglio, non lascia nessun tipo di insegnamento
    e a tratti è molto noioso. L'ho trovato come una noiosa analisi
    dei testi religiosi. Non dò il minor voto solo perchè è ben
    schematizzato e alcuni punti ti prendono...anche se sono quasi rari
    Voto: 2 / 5


    erik (14-09-2007)
    Il libro è ben scritto e strutturato, e credo possa costituire un'ottima introduzione
    a chi si voglia accostare agli studi biblici. Data la molteciplità degli argomenti,
    risulta talvolta un po' "svelto" e superficiale (su alcune cose avrei anch'io
    delle domande da fare al prof. Pesce). Meriterebbe un quattro, ma gli do
    cinque per tentare di riequilibrare la miriade di giudizi negativi dettati solamente
    da furore ideologico e dottrinale, e da una certa ignoranza.
    Chi sa che dopo il Concilio di Trento la lettura e il possesso dei Vangeli venne
    proibita e i testi sacri messi all'Indice, perché non si voleva che il popolo ne
    conoscesse i contenuti (questo fino al 1963)? Evidentemente la conoscenza
    è ancora un tabù per certi cattolici, che dicono di credere in qualcosa
    di cui però si mantengono orgogliosamente ignoranti.
    Voto: 5 / 5

    Cristiano De Scisciolo (10-09-2007)
    Lettura molto interessante per scoprire tutti gli aspetti di un uomo
    che spesso pensiamo di conoscere ma che, dal punto di vista storico,
    conosciamo ancora troppo poco. Alcuni aspetti potevano forse essere
    approfonditi maggiormente, ma nel complesso il libro è comunque
    un'ottima opportunità di conoscenza. Scritto in maniera semplice,
    si legge senza problemi.
    Voto: 4 / 5

    mauro Ortis (01-09-2007)
    Il libro di Augias-Pesce, non é certo un testo per specialisti, per addetti ai lavori
    (leggi storiografi, teologi, critici, ecc), bensí é all'uomo comune che si dirige,
    per farlo riflettere su un argomento che avvolge da "sempre" la storia occidentale.
    Semplice e onesto, ci da dei dati interessanti, che sicuramente non si potranno
    mai trovare nelle note delle varie edizioni in commercio del Nuovo Testamento.
    In risposta a tutti coloro che hanno dato un voto negativo, mi domando quali
    i preconcetti, dove la ripetitivitá, in che senso difficile da leggere, perché
    si accusa Augias se le teorie sono di Mauro Pesce, riconosciuto esperto
    in storia del Cristianesimo, infine perché non piace che si parli di Gesú
    differentemente dai canoni prestabiliti. Nessuna di queste persone
    ha mai sentito parlare di critica biblica? Insieme a "Inchiesta su Gesú",
    consiglio di leggere anche "Gesú non l'ha mai detto", di Bart Ehrman,
    sempre della Mondadori.
    Voto: 4 / 5


    Giacomo (22-07-2007)
    Il libro del professor Pesce spiega molto bene l'evoluzione e l'interpretazione
    della lettura da parte dei primi cristiani della figura dell'ebreo Yehoshua
    da Nazareth. Il testo chiarische come la figura di questo rabbi e profeta
    sia stata usata nei vangeli e spiega l'influsso ellenistico che il cristianesimo
    nascente ha subito. Un libro chiaro, esaustivo, importante per le citazioni
    dai Vangeli e snello nella forma usata: dialogo tra Augias e il professore
    antropologo. un 5 e mezzo
    Voto: 5 / 5


    alexdelarge (18-07-2007)
    Non ho ancora finito di leggere il libro, che però fin'ora mi pare ben costruito
    e condotto con una certa maestria da chi, il mestiere di giornalista, lo sa fare.
    Noto però alcune cose, in certi commenti, che mi lasciano perplesso,
    soprattutto quello che parla dell'elettricità e del fatto che Gesù non
    ne parlò mai...mi sembra una delle più grosse assurdità che abbia mai sentito
    dire in tutta la mia vita, davvero. Perchè avrebbe dovuto parlare di elettricità?
    e perchè non della forza di gravità? Ancora: sul fatto che il libro sia di difficile lettura:
    il libro mi pare fin troppo semplice, troppo preoccupato di farsi capire da tutti.
    Pesce è un antropologo e uno storico riconosciuto ovunque, non è Dan Brown...
    se volete leggere qualche mistero misterioso, compratevi codice da vinci...su...
    Voto: 3 / 5

    Casimiro (20-06-2007)
    Libro che non giova a nulla, pieno di preconcetti. Da evitare, non lascia nessun
    segno edificante dopo la lettura
    Voto: 1 / 5

    chiara svetia76@hotmail.com (18-06-2007)
    Dopo aver preparato l'esame di Storia Romana sulla storia del cristianesimo
    ho avuto curiosità di leggere anche questo testo. Secondo me è leggibile
    e piacevole e spiega facilmente argomenti molto complessi. Mi è dispiaciuto
    vedere i commenti negativi fatti al testo legati da un'accecata fede
    e da una certa ignoranza. Senza offendere nessuno, ignoranza dal gergo ignorare.
    Non si possono accusare le persone senza possedere un bagaglio sufficiente
    di cultura per poter criticare. Che il libro tratti un tema ripreso in passato
    da altri autori è comprensibile visto che parla di un tema che tutt'oggi spacca
    l'opinione pubblica in due filoni di pensiero assai diversi(cattolici-atei).
    La cosa su cui riflettere di più è la costruzione di una chiesa cattolica che
    predica bene ma purtroppo al giorno d'oggi razzola male. Gesù parlava
    di carità al suo popolo e gli apostoli predicarono la buona novella in maniera
    universale, peccato che oggi il Santo Padre usi vestirsi e sfoggiare tutto
    quel benessere che non fa parte della chiesa povera...questa, secondo
    me, è la riflessione più importante che ci ha insegnato
    Gesù, sia stato semplice uomo o figlio di Dio.
    Voto: 4 / 5


    Roberto (05-06-2007)
    Credo che la diatriba in corso all'interno di questo forum tra sostenitori
    della fede e sostenitori della ragione non abbia motivo di esistere.
    Chi possiede infatti il dono della fede non ha certo bisogno di sapere
    che le gesta di Gesù siano corroborate da riscontri storicamente
    accertabili. D'altra parte, chi si appella a una visione laica dei fatti,
    non può prestare credito a fatti come la nascita verginale
    o la resurrezione. Sono due visioni inconciliabili che partono da due
    approcci diversi che non possono in alcun modo convergere.
    Detto questo, da non cattolico, credo che il libro di Augias e Pesce
    abbia comunque il merito di affrontare il tema in questione
    con una onestà intellettuale di fondo che difficilmente può essere
    contestata. Il libro, infatti, non mira a mio avviso a intaccare
    la fede dei credenti, ma ad analizzare i fatti secondo una prospettiva
    puramente storica. I dubbi sollevatinel testo, quindi, non hanno
    a che vedere con una critica della fede in sé, quanto, piuttosto,
    con la difficoltà oggettiva di operare una ricostruzione del tutto
    veritiera. Ritengo, quindi, che 'Inchiesta su Gesù' sia un libro
    da leggere assolutamente e, per questo, mi sento di consigliarlo.
    Voto: 4 / 5


    Marco (30-05-2007)
    Ho trovato il libro molto interessante se non altro per gli aspetti
    dei Gesù che nonostante siano palesi negli stessi vangeli canonici
    sono stati eclissati dalla dottrina da catechismo. Aspetti come
    la formazione ebraica di Gesù dovrebbero essere ben noti a chi
    si considera credente. Forse ha poco ritmo ed è un pò monocorde
    nel susseguirsi degli argomenti, ma tutto sommato è ricco di spunti
    e riflessioni stimolanti. Certo, chi legge la Bibbia da credente cerca
    sempre di trascendere i caratteri più prettamente umani di Gesù,
    nonchè i tanti elementi contraddittori e assurdi delle Sacre Scritture,
    ma chi come me non crede può trovarvi una testimonianza libera
    dalle apologie di una figura comunque rilevante dal punto di visto storico.
    Voto: 4 / 5


    vittorio (24-05-2007)
    Da ateo che negli ultimi tempi prova crescente interesse per le religioni
    sia per spontanee esigenze dello spirito sia per il peso che esse
    hanno nella storia del mondo odierno, trovo che questo libro fornisca
    importanti elementi su Gesù e sul cristianesimo. Alla fine mi è rimasta
    l'impressione viva per la grandezza del personaggio: è come se
    per la prima volta finalmente avessi incontrato “fisicamente”
    un Gesù vero, plausibile, concreto, un personaggio enorme,
    pur nella perdurante indeterminatezza storico-biografica.
    Un libro interessante, un pò noioso nella parte centrale
    (per lo stile pacato e monocorde di Pesce che non si scompone
    minimamente nemmeno di fronte alle sottili provocazioni di Augias
    che tenta ogni tanto di alzare il ritmo) ma chiaro, implacabile
    e oserei dire “sfrontato” nella sostanza delle cose affermate
    (sfrontato per i guardiani dell'ortodossia che impone -
    con il beneplacido della politica-che-rinnega-la-laicità-per-un-pugno-di-voti -
    la cappa di censura oggi imperante). Purtroppo l'irritazione di certi commenti
    mostra come intolleranza e fanatismo religioso siano veleni diffusi ovunque,
    anche “qua”. “Gesù era un ebreo, non un cristiano”: ovvio, ma che fastidio
    sentirselo dire! Comprensibile e scontata, d'altronde, la “condanna”
    da parte del Vaticano (peraltro abbastanza sommessa rispetto
    allo stile in voga di questi tempi, visti i pochi appigli che evidentemente
    il testo fornisce): è sufficiente avere un minimo di libertà di spirito
    per trarre l'ovvia conclusione di quale tradimento abbia operato la Chiesa
    nel corso di due millenni non solo rispetto alle “verità” storiche ma anche
    a quelle spirituali, ai fatti e all'insegnamento di Gesù. Temo che se
    Egli tornasse oggi dalle nostre parti e si ripetesse pari-pari nei gesti
    e nelle parole, finirebbe nuovamente crocefisso (si spera solo metaforicamente)
    dalla nuova santa alleanza politico-religiosa: un sovversivo, un agitatore,
    un disturbatore della quiete pubblica, un distruttore della famiglia..
    insomma, un terrorista!
    Voto: 4 / 5


    Giuseppe (22-05-2007)
    Nonostante le accese critiche delle frange "Integraliste" ho trovato
    il libro molto interessante. Ritengo pienamente condivisibili le teorie
    di Pesce sulle stesure dei vangeli e l'intero corpus dottrinale sviluppato
    nel corso dei secoli dalla Chiesa Cattolica. Ritengo assolutamente verosimile
    che molti abbiano aggiunto di loro pugno, in buona fede, e sia necessario
    scavare in profondità con le metodologie e le conoscenze odierne,
    per riportare alla luce la vera essenza delle parole di Gesù.
    Come cristiano la cosa non mi turba affatto, mi preoccupano
    di più i dogmi assoluti e intangibili.
    Voto: 5 / 5


    Francesco (22-05-2007)
    Libro, a mio modo di vedere, assolutamente inutile! Monotono, ripetitivo...
    una miscellanea di argomenti e soprattutto di ipotesi (si arriva ad accostare
    le parole Gesù e Comunismo, etc.). Non ho finito di leggerlo, cosa grave
    per me che i libri li divoro come si divora un gelato d'estate!!!
    Voto: 1 / 5

