Blog: http://IlMondoDiGalamay.ilcannocchiale.it

C'è chi, tra gli studenti universitari, non sa che cosa sia stata la Shoah!!!

C'è chi, tra gli studenti universitari,
non sa che cosa sia stata la Shoah!!!




Vergognoso all’Università
La Sapienza di Roma
 XML
Indice dei Forum -> Di' la tua
Autore Messaggio
blek
Lettore Occasionale
[Avatar]

Registrato: 25/10/2007 07:42:03
Messaggi: 43
Offline

Vergognoso all’Università La Sapienza di Roma:
un’inchiesta andata in onda oggi su Rai1 tra gli studenti di questa
prestigiosa Università romana, ha messo in luce il livello di
patetica ignoranza di molti studenti.
Alla domanda : cosa sapete della shoha?
Si sono sentite le risposte più disparate e da lasciare allibiti!
Qualcuno ha detto semplicemente che non ne ha mai sentito parlare,
qualcuno ha detto che sembrerebbe un problema austro-ungarico.
per qualcuno si tratta della liberazione degli ebrei,
molte altre risposte si è preferito non mandarle in onda!
Complimenti…il nostro futuro è proprio in buone mani.
Molti di questi “sapientoni” farebbero meglio a ripassarsi un po’ di storia
o dedicare qualche ora in più allo studio anziché protestare contro
la visita del Papa all’Università!
Tomas78
Lettore Occasionale
[Avatar]

Registrato: 16/11/2007 09:43:14
Messaggi: 498
Offline

mi sorprendo che tu ti sorprenda...

cosa sono i b-movies?
beautiful movies..


http://it.youtube.com/watch?v=IF5TZSFe1xY

hannibal
Lettore Occasionale
[Avatar]

Registrato: 26/12/2007 17:55:42
Messaggi: 136
Ubicazione: Ignoto.
Offline

Sarà contento l'ex ministro del ministero della particolare non istruzione,l'unico non castrato che faceva parte del governo Prodi.
Oltre all'eccidio di 7 milioni di ebrei bruciati nei forni,ci sono stati i crimini di Stalin, Pol Pot,Mao Tse Tung,e dittatori Africani filo russo cinesi e cubani che da soli fecero sterminare circa 500 milioni di non allineati.
I simpatizzanti di questi ultimi siedevano negli scranni dell'ultimo parlamento e facevano parte tutti nello schieramento di centro sinistra.
Bisogna esser fieri?
Bisognerebbe istitunazionalizzare un mese intero in ricordo di quei 500 milioni di persone sterminati.

Quanto tempo può nascondersi un uomo prima di tornare a fare ciò che meglio gli riesce?
Tomas78
Lettore Occasionale
[Avatar]

Registrato: 16/11/2007 09:43:14
Messaggi: 498
Offline

veramente incredibile il numero di morti che il comunismo ha fatto nel mondo...
e ancora più triste che ci siano ancora partiti che orgogliosamente perseguano questa ideologia...

cosa sono i b-movies?
beautiful movies..


http://it.youtube.com/watch?v=IF5TZSFe1xY

davide81
Onnipresente
[Avatar]

Registrato: 30/03/2007 23:51:55
Messaggi: 4091
Ubicazione: La Isla Bonita
Offline

L' ideologia non fa vittime, le fa l' applicazione errata della stessa.

What you reap is what you sow / Su chi messas est su chi sèmenas
[MSN]
Tomas78
Lettore Occasionale
[Avatar]

Registrato: 16/11/2007 09:43:14
Messaggi: 498
Offline

quindi manco il nazismo ha fatto vittime?
ma semmai una cattiva applicazione dell'ideologia nazionalsocialista...

cosa sono i b-movies?
beautiful movies..


http://it.youtube.com/watch?v=IF5TZSFe1xY

davide81
Onnipresente
[Avatar]

Registrato: 30/03/2007 23:51:55
Messaggi: 4091
Ubicazione: La Isla Bonita
Offline

Il nazismo condivideva buona parte dell' impostazione comunista: il partito nazionalista non era altro che la fusione del partito nazionalista con quello degli operai, rigettando ovviamente l' internazionalismo marxista. La radice dei due estremismi è la stessa ed è il socialismo e l' antiliberalismo.
La logica nazionalista partiva già dall' idea dell' aggressione ai territori circostanti per dare una "Spazio vitale" alla popolazione tedesca, costretta in un territorio di minor vastità all'indomani della Prima Guerra Mondiale.
Tutto ciò presuppone una serie di guerre, cosa che io ritengo errata a priori. Poi se per te non è così basta che lo dica.

What you reap is what you sow / Su chi messas est su chi sèmenas
[MSN]
juannesalvador
Onnipresente
[Avatar]
Registrato: 31/10/2007 17:23:48
Messaggi: 3652
Ubicazione: NO
Online

hannibal wrote:
Sarà contento l'ex ministro del ministero della particolare non istruzione,l'unico non castrato che faceva parte del governo Prodi.
Oltre all'eccidio di 7 milioni di ebrei bruciati nei forni,ci sono stati i crimini di Stalin, Pol Pot,Mao Tse Tung,e dittatori Africani filo russo cinesi e cubani che da soli fecero sterminare circa 500 milioni di non allineati.
I simpatizzanti di questi ultimi siedevano negli scranni dell'ultimo parlamento e facevano parte tutti nello schieramento di centro sinistra.
Bisogna esser fieri?
Bisognerebbe istitunazionalizzare un mese intero in ricordo di quei 500 milioni di persone sterminati.  

Ma nulla toglie che oggi è la giornata della memoria: la shoah.
Per i crimini di pol pot è stato istituito un tribunale internazionale,e i
pochi superstiti sono quasi novantenni.
Loro hanno una giornata della memoria,perciò calma e gesso.
Mentre quelli di STALIN erano baci Perugina:quelli furono già condannati
al 56° congresso del P.C.U.S. da Krusciov,nel 1956.
juanne salvador

Non parlo inglese,solo sardo,italiano,francese e spagnolo.Il miocervello,emisfero est e ovest ospitano un database di ammentos e flash dell'infanzia di fatti accaduti,da me vissuti,esperienze variegate di 28 anni di altalena sul TIRRENO,di giri di lavoro nelle 4 province storiche Sarde,degli anni trascorsi in Francia.Non riesco a metterli in ordine nello scritto,sono purtroppo logorroico e quando scrivo,una la scrivo e cento ne penso!Mi aiuterebbe l'esperienza di uno scrittore minore,una partnership per aiutarci a vicenda.Spero che il messaggio venga raccolto.Grazie.JUANNE SALVADOR.
[WWW] [Yahoo!] aim icon [MSN] [ICQ]
Tomas78
Lettore Occasionale
[Avatar]

Registrato: 16/11/2007 09:43:14
Messaggi: 498
Offline

davide81 wrote:

La logica nazionalista partiva già dall' idea dell' aggressione ai territori circostanti per dare una "Spazio vitale" alla popolazione tedesca, costretta in un territorio di minor vastità all'indomani della Prima Guerra Mondiale.
Tutto ciò presuppone una serie di guerre, cosa che io ritengo errata a priori.  



appunto, lo spazio vitale ad est.. connaturato all'ideologia nazista.. il metodo utilizzato per conquistare questo spazio vitale qual'è stato?
e quello utilizzato dall'urss di stalin per collettivizzare il mondo agricolo sovietico qual'è stato?
non mi risulta che in entrambi i casi si siano serviti di predicatori per convincere le persone circa la bontà delle loro ideologie... che hanno in comune un fattore molto importante... il totale disprezzo, insignificanza della vita umana...
si tratta di due ideologie disumane, che quello predicano.. esattamente ciò che hanno fatto.. schiavizzare chi tedesco non era e spazzare via dalla faccia della terra la borghesia e la proprietà terriera.. l'unica discriminante sulla quale si basava il modus operandi dei due sistemi era la componente razziale nel primo caso e quella di classe nel secondo.. ma il potenziale irrazionale, di follia e sterminio è assolutamente assimilabile..

cosa sono i b-movies?
beautiful movies..


http://it.youtube.com/watch?v=IF5TZSFe1xY

tartesso
Onnipresente
[Avatar]

Registrato: 03/04/2007 22:15:51
Messaggi: 1543
Ubicazione: http://popolosardo.mondoforum.com
Offline