    Dino (20-05-2007)
    Ottimo spunto per una riflessione attenta ed accurata non solo del tronco di religione
    (comunemente chiamato Cristianesimo) ma anche delle sue radici (ebraismo)
    e dei suoi rami (cattolici e protestanti in genere). Facile da leggere perché
    improntato sotto forma di intervista evidenzia le poche certezze storiche
    su un personaggio tanto discusso e per il cui nome sono stati commessi
    atti di puro amore così come di atroce follia. Equilibrato e professionale
    Augias non si smentisce per la sua acutezza. Il voto complessivo risulta
    essere basso perché fonte di una cultura strettamente italiana pronta
    a contestare qualunque idea che vada contro i propri credi o principi.
    Il libro non critica la/e chiese ma si "limita" ad una ricostruzione storica
    dei primi secoli del primo millennio. p.s. Coloro che hanno paragonato
    questo libro al codice da Vinci hanno letteralmente dimostrato
    un'incompetenza letteraria a 360°
    Voto: 5 / 5


    Ocram (04-05-2007)
    Deludente e per nulla facile da leggere e capire. Uno di quei libri
    che si fa molta fatica a finire ed il cui prezzo non vale assolutamente il contenuto.
    Voto: 1 / 5


    ANTONINO CANDILORO antonino.candiloro@fastwebnet.it (03-05-2007)
    Non è altro che una "ribollita" di vecchi, triti ragionamenti già affrontati
    dai "razionalisti" degli ultimi due secoli: LOISY, HARNACK, BULTMANN
    e quant'altri. Sfrutta la tragica, diffusa ignoranza del pubblico in materia,
    attuando un'operazione a fini esclusivamente commerciali, sulla scia
    di Dan Brown che si è' furbescamente rifatto alle "rivelazioni" di Baigent,
    Leigh e Lincoln... (cfr. "Il Santo Graal, 1982). Peraltro l'unico motivo
    per cui viene rifiutato il DOGMA si basa su un altro DOGMA: quello
    (razionalista) DELL'IMPOSSIBILITA' DEL MIRACOLO!
    Voto: 1 / 5

    Francesco (03-05-2007)
    Niente di speciale..Peccato! mi aspettavo qualcosa in più da Augias.
    Voto: 2 / 5


    Recensioni 1 - 20 Recensioni 21 - 40 Recensioni 41 - 60 Recensioni 61 - 80
    Recensioni 81 - 98


      http://www.internetbookshop.it/code/9788804560012/
    augias-corrado/inchiesta-gesu-chi.html   



    Biblioteca

    L'illusione di Dio, di Richard Dawkins.

    Dio non è grande, di Christopher Hitchens.

    Perché non possiamo essere cristiani, di Piergiorgio Odifreddi.

    La Chiesa antievoluzionista, di Francesco D'Alpa.

    La mistica della soggettività, di Pier Giuseppe Milanesi.

    Il Dio ignoto, di Biagio Catalano.

    > Tutta la Biblioteca

    Dio non è grande

    Come la religione avvelena ogni cosa
    Christopher Hitchens

    Casa editrice: Einaudi
    Collana: Stile libero inside
    Anno pubblicazione: 2007
    Prezzo: 14,50
    Genere: altre religioni
    Volumi: 1
    Pag: 271


    Descrizione:
    Muovendosi tra l’analisi dei testi di fondazione
    delle grandi religioni
    ( in primis, Bibbia e Corano) e la riflessione
    sull’attualità politica e sullo scontro di civiltà
    in atto, Hitchens costruisce un atto
    di accusa contro le follie che l’uomo commette
    nel nome del suo credo.
    Partendo da una disamina del potenziale
    distruttivo delle religioni, ne mette a nudo
    le conseguenze piú devastanti: oscurantismo,
    superstizione, intolleranza, senso di colpa, terrore
    verso la sessualità, anti-secolarismo.
    Contro questi non valori, e memore
    della grande tradizione laica anglosassone,
    Hitchens reclama a gran voce un ritorno ai fasti
    dell’Illuminismo, intessendo un elogio arguto
    e a tratti commovente della ragione umana.





    Sito sul fondamentalismo cristiano negli USA.
    http://archiviomarini.sp.unipi.it
    /99/01/Religione_e_democrazia_negli_Stati_Uniti_1.pdf


    Tutto il libro di Odifreddi :
    "Perchè non possiamo essere cristiani
    (e meno che mai cattolici)" in PDF, gratis...
    http://www.buccarello.it/aldo/Odifreddi_Piergiorgio_
    Perche_Non_Possiamo_Essere_Cristiani.pdf



    Manifesto Laico

    I nuovi punti del MANIFESTO LAICO (3 giugno 2000)

    Adesioni e primi firmatari del MANIFESTO LAICO

    MANIFESTO LAICO
    Esiste anche un’altra Italia. E se ne deve tenere conto.
    L’Italia laica di chi crede che la convivenza civile
    si fondi sullo spirito critico di ciascun cittadino.

    L'illusione di Dio

    Le ragioni per non credere



    Casa editrice: Mondadori
    Collana: Saggi
    Anno pubblicazione: 2007
    Prezzo: 19,00
    Genere: filosofia
    Volumi: 1
    Pag: 400


    Descrizione:
    Richard Dawkins è uno dei più famosi scienziati di oggi
    e uno dei più strenui difensori della teoria darwiniana
    della selezione naturale, a cui ha dedicato libri di enorme
    successo, a partire da Il gene egoista fino a Il racconto
    dell'antenato. Ma Dawkins, indicato recentemente come
    uno dei tre intellettuali più influenti del mondo, è anche
    un ateo convinto, e non ha nessuna intenzione di nasconderlo.

    La tesi di questo suo nuovo libro, che ha suscitato un enorme
    clamore nel mondo anglosassone e ha generato un dibattito
    accesissimo, è molto semplice:
    Dio non esiste e la fede
    in un essere superiore è illogica, sbagliata
    e potenzialmente mortale, come millenni di guerre di religione
    e la recente minaccia globale del terrorismo
    fondamentalista islamico dimostrano ampiamente.

    Agli occhi di Dawkins, ogni religione condivide lo stesso errore
    fondamentale, vale a dire l'illusoria credenza nell'esistenza
    di Dio, e, con essa, la pericolosa sicurezza di conoscere una verità
    indiscutibile perché sacra.


    Con il suo stile efficacissimo, sviluppando in dettaglio una grande
    quantità di argomenti, Dawkins ha scritto un manifesto di orgoglio
    intellettuale contro tutte le fedi e un attacco in piena regola
    a ogni forma di credenza religiosa, senza, tuttavia, cadere
    nella sterile polemica e nella contrapposizione dogmatica.

    Un saggio esplosivo, che affronta con il rigore
    del ragionamento scientifico una materia delicata
    e incandescente, prendendo in modo risoluto
    una posizione controversa.
     

    .............................................

    Ho appena finito di leggere “l’illusione di dio” di Richard Dawkins.
    Un bellissimo libro che definirei “terapeutico”.

    Leggetelo ve lo consiglio vivamente, specialmente se siete
    religiosi o superstiziosi, magari non praticanti, ma di quelli
    che ci credono così e così o per favore alla famiglia

    o per non dare adito a voci scomode e pettegolezzi.
    Si può essere senza dei e liberi da superstizioni eppure
    felici, sereni, moralmente saldi, curiosi del mondo,
    desiderosi di vivere la sola vita che abbiamo in pieno e molte altre cose.
    Insomma leggetelo, ve lo consiglio fortemente, alla fine
    vi sentirete più consapevoli di cose che molto probabilmente
    già macinavate più o meno coscientemente nel vostro cervello
    e soprattutto più leggeri e liberati.

    Liberate la mente, leggete questo libro, perchè guarire
    dal morbo delle superstizioni e delle religioni si può.

    collegamenti utili:

    http://richarddawkins.net/
    http://www.bol.it/libri/scheda/ea978880457082.html
    http://www.libreriauniversitaria.it/illusione-dio-ragioni-
    non-credere/libro/9788804570820

    http://www.internetbookshop.it/ser/serdsp.asp?isbn=
    9788804570820

    L'ILLUSIONE DI DIO

    Guardate questi filmati di Richard Dawkins. Sono da vedere e meditare:


    http://dailymotion.alice.it/agnosticismo/video/x1a3gf_lillusione
    -di-dio-13-richard-dawkin


    http://dailymotion.alice.it/agnosticismo/video/x1a2m1_
    lillusione-di-dio-23-richard-dawkin

    http://dailymotion.alice.it/agnosticismo/video/x1a088_
    lillusione-di-dio-33-richard
    -

    Trattato di ateologia


    Michel Onfray

    Traduttore: Gregorio De Paola
    Casa editrice: Fazi
    Collana: Le terre interventi
    Anno pubblicazione: 2005
    Prezzo: 14,00
    Genere: filosofia
    Volumi: 1
    Pag: 224


     


    Descrizione:
    Dio non è affatto morto, o se lo era è ormai nel pieno
    della sua rinascita, in Occidente come in Oriente.
    Di qui l'urgenza, secondo Onfray, di un nuovo
    ateismo argomentato, solido e militante.
    Un ateismo che non si definisca solo in negativo,
    ma si proponga come nuovo e positivo atteggiamento
    nei confronti della vita, della storia e del mondo.
    L'ateologia (il termine è mutuato da Bataille)
    deve in primo luogo avanzare una critica massiccia
    e definitiva ai tre principali monoteismi, poi proporre
    un deciso rifiuto dell'esistenza del trascendente e promuovere
     finalmente, dopo millenni di trascuratezza, una cura
    per "il nostro unico vero bene: la vita terrena",
     il benessere e l'emancipazione dei corpi e delle menti
    delle donne e degli uomini. Ottenibile solamente
    attraverso una "decristianizzazione radicale della società".


    http://it.wikipedia.org/wiki/Trattato_di_ateologia

    Zapatero.
    Il socialismo dei cittadini


    Marco Calamai Aldo Garzia
    José Luis Rodriguez Zapatero

    Brossura. Feltrinelli 2006.
    ISBN: 8807171171 / 88-07-17117-1
    EAN: 9788807171178

    Zapatero. Il socialismo dei cittadini
    Descrizione della casa editrice


    Zapatero. Il socialismo dei cittadini:
    José Luis Rodríguez Zapatero, il giovane primo
    ministro spagnolo (45 anni) del più giovane
    governo europeo, è un premier politicamente
    "anomalo". Le sue scelte internazionali (tra cui
    l'immediato ritiro dall'Iraq) e quelle interne
    (in particolare, le riforme civili: matrimonio
    per i gay, legge integrale contro la violenza
    maschile, divorzio più facile, rilancio dell'istruzione
    pubblica, nuove normative sull'aborto e la procreazione
    assistita) hanno suscitato grande entusiasmo
    nella società civile spagnola e internazionale
    ma anche aspre critiche. Dubbi e incomprensioni
    nei riguardi del "radicalismo" di Zapatero sono
    emersi anche all'interno delle socialdemocrazie
    europee. Ma Zapatero rappresenta ormai un punto
    di riferimento, non solo in Spagna, per i nuovi
    movimenti, i collettivi femministi e anche per molti
    settori della sinistra europea, che auspicano
    con forza il rinnovamento della tradizione
    socialdemocratica. E dopo quasi due anni di governo,
    Zapatero resta un politico "alternativo".


    Il “socialismo dei cittadini” e gli studi di Amartya Sen ...

    “Il nuovo socialismo non teme la voce dei cittadini,
    contiene la libertà nel cuore del suo progetto.
    Un socialismo in cui l’estensione della democrazia, ...
     www.radioradicale.it/il-socialismo-dei
    -cittadini-e-gli-studi-di-amartya-sen
     - 20k -
    Copia cache -
    Pagine simili - Salva risultato

    Il Socialismo dei Cittadini | RadioRadicale.it

    Il Socialismo dei Cittadini. Perugia, 11 novembre
    2007 - 10:00. » playlist, Invia a un amico, Stampa.
    (dal 10 all'11 novembre 2007) ...
    www.radioradicale.it/scheda/239737/
    il-socialismo-dei-cittadini
     - 40k -
    Copia cache -
    Pagine simili - Salva risultato

    [ Altri risultati in www.radioradicale.it ]

    Giangiacomo Feltrinelli Editore - Libri/DVD - Zapatero. Il ...

    Interviste e reading. Aldo Garzia su Zapatero. Il socialismo
    dei cittadini · Marco Calamai presenta Zapatero.