Ci dicono di non dimenticare il passato, perchè non si ripetano tragedie disumane dalle proporzioni incredibili. Allora piangiamo questi morti, ricordiamoli tutti i giorni, tutti i mesi, per anni. Ci chiedono di avere memoria, da troppi anni. Intanto, mentre ci chiedono di guardare al passato, non vediamo i morti di questi anni, come i 26000 mila bambini morti ogni giorno. Vittime dell'economia mondiale della rapina.
Si, piangiamo chi è già morto, oltre mezzo secolo fà, oramai si piange anche per legge.
Così non vediamo i morti di oggi, ma non importa. Fra mezzo secolo piangeremo anche loro, con ipocrisia.
Mi dispiace per le vittime del nazismo. Noi non potevamo essere d'aiuto.
Ma mi piange il cuore ancor più per i 26000 bambini di ieri, i 26000 di oggi, i 26000 di domani. Si poteva fare qualcosa, si può e si dovrebbe fare qualcosa.
OGGI.




Fintzas a s'indipendentzia!

Un tizio disse: il Mondo non é nostro, l'abbiamo preso in prestito dai nostri figli.
[WWW] [MSN]
Tomas78
Lettore Occasionale
[Avatar]

Registrato: 16/11/2007 09:43:14
Messaggi: 498
Offline

hai perfettamente ragione...

cosa sono i b-movies?
beautiful movies..


http://it.youtube.com/watch?v=IF5TZSFe1xY

Giuso
Lettore Frequente
[Avatar]

Registrato: 21/04/2007 15:50:14
Messaggi: 532
Offline

blek wrote:
Vergognoso all’Università La Sapienza di Roma:
un’inchiesta andata in onda oggi su Rai1 tra gli studenti di questa
prestigiosa Università romana, ha messo in luce il livello di
patetica ignoranza di molti studenti.
 


Ottimi candidati offresi per governo italiano...
Monica
Lettore Occasionale
[Avatar]

Registrato: 27/02/2007 11:55:03
Messaggi: 429
Ubicazione: Antwerpen (Belgio)
Offline

C'e' ben altro da avere vergogna in Italia....

Salude e libertade, non b'ada oro chi la paghe.
Giuso
Lettore Frequente
[Avatar]

Registrato: 21/04/2007 15:50:14
Messaggi: 532
Offline

Cominciamo da quello di cui non c'é da vergognarsi...
faremo molto prima !

La vita può essere capita solo all'indietro, ma va vissuta in avanti.

(Kierkegaard)
eveline
Onnipresente
[Avatar]

Registrato: 23/02/2007 19:22:38
Messaggi: 3698
Offline

Meno male che ci sono persone in vita che ancora possono testimoniare.E lo fanno con grande generosita' perche' ogni volta che parlano della Shoha per loro il pensiero non va alla liberazione dai campi di sterminio ma alle privazioni,alle torture,alla morte dei loro cari che non possono dimenticare in un'intera vita.Oggi in Stazione centrale al "Binario" da cui partivano i convogli ,un uomo diceva che la sua vita e' passata senza che se ne rendesse conto.Ha amato sua moglie per tutta la vita ma nei momenti che tutti considerano i piu' beli il suo pensiero immediatamente si rannuvolava pensando alla ferocia delle scene a cui ha assistito.Gli hanno tolto il diritto ad essere normalmente felice Non sono comparse.Questa gente non recita.

Sempre dalla parte del dubbio
[Email]
davide81
Onnipresente
[Avatar]

Registrato: 30/03/2007 23:51:55
Messaggi: 4091
Ubicazione: La Isla Bonita
Offline

Tomas78 wrote:

davide81 wrote:

La logica nazionalista partiva già dall' idea dell' aggressione ai territori circostanti per dare una "Spazio vitale" alla popolazione tedesca, costretta in un territorio di minor vastità all'indomani della Prima Guerra Mondiale.
Tutto ciò presuppone una serie di guerre, cosa che io ritengo errata a priori.  



appunto, lo spazio vitale ad est.. connaturato all'ideologia nazista.. il metodo utilizzato per conquistare questo spazio vitale qual'è stato?
e quello utilizzato dall'urss di stalin per collettivizzare il mondo agricolo sovietico qual'è stato?
non mi risulta che in entrambi i casi si siano serviti di predicatori per convincere le persone circa la bontà delle loro ideologie... che hanno in comune un fattore molto importante... il totale disprezzo, insignificanza della vita umana...
si tratta di due ideologie disumane, che quello predicano.. esattamente ciò che hanno fatto.. schiavizzare chi tedesco non era e spazzare via dalla faccia della terra la borghesia e la proprietà terriera.. l'unica discriminante sulla quale si basava il modus operandi dei due sistemi era la componente razziale nel primo caso e quella di classe nel secondo.. ma il potenziale irrazionale, di follia e sterminio è assolutamente assimilabile.. 