    Il socialismo dei cittadini
    · Elenco completo ...
     www.feltrinellieditore.it/SchedaLibro?id_volume=5000594
    - 43k -
    Copia cache - Pagine simili - Salva risultato

    Giangiacomo Feltrinelli Editore - In Diretta - Aldo Garzia su ...

    Il socialismo dei cittadini. A cura della redazione
    di www.feltrinelli.it ... Marco Calamai presenta
    Zapatero. Il socialismo dei cittadini ...
     www.feltrinellieditore.it/IntervistaInterna?id_int=1772 -
    41k -
    Copia cache - Pagine simili - Salva risultato
    [ Altri risultati in www.feltrinellieditore.it ]

    La Nuova Ecologia - Zapatero, il socialismo dei cittadini

    SPAGNA|. Zapatero, il socialismo dei cittadini ...
    metà donne), l’estensione dei diritti di cittadinanza
    e dei diritti sociali,
    la conferma dell’idea laica ...
     www.lanuovaecologia.it/iniziative/spettacoli/5346.php -
    37k -
    Copia cache - Pagine simili - Salva risultato

    BOL | Libri | Calamai, Garzia, Zapatero, Zapatero. Il socialismo ...

    Il socialismo dei cittadini. | 1ª ed. Marco Calamai,
    Aldo Garzia, José Luis Rodriguez Zapatero. Prezzo
    di copertina: Euro 12,00 Servizio standard ...
     www.bol.it/libri/scheda/ea978880717117.
    html&referrer=lbsitvir010101
    - 52k -

    Copia cache
    - Pagine simili - Salva risultato

    Zapatero. Il socialismo dei cittadini - Libro - Calamai Marco ...

    Zapatero. Il socialismo dei cittadini, Calamai Marco,
    Garzia Aldo, Zapatero José L.. José Luis Rodríguez Zapatero,
    il giovane primo ministro spagnolo (44 ...
     www.libreriauniversitaria.it/zapatero-socialismo-
    cittadini-calamai-marco/libro/9788807171178
    -
    19k -
    Copia cache -
    Pagine simili
    - Salva risultato

    ZAPATERO. IL SOCIALISMO DEI CITTADINI - libri - GAY.tv

    GAY.tv libri - Recensioni dei milgiori libri in libreria di Gabriele Strazio.
     www.gay.tv/ita/magazine/we_like/dettaglio.asp?i=2040 -
    70k -
    Copia cache - Pagine simili - Salva risultato

    giovanisocialistipuglia.ilcannocchiale.it - Il socialismo italiano ...

    Nel Manifesto di Boselli, Spini e Angius un posto
    centrale occupa il Socialismo dei cittadini,
    racchiuso nell’omonimo bel libro di Zapatero. ...
     http://giovanisocialistipuglia.ilcannocchiale.it/
    ?id_blogdoc=1710103
    - 26k -
    Copia cache -
    Pagine simili
    - Salva risultato

    Movimento Radicalsocialista - Zapatero, il socialismo dei cittadini

    Per il premier spagnolo, è infatti decisiva la partecipazione
    attiva e continua dei cittadini per evitare che le
    ricorrenti tentazioni autoritarie si ...
     www.radicalsocialismo.it/index.php?option=com
    _content&task=view&id=88&Itemid=73
    - 41k
    -
    Copia cache - Pagine simili - Salva risultato


    http://www.google.com/search?q=Il+socialismo+
    dei+cittadini&rls=com.microsoft:*:IE-SearchBox&ie
    =UTF-8&oe=UTF-8&sourceid=ie7&rlz=1I7GFRD

    Altri Libri

    L' orologiaio cieco. Creazione o evoluzione?

    L' orologiaio cieco.
    Creazione o evoluzione?

    di Dawkins Richard

    Sconto 25%

    Dio non è grande. Come la religione avvelena ogni cosa

    Dio non è grande.
    Come la religione avvelena
    ogni cosa

    di Hitchens Christopher

    Sconto 20%


    Perché non possiamo essere cristiani (e meno che mai cattolici)

    Perché non possiamo essere cristiani
    (e meno che mai cattolici)

    di Odifreddi Piergiorgio

    Sconto 15%

    La vita meravigliosa. I fossili di Burgess e la natura della storia
    La vita meravigliosa.
    I fossili di Burgess e la natura della storia

    di Gould Stephen J.


    Una fortuna cosmica.
    La vita nell'universo:
    coincidenza o progetto divino?

    http://www.bol.it/libri/scheda/ea978880457
    167.html;jsessionid=20B70BC3E320F18D980990ABBE4E31F0


    Una fortuna cosmica :: BABYLONBUS :: www.babylonbus.org

    Una fortuna cosmica Collana: Saggi Pagine: 376 Prezzo:
    € 19,00 Nel suo nuovo libro, il fisico Paul Davies esamina
    la possibilità che esistano infiniti ...
    http://www.babylonbus.org/modules.php?op=modload&name
    =News&file=article&sid=379894
     - 45k -

    Copia cache
    - Pagine simili - Salva risultato

    BOL | Libri | Davies, Una fortuna cosmica. La vita nell'universo ... - 15:35

    Una fortuna cosmica. La vita nell'universo: coincidenza
    o progetto divino. | 1ª ed. Paul Davies. Prezzo di copertina:
    Euro 19,00 Servizio standard ...
    http://www.bol.it/libri/scheda/ea978880457167.html;jsessionid=20B70BC3E320F18D980990ABBE4E31F0 - 54k - Copia cache - Pagine simili - Salva risultato

    Una fortuna cosmica - it.scienza.fisica | Google Groups

    Local: Sat, Nov 24 2007 6:53 pm. Subject: Una fortuna cosmica
    ... Local: Mon, Nov 26 2007 3:59 am. Subject: Re: Una fortuna cosmica ...
    http://groups.google.com/group/it.scienza.fisica/browse
    _thread/thread/a9399cd39cc381d8
     -
    70k -
    Copia cache - Pagine simili - Salva risultato

    Libro - IBS - Una fortuna cosmica. La vita nell'universo ...

    Libro di Davies Paul,Una fortuna cosmica.
    La vita nell'universo: coincidenza o progetto divino?,Mondadori.
     http://www.internetbookshop.it/code
    /9788804571674/davies-paul/fortuna-cosmica-vita.html
    - 28k -
    Copia cache - Pagine simili - Salva risultato

    Una fortuna cosmica. La vita nell'universo: coincidenza o progetto ...

    Una fortuna cosmica. La vita nell'universo: coincidenza
    o progetto divino?, sconto 20% Davies Paul. Da qualche
    tempo, fisici, astronomi e cosmologi hanno ...
    http://www.libreriauniversitaria.it/fortuna-cosmica-vita-nelluniverso-coincidenza/libro/9788804571674 - 24k -
    Copia cache - Pagine simili - Salva risultato

    Segnala "Una fortuna cosmica. La vita nell'universo: coincidenza o ...

    Una fortuna cosmica. La vita nell'universo:
    coincidenza o progetto divino? Una fortuna cosmica.
    La vita nell'universo: coincidenza o progetto divino? ...
    http://www.libreriauniversitaria.it/product_recommend.html?prod_id=BIT8804571675 -
    16k -
    Copia cache - Pagine simili - Salva risultato

    Una fortuna cosmica - it.scienza.fisica | Google Gruppi

    Locale: Dom 25 Nov 2007 00:53. Oggetto: Una fortuna cosmica
    ...
    Locale: Lun 26 Nov 2007 09:59. Oggetto: Re: Una fortuna cosmica ...
     http://groups.google.it/group/it.scienza.fisica
    /browse_thread/thread/a9399cd39cc381d8
    - 71k -
    Copia cache - Pagine simili - Salva risultato

    HOEPLI.it :: MONDADORI, DAVIES PAUL, FORTUNA COSMICA (UNA ...

    FORTUNA COSMICA (UNA) LA VITA NELL'UNIVERSO:
    COINCIDENZA O PROGETTO DIVINO? Genere: Libri. Editore:
    MONDADORI Pubblicazione: 10/2007 Numero di pagine: 367 ...
    http://www.hoepli.it/libro.asp?ib=9788804571674&pc=000012010001000 - 89k - Copia cache - Pagine simili - Salva risultato

    la Feltrinelli - Una fortuna cosmica

    Ma qual è, allora, la spiegazione della nostra fortuna cosmica?
    Secondo Davies, non esistono universi alternativi,
    ma solo il nostro, in cui le osservazioni ...
    http://www.lafeltrinelli.it/istituzionale/catalogo/scheda_prodotto.aspx?i=2488272  - 133k - Copia cache - Pagine simili - Salva risultato

    LiberOnWeb - Fortuna cosmica (Una)

    Fortuna cosmica (Una). Mondadori. - Collana: Saggi. Pagine 367
    - Formato 15x21 - Anno 2007 - EAN13 9788804571674 Argomenti:
    Astronomia, Scienze ...
    http://www.liberonweb.com/asp/libro.asp?ISBN=8804571675 - 14k - Copia cache - Pagine simili - Salva risultato




    Paul Davies


    Prezzo di copertina: Euro 19,00


    Contenuto:
    Per millenni gli uomini hanno osservato il cielo
    pieni di meraviglia, chiedendosi: perché siamo qui?
    Come ha avuto origine l'universo? E che senso ha
    la nostra esistenza nel cosmo? Fino a tempi recenti,
    la risposta a questi grandi interrogativi
    è stata appannaggio di preti e filosofi, ma oggi
    gli scienziati stanno cominciando a intervenire nel dibattito,
    con idee che sono insieme sorprendenti e profondamente
    controverse.

    Come ci racconta con chiarezza Paul Davies, le recenti
    scoperte scientifiche mettono in luce un fatto che lascia
    perplessi: molte caratteristiche fondamentali dell'universo
    fisico - dalla velocità della luce alla struttura dell'atomo
    di carbonio - sembrano calibrate in modo
    apparentemente miracoloso per permettere
    l'esistenza della vita.

    Spostamenti anche minimi nei valori di queste costanti
    potrebbero dare luogo a universi
    altrettanto fisicamente sensati del nostro, ma senza
    alcuna speranza di ospitare qualcosa
    di simile a uomini, piante e animali. Com'è quindi
    possibile che, di tutti gli universi,
    ci sia capitato in sorte proprio l'unico che sembra
    fatto su misura per produrre la vita?

    Abbiamo forse vinto una sorta di lotteria cosmica,
    il cui premio era la nostra stessa esistenza?
    Una teoria radicalmente nuova afferma, per esempio,
    che esistono davvero tutti gli universi
    possibili, ognuno dei quali è leggermente diverso
    dagli altri, e che si tratta di un caso
    se proprio il nostro, tra gli innumerevoli mondi
    paralleli, è risultato così favorevole alla vita.

    Ma secondo Davies la semplice statistica non può
    risolvere davvero l'enigma della nostra
    esistenza. Il fatto che il nostro universo abbia
    prodotto una forma di vita capace di consapevolezza
    e in grado di comprendere le leggi fisiche
    che lo governano non può essere solo una questione
    di fortuna, per quanto cosmica: il sospetto, allora,
    è che ci sia una trama più profonda, forse
    il dispiegamento di un progetto, se non, addirittura,
    l'intervento di un'entità superiore.

    Componendo in modo rigoroso ma vivace un quadro
    divulgativo delle maggiori teorie cosmologiche,
    Davies passa in rassegna tutte le risposte
    scientifiche all'enigma della nostra esistenza, compresa
    quella per la quale lui stesso propende, ma mette anche
    in evidenza come la scienza non abbia trovato la spiegazione
    definitiva che cerca da sempre, lasciando per il momento
    (ma per quanto tempo ancora?) senza conclusione
    certa questo dibattito millenario.


     


    Servizio standard Spedito normalmente in 3-5 giorni lavorativi
     
    Spedizione immediata Con il Servizio Plus spedizione immediata

    Cartonato | 367 | Mondadori   | 2007 | EAN: 9788804571674




    Il  mio contatto di msn:

    yemilgo@hotmail.it


    come sono


    sesso: maschile

    segno: capricorno

    colore capelli: castani

    colore occhi: castani

    altezza: 177

    torace:  90


    corporatura: normale

    tatuaggi: no

    professione: per ora studente

    carattere: timido

    modi: maschili

    orientamento: gay

    stile capelli: corti

    peso: 70

    numero scarpe: 43

    etnia: europeo

    piercing: no
     
    look: casual


    animali:

    gatti !!!!




    alcool: qualche volta

    fumo: mai

    droghe leggere: mai

    droghe pesanti: mai

    non vivo senza: internet

    chi sa di me: fratello/i , parenti , gli amici ,
    i colleghi , alcuni colleghi

    ...e forse mezzo pianeta...
     
     




    Link  del profilo su gay.tv
    http://www.gay.tv/galamay


    Link del mio profilo su Badooo
    http://galamay.badoo.com/









    R: R: L'omosessualità non è anormalità
    Paola, ETERO    22/11/2006
    03:14

    Questa storia della natura davvero è avvilente per
    chi la cita, e assurgerla come canone di verità
    rasenta l'idiozia. La 'natura' fa venire i tumori,
    la 'natura' fa nascere i bambini autistici, la 'natura'
    non è che il paravento dei vigliacchi
    incapaci di accettare il diverso da sè.


    Paolo Rigliano - Amori senza scandalo

    (Feltrinelli)

    Amori senza scandalo. Cosa vuol dire essere lesbica e gay.

     

    Chi ha detto che essere gay significhi per forza
    trasgressione, anomalia, devianza? Perche' continuare
    a pensare in termini di "legittimazione del diverso"?

    E' tempo di considerare l'omosessualita' come uno dei
    possibili esiti di un percorso di vita normale e comune.

    Lo speciale dedicato al nuovo libro di Paolo Rigliano
    con decine di foto del World Gay Pride.

    Come si sviluppa la personalità gay?
    Perché gay non è solo una sessualità particolare
    ma è un mondo affettivo, un bisogno di relazionarsi
    sentimentalmente ed emotivamente con persone
    del proprio sesso. Questo libro sostiene una visione
    antideterministica dell’omosessualità, spiegandola
    in termini di normali dinamiche di sviluppo affettivo,
    il cui esito è guidato dal significato attribuito alle emozioni
    che il bambino prima, l’adolescente poi, elabora nel corso
    del suo sviluppo interagendo con le figure significative.

    I problemi, le vicissitudini, le opportunità e le scelte
    di questo percorso di vita aperto e non determinato
    vengono descritti nel libro dal punto di vista interiore
    della persona, raccontata seguendo la storia evolutiva –
    dall’infanzia alla maturità – nella rete delle relazioni familiari
    e sociali, nelle limitazioni che la società impone e nelle
    aperture oggi sempre più possibili.

    Per arrivare a delineare come si costituisca una coscienza
    positiva di sé, libera di realizzare il senso del proprio
    progetto esistenziale.

     

    http://www.feltrinelli.it/default.asp?url=/inprofondita/Amori.html

     

    Natura=Realtà. Ogni cosa che esiste è parte
    della natura, persino le malattie e persino la sterilità
    di certe coppie eterosessuali.

    L'omosessualità , che non è una malattia dato che
    non crea danni organici e non anticipa la morte,
    è e continuerà ad essere meno diffusa dell'eterosessualità,
    ma se fosse innaturale semplicemente non esisterebbe.

    Inoltre l'omosessualità non c'entra nulla con l'identità
    di genere...  chi è omosessuale non si sente del sesso
    opposto al suo sesso anatomico. 
    Non è vero che un uomo debba per forza essere attratto
    da una donna, per essere davvero un uomo (e viceversa);
    è vero, semmai, che in natura esistono persone che sono
    attratte da altre persone delo loro stesso sesso, come
    è vero che esistono persone che si sentono del sesso
    opposto è che però sono eterosessuali, quindi si sentono
    attratte da persone del loro stesso sesso anatomico,
    ma con identità di genere opposta alla propria.  
    Omosessualità e transessualità sono cose molto diverse
    e non vanno confuse.


    Il matrimonio, non essendo funzionale alla procreazione
    (che può avvenire anche in coppi non sposate: basta
    fare sesso) in quanto è valido anche per persone di sesso
    diverso che però non hanno figli per scelta deliberata
    o per infertilità o per vecchiaia, non è precludibile
    a noi omosessuali; è un nostro diritti vedere regolata
    e riconosciuta dallo Stato la nostra unione con il nostro
    compagno alla stessa stregua delle coppie omosessuali.

    Riguardo all'adozione di bambini alle coppie omosessuali,
    il problema sta solo nel fatto che verrebbero discriminati
    dai loro compagnetti perchè considerati strani
    (ancora una volta), alla stegua dei loro genitori adottivi,
    ma è molto meglio che vengano adotati anche da una
    coppia gay o lesbica piuttosto che restino in un brefotrofio.

    Caro cattolico e caro conservatore... per te e quelli come te
    le coppie omosessuali non sono famiglia, ma solo se
    per famiglia si intende la "culla della vita"; allora non
    sono famiglia neppure le coppie eterosessuali senza figli
    e le coppie risposate di anziani.

    Se invece intendi l'unione tra uomo e donna anche
    senza figli allora stai solo facendo una discriminazione
    a danno delle persone dello stesso sesso.
    La famiglia è un gurppo di persone (almeno due)
    che si amano reciprocamente e che per  questo
    vivono insieme condividendo un progetto di vita comune.

    Il fatto che le coppie eterosessuali possano anche
    fare dei figli è importante (e lo stato deve agevolere
    quelle coppie che fanno figli e hanno difficoltà
    economiche), ma non da loro il diritto di arrogarsi
    l'esclusività del termine "famiglia".
    Altrimenti siate coerentri e riservate il matrimonio
    soltanto a chi ha figli e precludetelo alle coppie
    di anziani e alle coppie eterosessuali sterili.




    G.al.A.ma.Y.



    Se Dio esistesse veramente ci avrebbe gia' liberato
    del famigerato Bruto Maria Bruti, che ha sparso
    per internet centinaia di articoli nei quali ci illumina
    d'immenso su tutto, con un solo e unico punto di vista:
    quello dell'invasato cattolico che e' convinto di essere
    superiore a tutti in quanto avrebbe la Verita' in tasca.

    La sua, ovviamente, ecco perche' (come Ratzinger)
    ce l'ha tanto col relativismo, perche' il relativismo
    introduce il concetto che le mie idee valgono quanto
    le tue (un affronto intollerabile per coloro
    che si considerano portavoci dell'Assoluto).

    Bruti scrive con furiosa velocita' articoli che vengono
    puntualmente ospitati solo dai tanti siti dell'ultraintregralismo
    cattolico, Alleanza Cattolica e simili. Tra i suoi bersagli
    preferiti ovviamente gli omosessuali, che si sforza
    con impegno degno di miglior causa di far apparire brutti,
    sporchi e cattivi, malati da curare, esseri inferiori
    moralmente disgustosi e naturalmente peccatori
    svergognati che bruceranno all'inferno.

    Bruti nei suoi "saggi" (le virgolette sono d'obbligo)
    mescola spesso con disinvoltura citazioni prese
    dai testi piu' disparati, alternando allegramente quelli
    scientifici e quelli scritti da papi, teologi e vescovi
    vari, per i quali stravede incondizionatamente.

    Insomma, e' un vero e proprio Guerriero della Cristianita'.
    Magari un giorno lo faranno beato, o santo.
    Non sorprende che il raziocinante e brillante libro
    di Dawkins gli abbia mandato di traverso l'ostia serale,
    visto anche il successo che ha avuto in tutto il mondo.



    **********************************

    La Bussola d'Oro parte bene ma...

    Pubblicato da Stefano Landenna alle 23:13 in Cinema


    Nell'ultimo fine settimana in pieno clima festivo i cinema italiani hanno registrato
    l'affermazione, come era ampiamente prevedibile, di "Natale in crociera"
    e "Una moglie bellissima" classici film di Natale, mentre ha sorpreso
    positivamente il debutto in terza posizione de "
    La Bussola d'Oro",
    controverso lungometraggio fantasy tratto dal romanzo di Philip
    Pulmann, il primo della celebre trilogia "Queste oscure materie".

    Il buon risultato al botteghino (ricordiamo però che in USA è stato un flop
    colossale) non è stato tuttavia accompagnato dal giudizio della critica
    che ha letteralmente stroncato il film ed anche i primi commenti
    degli spettatori (che possiamo leggere online) non sono lusinghieri.
    La storia, rispetto allo splendido libro, viene solo tratteggiata
    e i temi cari a Pulmann (l’esistenza di una presenza mistica oltre
    a quella di Dio e una totale volontà di liberarsi dai vincoli
    e dalle restrizioni delle istituzioni religiose organizzate)
    non vengono praticamente presi in considerazione.

    Certo gli effetti speciali sono sontuosi, ma ormai nessuno
    si sorprende più. Gli aspetti fondamentali in un film di questo
    tipo dovrebbero essere la profondità della storia
    e la caratterizzazione dei suoi protagonisti: entrambi lasciano
    molto a desiderare ne "La Bussola d'oro".

    Vi lascio con i primi cinque minuti in italiano del film che rimane,
    comunque, l'evento fantasy per il Natale 2007 e che merita un vostro giudizio:


    Leggi anche:


    Trackback

    Indirizzo di Trackback per questo post:
     
    http://blog.blogosfere.it/mte/mt-tb.php?tb_id=92693

    La bussola d’oro:
    il film etichettato
    dalla Chiesa come
    anticlericale

    La bussola d'oro

    Oggi in tutti i cinema italiani esce un film fantasy, che si appresta
    a fare a gara con le altre pellicole “panettone” per aggiudicarsi
    il titolo di film di questo
    Natale 2007: stiamo parlando
    de
    La bussola d’oro, dove troviamo una Nicole Kidman
    che veste i panni della cattiva e tanti altri attori famosi.
    Ma come è avvenuto in passato per altri film, anche
    in questa occasione la Chiesa ha voluto dire la sua:
    e la pellicola è stata etichettata come anticlericale.

    Annunci Google

    La polemica è nata negli Stati Uniti, dove alcune associazioni religiose
    si sono scagliate contro questa pellicola, che fa parte di una trilogia.
    Ma anche qui in Italia le polemiche sono molte. La critica ha definito

    La bussola d’oro
    come anticlericale e la Chiesa Cattolica, come
    già successo in precedenza per Harry Potter o per Il codice Da Vinci,
    in questi giorni non ha usato mezzi termini per “scomunicare” il film.

    Forse la colpa è di un’organizzazoine presente nel film, che si chiama
    Magisterium, dove alcune persone vestite con un abito talare
    rapiscono i bambini per rubare loro l’anima. Nikole Kidman,
    protagonista del film, ha voluto difendere così il suo lavoro:
    “Sono stata cresciuta come cattolica e la Chiesa è parte
    della mia essenza. Non avrei potuto interpretare questo
    film se avessi pensato che fosse in qualche modo anticattolico”.


    Articoli correlati


    Commenti (14)

    Feed RSS 2.0 dei commenti


    “la Chiesa Cattolica, come già successo per Harry Potter
    o per Il codice Da Vinci, in questi giorni non ha usato mezzi
    termini per “scomunicare” il film”: sempre più progrediti
    i “signori” della Chiesa! complimenti, così sì che riavvicinerete
    la Chiesa al popolo…
    “Forse la colpa è di un’organizzazione dove alcune persone
    vestite con un abito talare rapiscono i bambini per rubare
    loro l’anima”: bisogna capirli poverini: loro i bambini non
    li rapivano, semplicemente bruciavano le loro madri con
    (assurde) accuse di stregoneria e/o uccidevano tutti quelli
    che non professavano (o anche semplicemente aderivano)
    la loro fede (Giordano Bruno tra i tanti), anche andando
    a prenderli a casa loro (vedi Crociate & co.)!