Non mettere sullo stesso piano cose che non sono sullo stesso piano. Il nazismo non era legittimato in alcun modo ad invadere territori al di fuori della propria giurisdizione, il comunismo (o meglio: socialismo reale) venne legittimato dal popolo alla socializzazione delle proprietà, col conseguente utilizzo della violenza per farla rispettare, ESATTAMENTE LO STESSO MODO IN CUI LE DEMOCRAZIE LIBERALI TUTELANO IL DIRITTO DI PROPRIETA'. Che poi l' abolizione di questo diritto comporti un suicidio a livello economico è un altro paio di maniche.
Poi sul fatto che nel corso della loro durata entrambe si siano rivelate disumane non ci piove ma la differenza sostanziale è: una partiva dal presupposto che non si potesse fare altrimenti ed è andata dritta per questa strada, l' altra ha dovuto farlo in quanto non esisteva altro sistema per far reggere il sistema economico che l' ideologia intendeva portare avanti, sistema che potrebbe andar bene per api o formiche ma è assolutamente inapplicabile tra esseri umani.

What you reap is what you sow / Su chi messas est su chi sèmenas
[MSN]
Tomas78
Lettore Occasionale
[Avatar]

Registrato: 16/11/2007 09:43:14
Messaggi: 498
Offline

davide81 wrote:
il comunismo (o meglio: socialismo reale) venne legittimato dal popolo alla socializzazione delle proprietà, col conseguente utilizzo della violenza per farla rispettare, ESATTAMENTE LO STESSO MODO IN CUI LE DEMOCRAZIE LIBERALI TUTELANO IL DIRITTO DI PROPRIETA'.  


e quando si sarebbe esplicato tale "consenso" o legittimazione, fammi capire...
forse con elezioni periodiche(diciamo ogni 5 anni) con la possibilità di votare più partiti?
non mi risulta proprio.. ma se hai dati diversi dammeli..
i comunisti dovunque hanno preso il potere hanno conculcato questa possibilità..
il consenso può esserci stato all'inizio ma, una volta preso, se lo son tenuto per 70 anni, utilizzandolo come una clava per fare fuori borghesi, contadini "ricchi", dissidenti politici, ministri di culto, gente comune.. compiendo deportazioni di massa.. confinando la gente nei gulag.. quando non nei manicomi..
hanno conculcato sia il multipartitismo sia le libere elezioni con cadenza fissata per legge e addirittura la facoltà di andare a votare o meno(pena sanzioni)..
in alcuni casi ci sono stati veri e propri regni personali(stalin, mao tse tung) quando non dinastie ereditarie(basti pensare a kim il sung e al figlio kim jong-il)
non credo proprio che i milioni di ucraini sterminati negli anni 30 da stalin colpevoli soltanto di essere proprietari di piccoli appezzamenti di terreno avessero dato l'autorizzazione a farsi ammazzare.. così come la gente torturata nei sotterranei della lubianka..
così come non mi risulta che i khmer rossi avessero avuto l'autorizzazione a massacrare 1,7 milioni di loro compatrioti..
è una tesi molto curiosa la tua.. anche quando dici di non equiparare nazismo e comunismo(forse perchè fa comodo non doverlo fare) e poi compi lo stesso processo mettendo sul medesimo piano la democrazia liberale( che tutela una serie di diritti individuali come la libertà di stampa, di parola, di culto, l'inviolabilità del domicilio, l'autonomia della magistratura ecc) col socialismo reale, solo sulla base di un "fine" sia pur diverso come la tutela della proprietà privata nel primo caso e l'annullamento della stessa nel secondo..
tra l'altro sarebbe molto semplice farti notare come i due "fini" siano stati ottenuti molto diversamente.. col massacro nel caso del socialismo reale e col consenso(quello vero, costantemente verificato) in quello delle democrazie liberali..
potrei risponderti con le parole di kennedy, quando a berlino disse che la democrazia non ha mai avuto bisogno di costruire muri per impedire alla gente di passare dall'altra parte..
ti garantisco che molte persone, quando sono andate nei paesi del "socialismo reale" dell'europa dell'est, hanno fortemente vacillato.. e si trattava di elettori del pci..