    Come al solito la Chiesa si dimostra per quello che è realmente:
    un’istituzione vecchia, con regole obsolete e inutili, in una società
    dove riescono a trovare posto solo grazie a quei pirloidi
    che la seguono e la finanziano credendo alle promesse
    che vengono loro fatte…
    ps. as usual, ok per dettare leggi a chi vi segue e apprezza ma,
    per quanto riguarda chi non vi vuole, avreste la buona grazia
    di non rompere imponendoci le vostre idee assurde?
    se, per esempio, per voi l’aborto o l’eutanasia sono
    inconcepibili i vostri “seguaci” sicuramente vi seguiranno
    e le ostacoleranno, ma non è detto che io debba pensarla
    come voi! purtroppo il fatto che l’Italia sia uno stato laico
    è solo una scritta su un vecchio pezzo di carta ormai inutile…


    Mi dispiace contraddirti ma la Chiesa non ha etichettato
    proprio nulla. Semmai alcuni studiosi cattolici hanno sottolineato
    aspetti di ateismo e individualismo nell’opera e hanno espresso
    il loro giudizio come può fare ogni uomo.
    Se credi che uno in quanto cattolico non possa dare
    un suo giudizio allora è la tua mente che è vecchia e chiusa.
    Un pirloide


    vedi zetan, “un pirloide”, ognuno nel mondo è libero
    di dare il suo giudizio come io lo sono di dare il mio…
    nell’articolo veniva citata direttamente la Chiesa
    e non alcuni studiosi: nel caso, ad esempio, del “codice da Vinci”
    questo libro (e il successivo film) sono stati messi ALL’INDICE
    dalla Chiesa stessa e non da alcuni studiosi: quindi non sei
    un buon cattolico se vai a vedere il “codice da vinci”
    (forse potrebbe farti svegliare troppo dall’anestesia
     mentale imposta dalla Chiesa)!!! se non sai cosa vuol
    dire “mettere all’indice” vatti ad informare e fatti un’idea
    di come un’istituzione seguita da milioni di pecoroni abbia
    un suo sistema di censura, non molto diversa da quello
    del fascismo italiano o del comunismo russo-cinese,
    e lo faccia passare come una cosa normale!
    per dirti quanto influente sia questa istituzione, a scopo
    di lucro, in Italia, ti dico solo che, a seguito delle proteste
    per “il codice da vinci” (con la richiesta di NON-TRASMISSIONE
    nei cinema) alcuni cinema si sono rifiutati di proiettarlo!
    ps. ripeto, perchè evidentemente non hai capito: ogni essere umano
    è libero di esprimere le proprie idee (ci mancherebbe) il problema
    è che voi cattolici (la Chiesa in particolar modo) volete che le vostre
    idee vengano sempre etichettate come le migliori e, soprattutto,
    come le UNICHE da seguire PER TUTTI: io cattolico non lo sono
    e mai lo sarò, quindi le vostre idee medievali tenetevele!grazie!
    se uno esprime la propria idea ok, se un religioso la vuole imporre
    in uno stato laico c’è qualcosina che non va, o sono io strano?


    Caro Gio,
    la Chiesa Cattolica esprime una sua opinione e si rivolge ai Cattolici,
    quindi non capisco perchè (come al solito…) quando interviene,
    lo ripeto, RIVOLGENDOSI AI CATTOLICI si levi sempre un’ondata
    di anticlericalismo senza motivo. Mi sembra che inconsciamente
    quasi tutti gli anticlericali (non i veri atei, che scarseggiano…)
    quando condannano accanitamente senza motivo la Chiesa
    e appigliandosi a banali luoghi comuni, o sono gelosi del fatto
    che più di un miliardo di persone (caspita quanti pirloidi!) ne condivida
    le idee, o hanno paura di non avere ragione…
    Per cui, visto che la Chiesa si rivolge ai Cattolici e tu non sei cattolico,
    ergo non ti riguarda e non ti dovrebbe interessare quello che la Chiesa
    consiglia ai suoi fedeli. Ah, e bada che di religioni che vogliono imporre
    le loro idee ai non credenti, se non sbaglio c’è solo qualche ala
    “estremista” mussulmana…sempre che per te i Cattolici non siano
    come i Talebani…



    alcune precisazioni:

    1- io sono ateo in primis (forse una conseguenza di aver studiato
    anche la scienza, che ti aiuta a capire l’inutilità di TUTTE le religioni
    che pongono l’uomo al loro centro, non solo quella cattolica,
    che comunque, secondo me, è tra le più ipocrite e false di tutte)
    e anticlericale di conseguenza;

    2- quando la Chiesa parla non lo fa solo per i Cattolici ma vuole
    includere TUTTI nei suoi “preziosi consigli”: se credi che parli solo
    a voi cattolici sei tu che hai capito male… molto male…
     (in ogni caso consigliare ai propri seguaci di non andare a vedere
    quella cagata di Harry Popper perchè invita alla stregoneria
    mi pare una stupidaggine universale);

    3- “condannano accanitamente senza motivo la Chiesa”:
    senza motivo??????????

    4- il fatto che un miliardo di persone pensino che una cosa
    sia giusta non significa che questa lo sia veramente! se a te
    e altri 999.999.999 di persone sta bene credere a certe cose,
    non vuol dire che esse debbano essere prese per verità fondamentali
    da tutti (e non dire che questo la Chiesa non lo vuole…);

    5- non sono solo i talebani musulmani (una s sola) quelli che impongono
    le proprie regole ai non credenti e se la pensi così sei ancora più
    “close-minded” di quanto si potrebbe pensare…
    Opus Dei (tra le tante) ti dice niente?

    6- per me tra cattolici e talebani non ci sono molte differenze:
    semplicemente la Chiesa cattolica, sviluppandosi nel ricco occidente,
    ha dovuto e HA VOLUTO modernizzarsi rinunciando a cose tipo omicidi,
    violenze di gruppo e roghi di massa di “eretici” per dedicarsi più direttamente
    al dio denaro, cosa, evidentemente, non ancora venuta in mente ai musulmani!
    alcuni atteggiamenti cattolici ricordano molto da vicino quelli dei talebani,
    magari in maniera meno appariscente: nella bella italia cattolicizzata,
    queste prese di posizioni scomode raramente vengono divulgate
    (vedi ad es. il diniego del papa all’incontro col Dalai Lama del quale
    NESSUN tg ha riportato) prefendo tenerle “segrete”!
    in conclusione probabilmente io esaspererò anche il mio ateismo
    ad un anticlericalismo esagerato, ma è anche vero che molti di voi
    cattolici non riescono (o non vogliono) a vedere la realtà!
    il problema forse è che, mentre io ateo i Cattolici semplicemente
    non li posso sopportare, ma non farei mai loro del male, i Cattolici
    reagiscono diversamente se non condividi le loro “belle idee moderne”…
    svegliatevi!


    ah dimenticavo:
    nonostante i preti pedofili in America e non solo (pagate le famiglie
    vittime per non parlare), la ricchezza della Chiesa stessa (poi vengono
    a fare l’elemosina per i poveri mentre loro vivono nell’oro e nel lusso)
    e la diffusione di idee chiaramente sbagliate (no-condom agli africani
    (come se già non avessero aids a manetta), il creazionismo e l’idea
    che il pianeta sia stato creato 5.000 anni fa da Dio per gli uomini)
     la loro maggiore preoccupazione attuale è l’uscita di un film
    che porterebbe all’ateismo???
    bella scala di importanza dei valori che hanno…


    Mi intrometto in questo discorso, sicuramente spinoso e già fin troppo
    acceso, solo per puntualizzare qualche cosa:
    1- non è vero che la scienza faccia capire l’inutilità delle religione
    (lo dico da fisico teorico, non da filosofo o metafisico tanto per
    chiarirsi): ci sono due piani diversi come disse lo stesso Galileo
    (purtroppo allora non capito e condannato da una chiesa
    che ha sbagliato, come lei stessa ha ammesso, seppur con
    un ritardo a dir poco ingiustificabile) la scienza dice come va
    il cielo, la religione come si va in cielo. per quanto le nostre
    conoscenze potranno progredire ci sarà sempre il mistero
    del perché l’universo è a noi comprensibile con “semplici”
    leggi matematiche e del perché sono proprio quelle leggi e non altre…

    2- sono d’accordo con Gio sul fatto che spesso la Chiesa
    si riveli un’istituzione troppo vecchia, legata a idee e
    concezioni un po’ medievali e lenta al cambiamento, ma è
    fatta di uomini e in quanto tali comunque fallibili (i pedofili
    per esempio sono una piaga terribile non solo all’interno
    dei preti o dei cattolici ma in tutta la società): possiamo e
    dobbiamo migliorarla, mantenendola fedele al suo spirito
    originale che è il messaggio di Cristo, cercando comunque
    di capire il perché di certe sue posizioni senza sviluppare
    un rifiuto aprioristico e anticlericale di tutto ciò su cui non
    siamo d’accordo, perché solo così possiamo aiutare a
    sviluppare una coscienza critica in noi e nei nostri interlocutori.

    3- Quando uno è convinto di aver ragione si batte per le
    proprie idee e vorrebbe che anche gli altri cambiassero le loro.
    Se in una votazione la maggioranza delle persone vota secondo
    quanto dice la chiesa si deve accettare questo risultato senza pensare
    ad una imposizione ecclesiale, è il principio fondante della democrazia.
    E’ comunque vero che la Chiesa viene da una storia in cui si è abituata
    ad imporre il suo volere, ma per questo sono convinto che grazie
    all’aiuto di tutti noi pirloidi che ancora ci crediamo potrà riuscire
    mano a mano a migliorare, non penso comunque che oggi come
    oggi imponga alcunché, anzi, chiunque è libero di parlare male
    della Chiesa cattolica e se qualcuno si ribella viene accusato
    di non permettere la libertà di opinione, appena però
    si parla male di altre religioni si viene bollati subito di intolleranza
    e accusati di seminare odio (vedi Oriana Fallaci)….
    4- mi fanno incazzare quelli che pensano che il problema dell’AIDS
    in Africa sia causato o comunque fortemente accentuato della chiesa:
    se in Africa ascoltassero ciò che dice il Papa non ci sarebbe neanche
    il problema, il no al preservativo non è il nocciolo della dottrina sessuale
    cattolica, ma si inserisce in un contesto molto più ampio di amore,
    rispetto e fedeltà (comunque io non sono d’accordo né con il no
    ai preservati né a quello ai rapporti pre-matrimoniali) se tutti facessero
    l’amore solo con la persona che amano (che poi può anche cambiare
    nel corso della vita) la diffusione delle malattie a trasmissione sessuale
    sarebbe praticamente nulla. Il problema sta nel modo in cui si vive
    il sesso, e non solo in Africa: non come manifestazione d’amore ma
    come un momento di puro piacere in cui l’altra persona è ridotta
    a semplice strumento di piacere, per cui il fatto che possa portare
    una malattia è solo una rottura di scatole che ci obbliga ad usare
    delle protezioni. Comunque se in Africa non riescono neanche
    a comprarsi da mangiare come fanno a permettersi i preservativi??
    Conosco delle persone che sono state in missione in Africa che hanno
    visto profilattici stesi ad asciugare…
    5- per tornare a ciò che dovrebbe essere questa pagina, nonostante
    ciò che dice la Chiesa su questo film, penso proprio che se mi capiterà
    l’occasione andrò a vederlo (come ho già fatto con il codice e con
    harry potter) ma con in mente anche il commento della Chiesa
    in modo da poter stare più attento a cogliere quei passi incriminati
    e poter giudicare io stesso….


    premetto che non ho letto il libro!quindi il mio commento è da spettattore
    ignaro della trama(ok..lo aveva letto mio fratello e qualcosa ne sapevo
    ma nulla di più :P ) comunque devo dire che un pochino mi ha deluso.
    Nulla da obiettare ai personaggi,effetti speciali e company..
    ciò che non tollero è che è tutto troppo abbozzato e veloce..
    parte bene(eccetto il riassuntino parlato iniziale =.=) e poi scivola
    inesorabile passando sopra eventi con una velocità e a volte tagli
    mostruosi (speriamo in una versione estesa..ma di molto) i personaggi
    spesso e volentieri sono a malapena abbozzati e gli eventi seguono uno
    dietro l’altro senza nemmeno darti il tempo di raccapezzare qualcosa !!
    il che è un peccato perchè la base per fare un buon film c’era tutta eccome!
    peccato peccato!(non è brutto ma si poteva fare molto ma molto di più)

    vedevo mio fratello nella poltrona accanto a me esagitato per lo scempio
    fatto del libro(secondo lui..io ho appena iniziato a leggere per avere conferma)

    E dire che dopo la boiata di Eragon si fosse capito come lo stravolgere
    e rendere frettolosa la trasposizione di un libro non porti a buoni risultati.

    oltretutto non si deve mai dare per scontato che tutti abbiano letto il libro,
    quindi la realizzazione deve essere comprensibile e godibile anche per chi
    è estraneo alla storia:Il Signore degli Anelli c’è riuscito in pieno,Harry Potter
    se pur stravolto(come mi hanno detto perchè non letto) ha successo perchè
    comunque cinematograficamente funziona!!anche Narnia(letto!!) è stato reso
    bene,nonostante molti accorgimenti tecnici(il cinema non è un libro quindi è
    normale aspettarsi delle modifiche purchè la linea base resti)!
    Invece La bussola d’oro non ha questa caratteristiche,perchè anche e se
    modificata la storia e gli eventi..non funziona..peccato peccato!!!

    riguardo al fattore chiesa o autore ateo,trovo che i commenti
    dei bigotti siano da considerarsi solamente ridicoli e assurdi!
    mi stupisco che la chiesa e le associazioni cristiane non abbiano
    di meglio a cui pensare che non al cinema e ai libri (credo vi siano
    problemi di gran lunga peggiori al mondo)ho visto questo film
    e il Codice Da Vinci e Harry potter (thò..non sono diventato e
    ancora ateo, e non vedo orde di ragazzini per il mondo a volare
    per scope o a inneggiare contro la chiesa)per favore fate il piacere
    di non mostrare la vostra stupidità e fate cose più costruttive per il prossimo magari!!!


    Gio, ti faccio osservare che la tua risposta mi conferma che le argomentazioni
     della maggior parte degli atei (i falsi atei), si basano su luoghi comuni.
    Inoltre ti consiglio di non fare di tutta l’erba un fascio perchè la religione
    Cattolica, o comunque il Cristianesimo, non sono da confodere con la Chiesa,
    che in quanto fatta di uomini è soggetta a sbagli ed errori, e da questi isolati
    errori (perchè se affermi che non sono isolati allora sarebbe meglio che
    ti informassi ed aprissi la mente un po di piu, tu non io) non puoi generalizzare
    e trarre conclusioni moraliste… Ribadisco che la Chiesa istituzionale quando
    parla si rivolge unicamente al popolo Cattolico, di certo non vuole convertire
    nè convicere alcuna persona al di fuori della Chiesa, e in quanto guida
    ogni singolo Cattolico puo decidere se seguire i suoi consigli o no…
    Infine, siccome io ho studiato la scienza e, da quanto vedo che scrivi,
    al contrario di te ho studiato anche la religione (forse perchè non ho
    la mente cosi chiusa come tu dici), ti posso garantire che sono perfettamente conciliabili.

    PS: ci vuole un bel coraggio (o ignoranza?) ad affermare che
     i Cattolici sono come i Talebani…ah, sarà meglio per te,
    al fine di non fare brutte figure quando ne riparlerai, di andarti
    a informare un po meglio sull’Opus Dei, senza basarti sulle
    invenzioni de “Il Codice Da Vinci” (”questo libro è un’opera
    di fantasia” detto da Dan Brown…)


    per Dani
    a prescidere dalla bellezza del film (personalmente non l’ho
    trovato eccezzionale) quello che non condivido, non è tanto
    la presenza di film “fantastici” ma il (non tanto) velato attacco
    verso la Chiesa, che ha il film “La bussola d’oro” (il libro non so).
    Attacco e demonizzazione della Chiesa, che palesemente
    si manifestano attraverso la voluta identificazione del Magisterium e la CHiesa stessa.


    se non te ne fossi accorto, caro soluan, la mia critica è chiaramente
     divisa: da una parte alla Chiesa e dall’altra alla religione cattolica!
    per quanto riguarda la religione: se ci credi bene, se non ci credi bene
    uguale! io non potrei mai credere a fandonie del genere ma moltissime
    persone nel mondo ci credono e non mi permetterò mai di far loro
    qualcosa che non sia tentare di aprire loro gli occhi! se poi non
    ci riesco amen! sia io che loro loro viviamo bene lo stesso!
    per quanto riguarda la Chiesa: penso tutto il peggio possibile
    della Chiesa e ci sta proprio bene una bella generalizzazione!
    il fatto che qualche decina di preti in Africa, e qualcuna in vari
    paesi sparsi in giro, siano brave persone, non salvano un’istituzione
    che ha come unici scopi il denaro e il potere (e provate a negarlo)!
    anche altre istituzioni ce l’hanno ma loro almeno non si nascondono
    dietro a dio per tirarli su… sinceramente cose come la banca della
    Chiesa (una delle più ricche del mondo), il sistema di carriera (legato
    principalmente al lecchinaggio al papa) e l’Opus Dei (magari leggiti
    qualche articolo super partes, magari straniero: ovvio che se vai sui
    siti della chiesa sia descritto come una corporazione per fare torte
    ai bambini malati)TRA LE CENTINAIA DI MAGAGNE non
    mi farebbero andare fiero di seguire la chiesa… poi sta alla volontà
    di ognuno… mai picchiato nessuno perchè religioso comunque…
    il fatto che io ritenga inutili entrambe non penso sia una cosa da criticare…
    ps. sinceramente poi mettermi a studiare religioni inventate per far
    sì che l’uomo non sia quello che è realmente (uno dei tanti animali
    sulla Terra, anzi uno di quelli peggiori, in quanto paragonabile ad
    un virus per questo pianeta) dandogli talmente importanza da
    definirlo “ad immagine e somiglianza di dio” mi pare uno spreco
    di tempo… io ho anche provato qualche anno fa ad interessarmici
    ma non son riuscito a trovare spunti che mi interessassero…
    pps. fatto di questi giorni: siamo l’ultimo stato europeo in cui arriva
    la pillola abortiva RU486! chi dobbiamo ringraziare di questa inciviltà?
    capisci che la chiesa si intromette dove non dovrebbe? questa pillola
    serve (provato scientificamente), funziona (provato scientificamente)
    ed è migliore dell’aborto invasivo (provato con interviste ad un
    campione di 100 donne)! mettere bocca su tutto ok, ma impedire la scienza
    per i vostri valori sinceramente non ci sto… mah…
    continuate a preoccuparvi dei film (non si sa mai che tutti escano dal cinema
    stregoni o con una scopa volante) ed evitate di pensare ai veri problemi
    del mondo… brava chiesa: era proprio questo il messaggio di gesù:
    al posto di dare da mangiare a chi non ne ha fatevi le chiese in oro,
    mangiate come porci e preoccupatevi che nessuno etichetti il magisterium
    del film la bussola d’oro come la chiesa…ma per favore…
    comunque restate convinti delle vostre idee: per voi c’è il paradiso no?
    quindi che preoccupazioni avete?


    Continui a mostrare la tua ignoranza usando ancora luoghi comuni,
    generalizzazioni e pregiudizi per argomentare le tue idee, di fronte
    a ciò la discussione diventa impossibile. Ti auguro di diventare
    un po piu maturo e saggio, allora forse sarai un vero ateo capace
    di supportare le proprie affermazioni con efficacia e padronanza.
    Saluti


    beh, mi pareva di avertene date di motivazioni plausibili ma,
    a quanto pare, per te, sono solo generalizzazioni e pregiudizi
    di un ignorante quindi non c’è verso di farti capire come la penso…
    continua pure a rimanere cieco e a credere a tutto quello che
    ti viene detto. bravo! è così che la chiesa ti vuole!
    ti auguro, un giorno, di riuscire a capire che non tutto quello
    che ti racconta la religione e la Chiesa sia vero! magari allora
    capirai anche come la penso io (non che sia giusto per forza,
    essendo uomo posso sbagliare anch’io!)!
    ciao!





    per soluan!
    guarda…mi stò divorando il libro in questi giorni e sono
    alla fine del primo!!
    comprendo che il film non può piacere!( e assicuro che lo hanno
    un pochino devastato) se poi non convince a una persona che non ha
    letto il libro vuol dire che il regista ha fallito nel suo intento a parere mio.
    (passi stavolgere qualcosa ma se il tutto è sorretto da una scenggiatura
    frettolosa butti all’ortiche tutto quanto)
    comunqe..la questione clericale e il tanto velato attacco alla chiesa!!
    ti dico che nel libro(bellissimo che consiglierei di leggero prima di tutto..
    si si)questo attacco è decisamente più evidente..sinceramente mi domandavo
    (prima di vedere il film perchè mio fratello avendolo letto mi aveva accennato
    qualcosa) su come avrebbero potuto risolvere la questione senza creare troppo clamore!
    a mio parere la questione è stata risolta in maniera egregia,in quanto il fattore
    Magisterium si! viene interpellato ma viene messo in terzo piano rispetto a tutta la storia
    (direi che avrebbero potuto osare di più) e comunque bisogna sempre ricordare
     che la storia avviene in un universo parallelo!!se qualcuno avverte analogia
    nel nostro mondo..bhè..qualcuno forse ha la coda di paglia!!;

    a parere mio lo scandalo creato dalla chiesa americana e qualla italiana
    non ha motivo di esistere perchè questo tema (seppure spinoso)è stato
    trattato abbastanza bene senza eccedere…molti credo abbiano attaccato
    il film senza nemmeno guardarlo basandosi solo sui libri(cui invito vivamente
    a leggerli…tranquilli..non si diventa atei per questo =.='’)
    credo ce se avessero guardato il film..se sarebbero messi il cuore in pace..
    perchè(haimè)non regge al confronto del libro(peccato peccato…)

    Il virus della fede

    Vedete questo documentario,
    fa comunquei paradossi all'interno
    dei quali vivono i bibbia-fedeli.

    Al sito 
     
    http://anticristiano.altervista.org/
    popup.php?a=2&q=20070721110417
     
     
    oppure su YouTube cercando
    "Il virus della fede".

    Un libro che acquisterò molto presto
    e poi commenterò
    in questo sito è "La favola di Cristo",
    potete vedere
    cos'è al sito

     
    http://www.luigicascioli.eu/cascioli_italia/

    Poi leggetevi la Bibbia, quel libro che alcuni
    dicono essere sacro. Un libro. Sacro. Scritto da Dio.
    Dio ha scritto un libro.
    La Madonna l'ha corretto. Gesù e Maometto
    ne hanno fatto un paio di ristampe.
    Troppo lungo. I primi due capitoli. Gli ultimi due.
    Chi dice di seguire questo libro allora è anche
    un fiancheggiatore dello stupro, assassinio, 
    e genocidio. Leggete, leggete.
    Se leggeste il vostro libro sacro diventereste
    dei mostri o smettereste di crederci.
    Ma non lo leggete. L'ignoranza è miracolosa
    per gli uomini di potere.


    *********************





    In Memoria di Welby e di tutti coloro
    che lottano per la libertà


    Io dico che la verità deve essere detta-
    Gesù nn centra nulla con il vaticano,
    ma rendiamoci conto di quanto segue:
    il vaticano ha :
    lo stato vaticano , opere , quadri, statue,
    dipinti oggetti che valgono miliioni di euro.

    ha appartamenti , immobili, istituito di credito,
    istituti finanziari, ha istituiti di ricerca, ha azioni, bot, dà prestiti.
    ha privilegi dallo stato italiano; ha l' 8 x mille

    ha fatto della chiesa di Gesù una SPA ,
    ha inventato il diritto canonico,
    mette guardie svizzere con lance ,
    (armi), davanti alla chiesa di Dio.