cosa sono i b-movies?
beautiful movies..


http://it.youtube.com/watch?v=IF5TZSFe1xY

juannesalvador
Onnipresente
[Avatar]
Registrato: 31/10/2007 17:23:48
Messaggi: 3652
Ubicazione: NO
Online

DAVIDE.
Questa del comunismo (stalinismo)buono e nazismo cattivo,non l'ho
proprio afferrata!!!
Due dittature che cambiano nome,metodi,ma sono la faccia della stessa
medaglia!!
Quella comunista non fu una scelta del popolo che dopo la prima
rivoluzione per fame,scelse la DUMA,la legalità.
Ma la Germania della prima guerra,per fomentare una guerra civile,
rispedì con un treno piombato il bolscevico LENIN che costituì una
banda minoritaria che prevaricò con le armi il parlamento (TROSKY-
stalin-lenin e tanti altri,s'impossessarono dei siti vitali di quell'immenso
Paese e sigillarono armistizio con la Germania e chiusero la DUMA e
ingaggiarono una lotta feroce (contro i BIANCHI LEGALITARI),loro la
chiamano rivoluzione di ottobre,ma in realtà fu una carneficina.
Non basterebbe tutto il forum per anni per parlare di questi misfatti.
NAZISMO. Hitler non andò al potere con rivoluzione che aveva una sola
volta tentato nel 1923.
Entrò in cancelleria con i voti nel 1933.
Un diavolo venuto dall'inferno.
Semplifico: mentre che hitler cercava consenso e dava opulenza al
popolo tedesco,a spese degli ebrei e dei sudeti e della renania ec..ecc
i bolscevici fanno lo stesso all'inverso comunizzando tutto e togliendo
perfino la piccola proprietà contadina (vedi kulaki)e creando un regime
chiuso,buono per i polli che in tutto il mondo la bevettero (anche mio
padre),ma dopo 70 anni è imploso e le cose sono venute allo scoperto.
Pensa solo all'alleanza con hitler (patto molotov.ribentropp)per
spartirsi la Polonia,pensa alla strage delle fosse di Katin (a te non
diranno nulla) per non parlare dei 70.000.000 di morti scomparsi nelle
steppe della siberia,italiani comunisti compresi..
Perchè non riusciamo a scrollarci questo schifo d'addosso?
juannesalvador

Non parlo inglese,solo sardo,italiano,francese e spagnolo.Il miocervello,emisfero est e ovest ospitano un database di ammentos e flash dell'infanzia di fatti accaduti,da me vissuti,esperienze variegate di 28 anni di altalena sul TIRRENO,di giri di lavoro nelle 4 province storiche Sarde,degli anni trascorsi in Francia.Non riesco a metterli in ordine nello scritto,sono purtroppo logorroico e quando scrivo,una la scrivo e cento ne penso!Mi aiuterebbe l'esperienza di uno scrittore minore,una partnership per aiutarci a vicenda.Spero che il messaggio venga raccolto.Grazie.JUANNE SALVADOR.
[WWW] [Yahoo!] aim icon [MSN] [ICQ]
tartesso
Onnipresente
[Avatar]

Registrato: 03/04/2007 22:15:51
Messaggi: 1543
Ubicazione: http://popolosardo.mondoforum.com
Offline

A me pare che qualsiasi ideologia applicata senza l'equa distribuzione della ricchezza, imploda o esploda non cambia nulla, sia destinato a fallire.
La democrazia non farà eccezione......

Fintzas a s'indipendentzia!

Un tizio disse: il Mondo non é nostro, l'abbiamo preso in prestito dai nostri figli.
[WWW] [MSN]
flavio_sulcis
Lettore Frequente
[Avatar]

Registrato: 15/10/2007 17:38:50
Messaggi: 1124
Offline

Giuso wrote:
Cominciamo da quello di cui non c'é da vergognarsi...
faremo molto prima ! 




hahahahaha
Bravoooooooooooooooooo!!!!! questa si ché buona !!
complimenti
[Email] [Yahoo!]
flavio_sulcis
Lettore Frequente
[Avatar]

Registrato: 15/10/2007 17:38:50
Messaggi: 1124
Offline

tartesso wrote:
A me pare che qualsiasi ideologia applicata senza l'equa distribuzione della ricchezza, imploda o esploda non cambia nulla, sia destinato a fallire.
La democrazia non farà eccezione...... 