    Ha potere.


    Mi dite che cosa centra tutto questo con Gesù? con i vangeli?
    NIENTE NIENTE E NIENTE IL NULLA.


    Quindi io non riconosco nel vaticano la Chiesa di Gesù.
    il papa non lo riconosco come tale.


    Il fatto che hanno tolto i funerali religiosi a Piero è l' ennesima
    ipocrisia dei ladri a viso aperto. Ma la benedizione religiosa Piero
    l' ha avuta in quella piazza con l amore, il vento il sole, cara mamma
    di Piero ti voglio bene tu seduta accanto a Piero eri in Chiesa,
    la vera chiesa quella del rosario che tenevi in mano.

    Mina la tua religione è quella pura che hai nel cuore, non è Ruini,
    nè il papa- è la luce del amore e rispetto per tutti.
    Caro Piero ti adoro lì quel giorno nella grande piazza
    c' erano la libertà e l amore.


    tvb



    ( commento preso dal 
    blog di Piergiorgio Welby  )


    Comunque Addio, Signori che fate della tortura infinita
    il mezzo, lo strumento obbligato di realizzazione o di difesa
    dei vostri valori!

    Chi siano (e in che modo) i morti o i vivi che rimarranno
    tali quando saremo tutti passati, non sappiamo, né noi né voi.

    Io auguro a voi ogni bene. Spero davvero (ma temo
    fortemente che così non sia), spero davvero che questo
    augurio vi raggiunga, si realizzi, perché questo "voi"
    oggi manca anche a me, anche a noi altri.

     

    Matteo 23

    Gesù censura gli scribi e i farisei
    1 Allora Gesù parlò alle folle e ai suoi discepoli, 2 dicendo:
    «Gli scribi, e i farisei siedono sulla cattedra di Mosè.
    3 Osservate dunque e fate tutte le cose che vi dicono
    di osservare; ma non fate come essi fanno, poiché
    dicono ma non fanno. 4
    Legano infatti pesi pesanti e difficili
    da portare, e li mettono sulle spalle degli uomini;
    ma essi non li vogliono smuovere neppure con un dito.

    5
    Fanno tutte le loro opere per essere
    ammirati dagli uomini; allargano le loro filatterie,
    e allungano le frange dei loro vestiti. 6
    Amano i posti d'onore
    nei conviti e i primi posti nelle sinagoghe, 7
    e anche i saluti
    nelle piazze, e di sentirsi chiamare dagli uomini rabbi, rabbi.

    8
    Ma voi non fatevi chiamare maestro, perché uno solo
    è il vostro maestro: Il Cristo, e voi siete tutti fratelli.

    9
    E non chiamate alcuno sulla terra vostro padre, perché
    uno solo è vostro Padre, colui che è nei cieli.

    10
    Né fatevi chiamare guida, perché uno solo
    è la vostra guida: Il Cristo.

    11 E il maggiore di voi sia vostro servo.
    12
    Or chiunque si innalzerà sarà abbassato;
    e chiunque si abbasserà sarà innalzato.
    13 Ma guai a voi, scribi e farisei ipocriti!
    Perché chiudete il regno dei cieli davanti agli uomini;
    poiché né entrate voi né lasciate entrare coloro
    che stanno per entrarvi. 14 Guai a voi, scribi
    e farisei ipocriti! Perché divorate le case delle
    vedove e per pretesto fate lunghe preghiere;
    per questo subirete una condanna più severa.

    15
    Guai a voi, scribi e farisei ipocriti!
    Perché scorrete il mare e la terra, per fare un proselito
    e, quando lo è diventato, ne fate un figlio
    della Geenna il doppio di voi.
    16 Guai a voi, guide cieche, che dite:
    "Se uno ha giurato per il tempio, non è nulla;
    ma se ha giurato per l'oro del tempio è obbligato".
    17 Stolti e ciechi! Perché, cosa è più grande,
    l'oro o il tempio che santifica l'oro?
    18 E: "Se uno ha giurato per l'altare, non è nulla;
    ma se ha giurato per l'offerta
    che vi è sopra è obbligato".

    19
    Stolti e ciechi! Poiché, cosa è più grande,
    l'offerta o l'altare che santifica l'offerta?
    20 Chi dunque giura per l'altare, giura per esso
    e per quanto vi è sopra. 21 Chi giura per il tempio,
    giura per esso e per colui che l'abita.

    22
    E chi giura per il cielo, giura per il trono
    di Dio e per colui che vi è assiso.

    23
    Guai a voi, scribi e farisei ipocriti!
    Perché calcolate la decima della menta
    dell'aneto e del comino, e trascurate le cose
    più importanti della legge: il giudizio,
    la misericordia e la fede, queste cose bisogna
    praticare senza trascurare le altre.

    24
    Guide cieche, che colate il moscerino
    e inghiottite il cammello. 25 Guai a voi,
    scribi e farisei ipocriti! Perché pulite l'esterno
    della coppa e del piatto, mentre l'interno
    è pieno di rapina e d'intemperanza.
    26 Fariseo cieco! Pulisci prima l'interno
    della coppa e del piatto, affinché anche l'esterno
    sia pulito. 27
    Guai a voi, scribi e farisei ipocriti!
    Perché rassomigliate a sepolcri imbiancati,
    i quali di fuori appaiono belli, ma dentro sono
    pieni di ossa di morti e di ogni putredine.

    28 Così anche voi di fuori apparite giusti davanti
    agli uomini, ma dentro siete pieni d'ipocrisia
    e d'iniquità. 29 Guai a voi, scribi e farisei
    ipocriti! Perché edificate i sepolcri dei profeti
    e ornate i monumenti dei giusti,
    30 e dite: "Se noi fossimo vissuti al tempo
    dei nostri padri, non ci saremmo associati
    a loro nell'uccisione dei profeti".

    31
    Così dicendo, voi testimoniate contro voi stessi,
    che siete figli di coloro che uccisero i profeti.
    32 Voi superate la misura dei vostri padri!
    33 Serpenti, razza di vipere! Come sfuggirete
    al giudizio della Geenna? 34 Perciò, ecco
    io vi mando dei profeti, dei savi e degli scribi;
    di loro ne ucciderete e crocifiggerete alcuni,
    altri ne flagellerete nelle vostre sinagoghe
    e li perseguiterete di città in città, 35 affinché
    ricada su di voi tutto il sangue giusto sparso
    sulla terra, dal sangue del giusto Abele, fino
    al sangue di Zaccaria, figlio di Barachia
    che uccideste fra il tempio e l'altare.

    36
    In verità vi dico che tutte queste cose
    ricadranno su questa generazione.

    37
    Gerusalemme, Gerusalemme, che uccidi
    i profeti e lapidi coloro che ti sono mandati!
    Quante volte ho voluto raccogliere i tuoi figli
    come la gallina raccoglie i suoi pulcini sotto
    le ali, e voi non avete voluto! 38 Ecco, la vostra
    casa vi è lasciata deserta.
    39 Poiché io vi dico, che da ora in avanti
    non mi vedrete più, finché non direte:
    "Benedetto colui che viene
    nel nome del Signore!"».

    Gesù di Nazareth



    http://www.laparola.net/wiki.php?riferimento=Mt+23&formato_rif=vp


    *********************
    Citazioni famose


    "La realtà è che quando un clericale
    usa la parola libertà intende la libertà
    dei soli clericali (chiamata libertà della Chiesa)
    e non le libertà di tutti.
    Domandano le loro libertà a noi laicisti
    in nome dei principi nostri, e negano
    le libertà altrui in nome dei principi loro."

    Gaetano Salvemini


    “Il progresso non è che l’avverarsi delle utopie”.
     Oscar Wilde


    "Ben lungi dal subordinare la libertà individuale
    allo Stato,  è lo Stato, la comunanza, che bisogna
    sottomettere alla libertà individuale"
    Pierre Joseph Proudhon


    "La democrazia sono due lupi e un agnello che discutono su
    cosa mangiare a cena. La libertà é un agnello ben armato che contesta
     il voto" Benjamin Franklin
    Per esprimere il suo punto di vista, il cardinale Tettamanzi
    si affida ad un suo predecessore, un Vescovo martire
    dei primi tempi della Chiesa, Sant’Ignazio di Antiochia:
    …Quelli che fanno professione di appartenere
    a Cristo si riconosceranno dalle loro opere.
    Ora non si tratta di fare una professione
    di fede a parole, ma di perseverare nella pratica
    della fede sino alla fine.
    È meglio essere cristiano senza dirlo,
    che proclamarlo senza esserlo.



    “ Le chiese, come società affermanti la loro infallibilità, sono
    istituzioni anti-cristiane. [...] Non solo le chiese non hanno
    mai unito nessuno, ma esse sono sempre state una delle cagioni
    principali del disaccordo fra gli uomini, dell'odio, delle guerre,
    delle inquisizioni, delle Saint-Barthélemy ecc., e mai le chiese hanno
    servito d'intermediario fra gli uomini e Dio, il che d'altronde
    è INUTILE e PROIBITO dal Cristo, il quale ha rivelato la sua
    dottrina DIRETTAMENTE ad ogni uomo. Esse mentono, al contrario,
    delle formule morte al posto di Dio, e lungi dal mostrarlo agli uomini,
    lo celano. Esse cercano di nasaconderla (la giusta dottrina), ma ciò
    è impossibile; perchè ogni progresso sulla via indicata dal Cristo
    distrugge la loro potenza.”


    Tratto da “il Regno di Dio è in voi” di Leone Tolstoi 1894
    Una grande lettura per tutti


    "Quando una persona soffre di un'illusione parliamo
    di pazzia, ma quando ciò accade a molte persone parliamo di religione
    "


    Robert M. Pirsig







     

    Questo blog aderisce come
    una tellina e osserva
    per inde ac cadaver
    il
    decalogo elfico.





    Decalogo elfico
    ( in parte aggiornato )




    1) Questo blog è laico ( o se preferite, un sito laicista  
    e anche un po' stronzo ).

    2) Questo blog è di sinistra, ( non comunista ) volutamente fazioso,
    antiberlusconiano ( sempre senza alcun dubbio) e mira
    ad orientare le coscienze dell'elettorato.

    3) In questo blog si critica apertamentela chiesa cattolica
    apostolica romana e qualsiasi ( altra ) forma di dittatura.

    4) In questo blog vige la libertà di pensiero e di parola ma
    se poi dite puttanate sarete trattati di conseguenza.

    5) Questo blog si batte per i diritti dei gay e di tutte le minoranze
     riconosciute e non riconosciute.

    6) Questo blog è egocentrico, ma non egotico.

    7) La materia trattata in questo blog
    oscilla dalle cose profonde alle profonde cazzate.

    8) Il tenutario di questo blog ci prova un po' con tutti.

    9) In questo blog non si accettano commenti anonimi e rancorosi.
    Si preferisce sapere chi è che vuole mandarti a cagare e in caso
    contrario i commenti in questione verranno cancellati.

    10) Questo blog non è una testata giornalistica perché, oltre
    al fatto che non viene aggiornato  con costanza,  nessun giornale
    in Italia potrebbe permettersi un decalogo come questo


    Questo blog è:

    Laico (!), Gay(!), Ateo(!), di Sinistra(!)
    [praticamente solo ad entrare
    si fa peccato
    ]   :)

    Dio esiste perchè non puoi
    dimostrare che non esiste!
    Hai mai visto l'uomo invisibile?
    No? Allora esiste!







    Ok, diciamolo chiaramente: gli ebrei, i cristiani
    e musulmani affermano che i loro libri sacri sono
    così profondi che devono essere stati scritti sotto
    la direzione di una divinità onnisciente.

    Un ateo è semplicemente qualcuno che ha preso
    in considerazione questa affermazione, ha letto
    i libri in questione, ed ha concluso che l'affermazione
    è ridicola. ( Sam Harris
    )





    Indipendenza della Sardegna.

    “Se un popolo non conquista la sua indipendenza politica,
    non può essere soggetto della sua storia, ma resterà
    ai margini della storia di quella nazione che lo avrà
    vinto e dominato. E se un popolo dovrà risorgere
    dal limbo nel quale si trova dovrà avere il suo “stato”.

    Con la conquista dell’indipendenza il popolo sardo potrà
    costituire il suo stato che avrà i poteri per promuovere
    il processo di riscatto e di evoluzione economico-sociale
    oggi impossibile, in quanto soggetto ad altra potenza
    che non mostra alcun interesse né alcuna buona volontà
     per dare alla Sardegna il posto che le compete per ragioni
    storiche, geografiche, etniche nel consorzio dei popoli liberi”.

    Antoni Simon Mossa

    http://www.sardignanatzione.it/





     

    L' albero eradicato, simbolo del Giudicato di Arborea
    che lottò fino all' ultimo sangue contro gli Aragonesi invasori.



    Brevissima storia della Sardegna

    Con la fine del giudicato di arobera che era riuscito
    in un primo tempo a unificare tutta lsa rdegna
    (che era quindi uno stato indipendente e con
    una sua lingua: il sardo) finì anche l'indipendenza
    della Sardegna, la quale infatti venne prima in possesso
    degli aragonesi, poi della corona di Spagna dopo
    la fusione tra Castiglia e Aragona e infine , dopo
    3 secoli venne ceduta ai Savoia dagli Spagnoli in
    cambio della Sicilia. 

    La Sardegna fece cosi parte del nucleo originario
    della futura repubblica italiana, ma non da
    protagonista, in quanto, sebbene lo stato di cui
    era parte si chiamasse "Regno di Sardegna", in realtà
    il potere era situato a Torino e la lingua ufficiale
    non era il sardo. 

    Con l'Invasione dei ducati dell'Italia del nord e del regno
    delle due sicilie, venne formato il regno di Italia.
    Le successive tre guerre di indipendenza sono servite
    a strappare all'Austria il Lombardo Veneto e finanche
    il Trentino-Südtirol.

    Ora l'Italia é popolata da italiani? Probabilmente si,
    ma il processo di unificazione linguistica é stato
    senzaltro un processo artificiale, pilotato dall'alto. 
    Fatta l'Italia, occorre fare gli italiani :
    disse Massimo d'Azzeglio. 

    Adesso che il processo di unificazione politica interessa l'Europa
    mi pare legittimo chiedersi se, nel caso l'Unione Europea
    diventasse una federazione,
    a quelle regioni italiane che
    ospitano al loro interno dlle nazioni senza stato,
    convenga continuare a far parte della repubblica italiana
    o non convenga piuttosto
    diventare stati federati
    della Federazione Europea
    : a fianco alla lingua veicolare
    europea, quale che essa sia (inglese, esperanto,
    latino o altra ancora ) ci sarebbe la vera lingua nazionale:
    per la Sardegna niente poco di meno che il Sardo (sia pure
    diviso in due varietà principali: campidanese e logudorese
    ) .

    Naturalmente oggi un'indipendenza della Sardegna
    dall'Italia non é ancora possibile;
    occorre però preservare
    la  vera lingua della Sardegna, che non é l'Italiano,
    ma il Sardo
    .

    Vero é altresi che nella mia isola si sono succedute
    decine di popoli diversi e che sono state
    quindi parlate decine di lingue differenti, delle quali
    é rimasto poco, se non nulla. Ma io non riconoscerei
    alla Sardegna una sua identità particolare se
    non recuperasse l'uso della sua lingua autoctona
    e lo erigesse a valore ufficiale anche nei campi
    informali, accademici, scientifici, amministrativi
    della vita isolana.  Le altre, a parte il nuragico,
    erano lingue parlate da invasori e, anche se è vero
    che il sardo deriva dalla lingua dell'invasore più
    potente, i Romani, è pur vero anche che
    questa lingua neolatina è parlata solo 
    in Sardegna e va salvaguardata esattamente
    come viene tutelato il
    muflone. 


    http://it.wikipedia.org/wiki/Regno_di_Arborea



    Lode a sa Sardinnia


    Sardinnia, adamante incastonau,
    mi pares tue posta in mesu a su mari
    ca Deus de natura hat a tui donau,
    tesoru raru, fattu pro du ammirar.

    Ses astru in firmamentu collocau,
    ki s'infinidu depet illluminar
    e su balore ki has incorporau
    tantu est ki non si podet calcular.

    Su sole, sa luna, donn'istella,
    s'aera, sa terra ei su mare,
    minerales, metallos, fauna e flora,
    de totu ses tue sa prus bella
    ca ses reina dinna de lodi,
    ses subra a totus, superba seniora.




    La corrispondenza tra Nazione
    e Stato è un retaggio del falso storico
    che portò alla nascita degli stati nazionali,
    i quali erano sì degli stati, si legittimavano
    sì con le argomentazioni del diritto identitario,
    ma non erano affatto unitari, anzi,
    si trattava sempre di stati plurinazionali
    che per essere (mono)nazionali non seppero
    far altro che
    comprimere le identità
    più deboli o meno numerose,  per determinarne
    - se possibile - la scomparsa.


    L'Italia non esiste

    Genere: Saggi
    Autore: Sergio Salvi
    Editore:
    Leonardo Facco Editore
    Pagine: 225
    Anno: 2007




    Descrizione:
    Tutto l’ambaradan unitario e patriottico
    ha cercato e millantato giustificazione
    ideologica (dall’Ottocento a oggi)
    nell’esistenza di una nazione italiana,
    di una identità risalente a Roma (quella antica).
    Tutta la truffa del Risorgimento è basata
    sulla riformazione di una entità che c’era
    e che secondo la storia ufficiale sarebbe
    stata abbattuta e coartata da stranieri,
    poco precisati ma sicuramente incivili:
    così il Medioevo è stato trasformato in epoca
    oscura e nelle scuole del Regno e poi
    della Repubblica si racconta che la luce
    di Roma (e d’Italia) si è spenta con la caduta
    del patriottico e italico Impero romano
    e si è riaccesa quando i padri della Patria
    hanno cacciato gli eredi di quegli antichi barbari teutonici.
    La storiografia di regime, refrattaria
    a qualsiasi revisionismo, ha raccontato
    un passato zeppo di falsità e imprecisioni.

    Salvi, puntualmente, alza il velo sulla storia
     del bel paese.



    L'Italia


    non esiste


    di Sergio Salvi
    Camunia, Prato, 1996;
    pagg. 280, L. 28000.


     
    Chi ha detto per primo "Fatta l'Italia, bisogna
    fare gli italiani"?; il romanziere e politico
    Massimo d'Azeglio o il commediografo
    e politico Ferdinando Martini?

    Ecco uno dei molteplici interrogativi su cui
    è orchestrato questo documentatissimo libro.
    Le regioni naturali italiane e quelle politiche
    corrispondono? Quali sono state le tappe delle
    istanze autonomistiche, regionalistiche,
    federalistiche dopo l'unità?

    Nel 1861 nacque una Nazione o uno Stato?
    Perché l'Italia unita nella lingua scritta
    è disunita nella lingua parlata?

    Gli italiani (i cittadini delle molte Italie regionali)
    hanno un'identità antropologica e sociale,
    o il paese Italia è una realtà incompiuta
    (non solo per il divario Nord-Sud)?

    In quest'opera di maniacale rigore storico, geografico,
    socio-politico e di vivace aneddotica, Sergio Salvi
    indaga su un'unità nazionale cercata fin dai tempi
    antichi e non ancora perseguita; sulle istanze
    nazionalistiche, indipendentistiche, espansionistiche,
    irredentiste, centralistiche e secessionistiche
    che hanno terremotato quasi un secolo e mezzo
    di vita italiana; sull'arricchimento delle fantaregioni
    chiamate Padania e Appenninia e sulla "deportazione
    economica" subìta dal Meridione; sui falsi della
    mitologia risorgimentale e sulle ingenuità dell'utopia
    leghista. In altre parole, Sergio Salvi, inserendosi
    nell'attualissimo dibattito sulla questione nazionale
    e della riforma dello Stato, fornisce dati e idee
    per fare e disfare, in futuro, l'Italia.

    Note sull'autore




    Sardegna Collegio Unico Europeo

    Statuto della petizione

    A: Corte di Cassazione

    La rappresentanza della Sardegna presso il Parlamento Europeo
    costituisce una annosa battaglia più volte portata avanti da Enti,
    deputati e personalità politiche, purtroppo, forse per la poca
    convinzione o per altri motivi poco noti, senza successo.

    L'attuale legge, la 18/79 prevede, nella Tabella A, che vi sia
    un collegio insulare costituito dalla Sicilia e dalla Sardegna;
    Questa associazione consente ai Siciliani, che sono più numerosi
    dei sardi con una proporzione di 4 a 1, di eleggere tutti e otto
    i rappresentanti spettanti a tale collegio, negando di fatto,
    matematicamente, l'elezione di propri rappresentanti alla Sardegna.

    Con questa petizione vorremmo chiedere la costituzione
    di un nuovo collegio costituito dalla sola Sardegna,
    scindendo l'attuale collegio o creandone uno nuovo;
    Considerando le proporzioni tra tutti i collegi e il numero
    abitanti alla Sardegna potrebbero spettare 2 rappresentanti
    e ciò rappresenterebbe un passo storico per la rappresentanza
    della nostra isola nel parlamento Europeo.



    Firmate su: 
    http://firmiamo.it/sardegnacollegiounicoeuropeo



    *****************************


    _______________________________

    La triste storia
    di Jacqueline Saburido

    Il 19 settembre del 1999, alle prime ore del mattino,
    la vita dell’allora ventenne Jacqueline Saburido ebbe
    una svolta drammatica.

    Quella tragica domenica, lei e i suoi quattro amici,
    stavano tornando a casa dopo aver passato la serata
    ad una festa di compleanno quando Reggie Stephey,
    un diciottenne giocatore di football americano, andò
    a schiantarsi con il suo fuoristrada contro l’auto in cui
    viaggiava Jaqueline. Lei sola sopravvisse all’impatto,
    ma rimase gravemente ustionata per il 60% del corpo.

    Dai verbali della polizia e le successive indagini si scoprì
    che il guidatore del fuoristrada, al momento dell’incidente,
    era completamente ubriaco. Da allora Jacqeline ha subito
    oltre 40 operazioni chirurgiche e molti altri interventi
    di ricostruzione plastica la aspettano, ma niente e nessuno
    la potrà fermare dall’unico scopo che ha intrapreso per il resto
    della propria esistenza: essere il drammatico testimonial
    degli effetti distruttivi che una persona sotto l’effetto
    dell’alcool è in grado di causare. Jacqueline ha prestato
    il suo viso terribilmente deturpato, e la sua triste avventura,
    per una campagna pubblicitaria contro l’abuso di superalcolici
    che, soprattutto negli Stati Uniti, mietono parecchie
    vittime tra i giovani. A questo proposito sul web sono
    pubblicate le fotografie di questa sfortunata ragazza
    Venezuelana, oggi ventitreenne, e il racconto
    della sua attuale esistenza; un calvario di visite mediche,
    operazioni e un’infinità di quotidiane difficoltà legate
    al suo stato fisico.

    Si tratta di immagini forti, ma pur sempre una testimonianza
    ammonitrice del pericolo che un guidatore ubriaco
    è in grado di procurare lungo le trafficate strade
    di ogni parte del mondo.

    SOPRATTUTTO SE GUIDI, NON BERE!

    5 foto e video


     

    Jacqueline Saburido
     

    Non tutti quelli che fanno incidenti in auto muoiono.
    Questa foto è stata scattata 4 anni dopo l'incidente.
     

    Reggie Stephey 


     




    IL CANNOCCHIALE