quoto!!
[Email] [Yahoo!]
flavio_sulcis
Lettore Frequente
[Avatar]

Registrato: 15/10/2007 17:38:50
Messaggi: 1124
Offline

Spero che non si voglia dimenticare il cenocidio della chiesa catolica in giro per il mondo, altro che i deliti delle ditatture. te ximpru ki seu!! avevo dimenticato che la chiesa predicavano la porola di dio. scusate!!!
[Email] [Yahoo!]
Uranio
Lettore Occasionale
[Avatar]

Registrato: 16/11/2007 08:26:23
Messaggi: 21
Offline

Ieri sera ho rivisto “Schindler list” e, nuovamente, mi ha spaccato il cuore.
Consolo il mio spirito convincendomi che, essendo un film, non rappresenti del tutto la realtà di ciò che sia stato… ma forse mi sbaglio.
Non sono particolarmente amante degli Ebrei anche se riconosco che, nell’arco della relativamente breve storia dell’Homo Sapiens-Sapiens, la civiltà Semita ha dimostrato senza dubbio, anche più di altre culture considerate avanzate e moderne, una grande predisposizione verso un’equilibrata evoluzione, allo stesso tempo dello spirito e della ragione, del genere umano.
Vi è forse insita, nella loro cultura e nella loro religione, una certa propensione all’auto isolazionismo che spesso fa pensare ad una loro tendenza a porsi in condizioni di superiorità e forse, un po’ è così, ma si deve riconoscere che, pur essendo uno dei popoli più perseguitati della storia, non hanno mai polemizzato, avanzato pretese o scatenato guerre (se escludiamo quella iniziale intrapresa da Gesù avverso i Romani e gli stessi Ebrei corrotti loro complici) basandosi su questioni etniche o religiose.
Bisogna quindi riconoscere, obiettivamente, che la civiltà semita rappresenta comunque un punto di eccellenza, come anche altre civiltà del resto, nell’intera storia dell’umanità, anche se questo, dobbiamo ammetterlo, ai Cristiani e non solo a loro, infastidisce ancora un po’.
Certo oggi, alle porte del terzo millennio, le problematiche s’intrecciano. L’aspetto e gli interessi economici prevaricano ora più che mai su qualsiasi altro elemento caratterizzante le diverse civiltà e non si può certo affermare che il popolo e la nazione semita rimangano indenni da questi profondi mutamenti.
Ma la Shoà e ciò che essa rappresenta, non ha nulla a che fare né con alcun aspetto di civiltà né di sviluppo economico. Essa indica semplicemente come nell’essere umano sia purtroppo intimamente presente il seme dell’odio più spietato. Un seme che talvolta, di quando in quando, riesce a trovare terreno fertile per attecchire, germogliare e crescere prosperosamente.
L’angoscia cresce, però, quando ci si rende conto che ancora oggi, questo seme non è stato ancora del tutto annientato perché l’odio etnico o religioso, di qualsiasi etnia o religione si tratti, uccide tuttora più del cancro, dimostrando così che ancora nessuna civiltà, neanche quella considerata più progredita, evoluta e moderna, possa considerarsi realmente Civile, perché seppur non coinvolte direttamente (spesso solo in apparenza) anche queste civiltà risultano incapaci o impotenti nell’evitare o nell’interrompere questi drammi dell’umanità.
flavio_sulcis
Lettore Frequente
[Avatar]

Registrato: 15/10/2007 17:38:50
Messaggi: 1124
Offline

Uranio wrote:
Ieri sera ho rivisto “Schindler list” e, nuovamente, mi ha spaccato il cuore.
Consolo il mio spirito convincendomi che, essendo un film, non rappresenti del tutto la realtà di ciò che sia stato… ma forse mi sbaglio.
Non sono particolarmente amante degli Ebrei anche se riconosco che, nell’arco della relativamente breve storia dell’Homo Sapiens-Sapiens, la civiltà Semita ha dimostrato senza dubbio, anche più di altre culture considerate avanzate e moderne, una grande predisposizione verso un’equilibrata evoluzione, allo stesso tempo dello spirito e della ragione, del genere umano.
Vi è forse insita, nella loro cultura e nella loro religione, una certa propensione all’auto isolazionismo che spesso fa pensare ad una loro tendenza a porsi in condizioni di superiorità e forse, un po’ è così, ma si deve riconoscere che, pur essendo uno dei popoli più perseguitati della storia, non hanno mai polemizzato, avanzato pretese o scatenato guerre (se escludiamo quella iniziale intrapresa da Gesù avverso i Romani e gli stessi Ebrei corrotti loro complici) basandosi su questioni etniche o religiose.
Bisogna quindi riconoscere, obiettivamente, che la civiltà semita rappresenta comunque un punto di eccellenza, come anche altre civiltà del resto, nell’intera storia dell’umanità, anche se questo, dobbiamo ammetterlo, ai Cristiani e non solo a loro, infastidisce ancora un po’.
Certo oggi, alle porte del terzo millennio, le problematiche s’intrecciano. L’aspetto e gli interessi economici prevaricano ora più che mai su qualsiasi altro elemento caratterizzante le diverse civiltà e non si può certo affermare che il popolo e la nazione semita rimangano indenni da questi profondi mutamenti.
Ma la Shoà e ciò che essa rappresenta, non ha nulla a che fare né con alcun aspetto di civiltà né di sviluppo economico. Essa indica semplicemente come nell’essere umano sia purtroppo intimamente presente il seme dell’odio più spietato. Un seme che talvolta, di quando in quando, riesce a trovare terreno fertile per attecchire, germogliare e crescere prosperosamente.
L’angoscia cresce, però, quando ci si rende conto che ancora oggi, questo seme non è stato ancora del tutto annientato perché l’odio etnico o religioso, di qualsiasi etnia o religione si tratti, uccide tuttora più del cancro, dimostrando così che ancora nessuna civiltà, neanche quella considerata più progredita, evoluta e moderna, possa considerarsi realmente Civile, perché seppur non coinvolte direttamente (spesso solo in apparenza) anche queste civiltà risultano incapaci o impotenti nell’evitare o nell’interrompere questi drammi dell’umanità.
 


la settimana scorsa in'un comunicato della cominità europea si dicevano preocupati dell'enorme aumento del'antisemitismo.
pero basta gurdare quello che combinano questi signori nel mondo per capire l'aumento dell'odio verso gli ebrei
[Email] [Yahoo!]
Wild Coyote
Lettore Frequente
[Avatar]

Registrato: 26/06/2007 08:47:04
Messaggi: 1041
Ubicazione: davanti al PC
Offline

flavio_sulcis wrote:
la settimana scorsa in'un comunicato della cominità europea si dicevano preocupati dell'enorme aumento del'antisemitismo.
pero basta gurdare quello che combinano questi signori nel mondo per capire l'aumento dell'odio verso gli ebrei  

Forse qualcuno si dovrebbe preoccupare maggiormente per l'aumento dell'anti islamismo, se non fosse perchè in giro per il mondo di islamici che fanno casino ce ne sono un bel pò di più.
Gli ebrei (o gli israeliani meglio) se fanno casino lo fanno nei territori limitrofi al loro. E per motivi che niente hanno a che fare con il terrorismo.

Qualcuno, ripeto, si dovrebbe preoccupare maggiormente per l'odio contro i musulmani, ma io no di certo.
eveline
Onnipresente
[Avatar]

Registrato: 23/02/2007 19:22:38
Messaggi: 3698
Offline

<<Ieri sera ho rivisto “Schindler list” e, nuovamente, mi ha spaccato il cuore.
Consolo il mio spirito convincendomi che, essendo un film, non rappresenti del tutto la realtà di ciò che sia stato… ma forse mi sbaglio. >>

La storia e' vera,anche se naturalmente si e' dovuta strutturare una sceneggiatura.Oscar Schindler e' stato,per il suo gesto,nominato "giusto tra i giusti di Israele" come e' capitato tra gli altri anche all'italiano Mario Martella.

Anch'io ieri mi sono addolorata nel sentire le comuni testimonianze di gente scampata alla morte.Ho pensato agli orfani,ignari,della loro sorte sventurata.Una stretta al petto.Durante l'anno mi capita spesso di passare davanti alla sinagoga ebraica di Milano.Nel cortile antistante l'ingresso c'e' una targa con i nomi dei deportati uccisi.Mi fermo a rileggere,e mi chiedo se qualcuno ancora si ricorda.

Fonte:

http://www.unionesarda.it/forum/posts/list/3034.page

Pubblicato il 29/1/2008 alle 1.37 nella rubrica Geografia e Storia, Scienza, Attualità e Società.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web